Solo un alibi prendersela con le pistole

Il luogo comune sulle armi da fuoco si ripete. Invece di affrontare e analizzare la vera causa di questi massacri senza senso, parte il florilegio di appelli, di manifestazioni, di condanne

Una strage orrenda, un gesto folle, un trauma incancellabile per i sopravvissuti nella scuola di Newtown. C'è un pluriomicida, il ventenne con problemi psichici che odiava la madre insegnante. Ma, come ogni volta, ci deve essere anche un complice, anzi il vero colpevole: le armi da fuoco. Niente di nuovo, il luogo comune si ripete. A scorrere i commenti della stampa e della televisione, sembra che il fucile automatico e le due pistole di Adam Lanza abbiano agito da soli perché vivono di vita propria: non c'è bisogno di qualcuno che le punti, prenda la mira e prema il grilletto. No, quando ci sono stragi come quella negli Stati Uniti, le armi diventano fantascientifiche ed è la loro anima diabolica a spingere le persone a usarle. C'è poco da ridere, non sono pochi quelli che la pensano così. E allora, invece di affrontare e analizzare la vera causa di questi massacri senza senso, parte il florilegio di appelli, di manifestazioni, di condanne. La Casa Bianca, sommersa dalle richieste di riforma alle leggi sulle armi, pensa di correre ai ripari per arginarne la diffusione. Ma servirà? Ne dubitiamo. Perché il folle se vuole uccidere si procura le armi comunque. Qualcuno conosce qualche persona che è diventata un killer sfogliando un catalogo di armi? Ma per favore.
Guardiamo all'Italia: pensate che ci siano poche armi e che le leggi siano molto più restrittive dell'America? Se la vostra risposta è sì, allora siete in errore. Nel nostro paese le armi sono tantissime, e ognuno di noi può comprarle e tenerle in casa con una semplice denuncia. Eppure, nonostante siano diffuse, stragi come quelle nella scuola elementare del Connecticut qui non accadono. Certo, i folli sono dappertutto, ma la cultura del farsi giustizia da soli, del biblico occhio per occhio, del mito dei pionieri nel Far West è tutta americana. E i ragazzi d'Oltreoceano crescono e si formano con questi principi. Qui no, la nostra cultura ed educazione sui diritti sono un retaggio secolare. Un esempio? Nel lontano 1764, il milanese Cesare Beccaria scriveva Dei delitti e delle pene, nell'America del 2012 esiste ancora la pena di morte. Quindi, a costo di essere impopolari, ci rifiutiamo di incolpare le armi. Perché è solo un alibi per non riconoscere le colpe degli uomini.

Commenti

luc5014

Dom, 16/12/2012 - 18:30

Finalmente parole sensate ! Poi chiediamoci a chi giova la strage ... giova ai gruppi di potere antiarmi che vorrebbero i cittadini inermi anche di fronte a derive totalitarie. Fatto questo facciamo una piccola ricerca sul "programma Monarch" ... ed ora poniamoci dei dubbi.

robmur

Dom, 16/12/2012 - 19:30

per fortuna ciò che ha scritto il giornalista è il pensiero di una esigua minoranza. Comunque sarebbe il caso di scrivere la verità intera, non parziale. In Italia é impossibile acquistare le armi come quelle usate per la strage. Un cittadino italiano per poter utilizzare le armi ha bisogno di un certificato medico, senza il quale non gli viene rilasciato il porto d'armi. Certo che le pistole non sparano da sole, ma se io non le ho facilmente a disposizione compiere una strage è terribilmente più complicato... Per fortuna.

juangomez

Dom, 16/12/2012 - 23:20

L’autore dell’articolo non è bene informato e questo per un giornalista è grave. La diffusione di armi in Italia è di gran lunga inferiore che negli USA. Secondo quanto riferito dal New Yorker, gli Stati Uniti sono il Paese con il più alto tasso di diffusione di armi tra i cittadini: la popolazione ammonta a circa 313 milioni di persone, mentre le armi registrate in possesso dei cittadini sarebbero ben 300 milioni. Le armi legali in Italia sarebbero invece circa 10 milioni su una popolazione di circa 60 milioni. Quindi, se la matematica non è un’opinione, il numero di armi pro-capite in Italia è circa un sesto che negli USA

luc5014

Lun, 17/12/2012 - 01:53

Se non si ha a disposizione una pistola per compiere una strage in una scuola si usano le bombole di GPL, come recentemente avvenuto in Italia, o una miscela di un certo diserbante e di un altro prodotto, reperibili molto facilmente. Il problema non è il mezzo usato ma chi lo ha usato e perché. (e comunque la maggior parte dei delitti avviene senza armi da fuoco ... ma questi non fan cronaca) Il copione delle stragi americane è sempre costante ed inevitabilmente finisce con il suicidio dell'autore ... troppe coincidenze costantemente ripetute per non pensare a Monarch.

fabiotullio

Lun, 17/12/2012 - 08:36

ma perchè prima di scrivere su una testata giornalistica, non si informa per bene?