Obama denuncia S&P: "Sopravvalutò i bond che causarono la crisi"

Il dipartimento di Giustizia in causa contro l'agenzia di rating. S&P potrebbe pagare almeno 5 miliardi di dollari

Si mette male per Standard & Poor's. L'amministrazione Obama ha deciso infatti di presentare una causa civile contro l'agenzia di rating per almeno 5 miliardi di dollari.

A far scattare la denuncia è stata l'ipotesi di aver sopravvalutato - ignorando i propri standard - alcuni titoli immobiliari, contribuendo in maniera determinante a scatenare la crisi dei mutui subprime nel 2008 e provocando di fatto costi per miliardi di dollari agli investitori.

Come riporta il Wall Street Journal, la causa è stata intentata dal procuratore generale di New York, Eric Holder. Vari procuratori di altri stati dovrebbero unirsi al procedimento legale. S&P, però, ribatte che l’azione del governo "è del tutto senza fondamenta fattuali o merito legale" e sostiene di essere accusato di "non avere previsto" il collasso del mercato immobiliare o la crisi finanziaria.

Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mar, 05/02/2013 - 19:06

Mossa tardiva, per salvare la faccia

aredo

Mar, 05/02/2013 - 19:38

Da ridere. Dietro a tutta l'operazione dei banchieri ci sono i Democratici, la sinistra Internazionale Socialista, Barack Hussein Obama con gli islamici ed i Kennedy. Che massa di ipocriti pagliacci.

Ritratto di pasquineddu

pasquineddu

Mar, 05/02/2013 - 19:43

AAA bravo Obama, fagli il k...o!! sono un branco di figli di BBB uttana, ricordiamoci delle valutazioni parmalat, devono sparire!!

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 05/02/2013 - 19:54

FA ridere i polli.A me personalmente fa rabbia che gli americani si siano fatti infinocchiare da questo amico dei finocchi.Si sa ora che il 70 per cento degli hispano hanno votato a favore di coppie gay , amnistia , e' una rimanenza suvvenzionata a carico del ceto medio.Chissa come si comporteranno i repubblicani.

MMARTILA

Mar, 05/02/2013 - 19:55

mvasconi : Confermo. La situazione è così fatta: gli Stati Uniti hanno intossicato il mondo con i titoli spazzatura, parcellizzandoli all'interno di pacchetti avariati. Tutti quanti ne abbiamo pagato le conseguenze ed ora il nefasto Obama fa causa e se vince i soldi li prende lui...che bel giochino hanno messo in piedi. Chissà perché all'epoca se n'è stato zitto e mosca.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mar, 05/02/2013 - 19:56

S'è svegliato presto.

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 05/02/2013 - 20:10

Standard & Poor's è l'agenzia di rating sorella dell'altra agenzia di rating MOODY'S di cui Monti è 'Senior Member'. Se per Obama le agenzie di rating sono responsabili della crisi mondiale, Monti facendo parte della simile gang è da considerare pure responsabile.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 05/02/2013 - 20:23

che li condannino lo stesso e facciano in modo che sia inequivocabilmente riconducibile ogni titolo o pezzatto di azione ad un singolo proprietario! in modo che chi investe sa a chi da i soldi e in che condizioni versa. mica che le azioni di una banca crescono perchè ha dei crediti o una finanziaria faccia obbligazioni con azioni della banca e di aziende piene di crediti senza valore.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mar, 05/02/2013 - 20:37

Ma allora "l'abbronzato che sta rovinando l'America" la pensa come tutti gli elettori del nostro vate e cioe' che S&P dopo aver declassato l’Italia del vate e' al servizio della grande speculazione finanziaria. Pero'...chi era il grande sostenitore della finanza speculativa che ha dato il suo assenso ai mutui subprime spalleggiato da S&P? Bush forse? E di chi era amico Bush? Del nostro vate forse? E il nostro vate non e' pure lui un campione della grande finanza essendo lui proprietario di aziende e banche quotate in borsa? Morale della favola: decidetevi babbei.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mar, 05/02/2013 - 20:37

Ma allora "l'abbronzato che sta rovinando l'America" la pensa come tutti gli elettori del nostro vate e cioe' che S&P dopo aver declassato l’Italia del vate e' al servizio della grande speculazione finanziaria. Pero'...chi era il grande sostenitore della finanza speculativa che ha dato il suo assenso ai mutui subprime spalleggiato da S&P? Bush forse? E di chi era amico Bush? Del nostro vate forse? E il nostro vate non e' pure lui un campione della grande finanza essendo lui proprietario di aziende e banche quotate in borsa? Morale della favola: decidetevi cretini.

benny.manocchia

Mar, 05/02/2013 - 21:06

Anni fa Obama difendeva S&P:se attaccano gli europei - disse - vuol dire che gli europei non rispettano le regole.Boomerang caro Barack.E fa male.Vero? Un italiano in USA

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mar, 05/02/2013 - 21:10

Obama sulle orme della procura di Trani...

billyjane

Mar, 05/02/2013 - 21:23

Ma davvero, io quasi ultima casalinga del secolo, sono stata più lungimirante di tutti i santoni della finanza. Non ho mai creduto a questi burattinai che han manovrato i fili di tutte le marionette, anche nostrane, che han la faccia tosta di farsi nominare salvatrici della patria. mi vien proprio da ridere....buffoni, banditi. E se ci fosse qualcuno lassù, battesse un colpo.

Silviovimangiatutti

Mar, 05/02/2013 - 21:27

L'importante è che paghino così la prossima volta stanno più attenti.

Ritratto di unLuca

unLuca

Mar, 05/02/2013 - 21:40

Non sono gli stessi che attribuendo i rating modificano gli spread?

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 05/02/2013 - 21:46

Se Obama denuncia Standard & Poor's l'agenzia di rating dovrà denunciare anche Moody's l'altra agenzia di rating di cui il nostro..vostro Monti è senior member.Se le agenzie di rating sono organizzazioni criminali responsabile della crisi mondiale, i membri di tali organizzazioni senior o non senior, sono dei criminali a loro volta, ergo.....

#marcok@

Mar, 05/02/2013 - 22:10

Lo dovremmo fare pure noi, ma per il quadruplo, visto che gli Italiani veri risparmiatori sono i meno INDEBITATI con le BANCHE, e l'85% è proprietario della propria casa, e i rischi che ci hanno propinato erano solo specchietti per le allodole per succhiarci i nostri sudati risparmi solo per salvare le BANCHE FRANCESI E TEDESCHE. VILI DISONESTI Monti e la sua cricca dell'amica Merkel e lo sparito Sarkosy.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mar, 05/02/2013 - 22:19

Gli Sati Uniti avranno tutti i difetti di questo mondo ma un pregio ce l'hanno: chi, agendo da posizioni di potere o in grado di influenzare i mercati, l'economia, il popolo americano, danneggia la Nazione... prima o poi la paga. Le agenzie di rating hanno rimestato nel torbido evidentemente dirette e istruite da chi da tali mistificazioni (sapendolo in anticipo) ha lucrato, prima e dopo lo scoppio della crisi (anzi, proprio grazie ad essa), enormi e sporchi guadagni sulla pelle dell'uomo di tutte le strade del mondo. A chi sfrutta la propria influenza, visibilità, potere delegato (dal popolo, nel nostro caso) per manipolare la realtà a proprio esclusivo vantaggio (ovvero della parte o delle parti a cui deve "rispondere") DEVE essere prima o poi presentato il conto. Tanto per fare un esempio, sarebbe come se in uno Stato (che si crede e dovrebbe essere fondato sulla democrazia che caratterizza una Repubblica) la speculazione internazionale si associasse e si accordasse con una parte politica, che controlla "le piazze-l'informazione-la giustizia", per rovesciare un governo regolarmente eletto e (anche alle spalle della parte politica "associata", che tanto è resa cieca dalla sua stessa sete di potere - di okkupazione del Parlamento) dissanguare, smontare, acquistare in saldo i beni, le proprietà, le aziende, il futuro del popolo di quello Stato. Se in quello Stato NON ESISTE un “Dipartimento di Giustizia” come quello americano, se (anzi) addirittura la giustizia di quello Stato insieme al suo presidente è una delle primarie e più ingerenti pedine della suddetta “associazione”… chi potrebbe mettere alla sbarra e denunciare detta “associazione”? Se poi, sempre per fare un esempio, altri stati di un’ipotetica quanto fittizia “unione” di cui fa parte quello Stato artificiosamente destabilizzato, approfittassero dell’occasione per soffiare segretamente (ma nemmeno tanto segretamente…) sul fuoco e “accelerare” la morte dello scomodo e pericoloso concorrente, chi rimarrebbe come ultimo baluardo per fermare ed evitare l’esecuzione della condanna a morte? RIMANE SOLO IL POPOLO, i milioni di cittadini sulla cui pelle questo gioco al massacro è stato freddamente programmato ed attuato. E il Popolo, i Cittadini hanno solo due strade percorribili: o si svegliano e alla prima occasione danno tutti i loro voti all’unica parte politica che si può opporre a tutto questo (e che è stata essa stessa la prima vittima di questo disegno eversivo), oppure prima o poi non avrà altra via di uscita di cancellare (se non sarà ormai troppo tardi) quella finta democrazia e attuare “rivoluzioni” sociali che per vedere una cosa fatta e decisa non necessiteranno di 3 passaggi parlamentari controllati da politici corrotti, venduti e “di professione” che non hanno mai lavorato davvero un solo giorno della loro vita e non sanno in quale vita reale noi siamo condannati (da loro) a vivere. E’ solo un esempio…. Naturalmente.

Gaby

Mar, 05/02/2013 - 22:43

Le cosiddette Agenzie di Annotazione sono tra le principali cause della crisi mondiale. Che paghino le conseguenze!!! E pure i loro servitori come Monti.

ortensia

Mar, 05/02/2013 - 23:31

Perche' solo S/P che declasso' a suo tempo il debito del governo americano? E Moody’s e Fitch?

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 06/02/2013 - 00:47

tanti altri posti di lavoro persi, poveri americani sempre più vicini alla Grecia, ma almeno loro possono ancora stampare soldi.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 06/02/2013 - 00:50

Osama fa causa alla Standard & Poors. NOI INVECE DOVREMMO FARE CAUSA A MONTI PER I DANNI CHE HA PROVOCATO AL NOSTRO PAESE.

rancarani.giacinto

Mer, 06/02/2013 - 08:17

Leggendo i Vostri commenti, si deduce che anche rigormorti fà parte di quella congrega di brave persone, e il furbetto si candida per governarci? Sembrava così una brava personcina, poi la politica e il potere lo ha rovinato, o forse era già un rovinato. Cordialità

Ritratto di unLuca

unLuca

Mer, 06/02/2013 - 09:30

Agenzie di rating che devono quotare titoli nei quali investono .......................

ilPavo

Mer, 06/02/2013 - 10:16

Il rating non può essere in mano a società private. Il sistema va cambiato profondamente e se questo è il primo passo verso un ridimensionamento del potere di queste società, ben venga.

gcf48

Mer, 06/02/2013 - 11:11

alenovelli per lei ogni occasione è buona per dare contro a berlusconi. occhio che sta arrivando una ondata di gelo. si prepari a dare la colpa a berlusconi.

gcf48

Mer, 06/02/2013 - 11:18

alenovelli per lei ogni occasione è buona per dare contro a berlusconi. occhio che sta arrivando una ondata di gelo. si prepari a dare la colpa a berlusconi.

Marcello.Oltolina

Mer, 06/02/2013 - 13:15

Bravo Obama, così si comporta un vero presidente, mica il nostro.

agosvac

Mer, 06/02/2013 - 13:24

Quando la procura di Trani mise sotto inchiesta le agenzie di rating feci notare che era un'iniziativa encomiabile ma destinata al niente assoluto perchè non coinvolgeva i Governi. Ora si comincia a ragionare!!! Non è più una procura di periferia a mettere sotto inchiesta la S&P, bensì gli Usa, il che cambia decisamente le cose. Se solo i Governi dell'Ue si decidessero a fare la stessa cosa, finalmente ci potremmo liberare di questi delinguenti che sotto istigazione della finanza internazionale stanno mettendo a soqquadro le borse di tutto il mondo!!!!!

agosvac

Mer, 06/02/2013 - 13:26

Egregio mvasconi, non è una mossa tardiva visto che dietro ci sono più di tre anni di accurate indagini. E non è neanche per salvare la faccia visto che si richiede un risarcimento danni di 5 miliardi di dollari!!!!!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 06/02/2013 - 14:50

Obama non e' coinvolto in questo. la macchina burocratica federale tramite i procuratori passa all'attacco per recuperare tutto cio' che puo'. Adesso sulla graticola e' finita s&p io non scommetto un centesimo sul fatto che riescano ad uscirne indenni.

Ritratto di il bona

il bona

Mer, 06/02/2013 - 14:59

Ma non era colpa di Bush? O faceva comodo in campagna elettorale?

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mer, 06/02/2013 - 15:46

@ gcf48 - la verita' fa male, eh? L'ondata di gelo? Nei suoi sogni.

gcf48

Mer, 06/02/2013 - 17:00

alenovelli: vedrà se non viene freddo altroche sogni. poi veramente non capisco il suo antiberlusconismo viscerale. il fredddo era per dire piove governo ladro. in questo caso per lei è berlusconi ladro. si prenda un po' di vacanza e una camomilla

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 07/02/2013 - 07:45

anche l' italia dovrebbe far causa alle case di rating USA perche loro hanno falsato tutti i risultati europei degli ultimi cinque anni