"Nutrire il pianeta di libertà" presentato a Roma

Nel mondo c'è un'emergenza di cui si parla troppo poco: la grande la fame di libertà e di rispetto dei diritti umani. Un libro di Società Libera (ed. Rubbettino) analizza il problema sotto molteplici aspetti

Nel mondo c'è un'emergenza di cui si parla troppo poco: la grande la fame di libertà e di rispetto dei diritti umani. Trovare delle risposte a questa esigenza è indispensabile se si vuole incidere concretamente sull’esistenza di miliardi di persone e soddisfare i bisogni e i sogni di individui e popoli. La privazione di libertà, con diversa intensità e a vari livelli, coinvolge un terzo dell’umanità.

La complessa e drammatica situazione geopolitica, le condizioni esistenziali ed economiche di vaste aree del mondo necessitano di analisi e riflessioni in grado di superare il dilagare di demagogiche impostazioni e superficiali considerazioni. A tale scopo l'associazione culturale "Società Libera" ha pubblicato un libro ("Nutrire il pianeta di libertà", ed. Rubbettino) che raccoglie i saggi di: Andrea Bitetto, Edoardo Boncinelli, Luigi Caramiello, Tommaso Edoardo Frosini, Giovanni Giorgini, Luca Guzzardi, Marco Marchese, Vincenzo Olita, Marco Antonio Patriarca, Marco Ponti, Marco Romano, Alfonso Ruffo, Orlando Sacchelli, Pascal Salin, Ernesto U. Savona, Lorenzo Strik Lievers.

Il volume viene presentato a Roma martedì 14 giugno (ore 17,30) ai Musei Capitolini Sala Pietro da Cortona (P.zza del Campidoglio, 1).

Introduce e coordina i lavori Carla Raineri, magistrato, responsabile della segreteria tecnica del Commissario straordinario Francesco Paolo Tronca. A discutere del libro Luigi Compagna (Commissione affari esteri Senato), Angelo Maria Petroni (segretario generale Aspen Institute), Vincenzo Olita (presidente Società Libera).