Mali, dall'Italia tre aerei e da 15 a 24 istruttori

Il ministro degli Esteri: "Un paese come l’Italia, impegnato nella lotta al terrorismo e per lo sviluppo del Sahel, non può non partecipare alle operazioni"

La crisi in Mali "avrà sicuramente tempi lunghi", ha detto il ministro degli Esteri Giulio Terzi alle commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato. Poi ha ribadito che "senza una piena responsabilizzazione delle forze africane e maliane, difficilmente se ne potrà uscire". L’Italia continuerà "ad operare sul piano diplomatico affinché l’operazione militare in Mali non pregiudichi il dialogo politico", ha assicurato il ministro, che ha ricordato come l’intervento militare francese e africano in Mali (intervento a cui il governo italiano garantisce il sostegno logistico) sia necessario per evitare il dilagare della crisi nel Sahel. Terzi ha quindi sottolineato l’esigenza di riprendere il dialogo con i nomadi Tuareg e "consentire una loro collocazione diversa nella società maliana perché ignorare questo problema è stata una causa del precipitare della situazione". Un intervento della comunità internazionale in Mali è necessario "affinché il paese non affondi irreversibilmente" in uno stato di "paese fallito" come la "Somalia e l’Afghanistan".

L'impegno italiano nel Mali

"Credo che un paese come l’Italia, impegnato non solo nella lotta al terrorismo, ma anche nella stabilità e nello sviluppo del Sahel, non possa non essere parte - seppure limitatamente - di questa operazione" in Mali, ha aggiunto Terzi, ribadendo la decisione del governo di inviare dai 15 ai 24 istruttori sui 450 della missione Ue di addestramento, contenuta nel decreto missioni oggi all’esame della Camera. Con il via libera del Parlamento l’Italia invierà due aerei C-130 e un aereo 727 per il rifornimento in volo, ha precisato il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola. "Si tratterà - ha aggiunto - comunque di un impegno limitato a due o tre mesi".

Commenti
Ritratto di ohm

ohm

Mar, 22/01/2013 - 10:40

Ma farci un pò gli affarinostri, no vero? Abbiamo già i nostri problemi e partecipiamo a guerriglie ? Non sono assolutamente d'accordo.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 22/01/2013 - 10:44

Chi paga?

cgf

Mar, 22/01/2013 - 11:09

TERZI un Paese come il nostro non può avere due suoi servitori intrappolati in un Paese straniero, quando deciderà ad andare in India???

Ritratto di ITALIASETTIMANALE

ITALIASETTIMANALE

Mar, 22/01/2013 - 11:09

grandi questi tecnici i nostri marò marciscono in india e noi continuiamo a mandare soldati in missioni che servono agli altri siamo i servei sciocchi di franci agermani e america.........

Ritratto di emiliobarone1

emiliobarone1

Mar, 22/01/2013 - 11:10

Se non ricordo male come capo del governo, solo Mussolini fece per l'Italia bene come Berlusconi. Come ministro degli esteri, se ricordo bene, meglio di Terzi di Sant'Agata ci fu solo il conte Ciano. In Lombardia invece fecero meglio di Maroni solo le SS, e di Formigoni, solo Vallanzasca.

billyjane

Mar, 22/01/2013 - 11:12

E i costi di questa operazione, ce li possiamo permettere di questi tempi! Se vi fosse un prelievo forzoso dai mega stipendi di ministri, ambasciatori zerbini, presidenti di regioni se ne sarebbe ben guardato quell'incapace di terzi, quarti, ultimi. Poi se ci dovesse cascare il morto in missione, che non se ne dolgano pubblicamente. Non ne vogliamo più di soldati sacrificati in missioni di questo genere.

Ritratto di allecarlo

allecarlo

Mar, 22/01/2013 - 11:30

PACIFINTI Silenzio assordante dei soliti pacifinti sinistrati. Forse perchè a giocare alla guerra sono i prossimi kompagni di Bersanov??? Questi trinariciuti hanno proprio la faccia come il cxxo!! IPOCRITI non vi smentite mai!!

Ritratto di sorrow

sorrow

Mar, 22/01/2013 - 11:34

Scelta sciagurata fu l'intervento in Libia, sgambettando dietro a Sarkosy. Massima iattura è la scelta di andare in Mali. Ma non impariamo mai? Mi chiedo e chiedo a voi: ma il governo tecnico può operare scelte politiche? e di tale gravità? Presidente Napolitano : ci illumini !

maurizio50

Mar, 22/01/2013 - 12:04

Riconfermo la patente di imbecille al ministro Terzi;proprio per le ragioni da lui espresse nella dichiarazione riportata, l'Italia farebbe bene a starsene fuori dall'ennesima avventura fuori confini. Anche perchè con il continuo andirivieni di africani, qui da noi i terroristi possono fare quel che credono. Senza rendere conto al suddetto Terzi.!

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 22/01/2013 - 12:14

il costo di queste operazioni venga indirizzato alla piccola e media industria e fatturato alla francia che come il solito decide sempre interventi a suo piacimento senza mai chiedere l' opinione di quelli cui alla fine vorrebbe inviare il conto: basta e poi basta coi favori da farsi a francia e germania tanto più che son poi loro che distribuiscono armi a tutti questi paesi ed in certi casi anche ai rivoltosi

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 22/01/2013 - 12:21

I NOSTRI SACRIFICI CHE FINE FANNO ? PER QUESTO GLI ITALIANI LI DEFINISCO BABBEI E STOLTI VOTATE E PAGATE METTENDOVI SEMPRE A 90 GRADI DAGLI STESSI CHE HANNO PERMESSO ALLA MASSONERIA INTERNAZIONALE DI COLONIZZARE L'ITALIA E GLI ITALIANI IMPOVERENDOLI E TOGLIENDOGLI LE LIBERTA'. BIMBOMINKIA

giovanni PERINCIOLO

Mar, 22/01/2013 - 12:49

A quale titolo decidono questi "tecnici" del piffero? Perché l'Italia deve mandare militari in Mali e sopratutto perché tale decisione é lasciata a dei tecnici che non rappresentano altro che sé stessi?? Ci pensi frau kulona a mandare le sue di truppe in Mali!

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 22/01/2013 - 13:21

Sicuramente ci pianteremo le radici .Mancano evidentemente alberi da quelle parti.

alberto_his

Mar, 22/01/2013 - 13:24

@gpl_srl@yahoo.it: i motivi di questo intervento, oltre a oro e terre rare, si appellano anche gas, petrolio e uranio. Proprio quest'ultimo, combustibile fondamentale per l'industria francese, ha nel Mali e nel Niger i bacini estrattivi più importanti, dai quali dipende oltre il 30% del fabbisogno transalpino. Si inseriscano opportunamente questi costi nella bolletta energetica. Che lo sappiano gli indomiti nuclearisti nostrani, sempre sensibili al costo del kwh nucleare: anche questo vuol dire investire nell'atomo.

arkangel72

Mar, 22/01/2013 - 13:28

NON VOGLIAMO LA GUERRA CHE PIACE A MONTI!!!

guidode.zolt

Mar, 22/01/2013 - 13:34

Che i tempi saranno lunghi, caro Terzi, lo possiamo prevedere da soli e ce l'hai già fatto capire con la vicenda dei Marò...ma non ho capito perchè dobbiamo intervenire in faccende coloniali francesi...lasciamo che se la sbrighi Hollande; qui oltre a partecipare al soccorso monetario alla Grecia dobbiamo partecipare alle spese di una guerra dei cugini d'oltralpe riportando magari a casa, spero vivamente di no, pure qualche bara...L'unica azione intelligente sarà sostituire la gente inadatta al ruolo nella diplomazia...!

NoSantoro

Mar, 22/01/2013 - 14:03

Se veramente Di Paola ha parlato di un 727 per il rifornimento in volo, siamo senza speranza.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 22/01/2013 - 14:06

@Marforio condivido e se pianteremo le radici manderemo anche i nostri forestali,altrimenti qui non sanno cosa fare.

Ritratto di I£ suddito italiot@

I£ suddito italiot@

Mar, 22/01/2013 - 14:12

un atto di guerra in piena campagna elettorale quando al massimo è consentita l'ordinaria amministrazione... e per cosa,per fare i servitori scodinzolanti degli interessi di usa e francia? ...lotta al terrorismo? ma non facciamo ridere i polli

Ritratto di tinycricket

tinycricket

Mar, 22/01/2013 - 14:14

Ah ah ah loro sono impegnati "nella stabilità e nello sviluppo del Sahel", ma pensino piuttosto alla stabilità e allo sviluppo dell'italia, ché presto faremo parte a tutti gli effetti del terzo mondo.

redarrow

Mar, 22/01/2013 - 14:26

Avvisate Terzi di Santa non so che' che c'e' in atto un colpo di stato in Eritrea! Bisogna intervenire subito. D'altra parte abbiamo ordinato a scatola chiusa 90 f35 (che esplodono se beccano un fulmine) per la modica cifra di 12 miliardi, quindi siamo pronti a tutto!

lucianoserrapilota

Mar, 22/01/2013 - 14:38

I nostri signori????politici si FANNO BELLI con i nostri soldi.A noi ci tolgono ospedali,diritti acquisiti nel corso degli anni e con una economia in crisi aziende che chiudono,disoccupazione alle stelle,scuole fatiscenti e tante altre cose che non funzionano,loro che fanno???spendono miliardi di euro per parteciapare ad una guerra che sicuramente IMPANTANERA' i paetecipanti con dispendio di vite e risorse economiche,altro che sarà di breve durata.Mi meraviglia che ha dirlo sia un ex,ex,ex,ex,ex ammiraglio Di Paola attuale ministro della difesa.Siamo in crisi profonda e perché non far partecipare IN TOTO la grande germania della merkel visto che loro hanno possibilità economiche e poi sono sempre cosi' precisi????Volete la risposta????perché sono molto,ma molto più furbi di noie fino a quando avremo politici di queta pasta siamo FREGATI.Viva Grillo,almeno gli romperà le uova nel paniere

lucianoserrapilota

Mar, 22/01/2013 - 15:12

Noi siamo come il popolo ebreo quando era in schiavitù in Egitto,sottomessi,vessati e la loro vita non contava nulla,speravano in un salvatore.Noi oggi siamo nella medesima situazione(tasse oltre il 50%,ospedali che chiudono ,decidono di andare in guerra,insomma fanno il bello e cattivo tempo.Anche noi speriamo in un salvatore che ci liberi da questi politici DEFICENTI e in un GRANDE ECONOMISTA che ci faccia uscire dalla trappola UE.Noi italiani abbiamo tanti difetti ma non ci perdiamo di animo.Abbiamo inventiva e fantasia a differenza dei popoli nordici e sicuramente ce la caveremmo benissimo.Tutti vogliono mangiare all'italiana,tutti vogliono vestire all'italiana,potremmo fare tanto senza lacci e lacciuoli

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 22/01/2013 - 15:13

Il governo Monti vuole impegnarsi fino all'ultimo partorendo un'ennesima porcheria. Non sono bastati gli interventi precedenti per capire che l'Italia come ritorno si sarebbe trovata una schiera di pseudo rifugiati da mantenere, rifugiati che pesi come la Francia e la Germania si sono rifiutati di spartire, vedendo altresì, da parte della Francia, anche la chiusura delle sue frontiere. Questa massa di "tecnici" ignoranti sono da processare per le porcherie che hanno fatto!

Ritratto di Tsunami Forza5

Tsunami Forza5

Mar, 22/01/2013 - 15:14

basta farsi coinvolgere da storie che non riguardano i nostri interessi nazionali e basta fare i lacchè di usa e francia... i soldi spesi per le missioni all'estero si usino per i pensionati al minimo e per l'edilizia scolastica

silvano45

Mar, 22/01/2013 - 16:00

ma la costituzione prevede che sia un sig.nessuno come monti grilli o terzi a mandare in guerra aerei italiani? sarà contento di paola cosi potra comprare nuoivi inutili aerei viaggare a spese nostre lui e i 2000 generali e ammiragli inutili di questo paese per farsi belli con le ditte produttrici,spero che almeno si controllino gli appalti.......

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 22/01/2013 - 16:13

I nostri parlamentari non hanno nulla da obiettare?

guidode.zolt

Mar, 22/01/2013 - 16:21

Dare una mano alla Francia e fare i benzinai ai loro aerei, affinchè possano mantenere miniere di uranio conquistate nelle loro colonie, permetterà alla Francia di continuare a venderci il prodotto finale, l'energia...! ma poi chi lo dice che sia la diplomazia che decide quando dobbiamo entrare in guerra contro qualcuno, credevo stupidamente, avesse solo un potere consultivo.. E' urgente una consultazione parlamentare per sapere chi si assume la responsabilità di questa decisione!

guidode.zolt

Mar, 22/01/2013 - 16:41

A quando l'emissione di accise sul carburante per coprire i costi dell'intervento in Mali...?

guidode.zolt

Mar, 22/01/2013 - 16:47

Se non sbaglio, questo è un'altro degli articoli abilmente schivati dai soliti sinistroidi, a parte le cazzate scritte da uno che sta soffrendo di solitudine, e, se chi tace acconsente, vuol dire che i sinistroidi sono d'accordo per l'intervento...

maurizio50

Mar, 22/01/2013 - 16:54

Gli imbecilli oggi al governo giocano ai soldatini con la pelle dei nostri soldati ed i soldi degli Italiani. Il vegliardo novantenne che ahinoi siede sul Colle non ha nulla da dire a riguardo? Fino all'altroieri non passava giorno che aprisse bocca, spesso a sproposito anche sul sesso degli angeli. Ora che è il momento di fare un cazziatone agli imbecilli del governo,a fronte di una decisione assurda che ci fa passare per i tirapiedi dei francesi, è diventato muto! In che mani siam messi!!

meloni.bruno@ya...

Mar, 22/01/2013 - 17:13

Chi paga questa operazione,sempre noi Italiani? E il guadagno è uguale a quello della Libia? Cioè gnente!

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mar, 22/01/2013 - 17:13

Emiliobarone, sei un poveraccio che al posto del cervello alla falce ed il martello, in ogni caso un governo dimissionario non dovrebbe prendere certe iniziative se non prima avendo magari consultato il parlamento

Ritratto di volentionolenti

volentionolenti

Mer, 23/01/2013 - 10:43

meloni.bruno@ya...non esiste niente ad ogni azione corrisponde sempre una reazione uguale e contraria.

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Mer, 23/01/2013 - 11:16

@marforio. no. ci rimandano a casa subito dopo che ci hanno usati. vuoi sapere la mia? no? te la dico lo stesso. ovviamente dietro c'e' sempre lui il bassotto, stavolta lo troviamo col caschetto da ingegnere nucleare che stringe accordi col compare sarko'... dice: caro sarko' (slap) noi ti diamo appoggio in mali dove tu hai da rubare l'uranio agli africani e tu (slap) mi svendi 3 centrali sovraprezzo, non importa anche se vecchie e poco sicure tanto io non reggo molto l'importante è la mia fetta... e cosi' oggi noi difendiamo l'uranio francese ma appena difeso ci rimandano a casa perchè se vogliamo l'uranio (sia mai penso io!) ce lo dovremo comperare (dai francesi!).

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mer, 23/01/2013 - 11:49

te pareva che gpl non nominava la sua amata Germania?