Qualcuno fermi l'attacco alla Siria: sarebbe il suicidio dell'Occidente

Il sonno dei "pacifinti": nessuno si oppone a questa guerra. Ma l'America sta sbagliando bersaglio

Speriamo che non succeda mai. Più che una guerra sarebbe il suicidio dell'Occidente in Siria. Quali paradossi, ipocrisie e assurdità! A cominciare dal fatto che a scatenarla sarebbe il primo Premio Nobel alle intenzioni, un attestato di uomo della pace conferito a Obama a soli 9 mesi dalla sua elezione a prescindere dalle sue azioni. Poi la motivazione alquanto dubbia, visto che esistono le prove che le testate chimiche sarebbero state lanciate dai terroristi islamici e non dall'Esercito che, piaccia o meno, rappresenta la legalità e ha il dovere di difendere lo Stato. Infine lo scopo: come è possibile che dopo aver toccato con mano in Tunisia, Libia e Egitto le conseguenze tragiche dell'avvento al potere dei Fratelli Musulmani sostenuti dai Salafiti e fiancheggiati da Al Qaida, l'Occidente in Siria si ostini a voler portare al potere la stessa triade di fanatici islamici che in due anni hanno provocato la distruzione del Paese, oltre 80 mila morti (di cui la metà soldati) e 2 milioni di sfollati (di cui la metà bambini)?

Per fortuna che c'è la Russia di Putin che, a differenza dei governanti liquidatori della civiltà occidentale, ha chiaro in testa che la priorità deve essere la sconfitta del terrorismo islamico ovunque nel mondo, così come ha una ferma concezione sulla stabilità e la sicurezza della Siria e del Medio Oriente. Persino Israele tentenna sul da farsi presa nella morsa tra il nemico storico, la dittatura laica di Assad che ha partecipato alle guerre anche se successivamente ha garantito la tregua alla frontiera, e il nemico dichiarato, il terrorismo islamico che proclama pubblicamente la volontà di cancellare lo Stato ebraico dalla carta geografica.

Obama è riuscito a far odiare gli Stati Uniti sia dai laici sia dagli islamici. È incredibile come, da un lato, dopo aver aiutato finanziariamente, politicamente e talvolta anche militarmente sia i governi al potere sia gli oppositori interni, oggi gli americani vengano additati dagli uni e dagli altri come i nemici della democrazia e i sostenitori dei terroristi o dei dittatori.

La verità è che l'Occidente non è più credibile né come autorità politica, per il venir meno della bontà del suo modello di civiltà di fronte alla sfida della globalizzazione, né come autorità morale per il comportamento assunto nelle guerre dei Balcani, in Afghanistan, Iraq e Libia, dove è stato accertato l'uso di testate a uranio impoverito che anche in Italia ha provocato, secondo l'Associazione Vittime Uranio, la morte di 216 nostri soldati per tumore e la contaminazione di altri 2500.

Speriamo che in extremis prevalgano la ragione e il sano amor proprio! Questo è il momento in cui l'Occidente potrebbe imporre delle severe condizioni a Assad in cambio della salvaguardia dello Stato laico, favorendo l'inclusione solo degli oppositori che rispettano i diritti fondamentali della persona e condividono i valori che sostanziano la democrazia a partire dalla pacifica alternanza al potere, il che esclude tutti coloro che strumentalizzano la democrazia per imprre la sharia, la legge coranica. Se viceversa Obama, Cameron e la Ashton dovessero commettere la follia dell'intervento armato, significherebbe che hanno deciso di gettare nel baratro la Siria, così come è già successo in Iraq, per favorire l'interesse delle multinazionali delle armi, del petrolio, della finanza speculativa e della ricostruzione.

Tra parentesi che fine hanno fatto i pacifinti che hanno gremito le piazze d'Italia per dire no alle guerre nei Balcani, in Afghanistan e in Iraq, quando si trattava di denunciare gli «sporchi interessi dei guerrafondai a stelle e strisce», mentre risultano latitanti da quando si è dato in pasto all'opinione pubblica la menzogna mediatica della «Primavera araba»? Se sono ancora in ferie beati loro, ma qualcuno li avvisi che gli stessi odiatissimi guerrafondai si apprestano ad attaccare la Siria. Ebbene se non assisteremo a manifestazioni oceaniche dovremo prendere atto che i pacifinti che hanno sostituito il tricolore con la bandiera arcobaleno del globalismo, multiculturalismo, immigrazionismo e relativismo, sposano anche la causa dell'islamismo.

twitter@magdicristiano

Commenti

gisabani

Lun, 26/08/2013 - 09:46

Come dire "caro Occidente non attaccare Assad e lascialo continuare a massacrare il tuo popolo finche' e' musulmano". Ringraziamo il Signore che questo fautore dell'odio non ha mai fatto strada da nessuna parte..e mai ascoltato da nessuno.. figuriamoci da Obama.

ben39

Lun, 26/08/2013 - 09:55

Senza considerare per un momento l'aspetto futuristico e profetico degli avvenimenti in corso in medio oriente che porterebbero all'apocalittica Armagheddon e all'avvento della Monarchia Divina sulla terra, ritengo utile rammentare che per ora gli USA di Obama sono ancora paragonabili in forza militare, economica e politica, all'Impero Romano non ancora in declino, e la Russia non reggerebbe un confronto bellico...

eolo121

Lun, 26/08/2013 - 09:55

portare la democrazia nei paesi arabi esportando il modello occidentale è un assurdità infatti.. la primavera araba è già un fiasco basta guardare la libia sotto casa.. per non parlare della polveriera egitto. ... tunisia a pochi km dall italia un caos

Giorgio5819

Lun, 26/08/2013 - 10:02

Mi sbaglio o anche l'abbronzato americano e' un po' sinistro? Per quel che riguarda i pacifinti, sono una razza particolare in continua espansione, figli dell'ignoranza e della superficialità . Una bella offensiva generale contro gli estremisti islamici non sarebbe male, in fondo si tratterebbe di legittima difesa, niente di cosi' osceno, solo il diritto di ripulire il mondo dal fanatismo.

giorgiandr

Lun, 26/08/2013 - 10:04

caro gisabani, il tuo è lo stesso discorso che i pacifinti facevano a proprosito dell'Iraq e della relativa popolazione...

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Lun, 26/08/2013 - 10:05

Il premio Nobel Barak Kalergi Obama, farà le giuste cose per mettere in difficoltà l'Europa e fare gli sporchi interessi dei ricchi americani. Purtroppo i nostri pacifinti, buonisti Obamiani Boldriniani,hanno effettive difficoltà a leggere la realtà.Dopo aver voluto al potere dei fanatici, in tutto il nord Africa, aspettiamo di ascoltare le prossime stronzate che diranno e che comunque, saranno volte a favorire gli interessi americani, di potenze petrolifere medio orientali o di fanatici e a mettere in difficoltà il nostro paese. I bombardamenti in Libia,la perdita di contratti energetici , le ondate migratorie insegnano.Intanto dai nostri politici...il silenzio....ma a questi ignavi,non passa per la testa che ci potrebbe esserci un disegno o qualche fregatura per il nostro paese? No, qui di politica estera si parla del Monopoli,si lasciamo marcire in India due nostri militari, si lascia rapire una donna e una bambina per proteggere un losco figuro.Non facciamo i nostri interessi in campo energetico,ma non vogliamo il nucleare,forse gli unici al mondo, perchè "fa figo" Forse è giunto il tempo di non ascoltare più questa gentaglia.

Nadia Vouch

Lun, 26/08/2013 - 10:08

Penso anch'io che un nostro intervento militare là sia un suicidio.

gian paolo cardelli

Lun, 26/08/2013 - 10:08

Detronizzare Assad significa consegnare la Siria all'integralismo islamico, cioè al nemico giurato dell'Occidente; Obama si sta dimostrando quello che era già chiaro al momento della sua elezione: un incapace peggio di Carter. Ah: lasciamo perdere lo "uranio impoverito", visto che i nostri soldati sono morti per colpa del benzene contenuto nei solventi prodotti in Italia con cui devono pulire le armi; la colpa al DU è stata architettata ad arte per coprire le NOSTRE colpe, e nulla di più.

Tiz

Lun, 26/08/2013 - 10:21

State dando ragione ad un comunista ex KGB e torto agli USA e Inghilterra? Non credo ai miei occhi. Vi siete buttati a sinistra.

TruthWarrior1

Lun, 26/08/2013 - 10:27

Concordo pienamente con la sua analisi sig. Allam. Il motivo è che siamo davanti ad una situazione che sfuggirà subito di mano e che porterà a conseguenze disastrose per tutto il mondo. In sintesi, abbiamo la ricetta per l'inizio della Terza Guerra mondiale se i non adetti ai lavori non abbiano già capito questo. Tragicamente, l'Occidente s'è alleato con la parte sbagliata e pagherà cara il suo interventismo schizofrenico. @ ben39, dico non ti illudere della presunta superiorità militare Americana, la Russia e la Cina oggi sono in grado di disporre di uno strumento bellico in molti campi superiore a quello stelle e strisce. E poi hanno i numeri. Ti vuoi mettere contro 1.2 miliardi di Cinesi e 160 milioni di Russi? Il fatto sta che l'America è in pieno declino e non fa più paura a nessuno. Un esempio, che ha fatto gli USA in Afganistan contro i scalzi tribali Pashtun armati con fucili dell'inizio 900?

albertzanna

Lun, 26/08/2013 - 10:31

Non sono mai stato un grande estimatore del Magdi Allam ex mussulmano ed ora cristiano per interesse, di cassa e di amicizie altolocate, ma ciò che scrive è esattamente ciò che anch'io penso ed ho sempre dichiarato, fin da quando, nel 1970, Gaddafi espulse gli italiani dalla Libya ma, con buona pace di chi sostiene che agì per vendicare gli abusi perpetrati dai colonialisti in genere, italiani nel particolare, non espulse gli americani, che in Libya avevano una delle basi aeree più grandi fra quelle loro sparse nel globo, e gli inglesi, entrambi funzionali al mare di soldi che il petrolio libico iniziò a fare affluire nelle tasche senza fondo, sue e della sua famelica e depravata famiglia, e funzionali al consolidamento del suo potere, che poi la storia ci ha insegnato, dimostrò essere fra le peggiori dittature che un popolo africano dovette subire. Magdi Allam cita ciò che oggi sta determinando gli stravolgimenti, tragici, che abbiamo sotto gli occhi particolarmente in Italia: gli interessi delle multinazionali delle armi, del petrolio, della finanza speculativa e della ricostruzione. Se qualcuno, che legga queste righe e abbia letto l'articolo di Allam, vince la pigrizia mentale a fare funzionare le famose celluline grigie, riconoscerà i profili dei personaggi, che fanno parte di certo gotha speculativo internazionale, quello stesso che ha imposto Monti come sicuro messia del governo italiano nel 2011, e che nel suo fallimento ha la riprova, Monti che è unicamente rappresentante di certi organismi come Bilderberg, Trilateral, CFR, banche d'affari ecc. che stanno tentando di imporre un nuovo governo mondiale, di cui la comunità europea, con la dittatura dell'euroburocrazia, deve essere il primo passo e nella creazione dell'Eurabia il secondo passo, con l'ingresso della legge islamica che deve togliere ai singoli stati, e cittadini, la possibilità di scegliersi i governi attraverso le libere elezioni, con l'imposizione degli uomini forti da parte del partito sovrannazionale della fratellanza mussulmana. Sarebbe bene che questo articolo venisse copiato e stampato, e messo bene in vista innanzi agli occhi miopi dei governanti, soprattutto a quelli di sinistra, che nella religione assolutista della sharia islamica trovano la perfetta riedizione della ideologia comunista ortodossa, marxista leninista, cioè la dittatura di pochi autoeletti che devono avere nelle mani il destino di miliardi esseri umani che devono essere tenuti nella più assoluta ignoranza di cosa sia la democrazia, la libertà e l'uso del libero arbitrio. Albert

gian paolo cardelli

Lun, 26/08/2013 - 10:31

Tiz, no: stiamo dando ragione al buon senso, elemento che latita alla Casa Bianca quando dentro ci stanno i Democratici.

Holmert

Lun, 26/08/2013 - 10:32

Obama si illuse di dare un sistema democratico ai paesi del nord Africa. Fu chiamata primavera araba, con nome altisonante. Allo stato attuale quella primavera si è rivelata una ciofeca pazzesca. Appena i fratelli musulmani hanno messo mano al sistema di governo, l'Egitto è caduto in una crisi economica paurosa. Poco a poco l'Egitto, stato abbastanza laico, stava tornando sotto l'oscurantismo fondamentalista dei fratelli musulmani. Strage di cristiani copti, chiese bruciate e devastate, obbligo del chador per le donne e quant'altro, nella tradizione islamica. E quali vantaggi ci ha portato la caduta di Gheddafi? L'invasione del Mediterraneo e l'invasione di disperati di ogni risma, sulle nostre coste. Ora l'uomo abbronzato d'America, sta pensando insieme agli inglesi di continuare nel madornale errore, e vuole attaccare bum, bum, bum, la Siria per poi consegnarla ai talebani. Ma che geniaccio di presidente. Magdi Allam ha ragione da vendere. Sbagliano quelli che lo criticano, solo perché certe cose le dice su Il Giornale. Si vede che quelle teste critiche non si guardano intorno, non vedono quello che succede sulle nostre coste e non capiscono che fatto fuori Assad, si ricompatterebbe tutto l'organico che da anni trama per fare fuori Israele. Sarebbe ripristinare un punto di frizione molto ma molto pericoloso. Gli USA ,nonostante le scoppole che hanno preso in quelle terre martoriate ,senza nulla concludere ed avere in cambio, continuano a menarla. Forse debbono accontentare qualche industriale delle armi. E l'Italia, mosca cocchiera, cosa farà in caso di attacco? Non oso pensare ad una sua partecipazione.

plaunad

Lun, 26/08/2013 - 10:32

Non ho capito una cosa. Vogliono fare la guerra, ma contro chi e a favore di chi? Naturalmente poi i barbari colonialisti inglesi sono come sempre pronti a menare le mani. Comunque facciano loro, basta che questa volta non vengano a rompere le palle a noi.

gisabani

Lun, 26/08/2013 - 10:33

#giorgiandr. allora dobbiamo lasciare il dittatore Assad a uccidere il suo popolo con il gas? Ma anche qualsiasi arma? Siamo nel 2013. Poi questo autore dell'articolo e' solo uno che odio il suo vecchio popolo egiziano o siriano che sia e sopratutto la sua vecchia religione musulmana. Insomma nemmeno Berlusconi l'ha mai ascoltato quando chiedeva di diventare ministro dell'immigrazione poiche' Silvio aveva capito che questa persona voleva solo vendetta contro quella gente che lui stesso una volta era come loro quando e' venuto in Italia. Grazie Berlusconi.

epesce098

Lun, 26/08/2013 - 10:33

Caro Obama, hai fallito in tutte le tue missioni (vedere Iraq, Afghanistan, Libia, Tunisia ecc.)Ora vuoi trarne delle conclusioni dalle esperienze precedenti? Errare è umano, perseverare è diabolico.

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Lun, 26/08/2013 - 10:42

magdicristiano, il suo ragionamento fila fino a un certo punto. D'accordo che la politica militare degli USA è una frana. Ma questo massacro causato da entrambi le parti, deve essere fermato in accordo con le maggiori potenze militari del Mondo. E' di oggi la notizia e minaccia della Russia contro gli americani in caso d'attacco. In tutto questo si evidenzia l'impotenza dell'ONU, ente inutile.

Nadia Vouch

Lun, 26/08/2013 - 10:45

@plaunad. C'è un problema: noi italiani ci siamo dentro fino al collo e saremo obbligati a fare da base logistica, oltre a inviare (ovviamente) i nostri militari. Per aiutare chi? Quelli definiti genericamente "ribelli"? Terza guerra mondiale, senza dubbi.

Tuareg33

Lun, 26/08/2013 - 10:47

Ogni volta che leggo della Siria mi chiedo chi arma i rivoltosi, chi li paga, chi li rifornisce di armi, di quale nazionalità siano. Sanno usare armi, non credo siano poveri civili siriani. I giornalisti dovrebbero chiarire ai lettori questi punti, invece di osannare le rivolte che non portano a niente di buono. Peccato che le false accuse vengano fuori dopo che i protagonisti sono stati impiccati.

Tuareg33

Lun, 26/08/2013 - 10:48

Bravo Magdi Allam.

Giangi2

Lun, 26/08/2013 - 10:50

Allora per stabire se una guerra sia giusta o meno bisogna vedere chi la promuove e' semplice no? Sea promuove Bush che è' un guerrafondaio di destra allora e' sbagliata, se la propone Obama che è' un giusto perche progressista e addirittura nobel per la pace, volete forse che a sinistra dicano che e' una guerra sbagliata? Ovvio non possono. Inoltre si dice che l'esercito di assad usi gas nervini sulla popolazione. Le prove? Le portano gli oppositori che credibilità che gli offrono a gente che sgozza i suoi nemici. E anche se assad ha dato via libera all'ONU di fare ispezioni, Obama dice che e' troppo tardi. Aspetti almeno il responso delle ispezioni, hai visto mai che sia vero che i gas li usino i ribelli? Spero si che la Cina e la Russia si schierino apertamente con la Siria per impedire un'altro Egitto O Libia o Tunisia o irak, di destra o di sinistra le guerre americane le fanno per i loro interessi.

ABU NAWAS

Lun, 26/08/2013 - 10:53

CI DOVREBBE PENSARE PUTIN, AVVERTENDO GLI STATI UNITI E L'INGHILTERRA CHE RISCHIEREBBERO UN'ECATOMBE NUCLEARE!! A QUANTO PARE, AI PIU' INGENUI DEGLI OCCIDENTALI NON SONO BASTATE LE FIGURACCE DELL'IRAK, DELLO YEMEN, DELLA TUNISIA, E DELLA LIBIA, PAESI DISGRAZIATI DOVE REGNA IL CAOS + TOTALE, IN MANO A BANDE DI FONDAMENTALISTI ARMATI!. GLI INGENUI OCCIDENTALI NON HANNO ANCORA CAPITO CHE VOLER FAVORIRE LA DEMOCRAZIA NEI PAESI ISLAMICI RIMARRA' UN SOGNO IRREALIZZABILE, POICHE' NEI CITATI PAESI CI SONO QUOTIDIANAMENTE ATTENTATI CON + DI CENTO MORTI IN OGNI PAESE..............PER FATTI AVVENUTI CIRCA 1.400 ANNI FA!!!! CHE IDDIO SALVI IL MONDO DALL'INGENUITA' E DAL FANATISMO ISLAMICO!!

albertzanna

Lun, 26/08/2013 - 11:37

PER GISABANI E EMILIO 1239 - GISABANI, ma come fa lei ad essere così sicuro al 100% che il gas nervino sia stato usato da Assad?? Provi a ragionare: che interesse avrebbe Assad ad usare questo gas sotto gli occhi del mondo intero e proprio nel momento che è assolutamente favorevole, come armi, alle forze armate leali a lui?? Con un mondo dei media che crede alle balle più grandi, che però fanno notizia in rete e sui giornali, quindi soldi che corrono, ciò che deve essere creduto è che sia Assad ad usare il gas nervino, non che siano i ribelli associati ad Al Qaeda, che non farebbero notizia e non sarebbero funzionali agli interessi di chi vuole tenere il mondo occidentale in costante fibrillazione, così il petrolio continua a stare sopra ai 100 $ al barile, le materie prime a costare molto di più del dovuto, le banche d'affari a speculare selvaggiamente ed i produttori di armi a continuare a guadagnare soldi a palate. EMILIO 1239, la guerra fra mussulmani continua DA ORMAI 1381 ANNI, cioè da quando Abu Bakr, amico e padre della moglie di Maometto, che era appena defunto, si proclamò suo erede spirituale, creando la setta dei sunniti. Si creò così la contapposizione, ideologica e di potere, con la minoranza sciita, che affermava che il successore dovesse essere un consanguineo del profeta. questo gruppo diceva che Maometto aveva consacrato come suo successore Ali, suo cugino e genero. Per avere maggiore chiarezza si vada a leggere http://www.ilpost.it/2013/05/30/perche-parliamo-di-sciiti-e-sunniti/. (è l’unico sito in rete dove ho trovato, in italiano, una buona descrizione di questa faida secolare fra mussulmani). NON C’E’ SUPERPOTENZA AL MONDO che possa fermare le guerre intestine fra mussulmani, che vengono alimentate dalla famosa esclamazione che ogni fedele islamico fa, quando vuole giustificare come ineluttabile, ciò che avviene: inshallah – se dio lo vuole - . E’ la base della religione islamica, tutto avviene per volontà di Allah, tutto è già previsto nel corano e il fedele mussulmano deve solo ed unicamente conformarsi alla volontà del dio, senza diritto d’usare le propria intelligenza. Il regime di Assad, in Siria, è laico, la Siria è sempre stata uno stato laico, di religione ufficiale mussulmana, ma resta laico, strettamente laico (infatti in Siria c’è libertà di religione, anche cristiana), quindi secondo gli integralisti islamici, che hanno in Al Qaeda (fratellanza mussulmana) il loro braccio armato, la Siria laica è un cancro da estirpare. Perciò che io sono convinto che sia molto più probabile che il gas nervino sia stato usato dai ribelli, ma facendo si che il mondo intero creda che invece sia stato usato dall’esercito lealista di Assad, e l’integralismo islamico, per esempio, sa benissimo che in Obama trova un buon mussulmano che avvalora le loro tesi.

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 26/08/2013 - 11:51

Al mussulmano da fastidio un popolo di alawiti.

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 26/08/2013 - 11:56

xgisabani.Si levi il prosciutto dagli occhi .Chi USA il gas in siria non e al comando a Bagdad , mussulmano si ma non siriano.

no b.

Lun, 26/08/2013 - 12:03

secondo me vincono le multinazionali.. sai quanti soldi muoverebbe un attacco e successiva ricostruzione?? Purtroppo gli USA sono schiavi delle lobby e noi continuiamo ad appoggiarli

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 26/08/2013 - 12:08

´xalbertzanna.Condivido cio che ha scritto ,e ci aggiungo qualcosa di mio.Ho avuto un cognato americano.Nel 1991 si trovava in iraq, .Se li, sono stati usati dei gas questi sono usciti e usati dall´ esercito americano.Mio cognato lavorava per la ITT, telefonica americana.Al ritorno non avendo partecipato a nessuna azione bellica , avendo solo respirato aria da campo americana, si ammalo ai polmoni.Vivendo egli in Atlanta ,vidde altri malati ai polmoni anche militari che tutti bene o male avevano partecipato alla famosa operazione Sturm. Conclusione fu , che le autorita americane misero tutto a tacere.Se c ´erano gas nervini in Iraq furono portati e usati dagli americani.Mio cognato da allora e ´vissuto aiutato da bombole di ossigeno.E morto , purtroppo il 10 agosto di questo anno.

maxaureli

Lun, 26/08/2013 - 12:17

Molti dei lettori che criticano l'articolo di Magdi sono totalmente ignoranti!!

enzo1944

Lun, 26/08/2013 - 12:35

Bravo Magdi,.....quegli sporcaccioni di americani progressisti(obamah in testa) hanno le multinazionali del Petrolio che stanno guadagnando poco,le multinazionali delle Armi con i magazzini pieni,le Industrie belliche e logistiche con poco lavoro,le Banche d'affari(amiche di monti,letta e della Trilaterale)che hanno soldi da investire,e le Aziende per la ricostruzione che da anni sono senza guadagni(manca lavoro)!.....per cui,stanno INVENTANDO CHE LA SIRIA ABBIA USATO ARMI CHIMICHE!......in realtà,sono sì state usate dagli "amici"degli americani e dagli inglesi,per costruire/inventare L'ALIBI DELL'INTERVENTO !.....e poi buttarsi a capofitto nella ricostruzione della Siria!......di fatto aiutando "al quaida" ed i mussulmani,....il tutto rispondente alle direttive ed ai prinicipi della Massoneria Internazionale,guidata in Italia da monti,letta,napolitano,prodi e dai politici "prezzolati"dalla Banche d'affari USA,che dominano e comandano nel mondo!!

plaunad

Lun, 26/08/2013 - 12:41

Magari ci fossero tanti italiani come Magdi Allam !

andrea24

Lun, 26/08/2013 - 12:46

Allam è solamente un ipocrita che fa propaganda personale e relativa agli ambiti di proprio interesse.Viva l'Asse della Resistenza.Mentre ci sono coloro che fanno propaganda personale,ci sono coloro che sul campo hanno combattutto e perso uomini,come Hezbollah e l'Esercito Siriano.Allam sfrutta realtà e concetti di dominio pubblico,per fare propaganda allineata ai propri ambiti ed ai propri circoli.Al contrario di Allam,Netanyahu,con le recenti dichiarazioni,che questi giornali,volutamente non pubblicano,è sulla stessa riga degli USA,anzi,Israele,si aspetta un attacco degli USA e addirittura conoscerebbe quale reparto siriano avrebbe utilizzato i gas in Siria.L'Asse della Resistenza (Hezbollah,Siria e Iran),a cui si deve aggiungere globalmente la Russia e la Cina,relativamente alla Siria ed all'Iran,sullo scenario globale,nasce proprio come opposizione(e gli eventi ultimi ce lo dimostrano)all'imperialismo americano e sionista nella regione.

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 26/08/2013 - 12:51

Nadia Vouch, III GM dice ? speriamo proprio di no,perche sarebbe prima la nostra Italia a sparire dalla faccia della terra e non perche' i Russi ci odiano ma per il fatto che dobbono per forza neutralizzare il centinaio di bombe nucleari che gli americani hanno immagazzinato sul nostro territorio e di cui hanno esclusiva competenza.

maxaureli

Lun, 26/08/2013 - 12:54

Gli US dietero l'ok a Saddam per un attacco chimico contro l'Iran. Da documenti CIA declassificati recentemente. "http://rt.com/news/chemical-weapons-iran-iraq-980/" - "http://www.presstv.ir/detail/2013/08/26/320538/cia-involved-in-iraq-gas-attack-on-iran/"

andrea24

Lun, 26/08/2013 - 12:57

Agli attenti lettori non può sfuggire il fatto che Allam è di quelli che fanno le minestre e costruire una generalità anti-musulmani,per poi dire che tutti quelli che si oppongono in Medio Oriente,sono terroristi,come nel caso di Hezbollah,riguardo alla cui questione,quella di dichiararla terrorista,Allam non fa altro che ripetere,assieme a tutti i giornali sionisti,le stesse frasi,identiche,comprese le virgole.Chi come me,infatti,non manca di leggere gli ambiti della lobby ebraica internazionale,lo capisce perfettamente.Un esempio,l'Anti Defamation League,che ripeteva la frase che e circolata su tutti i media sionisti,cioè l'ipocrisia nel dichiarare Hezbollah terrorista.Ma andatevene a quel paese!

andrea24

Lun, 26/08/2013 - 13:05

Dunque la sfortuna,di determinate realtà,per opporsi a determinati poteri,è quella di essere musulmani,perché così,se ci si oppone,si crea il terrorista di comodo.Come nel caso di Hezbollah.Lo stesso dicasi nel caso dei cosiddetti "stati canaglia".Ci sono i buoni di comodo e i cattivi di comodo.Allo stesso modo si chiamano nazisti ed antisemiti quelli che in Europa si oppongono per esempio alla lobby ebraica e votano per la Palestina e non si piegano al potere,perché hanno un opinione diversa.

gian paolo cardelli

Lun, 26/08/2013 - 13:07

Andrea24, la sua locuzione "imperialismo americano e sionista" fa capire che lei è rimasto fermo al 1989.

andrea24

Lun, 26/08/2013 - 13:40

Al mio commento precedente sull'Europa,aggiungo per esempio JOBBIK relativamente al riconoscimento della Palestina.

Demy

Lun, 26/08/2013 - 13:55

x ben39- Lei crede veramente che gli USA,oggi,siano patagonabili all'impero Romano? Crede veramente che gli USA abbiano la forza politico-militare-economica per, eventualmente, confrontarsi con la Federazione Russa?Premesso che tutte le guerre sono da condannare, si è mai chiesto quante ne hanno causato-voluto gli USA dalla loro nascita come Nazione? saprebbe dirmi in quale LORO guerra hanno vinto,hanno esportato libertà,democrazia e benessere? Le stesse civiltà trasferite in Libia dopo l'assassinio di Stato di Gheddafi o,il finanziamento agli estremisti arabi(?)in Nord Africa? Forse la Grande potenza USA,da lei paragonata all'Impero Romano è la stessa che ha messo in ginocchio tutto il mondo con la crisi economica da loro causata nel 2008? Beh, se è cosi, è meglio che loro restino a casa e se lei vuole,si trasferisca in quel democratico Paese dove sparano anche negli asili nido.Buon viaggio.

churchill

Lun, 26/08/2013 - 14:06

Totalmente d'accordo con l'articolo di Magdi Allam. Che qualcuno lo ascolti!

Ritratto di Svevus

Svevus

Lun, 26/08/2013 - 14:17

Concordo parola per parola con quanto coraggiosamente, lucidamente e razionalmente espone Magdi Allam. Egli è tra i pochi a non farsi manipolare dall' apparato orwelliano che domina i media e a guardare la realtà senza preconcetti.

gian paolo cardelli

Lun, 26/08/2013 - 14:22

Demi domando' (tra parentesi le mie risposte) Lei crede veramente che gli USA,oggi,siano patagonabili all'impero Romano? (sì: sono l'ìunica superpotenza rimasta) Crede veramente che gli USA abbiano la forza politico-militare-economica per, eventualmente, confrontarsi con la Federazione Russa? (sì: questa è ormai solo una potenza regionale) Premesso che tutte le guerre sono da condannare, si è mai chiesto quante ne hanno causato-voluto gli USA dalla loro nascita come Nazione? (tutte le guerre del Ventesimo Secolo non sono mai state causate-volute dagli USA) saprebbe dirmi in quale LORO guerra hanno vinto,hanno esportato libertà,democrazia e benessere? (parliamo proprio noi europei, che senza l'intervento USA staremmo tutti a braccio teso/pugno chiuso?) Le stesse civiltà trasferite in Libia dopo l'assassinio di Stato di Gheddafi o,il finanziamento agli estremisti arabi(?)in Nord Africa? (se fa confusione tra strategia e mosse tattiche la realtà non la potrà mai vedere) Forse la Grande potenza USA,da lei paragonata all'Impero Romano è la stessa che ha messo in ginocchio tutto il mondo con la crisi economica da loro causata nel 2008? (e quale migliore dimostrazione della sua influenza sul mondo intero?) Beh, se è cosi, è meglio che loro restino a casa e se lei vuole,si trasferisca in quel democratico Paese dove sparano anche negli asili nido.Buon viaggio (noi intanto ci teniamo i rumeni...).

mila

Lun, 26/08/2013 - 17:23

@ cardelli -Si', gli USA hanno portato democrazia e benessere (un po' fittizio) in Europa con la II Guerra Mondiale; peccato che ora noi Europei, anche per l'attuale politica americana, stiamo precipitando verso un futuro peggiore che se fossimo rimasti a braccio teso/pugno chiuso. Detto da EX sostenitrice della bonta' della NATO contro il Patto di Varsavia. Gli USA sono anche piu' potenti dell'Impero Romano, quando i soldati dovevano affrontare il nemico di persona, mentre ora basta schiacciare alcuni bottoni per distruggere interi Paesi. Qualsiasi paragone con la civilta' romana pero' e' fuori luogo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 26/08/2013 - 17:36

Di "interventi umanitari" ne abbiamo già piene le tasche. Spero che, almeno in questa occasione, il Colle abbia il buon gusto di restare in silenzio. Facciamoci una buona volta i cavoli nostri ed eviteremo l'islamizzazione integralista dell'Africa e ,di riflesso, quella dell'Europa. P.S. #Raoul e #Alberto,siete ancora presenti su questo forum? La vostra esegesi dei fatti medio orientali non si può rimpiazzare da un giorno all'altro. E voi tacete da settimane.

alberto_his

Lun, 26/08/2013 - 17:39

A volte capita anche di essere d'accordo con Magdi. Puntualizzo solo che Israele ha già fatto la propria scelta di campo attaccando le installazioni Siriane e Libanesi; assieme ad Arabia Saudita e Turchia vorrebbe che il Moloch USA portasse l'attacco per liberarsi progressivamente dell'asse sciita. La sensazione è che l'escalation sia la mossa della disperazione da parte di un occidente a guida USA/GB che vede fallire il proprio folle piano egemonico, e proprio per questo la situazione è più pericolosa che mai. Credo che alla Bonino e ai governanti italiani sia chiaro che siamo in una posizione assai scomoda, non potendo sganciarci dagli alleati/padroni che utilizzano il Bel Paese come portaerei nel Mediterraneo. Oltre a essere sicuro bersaglio di una ritorsione, restiamo meta privilegiata di profughi e disperati (così faccio contento Memphis).

mila

Lun, 26/08/2013 - 17:45

@ ABU NAWAS -Il problema e' che probabilmente gli USA non rischiano un'ecatombe nucleare. Chi rischia siamo noi europei, pieni di basi americane ed esposti ai missili russi e magari iraniani. E i nostri capi non sempre sono ingenui; sono corrotti o costretti.

paolodb

Lun, 26/08/2013 - 18:18

Credere a Obama è come credere in Babbo Natale, solo che come sorpresa hai solo una guerra nuova da qualche parte.

alberto_his

Lun, 26/08/2013 - 18:20

@Memphis35: mirabile esempio di sincronicità junghiana... o semplicemente così ha stabilito il Clemente.

franco@Trier -DE

Lun, 26/08/2013 - 20:08

i vostri governanti sono dei lacchè degli yankees, mi ricordo quando Berlusconi disse : i nostri amici americani io gli risponderei i tuoi amici americani perchè non mandi tuo figlio in Afganistan a morire?

fedez

Lun, 26/08/2013 - 20:52

Bell'articolo! L'Italia non dovrà MAI dimenticare la vergogna della guerra di Obama-Cameron-Sarkozy in Libia.

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Mar, 27/08/2013 - 07:57

Ci siamo. Prendo a prestito una frase di Gandalf dal 'signore Degli Anelli': la guerra della nostra era è cominciata. Per la Siria passa ciò che condurrà alla terza guerra mondiale. L'impero (che non ha nulla da spartire con quello romano o quello sacro romano, bestemmia al cospetto degli energumeni a stelle e strisce) è pronto all'attacco finale per piegare l'umanità al suo verbo mascherato di democrazia ma che nasconde l'elemento satanico del potere. Ben venga la guerra! Non sono mai stato pacifista. Certe guerre devono scoppiare. Solo così tutti i popoli prenderanno coscienza del marciume che ha soggiogato il mondo negli ultimi settant'anni. Noi europei saremo trascinati per i capelli. Un'altra occasione mancata nei confronti del sogno euroasiatico. Loro sono convinti di farcela: si sbagliano. Per una volta ha ragione il burattino Allam: sarà la morte, definitiva, dell'Occidente. La grande guerra non vedrà contrapposti, come si vuol far credere, libertari contro bruti terroristi ma la bestia democratica e liberista contro chi persegue i valori di gerarchia, patria e tradizione. Aprite il sipario dunque: eroi coloro che cavalcheranno la tigre e resteranno in piedi tra le rovine!

diegom13

Mar, 27/08/2013 - 08:16

Lascerei in pace i pacifisti, però: a me risulta che stiano organizzando manifestazioni anti-interventista per la prossima settimana. A livello internazionale: se poi vogliamo parlare dell'attivismo mediatico dei pacifisti di partito e di parrocchia in Italia, è altro discorso.

diegom13

Mar, 27/08/2013 - 08:24

@gisabani: come dire 'Assad ne massacra tanti, gli altri pure è forse peggio. Assad aveva ritirato le truppe dal Golan e garantiva stabilità, che gli altri non vogliono e non possono garantire. Ma siccome abbiamo deciso che il cattivo è Assad, affidiamoci agli altri e speriamo bene'.