Libano, un duplice attacco bomba scuote Tripoli. Almeno 42 le vittime

I veicoli sono esplosi davanti a due moschee della città, mentre i fedeli uscivano dopo la preghiera

Un duplice attacco bomba ha scossa questa mattina Tripoli, la seconda città più importante del Libano, situata nella parte settentrionale del Paese.

Due veicoli riempiti di esplosivo sono stati fatti saltare vicino alle moschee di Taqwa e Salam, mentre i fedeli uscivano dai luoghi di culto, al termine della preghiera del venerdì.

Vicino al luogo della prima esplosione si trova la casa del premier dimissionario Najib Mikati, che al momento non si sarebbe però trovato in casa.

Dove è saltata la seconda autobomba, non lontano dal porto, si trova invece l'abitazione dell'ex capo della polizia Ashraf Rifi. Secondo il quotidiano Naharnet sarebbe rimasto ferito lievemente insieme alla moglie.

Secondo le cifre ufficiali fornite dal ministero della Salute sono 42 le vittime degli attentati, circa 500 i feriti, in quello che è il peggiore attacco in territorio libanese dalla guerra civile che ha sconvolto il Paese dal 1975 al 1990. Già una settimana fa i sobborghi meridionali della capitale Beirut erano stati colpiti. In quel caso i morti erano stati 27.

Hezbollah ha condannato gli attacchi bomba, definendoli "parte di un piano criminale che ha lo scopo di piantare i semi della discordia tra i libanesi, per portarli a combattere sotto il vessillo di confessionalismo e settarismo". La tensione in Libano è di certo aumentata da quanto il partita di Dio ha deciso di scendere in campo insieme agli sciiti iraniani in favore del governo di Damasco, combattendo accanto all'esercito regolare siriano contro l'insurrezione, di matrice prevalentemente sunnita.

twitter @ACortellari

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Ven, 23/08/2013 - 18:34

Hezbollah atto II.

Ritratto di serjoe

serjoe

Ven, 23/08/2013 - 18:36

Invito il Giornale a trovare tutte le dichiarazioni dei vari politici che esprimevano entusiasmo e speranza con le lacrime agli occhi all'avento delle varie primavere arabe.Farne uno scoop e pubblicarle in grassetto per svergognarli davanti all'opinione pubblica.Per il futuro certi imbecilli con funzioni pubbliche sarebbero piu' guardinghi ed intelligenti.Credo che i piu' entusiasti furono quelli di sinistra con l'assistenza dei tromboni Corriere,Ansa,Sole,Stampa, Pacco quotidiano ecc..

angelovf

Ven, 23/08/2013 - 18:57

QUESTI SONO I PAZZI CHE STANNO ANCHE IN CASA NOSTRA,SPERO CHE LA BOLDRINI E LA KIENGE LEGGANO I GIORNALI E NON SOLO PER FARSI RECLAMA SULLE MORTI DELLE DONNE,QUELLA E UN ALTRA LEGGE STUPIDA IL CERVELLO NON E' FACILE DA COMANDARE, CI SARANNO SEMPRE GLI STESSI PROBLEMI.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 25/08/2013 - 10:31

A questo punto si potrebbe proporre un rafforzamento del nostro contingente in Libano. Per aiutare gli hezbollah a dislocare in maniera ottimale i loro missili sul territorio.

lino961

Dom, 25/08/2013 - 10:49

Il ramo nord africano di Al-Qaeda ha già avvisato Hezbollah che ci sarà una vendetta nei loro confronti per gli attentati di Tripoli perché nonostante la condanna di Hezbollah l'Aqmi è sicura che è opera loro l'attentato e piano,piano il Libano tornerà quello che era negli anni '80,un cumulo di macerie e noi seppelliti da altra spazzatura.