Grecia 2014, fine della sovranità

I consensi ai neonazisti di Alba Dorata sono la conseguenza di una politica che ha rovinato il Paese

Come nasce e si sviluppa la fenomenologia di Alba Dorata in Grecia? Ogni crisi che si rispetti porta con sé riverberi e disordini sociali, come quelli che si sono sviluppati al centro dell'Egeo dal 2010 ad oggi. Lecito chiedersi: solo colpa di estremisti e anarchici, o dietro la nuova spirale di violenza si nasconde anche disinformazione o un preciso conflitto tra poteri ormai in decadenza? Prima dell'omicidio del rapper Pavlos Fyssas freddato lo scorso settembre da un militante di Alba dorata e della replica 50 giorni dopo con i due chrisìavghites uccisi dinanzi alla sede ateniese del partito da un sicario in moto, già nelle prime settimane del 2013 si erano verificati episodi preoccupanti. Ragionare analiticamente sul fenomeno Alba Dorata in Grecia, e farlo alla luce degli ultimi fatti di sangue, impone un quesito: tornano gli anni di piombo, una guerra di estremi o una strategia della tensione per celare i fallimenti della politica?

La storia greca insegna che nulla è come appare, e che quel Paese è stato in svariate occasioni crocevia di interessi e dinamiche legate alla geopolitica. Oggi si può unire il disagio sociale incarnato da violenti partiti anti sistema, come appunto Alba Dorata, all'incubo degli anni di piombo che è tornato a circolare nella capitale greca? Alcuni analisti si spingono a ragionare sul fatto che il cambiamento delle circostanze, ovvero l'eliminazione delle principali minacce alla moneta unica rappresentate dal rischio default greco e il salvataggio de facto da parte della troika, possa essere stato controbilanciato dalla Lista Lagarde, la lista degli illustri evasori ellenici (politici, imprenditori, giornalisti) deflagrata contro l'intera classe dirigente, vero elemento di disordine interno al pari della svendita totale di un Paese che ha nel proprio sottosuolo idrocarburi, miniere di oro e argento fino ad oggi mai sfruttati.

Ma come si intersecano le vicende legate alla xenofobia, al razzismo e al populismo applicato alla politica da Alba Dorata con la contingenza di un Paese in fiamme, dove il ceto medio è scivolato verso la soglia di povertà, dove a pagare dazio sono solo i soliti noti? In quell'interstizio di ingiustizia si è annidata la proposta di Alba Dorata, il cui elettorato non è stato composto esclusivamente da pericolosi nazisti, perché molti voti sono giunti anche dal popolo degli astenuti, da cittadini di centro, di sinistra e di destra che semplicemente hanno scelto il voto di protesta perché delusi dalla politica che si dice democratica e che ha prodotto l'attuale voragine finanziaria greca. Scelta sbagliata?

Oggi la politica con la P maiuscola, quella che annuncia ai cittadini di perseguire il bene comune su «consiglio» della troika, quella che ad Atene esclude altri sacrifici ma nei fatti li ha già avallati un anno fa firmando il memorandum, è fra le concause di Alba Dorata. Perché ha amministrato male un Paese per trent'anni, perché ha permesso che le sperequazioni sociali fossero legge, perché ha immolato la libera iniziativa imprenditoriale sull'altare dei sussidi, perché ha preso finanziamenti europei senza i necessari controlli, perché non ha contrastato un sistema clientelare che oggi ha fatto crollare non solo la Grecia ma l'Europa stessa: certificando che la sovranità nazionale, dopo il caso greco e quello cipriota scomparso dai radar della comunicazione europea, non è più un elemento fondante degli Stati membri.

Alba Dorata altro non è che la logica conseguenza di chi pensava di essere più furbo degli altri e che oggi si trova in casa la troika, ospitandola con tutti gli onori. Ma anziché essere chiamata sul banco degli imputati per decenni di bugie, malagestione, clientelismi, assenza di politica industriale che ha fatto importare alla Grecia di tutto, perfino olio e cotone, la politica greca - democratica e non violenta - oggi si erge a difensore del popolo e dei diritti, dei deboli e degli affranti. Quando invece è l'imputato numero uno. Che però alla sbarra non andrà mai.

twitter@FDepalo

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 06/01/2014 - 10:04

solamente i militari possono mettere ordine in Grecia.E poi anche in Italia.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 06/01/2014 - 10:11

Credo sempre più che l'unica soluzione atta ad evitare fenomeni di tipo neo-autoritario sia la dissoluzione della UE e di tutti questi istituzioni ormai lontanissime da ogni cittadino europeo e cementato solo dal mito della finanza d'assalto che di nulla si cura se non di se stessa. Eliminare e rifondare da capo, a suon di referenda popolari...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 06/01/2014 - 10:13

queste cose avvenute in grecia già stanno ripetendo in italia. già dicono che le tasse diminuiranno, ma poco prima hanno decretato aumenti delle tasse, una delle più colossali balle mondiali, e non hanno nemmeno nascosto bene la loro "invenzione" . tanto che pure i sassi hanno capito il trucchetto... :-) ad ogni modo, se alba dorata si riprende il potere sarà un altro problema per loro stessi e per la germania, la ricca, noiosa e temuta merkel

unclesam1

Lun, 06/01/2014 - 10:48

Una volta si diceva: se vuoi avere un'idea di come possa essere l'Italia tra 30 anni guarda oggi l'America. Bene, se vuoi avere un'idea di come possa essere l'Italia tra 3 (tre) anni guarda oggi la Grecia

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 06/01/2014 - 11:05

Le chiacchiere stanno a zero: ci sono state libere elezioni e il popolo greco ha scelto i partiti che garantiva la permanenza nell'Euro tenendo all'opposizione le frange estreme di destra (Alba dorata) e di sinistra (Syriza). La scelta era tra rimanere con pochi Euro in tasca o molte dracme di nessun valore ed hanno fatto la scelta più logica.

emulmen

Lun, 06/01/2014 - 11:19

non passerà molto tempo che qui in Italia qualche generale si stuferà e una mattina, come in Grecia nel 1967, vedremo i carri armati presidiare parlamento ecc e far uscire i magnoni con le mani alzate...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 06/01/2014 - 11:29

ma figuratevi... il nostro popolo di pecoroni non protesterebbe neppure se lo tassassero al 90%. E poi quand'anche lo facesse, sarebbe poi facilissimo per il regime disperdere e frustrare la protesta mettendo contro le varie fazioni imbecilli.

delcio

Lun, 06/01/2014 - 11:34

@emulmen: illuso

migrante

Lun, 06/01/2014 - 12:14

il titolo lascia ben sperare, ma la lettura del seguito e` una vera delusione !!! I soliti luoghi comuni sulla politica magnona, l'orco neonazi, sprechi sussidi e compagnia cantante ! No !!!...non ci siamo ! Egregio De Palo, ritenti, puo` far meglio ! Guardi che quanto successo in Grecia e`veramente importante dato che di quanto successo in Italia non e`possibile parlare perche` si verra`sempre accusati di vedere le cose con il filtro della propia "fede", gli eventi che hanno travolto queste due Nazioni sono strettamente legati e non sono certo spiegabili con "semplicismi", ma con geopolitica ed ingegneria sociale....non e` semplice, ma un buon inizio potrebbe esser quello di spigare come un "buchetto" di 8Mld, messo sotto la coperta, creato da un governo ante millenium possa portare dieci anni dopo ad una voragine di oltre 130Mld, ad una sospensione della democrazia ripetuta e prolungata, alla messa in miseria di un Popolo...Egregio De Palo, faccia uno sforzo !!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 06/01/2014 - 12:16

emulmen perchè a te spiacerebbe l'ordine e la disciplina? Cosa preferisci che ii delinquenti sfruttatori , ladri. magnacci, violentatori e rumeni circolino liberamente?Sei un tipico PD

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Lun, 06/01/2014 - 13:02

Trier, comincia a mettere ordine nel tuo cervello. Almeno provaci, ne hai bisogno...

cgf

Lun, 06/01/2014 - 13:07

chi ha permesso che le sperequazioni sociali fossero legge non è stata certo Alba Dorata ne crepuscolo d'argento; ma l'utopistico sogno di una massa d'intellettuali che non hanno mai lavorato in vita loro e pretendono d'insegnare come si fa accompagnati da economisti filosofi. Niente paura li hanno tutti questi 'mantenuti', anche noi in Italia....

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 06/01/2014 - 13:21

ma che benefici hanno avuto i Greci dall'Euro ? state osservando l'Usuraio BCE in azione contro le sue vittime e voi italiani pensate di esser meglio dei greci ? tra pochissimo toccherà a voi, non appena riuscirete a votare una classe politico non imposta o accettata dai massoni europei tedeschi prevedo a breve sanguinosi scontri tra istituzioni e cittadini stanchi ed impoveriti.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 06/01/2014 - 13:57

Ma siete così sicuri che in Italia sia così diverso? I governi DC-PCI hanno creato quel barato debito pubblico e quegl'omuncoli chiamati Prodi che hanno svenduto dalla Perugina lla Parmalat in cambio di "considerazione" politica.Il "glande" economista Prodi è nato così.

alfredewinston

Lun, 06/01/2014 - 14:12

se fallisce grillo, non resta che l'opzione militari

Ilgenerale

Lun, 06/01/2014 - 14:36

la grecia ormai e' di proprieta della Germania, solo una guerra potrebbe ripristinare gli equilibri precedenti!

dicoìo

Lun, 06/01/2014 - 14:43

Ma ragioniamo! Dobbiamo risanare il bilancio, avere fiducia nei nostri governanti e soprattutto nell'Europa. «Incrementare» è il Verbo: le tasse, i politici, i dipendenti pubbici, le sovvenzioni, la popolazione (quella straniera, si capisce, visto che le nostre donne scopano ma non partoriscono), indicizzare al debito gli aumenti dell'IVA. Il nostro governo ha dimostrato di essere in questa retta via. Usciremo dalla crisi? Certo, con i piedi in avanti.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 06/01/2014 - 18:24

è troppo tempo che in Europa non c'è guerra e l'UE sta creando le condizioni perchè ve ne scoppi una civile

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Lun, 06/01/2014 - 21:00

Prima o poi finirà anche questa bislacca mania della pace.....

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 07/01/2014 - 00:53

Pur essendo la Grecia in seri guai economici una cosa migliore pare che l'abbia rispetto a noi. L'assenza di MAGISTRATI ROSSI che hanno trasformato ARBITRARIAMENTE IL POTERE GIUDIZIARIO IN UN'ARMA DI LOTTA POLITICA. Almeno sul piano della democrazia la Grecia sta meglio di noi.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 08/01/2014 - 18:58

ilgenerale sai che debito ha la grecia con la germania?