NELLE VISCERE DELLA GRANDE GUERRAUna serie di e-book che restituiscono al lettore i titoli dimenticati della letteratura di trincea

Una feroce Guerra mondiale. La prima imprevista tempesta d'acciaio che scosse il Novecento. E, persino col senno del secolo trascorso, resta difficile capire come politici e generali trascinarono l'Europa in uno scontro senza via d'uscita. Uno scontro che fu totale e destabilizzante, tale da portare, inevitabilmente, alla nascita dei totalitarismi. Per analizzare quegli eventi complessi, il modo migliore è tornare alle origini, ai documenti dell'epoca. Uno strumento utile di ricostruzione lo fornisce Storia in Network (nota rivista di storia online) che assieme all'editore Booksystem sta per ripubblicare in formato e-book (in vendita su Amazon Kindle Store) una serie di volumi ormai introvabili. Tra i primi titoli si conta La Strafexpedition. L'offensiva austriaca nel Trentino del generale Pompilio Schiarini (1855-1935) che di quella vicenda fu testimone. Il testo pubblicato nel 1928 dalla biblioteca del Littorio era ormai introvabile. Più noto La guerra europea. Memorie della mia vita di Giovanni Giolitti. E poi anche il crudissimo Il fuoco del giornalista francese Henri Barbousse che, scritto nel 1916, racconta da un punto di vista pacifista l'orrore delle trincee. A breve arriveranno anche: le Memorie di guerra di Padre Giovanni Semeria, cappellano militare e influente consigliere di Luigi Cadorna; Uomini in guerra, il romanzo antimilitarista di Andreas Latzko; Fame usurpate, saggio di Alberto Lumbroso che mette in discussione l'operato del capo di Stato Maggiore francese Joffre.