Cosa cambia adesso in Crimea

Penisola russa il 30 marzo, e ha già scelto il rublo come moneta

Cosa cambia per la Crimea dopo il sì alla secessione dall'Ucraina? Il sì del Parlamento di Mosca al suo ingresso nella Federazione russa è scontato: la penisola potrebbe diventare una Repubblica autonoma, come la Cecenia, o una regione con un governatore nominato dal Cremlino e un Parlamento eletto. In alternativa la Crimea potrebbe diventare un Paese indipendente riconosciuto solo dalla Russia. Moneta: il parlamento di Sinferopoli ha deciso ieri di adottare il rublo russo come valuta ufficiale. La hryvnia ucraina sarà accettata fino al 1° gennaio 2016. Ora: il 30 marzo la Crimea passerà al fuso orario di Mosca, lasciando quello di Kiev. Passaporto e cittadinanza: improbabile che i crimeani possano mantenere una doppia nazionalità, dovranno quindi scegliere. Migliaia di persone hanno già il passaporto russo, futuro incerto per chi non vuole abbandonare la nazionalità ucraina. Esercito: la situazione dei soldati ucraini di stanza in Crimea diventa difficile: dovranno scegliere se tornare in Ucraina o passare al nuovo governo. Il primo ministro della Crimea Sergei Aksionov minaccia chi non presterà giuramento alle nuove autorità: verrà considerato parte di una «formazione militare illegale».