Crimea, ucciso un soldato ucraino. Kiev: "Il conflitto è militare"

Un militare ucraino è rimasto ucciso nel corso di un assalto a una caserma a Simferopoli. Kiev: "Il conflitto è entrato nella fase militare"

Un soldato ucraino è stato ucciso nel corso di un assalto contro una caserma a Simferopoli, e da Kiev il governo annuncia che da questo momento il conflitto "è entrato nella fase militare". "I soldati russi hanno cominciato a sparare contro i militari ucraini, e questo è un crimine di guerra", ha dichiarato il premier ucraino Arseniy Yatsenyuk nel corso di una riunione d'emergenza con gli altri componenti del governo. In un primo momento il comandante della Marina Sergiy Gayduk aveva dichiarato, nel corso di un incontro a Kiev con il presidente Oleksandr Turchynov, che un soldato ucraino era stato soltanto ferito a una gamba "durante un attacco contro una base a Sinferopoli". Il portavoce militare e capo delle forze ucraine in Crimea, Vladislav Seleznyov, ha dichiarato che non è chiaro chi fossero gli aggressori, ma, ha specificato, che "erano completamente equipaggiati e avevano il volto coperto".

La base rimane in mano agli ucraini ma i russi fanno pressioni sulle famiglie dei militari che resistono per convincerli alla resa. Uomini armati bloccano l'ingresso delle abitazioni delle famiglie nell'area della base. Dal comando della marina ucraina a Simferopoli fanno sapere di aver ricevuto l'ordine di sparare a vista: "Siamo in stato di allerta dopo quello che è successo nell'altra base a Simferopoli: abbiamo ordine di sparare a vista su chiunque tenti di entrare qui", spiega il tenente colonnello Igor Mamciur, che è barricato con i suoi commilitoni nella base.

Commenti

nino47

Mar, 18/03/2014 - 18:32

bello stile quello del "volto coperto"..che sia il volto della Nuova Russia???

Ritratto di ForzaSilvio1

ForzaSilvio1

Mar, 18/03/2014 - 18:50

I soliti Bolscevichi!! Non capiscono nulla di diplomazia, e quello che vogliono, se lo prendono con le armi. Putin è solo un Komunistello come tanti altri qui da noi. Sta facendo lo stesso di quando occupò l'Ungheria, con il nulla-osta del nostro Presidente della Repubblica.

Ritratto di Zio Gianni

Zio Gianni

Mar, 18/03/2014 - 19:19

***Son tutte fregnacce dettate dalla scimmia ameri-kagna.

Ritratto di Lorenzo1961

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 18/03/2014 - 20:06

via agli aerei della NATO, missili Russi contro Bruxelles e Berlino, la Terza guerra mondiale abbia inizio i cattivi sono coloro i quali minano gli interessi dei massoni del Nuovo Ordine, ancora una volta gli italiani sono dalla parte di quelli che perderanno.

pinux3

Mar, 18/03/2014 - 20:21

@ForzaSilvio1...Però leggo che la maggior parte dei tuoi amici berluscones stanno con Putin...Allora come la mettiamo?

gianrico45

Mar, 18/03/2014 - 20:28

La guerra è incominciata da quando gli americani hanno messo gli occhi sull'Ucraina per arrivare alla Russia.Il premio Nobel della pace ha fatto scoppiare la terza e ultima guerra mondiale.

luigiMis

Mar, 18/03/2014 - 20:36

Il governo di Kiev, non legittimo, dice che non è legittima la decisione della Crimea di staccarsi dall'Ukraina. Però la Crimea ha fatto un referendum che, in democrazia, è un atto molto legittimo. la più alta espressione di democrazia. Mentre Kiev ha fatto una rivolta, prevaricando i russofoni. Oggi, con firme e atti ufficiali, la Russia ha riconosciuto ed accettato la domanda della Crimea di far parte della Federazione Russa. E' un fatto. Quindi è stato detto in tutte le lingue che la Crimea NON è più Ukraina. Ma anche Il governo provvisorio dell'Ukraina ha detto (unilateralmente) che il Presidente eletto Yanukovich è decaduto. Supponiamo che un cittadino di Donesk non sia d'accordo con il governo provvisorio, che cosa gli fa la polizia del nuovo governo? lo arresta e se quello spara che fa la nuova polizia? gli spara. Ora torniamo in Crimea. Se un militare armato del nuovo governo ukraino di Kiev(che la Crimea considera illegittimo) non si arrende al nuovo potere, che cosa fa la polizia o l'esercito di Crimea? gli spara. dove è il problema? chi non vuole farsi sparare, depone le armi e sano e salvo torna a Kiev. Questo è buon senso. Ma il nuovo governo di Kiev (illegittimo) ha bisogno di menare le mani (come a Maidan) perchè sennò il soccorso di Obama non ha pretesti. Ci saranno altre provocazioni, che non servono alla Federazione Russa. Le squadre paramilitari di estrema destra di Maidan sono state arruolate nella guardia nazionale di Kiev con il compito di creare i pretesti che servono ai governanti filo americani. Si vedranno altri morti.

Ritratto di pravda99

pravda99

Mar, 18/03/2014 - 21:03

ForzaSilvio1 - Lei dice "Putin è solo un Komunistello come tanti altri qui da noi"....gia', ma nessuno di loro lo frequenta, invece "l'anticomunista Silvio"...(Povero esagitato senza cervello...)

achille57

Mar, 18/03/2014 - 21:56

La Crimea era Russa ed ha espresso democraticamente la propria volonta di ritornare Russa. Analogo diritto non è stato concesso ai Serbi del Kossovo,che sono stati strappati alla Serbia a furia di bombe dagli Americani,con il solito assenso,servile e pecorone,degli Europei.

achille57

Mar, 18/03/2014 - 21:57

Forza Putin,non mollare!!!

ernestorebolledo

Mer, 19/03/2014 - 01:39

infine morti che mancava

Barbara_LV

Mer, 19/03/2014 - 01:52

Ma la "verità vera" viene mai detta? O diciamo solo mezza verità? Sig. Biloslavo???? "Un soldato ucraino è stato ucciso" ------- è stato ucciso anche un soldato della Difesa di Crimea; feriti altri due soldati (uno ucraino ed altro della Difesa di Crimea); "nel corso di un assalto contro una caserma a Simferopoli" ----------- nessun assalto, sparava un ceccino. "Uomini armati bloccano l'ingresso delle abitazioni delle famiglie nell'area della base" ---------- non è vero, è stato bloccato un'edificio da dove sparava ceccino. Sig.Biloslavo, dove Lei prende queste informazioni??? Dai gossip???

ernestorebolledo

Mer, 19/03/2014 - 02:00

qui dicono con braccio alzato che I comunisti sono terribili ma il comunisti che Io conosco sono persone normali, persone seria, che lotta contro l'ingiustizia, che difendono i diritti dei lavoratori..etc..

ernestorebolledo

Mer, 19/03/2014 - 02:10

Io non capisco nulla! Perché essere collocato accanto con il perdente.(Ucraina e gli Stati Uniti d'America)..

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 19/03/2014 - 07:59

I cecchini vigliacchi e prezzolati che a Kiev hanno sparato su polizia e dimostranti per fare scoppiare il caos, là non avevano più niente da fare e si sono spostati dove gli è stato ordinato. Ma pensate davvero che le truppe russe siano così deficienti da sparare ai militari ukraini mentre quando comunque hanno sotto controllo le due caserme che ancora non hanno aderito alla nuova Crimea indipendente? Sono lì a convincere i parenti per far decidere i militari rimasti di unirsi alle forze della Crimea o di andarsene a Kiev; hanno gli occhi di tutto il mondo addosso e un referendum plebiscitario che ha già sancito l'annessione della Crimea (per loro scelta) alla Russia e... sparano a 1 militare mascherati e senza insegne? Ma dai! Non occorre certo essere dei geni per capire chi ha interesse a far scoccare la scintilla. Prego e spero che le truppe della Crimea e quelle russe riescano a isolare-bloccare i killer mercenari (al servizio degli stessi che hanno reso possibile il colpo di di stato) che stanno tentando l'ultimo colpo di mano disperato per far scoppiare un macello. "I soldati russi hanno cominciato a sparare contro i militari ucraini, e questo è un crimine di guerra", ha dichiarato pieno di certezze il premier (golpista) ucraino Yatsenyuk; peccato che il "suo" capo delle forze ucraine in Crimea, Seleznyov, ha dichiarato nello stesso momento che NON E' CHIARO chi fossero gli aggressori, ma, ha specificato, che "erano completamente equipaggiati e avevano il volto coperto". Non so perchè, ma mi viene da pensare che il povero Cristo (se davvero è stato ammazzato) faceva davvero parte delle nuove forze della Crimea oppure era uno dei tanti militari che stava per passare "mollare" Kiev.... L'abbronzato non può proprio digerire che dopo la Siria e Snowden si stia prendendo un'altra sonora sberla da Putin che è riuscito (senza 1 solo atto di violenza) a proteggere il popolo della Crimea dagli eversivi di Kiev-USA e a farli votare democraticamente davanti a decine di osservatori esteri! Per l'orgoglio ferito di Barakka Obama, ma soprattutto per la rabbia di chi lo "aziona" e che vede lo sgretolarsi dei loro piani, stanno trascinando il mondo verso un macello planetario e quegli impotenti-venduti-schiavizzati di Bruxelles li aiutano a accendere la miccia!.... E la elezioni americane incombono....

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 19/03/2014 - 09:11

I cecchini vigliacchi e prezzolati che a Kiev hanno sparato su polizia e dimostranti per fare scoppiare il caos, là non avevano più niente da fare e si sono spostati dove gli è stato ordinato. Ma pensate davvero che le truppe russe siano così deficienti da sparare ai militari ukraini (o che permettano alle milizie della Crimea di farlo) quando comunque hanno sotto controllo le ultime caserme che ancora non hanno aderito alla nuova Crimea indipendente? Sono lì a convincere i parenti per far decidere i militari rimasti di unirsi alle forze della Crimea o di andarsene a Kiev; hanno gli occhi di tutto il mondo addosso e un referendum plebiscitario che ha già sancito (per scelta di praticamente tutti gli abitanti della Crimea) l'annessione della Crimea alla Russia e... sparano a 1 militare mascherati e senza insegne? Ma dai! Non occorre certo essere dei geni per capire chi ha interesse a far scoccare la scintilla. Prego e spero che le truppe della Crimea e quelle russe riescano a isolare-bloccare i killer mercenari (al servizio degli stessi che hanno reso possibile il colpo di di stato) che stanno tentando l'ultimo colpo di mano disperato per far scoppiare un macello. "I soldati russi hanno cominciato a sparare contro i militari ucraini, e questo è un crimine di guerra", ha dichiarato pieno di certezze il premier (golpista) ucraino Yatsenyuk; peccato che il "suo" capo delle forze ucraine in Crimea, Seleznyov, abbia dichiarato nello stesso momento che NON E' CHIARO chi fossero gli aggressori, specificando, che "erano completamente equipaggiati e avevano il volto coperto". Non so perchè, ma mi viene da pensare che il povero Cristo (se davvero è stato ammazzato) faceva davvero parte delle nuove forze della Crimea oppure era uno dei tanti militari che stava per "mollare" Kiev.... L'abbronzato non può proprio digerire che dopo la Siria, Snowden, ecc., si stia prendendo un'altra sonora sberla da Putin che è riuscito (senza 1 solo atto di violenza) a proteggere il popolo della Crimea dagli eversivi di Kiev-USA e a farli votare democraticamente davanti a decine di osservatori esteri! Per l'orgoglio ferito di Barakka Obama, ma soprattutto per la rabbia di chi lo "aziona" e che vede lo sgretolarsi dei loro piani, stanno trascinando il mondo verso un macello planetario e quegli impotenti-venduti-schiavizzati di Bruxelles li aiutano a accendere la miccia!.... E la elezioni americane incombono....

VD.ru

Mer, 19/03/2014 - 09:18

Perché dare la notizia parzialmente? Ucciso non solo un soldato ucraino man anche un militare di cosiddetta autodifesa della Crimea. Entrambi ammazzati dallo stesso cecchino. E' lo stesso schema di quello che e' successo a Kiev quando una ventina di cecchini sparavano sia sulla folla che sulle forze d'ordine.

L'Anonimo

Gio, 20/03/2014 - 12:10

@ VD.ru - Mer, 19/03/2014 - 09:18 - La Sua è una domanda retorica. Basti pensare a come è stata trattata tutta la vicenda ucraina dalla stampa dell'Europa occidentale occupata dagli USA e pertanto russofoba. C'è disinformazione per creare consenso... tipo le armi che in Iraq non esistevano ma che sono state usate come legittimo pretesto per una guerra... e quando si è scoperto... nessuno ha fatto un processo di quelli che piacciono tanto agli statunitensi per punire i criminali di guerra (ossia semplicemente i nemici di turno). Il mondo unipolare voluto dagli USA è un Far West dove loro sono gli unici con la pistola e la licenza di uccidere.