Il governo globale ha 68 anni, ma sono stati tutti inutili

L'Onu è nata il 24 ottobre del 1945 ma non sa più far fronte ai veri problemi. L'Arabia Saudita rifiuta il seggio al Consiglio di sicurezza: è il requiem?

Ben pochi si sarebbero ricordati che oggi è il sessantottesimo anniversario della nascita a San Francisco delle Nazioni unite se l'Arabia saudita non avesse rifiutato di accettare l'ambita poltrona di rappresentante non permanente nel Consiglio di Sicurezza, una poltrona ancora oggi inseguita da tanti governi europei e perfino dalla Ue. Se l'Onu, nata il 24 ottobre 1945, fosse una persona sarebbe all'inizio della terza età, mostrerebbe qualche ruga con dignità, ma il gesto dell'Arabia Saudita è solo l'ultima dimostrazione che in meno di settant'anni, costellati di passi falsi e incongruenze, questa istituzione invece mostra una vecchiaia decrepita. Non si era mai vista una scena come quella dell'applauso ai Sauditi della maggioranza dei delegati arabo islamici che vedono nell'Onu una creazione americana e occidentale in difesa di principi da loro esacrati: democrazia, uguaglianza dei sessi, libertà di espressione. La decisione saudita forse, finalmente, servirà a mettere in luce la menzogna di un un'organizzazione nata per promuovere la pace nel mondo e trasformatasi in legittimatore impotente di molti crimini internazionali.

Inutile pensare che possano nascere riforme dal di dentro. Sull'istituzione che fa funzionare questo «parlamento» capace di votare che la terra é piatta (come vorrebbero alcuni paesi musulmani) sono stati versati e continueranno a esserlo fiumi di inchiostro, il gran rifiuto saudita non avrà molta influenza. Ma la questione prima o poi dovrà essere affrontata dagli stessi titolari di peso del Consiglio di sicurezza. Perché il problema esistenziale dell'Onu é doppio: comportamento egoistico dei suoi membri e trasformazione della natura dei problemi internazionali. Anzitutto c'è la disconoscenza dello scontro fra gli stati membri e sovrani soggetti al veto dei cinque membri vincitori della II guerra mondiale e le Nazioni (di cui l'Onu porta il nome ) i cui interessi non coincidono mai con quelli degli Stati.

Non meno importante é la trasformazione dei problemi internazionali a causa della perdita della sovranità territoriale degli stati, del ritorno della ideologia laica e religiosa nella politica, della globalizzazione dell'economia, i fenomeni naturali in gran parte provocati dall'uomo che né l'Onu - con le sue spesso efficaci Agenzie - Unicef, Fao, Unesco, l'Ilo (lavoro) etc - né gli Stati, per quanto potenti, riescono ad affrontare: deserticazione del centro della Cina, inquinamento dell'atmosfera urbana (basti pensare all'aria letteralmente irrespirabile di Città del Messico o di Pechino), prosciugamento delle reti fluviali per la ecologicamente distruttrice corsa alla produzione di energia, aumento dei livelli dei mari che rischiano di «annegare» paesi ricchi come Singapore e poveri come il Bangladesh.

Che il gesto drammatico dell'Arabia saudita serva a convincere le cancellerie a promuovere la riforma dell'Onu continuamente annunciata e mai realizzata (grazie anche all'opposizione della sua tentacolare burocrazia) è improbabile. Ma per l'immagine e la pretesa di legittimità superstatale dell'Onu è un colpo forse mortale: nulla è più pericoloso per un re che far scoprire di essere nudo.

Commenti

fabiou

Gio, 24/10/2013 - 10:31

l ONU è in via teorica un ottima idea, ma questa ONU era nata su terreno donato da rockefeller per creare i prodromi del N W O , il governo unico mondiale in mano ai banchieri e tecnocrati

lamwolf

Gio, 24/10/2013 - 10:38

L'Onu con l'emergenza umanitaria nel Mediterraneo sta facendo SCHIFO. Un apparato che protegge e interviene solo a chi pare a lui ed a volte come in Bosnia, lasciando migliaia di vite in mano Serba trucidate davanti al contingente Onu olandese. Il massacro di Srebrenica è stata una pagina vergognosa dell'Onu.

G_Gavelli

Gio, 24/10/2013 - 10:47

FINALMENTE! Finalmente un quotidiano che riconosce come l'ONU altro non sia stato e non sia se non un inutile, costosissimo, BARACCONE DA FIERA.

watcheroftheskyes

Gio, 24/10/2013 - 11:07

Per quanto pletorica, impotente, costosa etc. l'ONU è l'unico posto dove i rappresentanti delle nazioni del mondo siedono tutte insieme. Non ce ne sono altri. Poi non mi sentirei di dire che i vari programmi/agenzie siano "inutili" tout court. Ho visto con i miei occhi la gente sopravvivere (condannata altrimenti a morte certa) grazie agli aiuti dell'UNHCR, ma poitrei fare discorsi simili con FAO, WFP, UNDP etc. Noi italiani saremmo i primi a rimetterci da un'eventuale morte dell'ONU. Siamo, tra le nazioni al mondo, quelle con più patrimoni dell'umanità tutelati (e foraggiati) dall'UNESCO. Quello che è certo è che gli stati sovrani (anche i più scafessi) non lasceranno mai abbastanza autonomia ad un ente sovranazionale per ingerire nei propri affari interni. Da qui le difficoltà dell'ONU in politica internazionale.

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Gio, 24/10/2013 - 12:24

A voler proprio guardar tutto, anche la CECA nel 1951 sembrava un'istituzione inutile... Salvo poi diventare Unione Europea 42 anni dopo.

Ritratto di sgnorrossi

sgnorrossi

Gio, 24/10/2013 - 12:32

meglio l'onu del nulla, e poi l'arabia saudita si fotta, saranno 40 milioni governati da un re come nel medioevo

dente89

Gio, 24/10/2013 - 13:19

e la CECA è un'istituzione inutile. Nessuno la vuole questa UE mangiapane a tradimento

ESILIATO

Gio, 24/10/2013 - 14:08

L' ONU crea posti di lavoro......vedi la BOLDRINI.....

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 24/10/2013 - 16:30

Ente inutile .Come era ente inutile la societa´delle nazioni.

berserker2

Gio, 24/10/2013 - 18:55

Ma come inutile!!!!! Co tutti i soldi che hanno dato alla Sboldrini in inutili stipendi senza fare un cazzo..... senza di loro me lo dite adesso che farebbe? La guida turistica (anche se non sa le lingue), la impiegatuccia di banca, l'assistente sociale in una ASL, la supplente in una scuola pubblica! Invece zac, soldi e onori, e c'avete il coraggio di dire che l'ONU è inutile!!!!

berserker2

Gio, 24/10/2013 - 19:06

A proposito di organizzazioni inutili, grazie al Giornale scopriamo che regaliamo e buttiamo fuori dalla finestra 16 miliardi di euro per sostenere l'Unione Europea. Quanti invece ne buttiamo per questo baraccone ONU e altre inutili organizzazioni finto non governative ad esso collegate, tipo UNHCR, UNICEF, FAO, UNESCO, UNIFEM e compagnia mangiante bella, posto che l'82% dei fondi erogati (nella stragrande maggioranza dai paesi occidentali che invece ad arabi ed africani non gliene fotte un cazzo di buttare soldi ma solo li acchiappano e solo pretendono posti di comando di organismi che occupano senza contribuire economicamente agli stessi)se ne vanno in stipendi e rimborsi per permettere la bella vita a funzionari, burocrati e impiegati.

sirosiro

Gio, 24/10/2013 - 21:29

Dalla fondazione dell'ONU ad oggi sono più di 150 i conflitti avvenuti tra nazioni. Mi pare ovvio che non abbia mai veramente funzionato. La guerra inizia nella mente degli uomini ed è li che deve essere combattuta e risolta.

stefano.colussi

Gio, 24/10/2013 - 21:38

L'arabo, come al solito, è quello che ha le idee più chiare...colussi (udine)

Sapere Aude

Ven, 25/10/2013 - 06:32

Che l’Arabia Saudita abbia rifiutato un seggio permanente all’Onu me li fa diventare simpatici. E pensare che qualche anno fa l’Italia ha messo su una cagnara perché anche qualche nostro illustre deretano potesse fare la sua bella figura. I sauditi ci hanno dato una lezione di saggezza. O fatto in spregio dell’Organizzazione, poco importa. È certo invece che le aspettative di 65 anni fa sono andate perdute o quasi. A questo punto più che augurare all’Onu buon compleanno dovremmo prepararci a fargli il funerale. Rimarrebbe solo il dubbio di cosa inventarsi per mettere il freno a un mondo di uomini sempre più disperati.

Adalberto Tonini

Sab, 28/12/2013 - 14:04

L'ONU, oggi, fa rimpiangere il vecchio adagio "ognuno per sè e Dio per tutti". Come troppe volte accade, anche l'ONU, nato come una soluzione benefica per proteggere a livello mondiale i deboli dai soprusi dei prepotenti, è rapidamente degenerato a un'organizzazione a due facce: una di facciata buonista (ma succhiasoldi)e una ben celata, di copertura di interessi nazionali sulle risorse energetiche, con buona pace delle guerre africane dove muoiono migliaia di civili, e ignorate, mentre vengono "promosse altre per i soliti interessi. NWO?... Bilderberg?.. mah!