Ecco i Pooh con tanta voglia di beat

Quaranta canzoni in due ore di concerto tra vecchi successi e cover d’autore

Quaranta canzoni in due ore e mezzo di concerto. È il «Beat ReGeneration tour» dei Pooh, che stasera fa tappa al Palalottomatica. La storica band, che durante lo spettacolo riceverà il «Premio alla creatività» Siae, torna a esibirsi dal vivo per proporre i brani del nuovo album, pubblicato all’inizio di febbraio. Un disco dedicato al beat italiano degli anni ’60, in cui Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Stefano D’Orazio e Red Canzian rivisitano a modo loro 12 canzoni. Pugni chiusi dei Ribelli, Che colpa abbiamo noi dei Rokes, Un ragazzo di strada dei Corvi, Eppur mi son scordato di te portata al successo dalla Formula 3, 29 settembre cantata dall’Equipe 84, Per vivere insieme de I Quelli, Gioco di Bimba de Le Orme e altri brani che hanno fatto la storia del rock italiano.
«Sarà il tour delle emozioni - affermano i Pooh - perché ognuno di noi, passando attraverso le note de La casa del sole o di altri brani che hanno “provocato” anche i nostri inizi, non potrà non ripensare a quando tutto era ancora un sogno e l’unica certezza era dentro di noi: quella sarebbe stata la nostra vita. Ed emozione rincorrerà emozione, nel nostro caso, perché dopo aver attraversato la storia degli altri passeremo ai nostri brani».
Beat ReGeneration è un disco anomalo per i Pooh, che in oltre 40 anni di carriera non avevano mai inciso un intero album di cover. L’intento è rivalutare quel periodo storico della musica italiana, per farlo apprezzare anche alle nuove generazioni. La band ha lavorato al progetto per un anno e mezzo, dedicando molto tempo a riascoltare le canzoni dell’epoca, per selezionare quelle da «rigenerare». Attraverso arrangiamenti personalizzati e moderni, i Pooh hanno riportato in auge complessi che hanno scritto pagine fondamentali della storia del beat italiano. Ed evidentemente l’operazione ha incuriosito il pubblico, che ha permesso a Beat ReGeneration di conquistare il disco di platino già in prevendita. Tra le varie iniziative legate al tour, una riguarda gli striscioni dei fan. I Pooh invitano tutti a inviare le immagini al sito internet ufficiale: i più originali verranno pubblicati on line. Oltre ai brani del nuovo album ci sarà spazio per i classici: da Piccola Katy a Pensiero, passando per Tanta voglia di lei, Uomini soli e Noi due nel mondo e nell’anima. Gran finale con Chi fermerà la musica. Quarantadue anni sui palchi di tutto il mondo e non sentirli.