Strage di civili a KandaharDagli Usa 50mila dollariper ogni afghano ucciso

Il sergente Usa Robert Bales, autore della strage, secondo gli inquirenti, avrebbe agito in due tempi. Intanto gli Usa hanno pagato un indennizzo ai familiari delle vittime

Dopo l’incriminazione ufficiale del sergente Bales per l’assassinio a Kandahar di 17 persone - nove bambini e otto adulti - gli Stati Uniti hanno pagato 50 mila dollari (35.000 euro) per ogni afghano ucciso e 11mila dollari (poco più di 8mila euro) per ogni civile ferito. A riferirlo è stato un membro del consiglio provinciale di Kandahar, aggiungendo che alle famiglie delle vittime è stato detto che si tratta di soldi che "arrivano dal presidente americano Barack Obama". Nessun commento della Nato in merito, mentre fonti americane hanno confermato l’avvenuto indennizzo, rifiutandosi di precisarne l’entità.

Intanto, continuano a emergere nuovi dettagli sulla dinamica della strage compiuta dal soldato Usa. Il sergente Robert Bales, secondo gli inquirenti, si sarebbe preso una pausa di un’ora nella sua base e avrebbe agito in due tempi. La rivelazione è emersa nelle ultime ore grazie a due funzionari americani che hanno chiesto di mantenere l’anonimato e rafforza la ricostruzione secondo cui Bales avrebbe perpetrato la strage da solo, al contrario di quanto affermano alcune fonti afghane e anche lo stesso presidente Hamid Karzai.

Nel frattempo, il sergente Bales rimane confinato nella prigione di Fort Leavenworth, dove sono detenuti i più noti criminali dell’esercito americano, o presunti tali: tra di loro il soldato Bradley Manning, accusato di essere la "talpa" che ha fornito a WikiLeaks centinaia di migliaia di documenti "classificati" che hanno messo in imbarazzo il Pentagono, il Dipartimento di Stato e le cancellerie di mezzo mondo. O il sergente Mark Kools, che convertitosi all’Islam nel 2003 in Iraq ha lanciato una granata in una tenda uccidendo due ufficiali americani e ferendone altri 14.

Bales rischia la condanna a morte, ma il suo avvocato civile, Henry Browne, intende dare battaglia fino all’ultimo colpo, usando l’arma dell’infermità mentale, ma non solo. 

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Dom, 25/03/2012 - 19:55

Oddio , mai avrei pensato che un afgano valesse piu di un papavero da oppio. Spero tuttavia che il conto il colorato non lo spedisca in europa.

albertohis

Dom, 25/03/2012 - 20:18

In questo c'è tutta la cultura mercantilista occidentale che conosce solo il prezzo e non il valore delle cose. Con questa ulteriore mossa si sono guadagnati un altro bel pò di disprezzo da parte degli Afghani.

andrea24

Dom, 25/03/2012 - 20:38

Troppo modesta sarebbe una cifra di risarcimento in termini di denaro. Con un pò di accortezza ci si può accorgere che tale cifra,poco meno di 40000 euro,non si potrebbe costruire neppure un quarto di un missile tomahawk che arriverebbe a costare circa 1 milione dollari per unità. Per non parlare di certi equipaggiamenti dei soldati di ultima generazione che potrebbero costare più di una mercedes.Comunque esprimo la mia contrarietà ad una condanna a morte per il soldato(o i soldati?) che ha(o che hanno?) compiuto il massacro. L'esercito americano è degradato,profondamente. Negli ultimi venti anni fu accusato,da parte di associazioni cristiane, persino di avere sponsorizzato il satanismo,al fine di arruolamento,in un contesto "pluralista".Tanto è vero che,uno dei più famosi satanisti,nonché fondatore di un centro satanico,era ufficiale dell'US Army.

andrea24

Dom, 25/03/2012 - 20:54

E si ricordi che in Afghanistan le bombe occidentali,molto più costose di quelle russe o cinesi,ma non per questo più efficienti(in alcuni casi si evince il contrario),non subiscono variazioni di prezzo in adeguamento agli "standard di vita". Questa mentalità è solo il frutto di un capitalismo corrotto,che segue le ombre della guerra,che non tiene realmente al valore della vita umana,che si vede lesa nella sua dignità. Tutto questo può andare oltre la lotta all'islam ecc... Se vogliono le guerre,si facciano le guerre per ciò che sono,ma poi si dovrebbe sottostare alle regole del Diritto Internazionale e tener conto della Comunità delle Nazioni.O solo quando fa comodo si tien conto della "comunità delle nazioni",come con quanto accaduto relativamente alla minaccia iraniana di chiudere Hormuz? E' comunque naturale che ogni Nazione tenda a salvaguardare i propri interessi,al di là delle apparenze.Ogni conflitto ha una causa reale e una causa apparente,ce lo insegna la storiografia.

Luigi Fassone

Dom, 25/03/2012 - 21:10

Quel cretino che ha fatto fuori i civili afgani ha neutralizzato in un battibaleno quanto di positivo è stato fatto da Americani,Inglesi,Francesi e Italiani (e tutti gli altri della missione Isaf) in quel martoriato Paese. Ma io resto in attesa di conoscere la somma messa a disposizione dai talebani per l'assassinio del nostro sergente dei Bersaglieri di Monte di Procida michele Silvestri...

desmo1n

Dom, 25/03/2012 - 22:12

mohamed merah VS sergente Bales.

desmo1n

Dom, 25/03/2012 - 22:21

mohamed merah VS sergente Bales ;)

GattoRognoso

Dom, 25/03/2012 - 22:54

bello il primo commento. se ci fosse un premio per il commento più cerebroleso avrebbe vinto il primo premio

desmo1n

Dom, 25/03/2012 - 23:46

No comment

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Lun, 26/03/2012 - 00:05

Molto più di un p.r. qui presente