Le donne? Purtroppo si sposano

Però non vale. Era una serie comica. Raccontava come può essere spietata la vita a New York per donne single di trenta/quarant’anni. Facevano battute fulminanti su sesso, orgasmi, prestazioni di partner fedifraghi e bastardi. C’erano i locali trendy, la moda, tutte le nevrosi della città più nevrotica, i cocktail, Cosmopolitan a fiumi. Carrie, Samantha, Charlotte e Miranda potevano uccidere per un paio di sandali di Manolo... Erano piene di rabbia e cinismo verso gli uomini, erano spregiudicate, Samantha cambiava partner a ogni episodio, cercavano l’amore e non lo trovavano. E adesso?
Adesso purtroppo l’amore l’hanno trovato. E si sposano pure. E mettono al mondo pargoli (in alternativa li adottano). Prima si rideva amaro, ora si ride ancora (battute strepitose ce ne sono, non vi preoccupate), ma si ride melenso.
Chi si chiedeva che fine avrebbero fatto Carrie e Mister Big dopo dieci anni di tira e molla e taxi che scompaiono a notte fonda per le strade bagnate di Upper East Side, lo scoprirà presto. Lui diventa buonissimo, continua a ripetere alla dolce metà «Io voglio te», accoglie senza una piega il ghigno satanico con cui l’agente immobiliare spara la cifra per l’attico sulla Quinta, si inginocchia con scarpina diamantata in stile Cenerentola per chiedere la diletta in sposa. Frasi clou: «Eravamo felicissimi prima di decidere di vivere felici e contenti». «Il ruolo della damigella d’onore è come il botox: doloroso e non necessario».
E dov’è finita Charlotte? Anche lei amorevolmente accompagnata. Marito perfetto, gentile e premuroso: hanno adottato una cinesina e come sempre quando non te lo aspetti più, ecco la notizia bomba: è incinta. Erano sei serie tv che cercava il principe azzurro, ma questo è davvero troppo azzurro.
E che dire di Miranda? La rossa e agguerrita avvocatessa ha fatto il nido, ora ha un marito e un figlioletto pel di carota, è donna lavoratrice e quindi molto stressata. Talmente stressata che per lei il sesso diventa un problema se dura troppo a lungo e quando lui vuole cambiare posizione a lei scappa la infelice uscita: «Dai facciamola finita». Se l’altro la tradisce («una volta, una soltanto», di chi è la colpa? Ma anche qui dopo la tempesta torna il sereno e la melassa cola a litri.
Anche la new entry, Louise, l’assistente di Carrie (che si presenta al primo appuntamento con borsa di Louis Vuitton in affitto) trova l’anima gemella e tornerà al suo paese per sposarsi.
Samantha rimane l’unica a dare qualche soddisfazione, la sola a non tradire il personaggio. Ha sconfitto il cancro e se la spassa con il suo maschione. Ma non ce la fa a rimanere fedele e si ingozza di cibo per resistere alla tentazione. Tornerà single e infedele.
E meno male. Perché di fronte a tutte queste crinoline, abiti da sposa, nursery, pentimenti, scuse, non lo farò più e ti amerò per sempre, lo zucchero è finito. In fondo non hanno avuto tanto successo perché erano single e perdenti?