Spagna, restaura un dipinto e sfigura Cristo del XIX secolo

Una signora ha ridipinto senza permesso un affresco e lo ha rovinato. Lei si difende: "Il sacerdote sapeva"

L'affresco originale, da restaurare e "restaurato"

Non sempre il restauro riporta le opere allo stato originale. Anzi, certe volte può peggiorare le cose. Irreparabilmente. È quanto è successo al dipinto di Elìas Garcìa Martìnez, che si trova sul muro del Santuario della Misericodia di Borja in Spagna. L'affresco risale al XIX secolo e si intitola "Ecce homo". Raffigura il Cristo durante la Passione, con la corona di spine sul capo.

O meglio raffigurava. Un'anziana signora, infatti, ha deciso di restaurarlo, con un risultato che lascia alquanto a desiderare. "Il sarcerdote della chiesa lo sapeva. L’ho fatto solo perchè me lo ha domandato lui, altrimenti non lo avrei mai fatto", si difende ora la donna, "Tutti quelli che entravano nella Chiesa mi hanno visto dipingere, non ho fatto nulla per nascondermi". Ora un'équipe di (veri) restauratori cercherà di recuperare l'opera.

Commenti
Ritratto di illuso

illuso

Gio, 23/08/2012 - 18:21

Robe da matti, che sia lo spread che da alla testa?

gibuizza

Gio, 23/08/2012 - 19:00

Alla pazzia non c'è limite! L'avesse fatto un bambino il risultato sarebbe stato sicuramente migliore.

Ritratto di depil

depil

Gio, 23/08/2012 - 19:13

amputazione delle mani al sacerdote e al folle "artista".

blackbird

Gio, 23/08/2012 - 19:40

I pasticci si fanno anche in Spagna, non solo in Italia, quindi.

arkangel72

Gio, 23/08/2012 - 20:32

Ho fatto una tesi di laurea sui pessimi risultati di certi restauri e credetemi ho trovato tantissimo materiale, specialmente in Italia. Architetture di interni ed esterni, affreschi, stucchi, dipinti, statue di marmo e di legno, tutti accomunati dalla mancanza di cura e di attenzione verso le regole più elementari della statica, della chimica e della fisica, che certi "restauratori" hanno purtroppo mostrato, con conseguenza perdita o compromissione di capolavori dell'arte italiana realizzati da autori poco noti, ma non per questo meritevoli di certi trattamenti.

Nadia Vouch

Gio, 23/08/2012 - 23:29

Risultato assurdo. Impossibile che nessuno l'abbia notato "strada facendo". Spero che i restauratori possano recuperare l'opera, perché è talmente spennellata a caso e di fresco e con prodotti cui si può risalire, da far capire che è stato combinato. Spero la signora non abbia usato solventi strani, altrimenti è abbastanza disastroso. Tuttavia, provo una sorta di tenerezza per questa improvvisata "pittrice". Evidentemente, la trascuratezza e l'abbandono verso le opere d'arte, non sono un problema solo italiano.

Nadia Vouch

Gio, 23/08/2012 - 23:35

P.S. Aggiungo questo commento al precedente solo per farvi "ridere". Almeno, a distanza di tempo si può. In un'abitazione con molte opere d'arte, la donna di servizio un giorno, vedendo un quadro particolarmente a suo parere spento (in realtà era dipinto con quei toni), decise di pulirlo con il vetril. Giuro! Un disastro. Non si potè manco arrabbiarsi più di tanto con lei, perché era convinta di aver agito in modo...professionale!

eras

Ven, 24/08/2012 - 00:05

Siamo sicuri che questo invece di un restauro grossolano non fosse un tentativo di sfregio ?

precisino54

Ven, 24/08/2012 - 09:00

“Non sempre il restauro riporta le opere allo stato originale”, stiamo scherzando? Fosse stato di altra epoca “l’ecce homo” immagino il chiasso. Il problema sta tutto nel passaggio in cui la signora dichiara: “Tutti quelli che entravano nella Chiesa mi hanno visto dipingere”, chiaro? Dipingere appunto, non restaurare! Ci sarebbe poi da discutere sull’affermazione: “il sacerdote sapeva”, siamo per caso arrivati a sacerdoti che oltre a far politica sanno di restauro? Il risultato dell’intervento è certamente indegno, non come restauro, ma anche come semplice dipinto: brutto e fatto male, senza nulla che possa ricordare il pathos che traspare dall’originale. Uno sgorbio che è solo un insulto all’autore.

Wolf

Ven, 24/08/2012 - 09:25

siamo alla pazzia totale...

Pat2008

Ven, 24/08/2012 - 10:08

Ma chi era la signora, la moglie di Mr. Bean?

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Ven, 24/08/2012 - 10:12

Secondo me il risultato finale è molto interessante. Scommetto che l'opera sarà presa di mira dai collezionisti del settore. D'altra parte, è un'opera unica nel suo genere...

Giorgio Rubiu

Ven, 24/08/2012 - 10:21

Non so se il dipinto possa essere recuperato ma ne dubito moltissimo.La signora in questione andrebbe flagellata, ricoperto il capo con una corona di spine ed esposta al pubblico ludibrio. Poi che si faccia avanti un vero pittore e ne faccia un ritratto da esporre come "Ecce donna".

teoneo

Ven, 24/08/2012 - 10:38

L'avesse fatto sull'immagine di Maometto la signora sarebbe stata ristrutturata lei da una equipe di lanciatori di pietre.

precisino54

Ven, 24/08/2012 - 11:01

X -teoneo- infatti! Alla faccia dell’integrazione e del multiculturalismo. Ecco il motivo per cui nella cultura islamica sono vietate tutte le raffigurazioni della divinità, per evitare simili scempi, in questo possiamo capire certi diktat.

minestrone

Ven, 24/08/2012 - 15:39

Ma che dite?L'arte va capita la signora era Allieva di modigliani. Ha sbagliato un po a disegnare il collo per il resto ci siamo. :)