Mondadori festeggia i 110 anni con un'opera luminosa a Segrate

Si tratta di un intervento su un edificio iconico dell'architettura contemporanea con il quale il gruppo vuole celebrare 110 anni di storia. Grazie all'opera permanente di Nanni, Palazzo Mondadori verrà svelato attraverso una nuova luce

Con un'opera luminosa permanente, firmata da Mario Nanni, il gruppo Mondadori promuove il restauro artistico di Palazzo Mondadori, opera di Oscar Niemeyer. Questa sera, solstizio d'estate, l'inaugurazione alla quale sono invitati dipendenti e collaboratori del gruppo "come segno di attenzione verso chi in questo palazzo passa tante ore della propria vita professionale" ha detto Ernesto Mauro, ad del gruppo editoriale di Segrate. Si tratta di un intervento su un edificio iconico dell'architettura contemporanea con il quale il gruppo vuole celebrare 110 anni di storia. Grazie all'opera permanente di Nanni, Palazzo Mondadori verrà svelato attraverso una nuova luce. Ai ventitré pilastri della facciata corrisponderanno altrettanti minuti, più uno, il ventiquattresimo elemento verticale che completa la ritmica composizione dell'edificio. La meridiana di luce accarezzerà l'edificio come la pagina di un libro. Il dialogo tra architettura, luce, acqua e fuoco durerà complessivamente trenta minuti: ventiquattro minuti seguiti da sei di pausa durante i quali luce rimarrà accesa per valorizzare l'architettura nella sua interezza, nella magia della notte."In questi anni il Gruppo Mondadori è mutato, approdando a una nuova solidità e prospettiva focalizzandosi sui suoi 'fondamentalì, le attività legate ai libri e ai magazine, tradizionali e in digitale. E mi piace vedere in questa capacità di innovare, senza dimenticare le proprie radici, una analogia con l'edificio che Niemeyer ha progettato per la Mondadori - sottolinea Maur - e che ogni giorno stupisce per la sua modernità visionaria, fatta di solidi elementi architettonici tradizionali in armonia con forme di straordinaria creatività: un'architettura che si offre sempre nuova al nostro sguardo; al tempo stesso storia e, con questo nuovo intervento, sempre più futuro".

Il nuovo progetto della luce di Palazzo Mondadori andrà in scena questa sera dopo il tramonto con la poesia di luce intitolata 'Sospeso, leggero ma non troppò. L'evento sarà trasmesso questa sera anche in diretta sulla pagina Facebook del Gruppo Mondadori. "Confrontarsi con un palazzo monumentale, fatto di materia imponente e con preesistenza storica prevede necessariamente studio, rispetto e ascolto del luogo. Un intervento sincretico di altissimo valore simbolico che, componendo polisticamente architettura e paesaggio, fasi solari e cronobiologia, si confronta con le infinite regole della luce naturale attraverso una scenografia che genera luce e ombra, celebrando la bellezza del complesso anche dopo il tramonto, rendendola eterna", ha dichiarato Nanni."La scelta del solstizio d'estate per inaugurare il mio lavoro di luce è perché si tratta di una notte speciale - ha aggiunto Nanni - la notte più corta dell'anno nella quale si entra nel segno del Cancro, la cui costellazione, durante la presentazione del progetto, diventerà un grande fuoco che rischiarerà la notte, con un'immagine del Palazzo unica e irripetibile". Il 110mo anniversario della Mondadori e la realizzazione dell'intervento di restauro artistico dell'illuminazione di Palazzo Mondadori sono stati anche l'occasione per presentare - attraverso le parole del professore Francesco Dal Co, direttore di Casabella - la nuova edizione del libro Oscar Niemeyer. Il Palazzo Mondadori, di Roberto Dulio (Electa).

Commenti

giovinap

Gio, 22/06/2017 - 08:42

l'architetto non è fuksas ? renzi tirerà le orecchie a berlusconi che non ha usato l'architetto di regime rosso .