Ecco tutte le novità sulle Olimpiadi di Tokyo

TOKYO, 18 gennaio 2040. Un Paese, un atleta. Le prossime Olimpiadi giapponesi offriranno al mondo uno spettacolo mai visto. I rappresentanti delle trenta nazioni qualificatesi, infatti, saranno impegnati per un mese, 24 ore su 24, in dieci discipline: 100 metri piani, salto in alto, lancio del peso, 100 metri stile libero, igiene personale, alimentazione, ricchezza, tiro al nemico, sonno e pensiero.
Le sfide di atletica leggera e nuoto si svolgeranno sempre nella mattinata mentre le altre sei, le più impegnative, si terranno dalle ore 15 alle 2 di notte. Igiene personale e alimentazione, prove brevi (30 minuti l’una) ma molto delicate (chi le fallisce viene squalificato per 24 ore), introdurranno al clou del programma (e al picco degli ascolti televisivi). La prova di ricchezza consiste nel procurarsi i soldi per il cibo senza uscire dal villaggio olimpico. Nel tiro al nemico si tenta di colpire con pallottole soporifere gli altri concorrenti onde avvantaggiarsene in classifica. Sonno e pensiero (in programma sempre dalla mezzanotte alle 2) sono le uniche prove nelle quali vengono concesse «alleanze» fra gli atleti. Quanto ai giudici, quelli delle ultime sei discipline agiranno in incognito nel villaggio olimpico di Tokyo, mischiandosi agli inservienti. Le loro valutazioni sono insindacabili. Soltanto per le prove del sonno e del pensiero avranno l’ausilio di un’elettroencefalografia ogni 24 ore.
I punteggi? In ogni prova 1 al peggiore e 30 al migliore.