Vaticano, rubata lettera di Michelangelo: un ex dipendente chiede 100mila euro

Chi ha messo a segno il colpo non poteva che conoscere molto bene i locali attigui alla basilica in cui sono conservati i documenti dell'edificio

Un furto dimenticato per anni. Tre, quattro, cinque anni o forse più, chissà. In Vaticano la storia affiora solo ora. Qualcuno, in un periodo ancora da precisare, ha pensato bene di fare sparire dagli archivi della basilica di San Pietro un oggetto singolare, unico, raro. Prezioso, più che per il suo valore commerciale, per la memoria storica della Città del Vaticano e dell'arte mondiale: la lettera olografa di Michelangelo Buonarroti, probabilmente l'unico esemplare conservato al di là del Tevere, che l'architetto e artista toscano scrisse interamente di suo pugno, dall'inizio alla fine. Una vera rarità, come sottlinea il Messaggero, per il patrimonio culturale del Vaticano e non solo, considerando che normalmente "Michelagnolo" apponeva la sua firma nervosa su testi che dettava ai suoi collaboratori.

Chi ha messo a segno il colpo non poteva che conoscere molto bene i locali attigui alla basilica in cui sono conservati i documenti dell'edificio, dal 1506 in poi, quando Papa Giulio II creò la Fabbrica per seguire le fasi di cantiere e poi per assicurare la manutenzione del nuovo edificio. Documenti di cantiere, lettere, pergamene, disegni dello stesso Buonarroti e di altri artisti, affreschi, testimonianze di Vasari e di Bramante. Il ladro apeva bene come muoversi, dove andare a cercare, come orientarsi. Non è facile. Pochi, infatti, possono avere l'accesso diretto, visto che gli archivi della Fabbrica non sono nemmeno consultabili al pubblico. Ora è scattata la caccia all'uomo. Ma dopo tutto questo tempo recuperare il manoscritto non sarà un'impresa facile. Intanto si sarebbe fatto vivo un ex dipendente che chiede un riscatto di 100 mila euro.

Commenti

Klotz1960

Dom, 08/03/2015 - 16:03

Basta non pagare, e' molto semplice. Sopravviveremo anche senza la lettera.

BiBi39

Ven, 24/04/2015 - 02:09

No non sarebbe corretto. Invece si approva in tre giorni una eccezione alla legge antitortura.Poi lo si prende al momento del pagamento del rizcatto,e gli si spiega (nuova legge) che per ogni giorno che passa senza indicare dov'e' la lettera gli scatta in anno di galera.oltre ai venti anni fissi ( senza attenuanti ,sconti a nessun titolo permessi per buona condotta ecc.) per estorsione. Insomma prezzi fissi e garantiti che ci vorrebbero per molti reati.