Dall'Irak all'Ucraina, quanti errori dell'Occidente

Appoggio a rivolte ambigue. E pure il Papa benedice chi tradisce i nostri valori

Proprio mentre l'Ucraina precipita nella guerra civile con assalti e occupazioni di edifici pubblici da parte dei manifestanti pro-Unione Europea e contro la Russia di Putin, è arrivata puntuale la preghiera di Papa Francesco invitando a evitare «ogni ricorso a azioni violente» e auspicando «un dialogo costruttivo tra le istituzioni e la società civile». Ebbene com'è possibile che, da un lato, l'Eurocrazia trasforma stati ricchi in popolazioni povere e crescono con progressione impressionante la denuncia dell'euro e la disaffezione nei confronti dell'Unione Europea da parte di chi è stato ridotto in povertà, dall'altro il Papa sostiene implicitamente i promotori di questa vera e propria terza guerra mondiale di natura finanziaria? Possibile che il Papa dei poveri si schiera con i poteri forti?

Il caso dell'Ucraina è emblematico perché non bisogna essere dei fini politologi per nutrire dubbi sulla spontaneità della rivolta in un momento in cui aderire all'Ue è un volersi male. Così come l'esplosione della guerra civile in Ucraina consolida un quadro terrificante realizzato nel nome della democrazia e dei diritti dell'uomo. Nel nome della democrazia l'Occidente ha scatenato guerre militari in Afghanistan, Iraq, Yemen, Libia e Siria distruggendoli come stati nazionali. Nel nome della democrazia l'Occidente ha scatenato guerre intestine in Tunisia, Bahrain, Territori palestinesi e Egitto, destabilizzando i Governi nazionali e mettendo a repentaglio l'ordine pubblico con un pesante bilancio di vittime e danni, a beneficio degli estremisti islamici. Un giorno un Tribunale della Storia condannerà l'Occidente per questi crimini contro l'umanità. A nessuno di noi piacevano Saddam, Gheddafi, Ben Ali e Mubarak, ma non possiamo non prendere atto che le guerre scatenate nel nome della democrazia e dei diritti dell'uomo hanno distrutto degli Stati che comunque garantivano un livello accettabile di sussistenza, riducendo in povertà le popolazioni e consegnandole alla follia sanguinaria dei terroristi islamici. I morti che in queste ore si contano in Egitto nella ricorrenza del terzo anniversario della deposizione di Mubarak non ci sarebbero stati se l'Occidente non avesse voluto e sostenuto la menzogna mediatica della «Primavera araba».

La verità è che l'Occidente impartisce a suon di guerre la democrazia ai più deboli, mentre con i più forti fa prevalere l'interesse economico e la ragion di Stato, come è il caso della Cina. La resa al regime capital-comunista cinese a un passo dall'affermarsi come prima potenza economica mondiale, si è tradotto di fatto nella morte della democrazia e dei diritti dell'uomo a livello globale.

Ormai non ci facciamo caso allo svilimento della democrazia e al tradimento dei diritti dell'uomo. Il nostro Governo si è battuto per far rientrare in Italia Alma Salabaeva e la figlia Alua, moglie di Mukhtar Ablyazov, imprenditore e politico kazako, condannato e arrestato per aver truffato miliardi di dollari alla Bta Bank. Ma abbiamo rispedito in India i nostri due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, per non compromettere la vendita di 12 elicotteri Agusta della Finmeccanica (comunque non andata a buon fine), nonostante le nostre leggi vietino di consegnare indagati o condannati a uno Stato in cui vige la pena di morte.

L'Occidente si comporta come le organizzazioni mondiali per i diritti dell'uomo, ideologicamente di sinistra, globaliste, multiculturaliste e relativiste, pregiudizialmente contro gli Stati e a favore di chi lo contesta, a prescindere dai contenuti e dalle prospettive. La prova che possiamo toccare con mano sono la Boldrini e la Kyenge, che prediligono gli immigrati agli italiani. La democrazia e i diritti dell'uomo hanno fatto la fine della colomba liberata ieri dal Papa all'Angelus dalla finestra di San Pietro, aggredita da un corvo e divorata da un gabbiano. Siamo noi occidentali ad aver dato in pasto la democrazia e i diritti dell'uomo al colonialismo economico cinese e all'invasione islamica, al punto da concepire positivamente la dittatura finanziaria ed europeista.

Commenti
Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Lun, 27/01/2014 - 08:55

Sottoscrivo tutto. Aggiungo solo una piccola notazione: in questo atteggiamento dei politicamente corretti democratici occidentali c'e' molto di cio' che dicono di voler combattere: RAZZISMO.

APG

Lun, 27/01/2014 - 09:03

E' un gesuita, è tutto detto!

Mariya

Lun, 27/01/2014 - 09:19

Caro giornalista, Lei non é un giornalista indipendente, fa finta di spiegare la geopolitica invece sta solo facendo la propaganda proparte. Sono stanca del fatto che gli italiani ci considerano come la proprietà del Putin! La società ucraina sta sperando che qualcuno abbi un interesse di sostenerci nella rivolta contro il governo dittatoriale che ha derubato lo Stato ( i soldi rubati detiene nelle banche europee) e che utilizza i gruppi dei delinquenti per picchiare i manifestanti pacifici. Ma oltre alle parole nessuno fa niente! Da due mesi chiediamo di fare le sanzioni contro i rappresentanti del governo, ma niente! E Lei sta sostenendo che ci aiutano, vergogna! Siete venduti al Putin! E si, paga bene e poi il fatto del gas, questi vostri valori! Che tristezza!

CALISESI MAURO

Lun, 27/01/2014 - 09:31

Magdi ha ragione, Come Cristo nel tempio rovescio i tavoli e caccio i commercianti cosi la Chiesa dovrebbe opporsi totalmente a questo ordine mondiale che alla fine la distruggera'. Non penso che questo Papa sia all'altezza di questo, PURTROPPO.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 27/01/2014 - 09:43

Siamo all'epilogo di decenni di storia che hanno ridotto l'occidente ad un gregge acefalo. Occidente prossimo al decesso: storia di un omicidio premeditato. Metafora esplicita, quella della colomba, del corvo e del gabbiano.

Angel59

Lun, 27/01/2014 - 09:57

Caro Magdi, per comprendere le tue grida occorre essere delle persone intellettualmente libere e non è il nostro caso, siamo stati addomesticati e plagiati e soprattutto non vogliamo uscire da questa situazione. Stiamo cuocendo in una pentola a pressione con la valvola di sicurezza malfunzionante e quindi aspettiamoci una probabile esplosione. Il papa è stato formato dai gesuiti e non mi stupisce affatto il suo atteggiamento e ancora nelle mie orecchie rimbomba il "vergogna" gridato a Lampedusa al vento, senza spiegare a chi fosse rivolto! A quel "vergogna fece da controcanto, baritonando, matusalemme del colle e di seguito tutto il coro politico...il popolo cosa fa? Continua ad interessarsi quasi esclusivamnete del calcio e di altre amenità simili, delegando le sorti del suo presente e del suo futuro ad amministratori malavitosi e senza scrupoli. In Francia si sta preparando una nuova rivoluzione e noi come al solito stiamo a guardare aspettando inermi un novello Napoleone che strazierà per la seconda volta la nostra bella nazione! Prepariamoci ad affrontare un periodo piuttosto lungo di sventura, il nostro futuro è ad un bivio le cui vie non portano a mete felici ma a baratri e la colpa dobbiamo darla soltanto a noi stessi che abbiamo fatto della compagine politica squadre di calcio con annessa tifoseria a prescindere. Caro Magdi la tua voce è quella di uno che grida nel deserto dove ad ascoltarla c'è solo il vento, comunque non stancarti di gridare, prima o poi qualcosa entrerà anche nelle orecchie più intasate di cerume.

pgbassan

Lun, 27/01/2014 - 10:20

Ineccepibile ogni parola, purtroppo. E penso quanto vorrebbe Magdi non fosse così, poter scrivere l'esatto contrario. Occidente ventre molle. Troppi si interessano solo del proprio orticello, pensano a divertirsi, ubriacarsi di tante cose futili, si destano solo quando viene calpestato loro i piedi e poi disinteresse, qualunquisti, il "volemose bene", fasullo. E poi c'è una buona, si fa per dire, parte di italiani ideologicizzati dove prevale l'odio, al punto di essere masochisti e contro se e l'Italia. Grande, Magdi Cristiano Allam: un po' di sacro fuoco riuscirai alla fine a comunicarlo anche a tanti italiani tiepidi e senza identità.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 27/01/2014 - 10:25

Il regno finanziario che schiaccia l'Occidente sta crollando e vuole trascinare il resto del mondo nell'unica via d'uscita possibile per esso: la guerra mondiale.

Noidi

Lun, 27/01/2014 - 10:32

Caro Sig. Allam Lei cosa ne sa del cristianeismo e della parola di Cristo. Lei fino a ieri si igninocchiava per pregare Allah, ed ora fa tanto il santo ed il puro. Faccia un favore, si immoli per il Suo credo e smetta di mettere zizzania tra i popoli solo perchè Lei è un frustrato e cerca assolutamente un pò di visibilità. Dimenticavo, quando si immola si porti dietro anche la Sua famiglia, non vorrei mai che una stirpe di sterco come la Sua possa proseguire con tanto veleno in corpo. Se vuole Le posso fornire io un paio di idee su come immolarsi.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 27/01/2014 - 10:35

Pienamente d'accordo!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 27/01/2014 - 10:42

@Angel59,wilfredoc47,battiamoci per un'alternativa alla PARITOCRAZIA attuale,che non si oppone,a questo scempio culturale-finanziarioi-deologico,aderendo ad un movimento che si chiama "Democrazia delle Attività".

pgbassan

Lun, 27/01/2014 - 11:03

Ineccepibile ogni parola, purtroppo. E penso quanto vorrebbe Magdi non fosse così, poter scrivere l'esatto contrario. Occidente ventre molle. Troppi si interessano solo del proprio orticello, pensano a divertirsi, ubriacarsi di tante cose futili, si destano solo quando viene calpestato loro i piedi e poi disinteresse, qualunquisti, il "volemose bene", fasullo. E poi c'è una buona, si fa per dire, parte di italiani ideologicizzati dove prevale l'odio, al punto di essere masochisti e contro se e l'Italia. Grande, Magdi Cristiano Allam: un po' di sacro fuoco riuscirai alla fine a comunicarlo anche a tanti italiani tiepidi e senza identità.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 27/01/2014 - 11:17

Errata corrige:"Democrazia delle Affinità"!!

pgbassan

Lun, 27/01/2014 - 11:23

Noidi: la tua essenza è l'odio. Se poi sei cristiano, per primo non dovresti odiare, ma argomentare, pur nella risolutezza. Cristiano non vuol dire pappemolli. E soprattutto non sai che San Paolo era un fervente persecutore dei Cristiani prima di di diventare un fervente Cristiano, anzi il principe dei Cristiani assieme a Pietro. E in più rigetta una grandissima parte di cristiani ex atei, ex induisti, ex animisti, ex..., ex... Convertiti. la conversione è cambiare atteggiamento, rivolgersi al vero bene. Amen.

alberto_his

Lun, 27/01/2014 - 13:21

"La verità è che l'Occidente impartisce a suon di guerre la democrazia ai più deboli, mentre con i più forti fa prevalere l'interesse economico e la ragion di Stato, come è il caso della Cina" vero, ma solo in parte. Sono gli interessi economici e geo-politici a determinare guerre e accordi e a finanziare rivoluzioni; l'esportazione della democrazia (che comunque non avrebbe valore alcuno in sè) serve solo a indorare la pillola. Bravo a Magdi a cogliere i legami dietro le dinamiche negli avvenimenti europei e mediorientali/nordafricani. La religione la fa solo da contorno, da elemento plasmante le menti della carne da cannone utilizzata nei conflitti e nelle rivoluzioni eterodirette. Dalle nostri parti abbiamo invece la forza lavoro, un esercito da sfruttare mettendolo indegnamente alla macina fino a età improponibili. Il tutto per l'accentramento di potere e ricchezza reale nelle mani di pochi burattinai. Sottoscrivo le parole di papa Francesco; vedo un cattivo auspicio in quanto accaduto alla colomba.

Mariya

Lun, 27/01/2014 - 13:44

Il testo inadeguato, le realtà comparate non possono essere comparate, si vede che l'autore vuole buttare solo il fango sul Papa. Non conosce la realtà ucraina.

L'Anonimo

Lun, 27/01/2014 - 19:52

@Mariya Lei conosce la realtà Ucraina? Pongo questa domanda perché leggendo i suoi post non vedo altro che mera propaganda... non comprendo solo se Lei la fa o ne è vittima. Nel secondo caso potrei passare sopra certi Suoi giudizi strampalati sull'Italia. Vede, gli unici che prendono soldi da organizzazioni straniere sono i teppisti che stanno mettendo a ferro e fuoco il Suo Paese per farlo diventare colonia delle multinazionali e di una UE in mano a tecnocrati, lobby e banchieri.

L'Anonimo

Lun, 27/01/2014 - 19:53

@Mariya Lei conosce la realtà Ucraina? Pongo questa domanda perché leggendo i suoi post non vedo altro che mera propaganda... non comprendo solo se Lei la fa o ne è vittima. Nel secondo caso potrei passare sopra certi Suoi giudizi strampalati sull'Italia. Vede, gli unici che prendono soldi da organizzazioni straniere sono i teppisti che stanno mettendo a ferro e fuoco il Suo Paese per farlo diventare colonia delle multinazionali e di una UE in mano a tecnocrati, lobby e banchieri.

Anonimo (non verificato)

Mariya

Mar, 28/01/2014 - 16:30

In Ucraina le proteste non sono iniziate da un opposizione che vuole far cadere il governo, e siccome non ha la maggioranza nel paese, con aiuto finanziario dall ´occidente organizza la rivoluzione. Vostra visione é molto banale, e pensate che avete capito tutto. Fino ad adesso oltre le parole dal mondo occidentale non abbiamo avuto nessun sostegno, l'Europa dice penseremo alle sanzioni, e lo sta dicendo gia da due mesi. Mentre la Russia é gia presente realmente con le forze dell ´ordine, e con le dicchiarazioni aggresivi dalle autorita russe. La situazione reale in Ucraina é che 60 percento della popolazione si e' stancata della situazione, dove il Governo utilizza non il diritto, ma le leggi criminali per fare cio che vuole. Il caso adesso in Ucraina é da studiare, non ha i paragoni, perche si realizza la maturità della Societa Civile, la opposizione non é in grado nemmeno di influenzarla. Gli ucraini non sono piu come prima, non hanno speranza che arivi un salvatore e cambiera la loro vita, come nella Rivoluzione Arrancione. Non hanno nemeno speranze che arrivera il salvatore dall ´estero, stanno da soli combattendo per i propri diritti negati. Si spera solo che Putin non ci bussa le porte con il proprio essercito, sicuramente nessuno dei paesi europei non ci aiutera, storicamente non l'hanno mai fatto e non lo faranno, perche l'interesse economico con Putin é alto. E voi aiuterete all ´europa a giustifficarsi... Si, fa caldo quando c'é il gas a buon prezzo!