L'appello di Michelle Obama: "Liberate le studentesse nigeriane"

L'appello della first lady: "Barack farà di tutto per rintracciare le ragazze rapite e riportarle a casa"

Nel tradizionale discorso del sabato agli americani Barack Obama lascia spazio a sua moglie Michelle. Il presidente si fa da parte per un accorato appello che la first lady pronuncia a favore delle quasi trecento studentesse nigeriane rapite dal movimento di Boko Haram nella notte tra il 14 e il 15 aprile. Una bruttissima storia di violenza che ha suscitato lo sdegno della comunità internazionale. "Barack ha dato istruzioni al governo perché faccia il possibile per sostenere gli sforzi del governo nigeriano per rintracciare le ragazze e riportarle a casa", ha detto Michelle. "In queste ragazze - ha continuato la first lady - Barack e io vediamo le nostre figlie. Vediamo le loro speranze, i loro sogni e possiamo solo immaginare l’angoscia dei loro genitori".

Genitori che, in alcuni casi, ha riconosciuto Michelle Obama, "erano esitanti nel mandare le loro figlie a scuola, ma hanno preso il rischio, perché volevano dare loro tutte le opportunità per riuscire". E d’altro canto "le stesse ragazze conoscevano bene i rischi che avrebbero potuto correre", ha continuato la moglie del presidente degli Stati Uniti, ricordando come "quanto successo in Nigeria non sia un incidente isolato, è una storia che vediamo ogni giorno in tutto il mondo, con le ragazze che rischiano la vita per perseguire le loro ambizioni".

A tal proposito Michelle ha ricordato Malala Yousafzai, la ragazzina pachistana ferita dai talebani per aver difeso il diritto alla studio delle ragazze: "Il coraggio e la speranza che incarnano Malala e altre come lei nel mondo intero dovrebbero sollecitare all’azione", perché "ad oggi più di 65 milioni di ragazze non hanno accesso alla scuola. L’istruzione è la migliore possibilità che una ragazza abbia per sperare in un luminoso futuro, non solo per sé, ma per la propria famiglia e il proprio paese", ha proseguito Michelle, auspicando che la lezione arrivata dalla Nigeria sia "fonte di ispirazione anche per le ragazze e i ragazzi di questo paese".

La first lady ha concluso il suo discorso invitando a pregare per il ritorno delle ragazze "sane e salve" nelle loro famiglie e invitando a "dare prova di una sola frazione del loro coraggio per batterci affinché sia offerto a ogni ragazza su questo pianeta l’accesso agli studi che è un suo diritto".

Commenti

maricap

Sab, 10/05/2014 - 17:57

Nei commenti all'articolo “Marines in Nigeria per le liceali. Ecco per chi combatte l'America”. Si possono leggere i soliti post messi li dal peggio , del peggio di questa umanità. Dato che non mi riesce tacere, di fronte a tanto scempio della verità, ne tratto uno a caso, ma “ Capisci a me” ahahahahah. Caro Condor. I tuoi scritti si possono leggere, solo nell'ottica del curiosare, di quale farneticazioni è capace una mente malata. Da quando il comunismo, almeno in occidente, ha dichiarato bancarotta, e in Italia la famosa legge 180, ha chiuso i manicomi, gente come te, sentendosi orfana di tutto, viene a sfogare la propria frustrazione, postando sui giornali. Un criminale africano rapisce centinaia di fanciulle, e minaccia di venderle come schiave, e tu dato che l'America ha mandato in quel paese «una squadra» formata da personale militare, esperti di intelligence, tecnici, legali, specialisti in negoziati e assistenza di vittime di rapimenti, come tuo solito, tuoni contro di essa. Veramente per un crimine tanto odioso, sarebbe stato meglio l'intervento dell'ONU,ma se si aspettasse, una decisione di quest'ultimo, quelle adolescenti avrebbero tutto il tempo di diventare schiave adulte, nelle mani dei loro rapitori o compratori. Ma questo, nella tua fobia anti-America, diviene un elemento di secondaria importanza. Detto ciò, e non volendo sprecare altro tempo xxxxxxxxxxxxx, ti mando xxxxxxxxxx cordialmente.

angelomaria

Sab, 10/05/2014 - 18:59

e vi ridiamo la democrazia ITALIANAora capisco il wecan!!!!!

gigetto50

Sab, 10/05/2014 - 22:56

... se Obama invece di appoggiare le primavere arabe che in qualche modo arginavano l'espandersi dell'integralismo islamico anche nel subsahara..forse..chissa'...

silvanes

Dom, 11/05/2014 - 01:05

Facile iniziare una campagna mediatica sulle sfortunate ragazze nigeriane. Tanto per distogliere gli ingenui su ciò che gli USA hanno combinato nel Medio Oriente e stanno combinando in Ucraina. Ma criticare Obama non è politicamente corretto. Siamo tutti ostaggi di questo signore premio Nobel per la pace. Ero filo americano e poi ho aperto gli occhi.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 11/05/2014 - 09:42

Brava, allora prova a dire al maritino che invece di mandare valige pieni di rubli in ucraina per fare un colpo di stato mandi i Marines in Nigeria a liberarle e a spazzare via quella feccia islamica. C'è pure il petrolio in Nigeria, le ragazze sono una buona scusa.......

Ritratto di danutaki

danutaki

Dom, 11/05/2014 - 09:49

Commovente il discorsetto della diversamente bianca !!! Non una parola sulle decine di centinaia di Cristiani massacrati ....sicuramente avevano un basso profitto scolastico !!! Sovvenzionare Boko Haram, inviare poi specialisti a combatterlo, con l'unico vero fine diciucciare petrolio.....questo è "politically correct".... o no ??

Ritratto di danutaki

danutaki

Dom, 11/05/2014 - 10:56

@ maricap....ma di che parla ??? forse di un continente "da bere" in cui la schiavitù delle donne è "cultura" ?? Il "mozzarella" e la sua "commossa" consorte se ne occupano ativamente con l'unico vero obbiettivo di ciucciare petrolio !! Della ragazzine, come dei Cristiani non gliene frega assolutamente niente !! Si prenda una buona camomilla !!

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 11/05/2014 - 11:02

questa qui e' alquanto indigesta quasi quanto il suo falso marito...la nigeria ha uno stato legittimo, che cavolo si intrufolano come al solito in queste cose??? prima fate le porcate tipo primavera araba..poi piangete lacrime di coccodrillo..ps in nigeria c'e petrolio ed uranio se non sbaglio..

Nerone2

Dom, 11/05/2014 - 14:58

maricap... uno psichiatra le farebbe comodo per ottenere la sua sanita' mentale ....

maricap

Gio, 15/05/2014 - 18:18

Quando si leggono le cazzate che scrivono i comunistelli, due sono le cose, o t'incazzi ,o ti metti a ridere. Beh, che volete farci a me questi coglioncelli mettono addosso ilarità ahahahahah. Figli di minus habens, che volevano l'italia come una provincia dell'URSS, ora che hanno fallito in tutto ( L'ideologia rossa, dopo aver procurato nel mondo 200 milioni di morti, come un panetto di burro, gli si è squagliata tra le mani, da decerebrati quali sono, seguitano ad odiare l'America, che gli ha impedito di fare la rivoluzione nel 1948. A Fine guerra i loro genitori, non consegnarono le armi, che gli americani avevano paracadutato per la guerra partigiana, le conservarono per prendere il potere con la Rivoluzione "Dacce er via" dissero a Togliatti, dopo avergli fatto sapere di avere occupato una prefettura, ma quello che pur cinico, fesso non era rispose: "E adesso che ve ne fate" Spiegò poi ai suoi accoliti, che tra i vincitori della guerra, c'erano accordi, per le rispettive zone di influenza,e che qui c'erano ancora i carri armati americani. Buffoni, andate per cicoria, almeno fate qualcosa di utile, senza farvi prendere per il culomb ahahahahah

maricap

Gio, 15/05/2014 - 20:32

Quando si leggono le cazzate che scrivono i comunistelli, due sono le cose, o t'incazzi ,o ti metti a ridere. Beh, che volete farci a me questi coglioncelli mettono addosso ilarità ahahahahah. Figli di minus habens, che volevano l'italia come una provincia dell'URSS, ora che hanno fallito in tutto ( L'ideologia rossa, dopo aver procurato nel mondo 200 milioni di morti, come un panetto di burro, gli si è squagliata tra le mani), da decerebrati quali sono, seguitano ad odiare l'America, che gli ha impedito di fare la rivoluzione nel 1948. A Fine guerra i loro genitori, non consegnarono le armi, che gli americani avevano paracadutato per la guerra partigiana, le conservarono per prendere il potere con la Rivoluzione "Dacce er via" dissero a Togliatti, dopo avergli fatto sapere di avere occupato una prefettura, ma quello che pur cinico, fesso non era rispose: "E adesso che ve ne fate" Spiegò poi ai suoi accoliti, che tra i vincitori della guerra, c'erano accordi, per le rispettive zone di influenza,e che qui c'erano ancora i carri armati americani. Buffoni, andate per cicoria, almeno fate qualcosa di utile, senza farvi prendere per il culomb ahahahahah

maricap

Ven, 16/05/2014 - 08:57

Quando si leggono le cazzate che qui scrivono i comunistelli, due sono le cose, o t'incazzi ,o ti metti a ridere. Beh, che volete farci a me questi coglioncelli mettono addosso ilarità ahahahahah. Figli di minus habens, che volevano l'italia come una provincia dell'URSS, ora che hanno fallito in tutto ( L'ideologia rossa, dopo aver procurato nel mondo 200 milioni di morti, come un panetto di burro, gli si è squagliata tra le mani), da decerebrati quali sono, seguitano ad odiare l'America, che gli ha impedito di fare la rivoluzione nel 1948. A Fine guerra i loro genitori, non consegnarono le armi, che gli americani avevano paracadutato per la guerra partigiana, le conservarono per prendere il potere con la Rivoluzione "Dacce er via" dissero a Togliatti, dopo avergli fatto sapere di avere occupato una prefettura, ma quello che pur cinico, fesso non era rispose: "E adesso che ve ne fate" Spiegò poi ai suoi accoliti, che tra i vincitori della guerra, c'erano accordi, per le rispettive zone di influenza,e che qui c'erano ancora i carri armati americani. Buffoni, andate per cicoria, almeno fate qualcosa di utile, senza farvi prendere per il culomb ahahahahah

maricap

Ven, 16/05/2014 - 09:09

Nerò, nun te vergonà, dillo a tutti quello che t'ha detto er dottore specialista, tu si nato scemo, e un ce gnente da fà, armeno co la medicina. Ma magari se vai a Lourd.... chissà che la Madonna..... Damme retta Nerò, vacce... nun se sa mai, che Maria faccia la grazia anche e te, che sei un comunistello de merd.