Elezioni in Australia, esito incerto Rischio di "parlamento appeso"

Nessuno dei maggiori partiti ha la maggioranza (76 seggi): in testa i conservatori (71), poi i laburisti con 69, 1 ai verdi e 4 agli indipendenti

Sidney - Dopo le elezioni federali di oggi, l’Australia è ormai diretta ad un periodo di incertezza con un parlamento "appeso", come è avvenuto in Gran Bretagna, senza che nessuno dei maggiori partiti raggiunga la maggioranza (76 seggi) per governare da solo. Sono le previsioni condivise dal ministro degli esteri Stephen Smith, laburista, e dal conservatore Nick Minchin, uno degli strateghi del partito, intervistati dalla Tv nazionale Abc. Nell’elezione più incerta in più di 50 anni, con il 72% delle schede scrutinate, i laburisti, finora al governo con 88 seggi, ne hanno conseguiti 69 nella Camera di 150 deputati eletta con il maggioritario, i conservatori 71, i verdi un seggio, gli indipendenti 4. Restano incerti 5 seggi. Per i verdi si confermano le previsioni di un ruolo di ago della bilancia in Senato, eletto con il proporzionale, che consentirà loro di condizionare la politica di un governo di minoranza, o di essere chiamati in coalizione.