Doppio colpo a Genova: certificazione Rina e premio "Barca dell'anno" al 45'

Azimut-Benetti primo gruppo nella nautica di lusso a conseguire la certificazione &quot;Sgsl&quot; (Sistema di gestione per la salute e la sicurezza dei luoghi di Lavoro). E al Salone di Genova Azimut 45' vince il premio &quot;Barca dell’anno 2011&quot; della rivista <em>Vela e Motore</em>

Azimut-Benetti è il primo gruppo nella nautica di lusso ad aver conseguito la certificazione «Sgsl» (Sistema di Gestione per la Salute e la Sicurezza dei Luoghi di Lavoro). Che, non essendo un obbligo di legge, premia un’azienda da tempo impegnata sul fronte sicurezza nei propri cantieri e proiettata su soluzioni organizzative tipiche dei settori industriali più moderni e avanzati. Non solo: il gruppo di Paolo Vitelli ha fatto formazione a oltre 800 aziende appaltatrici, impegnate nella costruzione di imbarcazioni e prevalentemente ubicate nell’area dei cantieri Benetti di Viareggio, in modo che anche queste assumessero le corrette procedure di sicurezza e si creasse così un polo di eccellenza in questo ambito. Gli infortuni sul lavoro costano al Paese circa 45 miliardi di euro l’anno (fonte Inail), mentre la gestione delle malattie professionali pesa per circa 7 miliardi. A queste cifre vanno sommati altri 15.4 miliardi di euro l’anno, che sono i costi diretti delle aziende in termini di perdita di produzione. Intanto dal Salone di Genova arriva un altro prestigioso riconoscimento: «Azimut 45’» ha vinto il premio «Barca dell’anno 2011» conferito dalla rivista «Vela e Motore». Il riconoscimento è stato consegnato nel corso di una serata di gala. Il premio, istituito 10 anni fa, è destinato ai protagonisti di ogni stagione nautica. «Azimut 45’» si è distinto per funzionalità e creatività progettuale: la modularità del flybridge, l’offerta delle versioni a 2 o 3 cabine, la cucina fino a 3,2 metri lineari e una cabina vip a centro barca, che per le sue dimensioni è stata definita una seconda master.