Argentina, in piazza contro la Kirchner

Contestata la proposta di riforma giudiziaria, con l'elezione dei giudici. Grave la situazione economica del Paese, inflazione al 25%

Inflazione galoppante (25%), corruzione dilagante e una riforma del potere giudiziario che non piace non solo all'opposizione ma anche ad alcuni esponenti vicini al governo. Sono queste le cause che hanno spinto in piazza circa un milione di persone a Buenos Aires e nelle principali città argentine. Si tratta del terzo "cacerolazo" (protesta rumorosa percuotendo le pentole) nel giro di sette mesi contro la presidente Cristina Kirchner, accusata di essere "arrogante", "bugiarda" e sempre più "antidemocratica".

La riforma del sistema giudiziario (la più importante novità sarebbe l'elezione dei giudici) secondo l'opposizione permetterebbe alla Kirchner di nominare giudici a lei più vicini, e proteggere così il governo dalle accuse di corruzione, riducendo, al contempo, i poteri della Corte Suprema. In più è in atto un vero e proprio braccio di ferro tra la Kirchner e il gruppo editoriale Clarìn.

Per la prima volta tutti i leader dei principali partiti dell’opposizione si sono riuniti: dall’Unione Civica Radicale (Ucr) al peronismo antikirchnerista, dalla conservatrice Proposta repubblicana (Pro) al Fronte ampio progressista (Fap). I politici, però, si sono stati mescolati tra la gente, senza farsi troppo notare. Il mandato della Kirchner si conclude nel 2015. Gli argentini sono scesi in piazza soprattutto per la profonda crisi economica e le discutibili politiche della Kirchner, con il suo ultra interventismo sfociato in una vera e propria socializzazione dell'economia, con tanto di nazionalizzazione delle aziende

Commenti

Massimo Bocci

Lun, 22/04/2013 - 16:53

Quando, si parla di far eleggere dai cittadini qualcuno in questo caso i giudici, dai cittadini che se non erro, e che se non truffati da comunisti (in Italia( e affini dovrebbero essere sovrani o no???, E subito i compagnero (costituzionalisti se la costituzione l'hanno scritta loro) parlano subito di golpe,antidemocrazia,tumulti di piazza, mentre quando (LORO) cricche di regime costituzionale e autoreferenziati di REGIME, si auto eleggono,selezionano tra compagni un auto controllo (per cazzi propri), allora tutto è democratico,certo è un p'ò strano capire la democrazia COMUNISTA!!!! Ma forse ha un altro nome REGIME!!!

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 22/04/2013 - 19:33

Anche lei aveva riforme importanti, da fare , ne l ´ bisogno di economia , ne la disoccupazione avevano priorita, ma bensi i matrimoni gay.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 22/04/2013 - 20:04

Tra un po tocca a noi.....

elio2

Mar, 23/04/2013 - 08:02

Anche nel suo caso si è ben visto che le riforme importanti per l'economia proposte o attuate della sinistra, non vanno bene neppure per giocare a monopoli.