Strage al cinema, Obama incontra le famiglie delle vittime

La casa di Holmes piena di trappole esplosive: aveva programmato il timer dello stereo. Si cercano altre prove. Obama ad Aurora per incontrare i parenti delle vittime

Gli Stati Uniti, ancora scossi dalla tragedia, piangono le vittime di "Joker il rosso". Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama vola ad Aurora, in Colorado, per incontrare i familiari delle vittime della strage del cinema, con almeno dodici vittime ed una cinquantina di feriti durante la proiezione del nuovo film di Batman.

Le dodici vittime della terribile mattanza di giovedì notte sono state identificate dopo che le autopsie sono state effettuate su tutti i corpi. "La causa della morte per tutti i casi è legata a ferite da arma da fuoco", si legge nel referto del medico legale della contea di Arapahoe. Ieri pomeriggio, subito dopo avere disinnescato gli ordigni collegati con una esplosione controllata, gi artificieri sono riusciti a rimuovere tutti gli esplosivi che si trovavano nell’appartamento di James Holmes, il 24enne autore del massacro del cinema. Il giovane era, infatti pronto a fare una nuova strage. Il killer, che comparirà in tribunale domani, è attualmente in un cellula di isolamento, per garantire la sua stessa sicurezza, nel timore che possa suicidarsi. Poche ore dopo che il quartiere era stato evacuato, i residenti dell’area circostante all’abitazione di Holmes, sono stati autorizzati a tornare nei propri appartamenti.

L'appartamento di Holmes rimane vuoto. Gli inquirenti sono ancora alla ricerca di altre prove ed indizi che possano far luce sulla dinamica della strage e mettere insieme il movente dell'assassino. Proprio per questo le autorità stanno continuando a raccogliere prove e hanno provveduto, sin dal primissimo momento, a sostituire i vetri rotti delle finestre con sacchi di plastica scuri, per evitare che si veda all’interno. Nei pochi minuti prima della copertura delle finestre, si era intravisto un uomo con una t-shirt Atf (Alcol, tobacco and firearms) che misurava un poster appeso a un armadio in cui veniva pubblicizzato un dvd dal titolo Soldiers of Misfortune. Il poster ritraeva diverse figure che simulavano combattimenti, alcune di loro con maschere come lo stesso killer all’interno del cinema della morte.

In serata, come scrive la Reuters, è in programma una veglia di fronte al municipio di Aurora, convocata per le 18:30 locali, la mezzanotte e mezza italiana di domani. È stata organizzata dai leader religiosi di Aurora e della società civile locale.