Estate con la Festa della musica Vanno in scena i giovani talenti

Matteo Failla

«Abbiamo trasformato un evento di tradizione europea come la “Festa della musica” in un appuntamento cittadino che ha amplificato con successo la partecipazione e l’interesse dei giovani milanesi, permettendoci di far emergere talenti e di ascoltare le nuove realtà musicali che crescono all’ombra della Madonnina».
E’ con queste parole che Aldo Brandirali, assessore allo Sport e ai Giovani del Comune di Milano, presenta la rassegna «Milano in musica», che dall’8 all’11 luglio arricchirà la scena musicale metropolitana con spettacoli, concerti, incontri e dibattiti.
Ideata dall’associazione culturale Milano in Musica, con il patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia, «Milano in musica» si propone come «dono estivo» da parte di una città che ha deciso di offrire le proprie piazze e i palchi degli storici locali di musica live a quei giovani di talento che contribuiscono a creare il tessuto artistico della città.
«Tutti gli eventi saranno completamente gratuiti – aggiunge Brandirali -, perché è nel nostro interesse permettere a chiunque di partecipare. Il nostro sforzo è rivolto anche a quei giovani che durante l’anno evitano di recarsi ai concerti perché i prezzi dei biglietti sono troppo alti». E i grandi nomi che saltano subito all’occhio non tradiscono le aspettative: Alberto Fortis e Omar Pedrini. Sarà proprio il cantante leader dei Timoria a dare il via alla rassegna, incontrando in anteprima il pubblico (appuntamento domani pomeriggio alle 18) presso il Mondadori Multicenter di via Marghera, che nei giorni della manifestazione ospiterà anche una mostra fotografica sui 25 anni di vita dello storico locale «Le Scimmie».
Il giorno successivo sarà invece Alberto Fortis a incontrare i milanesi nello stesso spazio del Multicenter: «Questa manifestazione è una grande occasione – afferma Fortis – per riproporre Milano come “capitale europea della musica”. Il capoluogo lombardo è in un periodo di rinascita musicale. Dopo diversi anni di inspiegabile oblio, si sta riprendendo il ruolo che le spetta: la Notte Bianca ne è stato un esempio. Questo è il nostro giro di boa, è giunto il momento di capire che non siamo inferiori ai talenti anglosassoni, abbiamo solo una struttura organizzativa che ci penalizza. Approfittiamo di queste occasioni per ricominciare: i tanti talenti in grado di farlo non ci mancano».
Ed ecco che le giovani promesse saliranno sul palco di piazza Beltrami (Castello Sforzesco) a partire da venerdì sera - presentati dal leader degli Audiorama, Max Felsani – in un concerto che renderà omaggio a uno dei simboli di Milano: il «Papà ribelle» Adriano Celentano. Sabato 9 luglio e domenica 10 la ribalta del Castello Sforzesco vedrà alternarsi decine di promettenti band del panorama pop e rock, fra le quali gli Audiorama (in rotazione su Mtv). E se il palco di via Beltrami ospiterà 40 artisti, tra emergenti e più famosi, alcuni fra i più noti live club della città (Scimmie, Dynamo, Pow Wow, Goganga e Nibada Theatre) organizzeranno serate a tema con diverse proposte musicali.
Nell’ambito degli incontri, da sottolineare quello con Luca Toccaceli alla Fnac, che venerdì 8 luglio presenterà il Laboratorio Musicale dell’Università di Milano Bicocca “Milano cantata: musica di una metropoli”, un percorso di cent’anni di musica milanese. In chiusura di rassegna, lunedì 11, il palco dello Sforzesco ospiterà un Dj set al femminile con il gruppo di Sweet & Charme e Five Stars.