Siria, confermata epidemia di polio. Ong: "Immediato cessate il fuoco"

Avviata una campagna per vaccinare due milioni di bambini. Rischio diffusione con l'esodo dei profughi

Già dalla scorsa settimana l'Unicef aveva messo in guardia dal rischio dell'emergere in Siria di problemi sanitari, connessi all'interruzione dei programmi di vaccinazione. A preoccupare l'Onu era soprattutto una possibile epidemia di polio.

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha confermato oggi l'epidemia in corso in Siria, spiegando che la malattia è stata riscontrata in dieci dei ventidue casi esaminati dall'organizzazione. I primi test erano stati effettuati su persone residenti nella zona di Deir Al Zour già a ottobre.

La poliomielite non si ripresentava in Siria dal 1999, quando era stato registrato l'ultimo caso. La malattia colpisce soprattutto i bambini sotto i cinque anni e ha un alto tasso di contagio. Può portare alla paralisi e anche alla morte.

Dall'inizio del conflitto che sta sconvolgendo il Paese, si è interrotto il programma di immunizzazione, che prima coinvolgeva il 95% dei bambini. Attualmente viene vaccinato il 52% dei più piccoli e mezzo milione non ha ricevuto trattamenti.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità la Siria è un Paese a rischio. Nonostante il ministero della Salute si sia detto pronto a rispondere all'emergenza, il pericolo più grande è quello di una diffusione della malattia, dovuta alle grandi masse di profughi in movimento all'interno del Paese e verso i confini.

Attualmente, con il sostegno delle Nazioni Unite, si sta promuovendo una campagna di vaccinazione per 2,4 milioni di bambini, per combattere non soltanto la polio, ma anche morbillo, parotite e rosolia.

L'Onlus Save The Children, che al momento ha vaccinato 21mila bambini, ha chiesto un cessate il fuoco che permetterebbe agli operatori una risposta articolata al problema. Tentativi simili sono già stati attuati con successo in Afghanistan, Sudan e Repubblica Democratica del Congo.

L'epidemia di poliomielite non interessa soltanto la Siria in sé, ma anche i Paesi meta dei profughi, Europa compresa, che dovranno necessariamente porre un'attenzione maggiore alla situazione dei bambini in arrivo.

Mappa

Commenti
Ritratto di Riky65

Riky65

Mar, 29/10/2013 - 20:05

Perché non parlate anche dei casi di tbc in africa che si sono trasferiti in Italia? specificatamente a milano? paura? I rappresentanti dei Paesi dell'Africa membri dell'Organizzazione mondiale della sanità' (Oms) hanno approvato oggi una risoluzione che dichiara la tubercolosi un'emergenza nel continente, dove ogni anno questa malattia uccide 540 mila persone.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 30/10/2013 - 10:36

Non sembra che gli integralisti siano d'accordo sull'utilità delle vaccinazioni. In Afhganistan le campagne vaccinali vengono regolarmente salutate a colpi di kalashnikov dai figli di Allah. Il progresso avanza a cavallo delle sure coraniche.