Il relitto della Santa Maria di Colombo? Sarebbe al largo di Haiti

Un esploratore sostiene di avere individuato quel che resta della più grande delle caravelle dell'esploratore

A più di cinquecento anni dal viaggio che portò Cristoforo Colombo e i suoi uomini a sbarcare sul continente americano, un esploratore subacqueo statunitense sostiene di avere identificato il relitto della Santa Maria, la più grande delle caravelle.

Barry Clifford è convinto - e lo ha raccontato oggi al quotidiano inglese The Independent - che gli elementi topografici e archeologici indichino "con forza" che il relitto della nave giace in un punto preciso del mare di Haiti.

A rendere possibile l'identificazione sarebbe stato il lavoro di alcuni archeologi sulla possibile localizzazione di un forte di Colombo poco lontano, insieme alle informazioni che Clifford ha trovato nei diari di Cristoforo Colombo. Il relitto di una nave era stato trovato già dieci anni fa, ma l'identità non era stata stabilita.

Al momento il team guidato dall'esploratore si è limitato a fotografare e fare misurazioni nell'area del naufragio, aiutato dal governo di Haiti. Ciò che servirebbe ora, spiega all'Independent, è "uno scavo archeologico dettagliato".

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Mar, 13/05/2014 - 14:08

Sarebbe un buon aiuto per il turismo di haiti.

Giovanmario

Mar, 13/05/2014 - 16:59

il governo di haiti ha i soldi pure per partecipare ad esplorazioni marittime.. il nostro governo non ha i soldi neppure per pagare le fatture.. c'è da aggiungere qualcos'altro?

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 14/05/2014 - 03:13

Scommetto che l'uovo non l'hanno trovato!