Caro Papa, accogli in Vaticano i musulmani convertiti a Gesù

Chiedo al Papa che ha avuto il coraggio di darmi il battesimo, vincendo sia la paura della vendetta islamica sia la resistenza interna alla Chiesa, di accogliermi con una delegazione di musulmani convertiti al cristianesimo in Europa e nel mondo. L'idea, che ho subito accolto con entusiasmo, è di Mohammed Christophe Bilek, franco-algerino che ha fondato l'associazione Notre Dame de Kabylie. Attraverso il sito www.notredamedekabylie.net promuove la missione della conversione dei musulmani al cristianesimo attraverso un dialogo fondato sulla certezza della nostra fede e sull'ottemperanza dell'esortazione di Gesù: «Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura» (Marco 16,15-18).
Per quanto il fenomeno sia avvolto dalla segretezza e diventa pertanto difficile attestare delle certezze, da varie fonti si rileva che sarebbero tantissimi i musulmani che abbracciano la fede in Cristo. Nel 2006 lo sheikh Ahmad al-Qataani, intervistato da Al Jazeera, diede queste cifre: «Ogni ora 667 musulmani si convertono al cristianesimo. Ogni giorno 16mila musulmani si convertono al cristianesimo. Ogni anno 6 milioni di musulmani si convertono al cristianesimo». Parlando ieri a Parigi, Bilek ha detto che persino in Arabia Saudita, la culla dell'islam e custode dei due principali luoghi di culto islamici, ci sarebbero 120mila musulmani convertiti al cristianesimo. Dati del 2008 indicavano che i musulmani convertiti erano 5 milioni nel Sudan, 250mila in Malesia, oltre 50mila in Egitto, dai 25 ai 40mila in Marocco, 50mila in Iran, 5mila in Irak, 10mila in India, 10mila in Afghanistan, 15mila in Kazakistan, 30mila in Uzbekistan.
Sono stato a Parigi nel fine settimana per tenere una conferenza dal titolo «L'Europa e le sue radici di fronte all'incalzare della cristianofobia», organizzata dalle associazioni Tradizione Famiglia Proprietà, presieduta da Xavier Da Silveira, e Cristianità-Solidarietà fondata da Bernard Antony. Era il giorno dopo l'annuncio del conferimento del Premio Nobel della Pace all'Unione europea. Che scandalo nel momento in cui l'Unione europea in Siria è schierata dalla parte degli estremisti islamici che stanno perpetrando un vero e proprio genocidio nei confronti dei cristiani! In serata, nella piazza antistante la Chiesa di Sant'Agostino, un berbero algerino anch'egli convertito, ho partecipato a una veglia di solidarietà e preghiera con i cristiani perseguitati. Nel mio intervento ho azzardato questa previsione: «Più vado avanti, più mi guardo attorno, più valuto il tutto, più mi convinco che il futuro della civiltà laica e liberale, democratica e dello stato di diritto, dipenderà dalla sua capacità di prendere le distanze dall'islam come religione senza discriminare i musulmani come persone. Così come sono sempre più consapevole che ci salveranno i cristiani fuggiti dalla persecuzione islamica. Solo chi ha vissuto sulla propria pelle la tirannia dell'islam saprà convincere l'Occidente sulla verità dell'islam. Coloro che hanno tenuta salda la fede in Gesù sconfiggeranno l'islam, salveranno il cristianesimo in quest'Occidente scristianizzato e salveranno la nostra civiltà. Grazie Gesù!».
È stato subito dopo la mia conferenza di fronte a 500 persone che confortano sulla tenuta del cristianesimo, che Bilek mi ha rivolto l'invito a promuovere un'associazione che aggreghi i musulmani convertiti al cristianesimo in tutt'Europa. A me l'idea di essere qualificato come «ex musulmano» non piace affatto, mi sento e voglio essere considerato esclusivamente cristiano così come sono orgogliosamente italiano anche se di origine egiziana. Ma afferro il senso del messaggio: bisogna dar vita a un'istituzione che incoraggi i musulmani a vincere la paura, a battezzarsi pubblicamente, a vivere apertamente la loro nuova fede. Entrambi siamo consapevoli che il vero problema sono i cristiani autoctoni, perché sono innanzitutto loro ad avere paura. Innumerevoli sono le denunce fatte da musulmani che vorrebbero ricevere il battesimo ma si trovano di fronte al rifiuto di sacerdoti cattolici perché non vogliono violare le leggi dei Paesi islamici che vietano e sanzionano con il carcere e talvolta con la morte sia chi fa opera di proselitismo sia chi incorre nel «reato» di apostasia.
Ed è paradossale che mentre le chiese si svuotano sempre più al punto che vengono messe in vendita e finiscono per trasformarsi in moschee, la Chiesa blocchi la conversione dei musulmani al cristianesimo. Ecco perché rivolgo un appello al Santo Padre: accolga in Vaticano i convertiti al cristianesimo per lanciare un messaggio chiaro e forte a tutti i pastori della Chiesa a favore dell'evangelizzazione dei musulmani. Saranno loro ad affrancarci dalla dittatura del relativismo religioso che ci costringe a legittimare l'islam, a restituirci la fede solida nella verità in Cristo e a salvare la nostra civiltà laica e liberale che, piaccia o meno, si fonda sul cristianesimo.
twitter@magdicristiano

Commenti
Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Lun, 15/10/2012 - 09:33

scusi una domanda , che fine hanno fatto questi convertiti ? li hanno già massacrati ? non sono poi tanti , in fin dei conti i cristiani di ogni gruppo sono milioni , ma i musulmani ci battono .abbiamo i terroristi in italia e nessuno ha il coraggio di prenderli e sbatterli nelle fogne , di che cosahanno paura ? una parola per qualificarli vigliacchi

buri

Lun, 15/10/2012 - 11:44

La voce che chiama nel deserto, non credo che il Vaticano avrà il coraggio di fare quel passo auspicato, in nome del mito dell'ecumenismo "politicamente corretto" e vigliacco, che fine hanno fatto ke parole del Signore "non c'è salvezza all'infuori di me"?, così come non credo ai dati riguardanti le conversioni di musulmano al cattolicesimo, se fosse vero li avrebbero già sgozzati

giuseppe.galiano

Lun, 15/10/2012 - 16:49

Magdi Allam è credibile, appassionato e sincero. Bisogna credere in quello che dice o tenta di fare.

giovannibid

Mar, 16/10/2012 - 15:05

Io penso che sia ora che i cristiani abbiano il coraggio di smettere di porgere l'altra guancia e si guadagnino un posto onorevole nel mondo perché tante volte la fede ha bisogno di spalle forti e di cuori coraggiosi. Smettiamola di essere sempre quelli che devono fare spazio agli altri