Monti all'Onu: "Ue cruciale per la ripresa globale"

Monti parla all'assemblea generale dell'Onu: "L'Italia continuerà a fare la sua parte nella gestione delle crisi, nel peace-keeping e nelle missioni di stabilizzazione"

"L'Italia darà un contributo agli sforzi di rivitalizzare questa assemblea migliorandone il ruolo e l'efficienza. Oggi più che mai il mondo ha bisogno delle Nazioni unite e la riforma del Consiglio di sicurezza è l'elemento chiave". Lo ha detto il premier Mario Monti intervenuto all'assemblea generale dell'Onu. Il presidente del Consiglio sottolinea che occorre "una riforma equa del Consiglio" ispirata alla logica del "trasferimento dei poteri alle regioni". Poi sottolinea che avere "più Europa" è nell'interesse del mondo".

"L’instabilità nel Mediterraneo colpisce la nostra stessa sicurezza - ha osservato Monti - ed i conflitti e le
rivolte sociali sulle sponde meridionali si estendono alle nostre coste". Il premier ha dunque sottolineato "i
cambiamenti storici" che stanno avvenendo nelle regioni del Mediterraneo e come l’Italia "sia stata a fianco
della gente araba nella loro ricerca di giustizia e democrazia". Secondo Monti, anche se la primavera araba
"ha attraversato delle difficoltà, ha anche ottenuto una serie di traguardi importanti. Niente è facile - ha detto
- ma niente è impossibile".
"L'intolleranza deve essere isolata. Diritti dignità e opportunità devono essere offerti a ogni membro delle nostre società, soprattutto alle minoranze e alle donne". Per l'Italia è una priorità "proteggere i diritti umani".

"Nei mesi scorsi - ha spiegato il premier italiano - ci siamo impegnati con i nuovi leader di queste nazioni ed ho trovato in loro un forte impegno che ispira speranza. Sia a livello bilaterale sia attraverso l’Unione europea "stiamo
offrendo un supporto concreto ai loro nuovi governi per assisterli nella ripresa, per definire politiche
commerciali a vantaggio comune, per favorire uno sviluppo economico e per promuovere la stabilità in tutta
la regione".
Anche la situazione nello Sahel "è motivo di grande preoccupazione e tra le principali priorità
dell’Italia", ha rimarcato Monti affermando che non si può lasciare deteriorare ulteriormente la situazione è
che l’Italia continuerà a fare la sua parte.

In un passaggio del suo intervento Monti ha parlato anche della guerra in Siria: "L’Italia sostiene pienamente la missione del nuovo Rappresentante speciale per la Siria e chiede con forza al Consiglio di sicurezza di superare lo stallo che impedisce l’adozione di una efficace azione internazionale". Per mettere fine "ai massacri in corso e alle massicce violazioni dei diritti umani in Siria", sono necessari "buona fede e buona volontà". "La storia non sarà clemente nel giudicare coloro che hanno delle responsabilità", ha detto ancora il premier.

Commenti
Ritratto di stock47

stock47

Mer, 26/09/2012 - 23:21

No! Il Mondo ha bisogno di singoli Stati Nazionali sovrani che rispettino i trattati di diritto internazionale. La confusione che prospetta Monti, di un ammucchiata di Stati senza identità, è proprio ciò che ci sta facendo affondare come popoli e culture. Monti vuole il dissolvimento dell'Italia, proprio come gli dettano le sue conoscenze di banchieri e speculatori privati internazionali.

marcomasiero

Gio, 27/09/2012 - 00:15

... eccolo là ... ora pontifica da ogni pulpito ... sparando banalità ...!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 27/09/2012 - 01:19

Anziché riempirsi la bocca con discorsi inutili sulle sorti dell'ONU si preoccupi di certa magistratura che sta uccidendo la DEMOCRAZIA e la COSTITUZIONE del nostro paese.

Mazma

Gio, 27/09/2012 - 05:03

Caro Monti, hai detto: per l'Italia ė una priorità "proteggere i diritti umani" , lo spieghi tu a Sallusti ?

ilsignorrossi

Gio, 27/09/2012 - 08:00

monti e basta con queste caz...e

Ritratto di lettore57

lettore57

Gio, 27/09/2012 - 08:55

che pena quest'uomo

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 27/09/2012 - 09:23

D'accordo con #stock47# in toto!La "libertà",non passa attraverso ammucchiate internazionali,globalizzazione,tutte operazioni care alla finanza, alla manipolazione virtuale,sganciate dalla storia,dalle tradizioni locali,con immigrazioni scatenate,parole come "multiculturalismo",usate come grimaldello,virus devastante,delle identità locali. Monti & soci,vogliono distruggere queste identità,questa "bio-diversività" naturale,a vantaggio di uno sterminato ZOO!!

LOUITALY

Gio, 27/09/2012 - 09:37

MONTI GOLPISTA come il presidnete iRANIANO forse anche peggio

m.m.f

Gio, 27/09/2012 - 09:44

fino a che l'europa continuerà a essere un insieme di paesi indebitati fino al collo,che non hanno mai investito nulla ma hanno solo sperperato le finanze pubbliche ,dalla crisi non si uscirà mai. i debiti vanno pagati e ci vorranno anni e anni prima che questo avvenga.......

Ritratto di Mariador

Mariador

Gio, 27/09/2012 - 09:53

Il punto di non ritorno è oltrepassato. Il Dies Irae è prossimo. Buona fortuna a tutti.

cgf

Gio, 27/09/2012 - 10:38

negli USA i giornali si chiedono come può essere rappresentata l'Italia da un Primo Ministro non eletto, caro Monti la tua credibilità è pari a zero, dove sono quelli che incolpavano Berlusconi di dare una brutta immagine del Paese? Poi ci hanno pensato i giudici di UNA ALTA CORTE a sancire che la DEMOCRAZIA NON ESISTE IN ITALIA, se usciremo dal G7, UE, ONU non cerchiamo falsi colpevoli, sappiamo già chi sono.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 27/09/2012 - 12:06

Quando ci renderemo conto che l'onu è un carrozzone totalmente inutile, anzi dannoso, oltre che enormemente costoso? Quando la pianteremo di buttar via i soldi dei contribuenti per mantenere questo abominio, questa caricatura, che serve solo a fare arricchire una pletora di funzionari? BASTA!!!

alberto_his

Gio, 27/09/2012 - 12:10

@m.m.f.: il debito è impagabile per come è viene generato (carta vs titoli di stato a interesse); tramite il debito e con la complicità di una classe politica ricattata e collusa si controllano e indirizzano le politiche economiche e sociali degli stati. Con BCE e trattato di Lisbona gli stati hanno abdicato la sovranità in favore di elite tecnocratiche non elette. Il commissionamento dell'Italia ha scoperto il gioco, fino ad oggi nascosto dal paravento di politici-burattini: da noi questi si sono rivelati troppo inetti e ingordi per lasciarli fare da soli e sono stati sostiuiti da un agente (liberamente sostenuto dai politici di cui sopra) diretta espressione degli strozzini. Concordo sullo sperpero di risorse pubbliche, motivo per cui (insieme al tradimento della sovranità) la classe dirigente nazionale dovrebbe essere processata. L'articolo cita anche posizioni di politica estera che ci troviamo obtorto collo a dover accettare, pure contro il nostro interesse; conseguenza in parte di quanto detto sopra, in parte del fatto che siamo colonia.

Willy Mz

Gio, 27/09/2012 - 12:10

l'unica soluzione è uscire dall'euro! vorrei proprio capire gli interessi privati del professorone che continua a menarla con sta unità dell'europa. a noi va già stretta l'unità d'italia!

churchill

Gio, 27/09/2012 - 14:14

Stock47 concordo pienamente. Lo scopo di Monti, Barroso, Van Rumpoy, Obama, Ban-ki-moon etc. etc. é di annullare lo stato nazionale e di creare un governo mondiale incui comandano tutto loro insieme ai finanzieri supportati dai media che indottrinano e fiaccano i popoli. Va notato che la libera circolazione delle persone in Europa, l'allargamento a oltranza dei membri e l'incitamento all'immigrazione nella UE (sopratutto quella musulmana) di chiunque sono misure atte a diluire gli stati e le culture nazionali. Non devono passare! Sono i cittadini a dover decidere del loro destino e delle loro nazioni non questi ologarchi globali e sovente non eletti.