Quando la Première Damenon accetta critiche:licenziato un giornalista

Lo scrittore Sollers "epurato" dopo un editoriale contro la compagna di Hollande. Collaborava col <em>Jdd</em> da 13 anni. La testata appartiene al gruppo in cui scrive la Tierweiller

Guai a criticare la Première Dame Valérie Tierweiller. Lo sa bene Pilippe Sollers che, dopo 13 anni di collaborazione, non scriverà più per il Journal du Dimanche. Il motivo? L'aver criticato troppo duramente la compagna del neopresidente francese François Hollande per il tweet contro Segolene Royal.

La Première Dame, nel suo post, aveva sostenuto pubblicamente il dissidente socialista Olivier Falorni, espulso dal partito per non aver ritirato la propria candidatura e aver sfidato proprio la Royal alle amministrative. "Non bisogna scherzare, è una questione seria, è puro dolore, è una pugnalata inferta dalla prima lama di Francia", ha scritto domenica Sollers, "Le elezioni, la crisi dell’euro, i massacri in Siria, le tasse che arriveranno, la lenta marcia del Fronte nazionale, sono niente in confronto a quel tweet".

E ora lo scrittore ed editorialista è stato "licenziato" dalla testata, come ha rivelato Le Point, che ha anche sottolineato che il Journale du Dimanche appartiene al gruppo Lagàrdere, proprietario anche di Paris Match su cui scrive la Tierweiller. "La stampa francese si trova nella posizione unica in cui un giornalista che parla della vita presidenziale viene sezionato e attaccato dai suoi colleghi", scrive Le Point. Il vice-direttore di Jdd, Patrice Trapier, respinge ogni accusa: "La decisione di separarci da lui risale a molti giorni prima. Come avviene da molti anni, rinnoviamo i nostri collaboratori". Ma la versione di Sollers è un'altra: "Ho scritto il pezzo e l’ho inviato martedì scorso ai capi del giornale. Subito dopo ho ricevuto una telefonata in cui mi veniva annunciato che la mia collaborazione con il Jdd era terminata"

A maggio, una sorte simile era stata riservata al giornalista Pierre Salviac, che su Twitter, dopo che Hollande aveva vinto le presidenziali, aveva invitato "le colleghe, a scopare in modo utile, avete una chance di diventare Première Dame di Francia",

Commenti

Anna H.

Mar, 26/06/2012 - 16:56

Voi del Giornale certamente certi rischi non li correte.

claudiocodecasa

Mar, 26/06/2012 - 17:04

epurazioni del potere.........avvenivano secoli fà

blackbird

Mar, 26/06/2012 - 18:30

E poi il Parlamento europeo approvò una mozione di condanna contro l'Italia perché ci sarebbe sata la censura alla stampa!

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 26/06/2012 - 19:09

Questa e peggio della Bruni.Ma il germe comunista miete sempre vittime. E meno male che non stiamo in periodo di Terrore, in Francia sono rientrati i giacobini.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 26/06/2012 - 19:42

Nessuno stupore, questa é solo la "democrazia" secondo la sinistra. Un tempo per i non allineati c'era il gulag, oggi "solo" il licenziamento. E' già un passo avanti!

cgf

Mar, 26/06/2012 - 21:26

altro che Carlà.... vabbè anche quella era della stessa sQuola.

Ritratto di enkidu

enkidu

Mar, 26/06/2012 - 22:39

A quando una mozione del parlamento europeo per salvare la democrazia in Francia ? A quando un appello di intellettuali ? Bah! per me ste grandi democrazie sempre prese sempre ad esempio cominciano a puzzare

ninito

Mer, 27/06/2012 - 08:08

Ecco un palese esempio della libertà di stampa che concede la sinistra!