Flop della liberalizzazione del mercato auto a Cuba: vendute 50 in 6 mesi

Lo stipendio medio è pari a 20 dollari, e ci vorrebbero secoli per permettersene una

I giornali italiani avevano molto lodato la liberalizzazione del mercato delle auto a Cuba. Il «riformista» ottuagenario Raul Castro aveva deciso di consentire ai privati di comprarsi liberamente un'automobile come si fa più o meno in tutto il mondo e questo era parso un gran passo in avanti. Finalmente, i cubani non saranno più costretti a circolare a bordo di inverosimili, anche se assai pittoreschi, pezzi da museo americani risalenti agli anni Cinquanta, oppure solo ad affollare autobus su cui nessuno da noi metterebbe piede. Non è andata proprio così. Dati ufficiali diffusi dal governo dell'Avana documentano che dallo scorso primo gennaio, quando l'attesa novità è diventata legge, in tutta Cuba sono state vendute solo 50 auto nuove e 4 motociclette. Il motivo di un simile flop è duplice: da un lato la burocrazia rende gli acquisti un calvario, dall'altro - detto papale papale - a Cuba non ci sono soldi per comprare macchine nuove. Chi è interessato a un acquisto deve presentarsi in banca, richiedere un assegno per il valore del veicolo, poi ottenere un titolo di proprietà da un'agenzia statale e successivamente iscriversi nel registro del suo comune. La verità è che le auto hanno a Cuba un costo inavvicinabile: i prezzi reali di un'auto sono cinque volte più alti di quelli in Europa, ma lo stipendio mensile medio è pari a 20 dollari.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 02/07/2014 - 18:37

a me farebbe piacere sapere come è la sanità a Cuba, ce lo spieghi lei Fabbri sentiamo.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 02/07/2014 - 18:37

a me farebbe piacere sapere come è la sanità a Cuba, ce lo spieghi lei Fabbri sentiamo.

makeng

Mer, 02/07/2014 - 19:23

@franco-a-trier_DE: ed eccolo!!!!!! ma GUARDA TE CHE COMMENTO!!!! Sei proprio un sagoma! PEr non dire di peggio...! La sanità A CUBA? Vuoi che te la spiego io? L'ultima volta che ci sono stato ho conosciuto un farmacista e un dottore che si prostituivano ( bellissime ragazze!) per campare. E se ti riferisci alla sanità del partito, sappi che tutti sono seguiti-seguiti fin da piccoli, con tutte le vaccinazioni possibili e immaginabili. PEccato che spesso siano pratiche che mirano a controllare più che a prevenire. Ma se proprio vogliamo dirla tutta cuba è una paese per i turisti . I cubani scapperebbero in massa da quel "paradiso comunista". E' tanto per raccontarti vita vissuta: una sera ho visto arrivare due ceffi in una discoteca che hanno preso di mira una ragazza che ballava. ORbene, NON ERANO DUE ANGELI, ma due agenti che hanno prelevato CON FORZA questa ragazza e l'hanno fatta sparire. Tutti erano terrorizzati e non si sognavano minimamente di difenderla. Poi mi hanno spiegato che erano agenti contro la prostituzione. Quella ragazza avrebbe fatto 6 mesi di lavori forzati con la testa rasata. Ma a chi glielo spiegava che era una DOTTORESSA che non aveva nemmeno un soldo per dar da mangiare a suo figlio? E che si prostituiva per quello? Quindi caro "franco-a-trier_DE" , avere tutte le vaccinazioni a posto e non avere ne libertà ne futuro NON GLIENE FREGA NIENTE AL POPOLO CUBANO!!!E per ultimo: fatti un un giro a cuba e vivi da cubano come ho fatto io per 15 gg ( non come turista) . Poi mi dici....

Anonimo (non verificato)

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 02/07/2014 - 20:13

La sanità se vuoi te la spiego io : una merda. Code e materassi sporchi di sangue per il 99% dei pezzenti. medici ottimi e super cliniche per i rais comunisti di regime. Secondo il più consolidato standard comunista.

chicolatino

Mer, 02/07/2014 - 22:51

confermo quanto dice stenos: I medici sono molto in gamba, e li esportano un po in tutto il sudamerica...alcuni poi decidono ovviamente di non tornare piu' a cuba (esponendosi a rischi elevatissimi), perche' ovviamente fuori dal''isola possono venire pagati per quanto valgono, e non 200 dollari al mese...

A.V.

Gio, 03/07/2014 - 09:18

Ma non può esser vero che nel 2014 c'è qualche trinariciuto che crede ancora ai paradisi comunisti. Si tratta di una provocazione fine a se stessa per darsi una sorta di minima importanza virtuale. Non posso credere che siano ancora in circolazione persone che credono che nel '56 i carri sovietici davano il fraterno aiuto agli Ungheresi di Buda e di Pest. Che Jan Palach era un fascista e che oltre il muro eran tutti felici. Non può esser vero che nel 2014 ci sia chi crede che a Cuba la sanità funzioni.(che cavolo centra poi con le auto vendute....)Anche perché se cosi fosse non capisco che cavolo scappano a fare su zattere improbabili verso la Florida. Dovrebbero essere gli abitanti di Miami (vista la costosa sanità USA) a scappare verso il paradiso castrista....

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 03/07/2014 - 10:13

makeng dimenticavo, io la sanità italiana non te la spiego è sufficiente che leggi gli articoli del nostro prestigioso Giornale.

giovauriem

Gio, 03/07/2014 - 10:17

mi piacerebbe sapere il nome e cognome oltre lo status degli acquirenti delle 50 auto e le 4 moto nuove a cuba,se veramente un cubano guadagna 20 dollari al mese,allora la legge e stata fatta dai burocrati castristi a loro stesso uso e consumo

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 03/07/2014 - 19:36

giovauriem perchè le leggi sono fatte per voi in Italia o per quei porconi che avete al governo? In galera tu vai se rubi ma un porcone rosso non ci va, vedi? Tutto il mondo è paese.

nino47

Ven, 04/07/2014 - 08:20

Mah....mi pare che per vendere le auto ci volgiano i clienti con le palanche per pagarsele...e non mi pare che in un paese di tavarisci queste siano un bene che circoli....

manolito

Lun, 29/09/2014 - 18:23

vado a cuba 5 volte l anno da 20 anni--state valutando tutto il negativo di questo splendido popolo-vi elencherei qualcosa di buono ma voi giudichereste senza averlo vissuto- facendo le debite proporzioni mi pare che qui non sia un paradiso se non per inetti politici e seguito