Lo strappo della diocesi di Friburgo: "Sì ai sacramenti a divorziati"

Il decano Andreas Moehrle: "In caso di fallimento di un matrimonio vogliamo essere aperti verso le persone colpite"

Dopo anni di discussioni teologiche, la Chiesa cattolica in Germania ha deciso di tendere una mano ai fedeli divorziati che si sono risposati. Recentemente una parziale apertura di Papa Francesco ha fatto ben sperare per quei fedeli che, almeno fino ad oggi, sono rimasti esclusi dai sacramenti. Un documento della diocesi di Friburgo (la seconda maggiore delle 27 in Germania) sui divorziati è, infatti, stato inviato ai sacerdoti e sarà pubblicato già questo settimana.

Una linea guida che avrà sicuramente un carattere simbolico per tutto il Paese. La notizia, confermata all’agenzia Dpa dalla stessa diocesi, è ripresa anche dallo Spiegel e dal telegiornale della seconda rete pubblica Zdf. In Germania la comunità cattolica e protestante sono le due principali e hanno all’incirca lo stesso numero di fedeli. L’obiettivo del documento è migliorare la situazione dei credenti divorziati che desiderano avvicinarsi alla Chiesa, ai suoi uffici e ai sacramenti finora loro interdetti, come la comunione, la confessione, il battesimo, la cresima e l’estrema unzione. I cattolici divorziati e risposati sono esclusi da questi sacramenti dal momento che la dottrina cattolica considera peccato risposarsi. Principio questo da tempo oggetto di critiche, tanto che lo stesso Bergoglio ha accennato a delle riforme.

"In caso di fallimento di un matrimonio vogliamo essere aperti verso le persone colpite, vogliamo dare loro ascolto e avvicinarle", ha detto il responsabile della Ufficio per la cura delle anime di Friburgo, il decano Andreas Moehrle, aggiungendo che alla luce dell’elevato numero di divorzi la Chiesa non si può più permettere di escludere la gente. Ai divorziati risposati saranno offerti colloqui nei quali potranno raccontare le ragioni del fallimento del loro matrimonio e confrontarsi con la loro fede: questa è la base per poter poi partecipare pienamente alla vita della Chiesa e ai sacramenti. "Da una parte ci rendiamo conto che gli interessati spesso si sentono esclusi e soffrono, e dall’altra siamo consapevoli delle regole della dottrina della Chiesa e del diritto ecclesiastico", ha aggiunto Moehrle.

Per le persone che si sono risposate sono previste anche particolari preghiere di festeggiamento anche se, in nessun caso, feste di benedizione come per i matrimoni in Chiesa. Si tratta piuttosto di pregare per queste coppie. Il documento della diocesi di Friburgo è il risultato di un processo di dialogo all’interno della Chiesa cattolica tedesca e di una assemblea diocesana tenutasi circa sei mesi fa. Durante la visita di Papa Benedetto XVI due anni fa in Germania, l’allora presidente Christian Wulff (divorziato) aveva perorato un atteggiamento più comprensivo della Chiesa verso queste persone.

Commenti

Totonno58

Mar, 08/10/2013 - 10:03

ALE'!!...avanti così... Papa Francesco, cambia certe norme incomprensibili e senza senso!!

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 08/10/2013 - 10:18

Che novita´. Ma perche se io vado in chiesa e sono divorziato´, andando all altare al momento della comunione mi domandano se lo sono ?C´e sempre la differenza tra il dire e il fare.

a.zoin

Mar, 08/10/2013 - 10:19

Perchè,prima di questo Sacramento, non si fà, "UN VERO ESAME DI COSCENZA"??? Prima del matrimanio,bisogna far capire, quale è la differenza tra < ATTRAZZIONE FISICA,> E,< ATTRAZZIONE AMOROSA.>

Totonno58

Mar, 08/10/2013 - 10:39

A.ZOIN...beh, se fosse così semplice tutti i matrimoni durerebbero per definizione "finchè morte non ci separi"...

Holmert

Mar, 08/10/2013 - 10:44

Sono 2000 anni che la chiesa è sulla breccia. Si adegua ai tempi e va avanti. Una volta c'erano le crociate contro gli infedeli per la liberazione del Santo Sepolcro, Dio lo vult, gridavano. Ora papa Francesco li chiama fratelli e sorelle. Una volta se due persone convivevano non sposate erano dette concubini o mantenuto l'uno o l'altra e messe in galera. Ora si possono avvicinare ai sacramenti....un continuo divenire nel nome del Padreterno. Solo il Corano resiste, inespugnabile. Quello è scritto e quello rimane.

Massimo Bocci

Mar, 08/10/2013 - 11:01

Piccolo aperitivo di buon senso, prima della disgregazione di un edificio MARCIO!!! Millenario tenuto su con principi VESSATORI nei secoli,che ha perpetuato i peggiori crimini per l'umanità e il popolo Italiano!!! Dai roghi medioevali per gli eretici,a un insegnamento dogmatico (che nega verità e scienza) e permette a veri maniaci, pervertiti (inglobati nel sistema ) di seviziare anche bambini,e predicare odio, cofondatrice dele REGIME 47, CON I PEGGIORI CRIMINALI dell'UMANITÀ' l'etnia BOLSCEVICA-COMUNISTA DEI LADRI!!! Di un associazione per DELINQUERE la VERA MAFIA!!! Per lo sfruttamento intensivo e l'asservimento del popolo Italiano, oggi in prima fila per la sua distruzione (con l'invasione extra comunitaria) EURO!!!!.

Ritratto di Tristano

Tristano

Mar, 08/10/2013 - 11:56

Mah, da questo punto di vista anche la Chiesa italiana è coerente: ha concesso la comunione a personaggi in vista (vedi berlusconi e casini, per esempio). Non vorrete mica dire che lo ha fatto per interessi ? (vedi IMU mai pagata, 8 per mille e agevolazioni varie). Si sa i princìpi del cattolicesimo si fanno benedire quando ci sono di mezzo i soldi. "Pecunia non olet"

gneo58

Mar, 08/10/2013 - 12:33

si puo' essere credenti e buoni cristiani senza andare in chiesa e senza "accostarsi" ai sacramenti - per me vale cosi'

pajoe

Mar, 08/10/2013 - 12:45

In Italia la Conferenza Episcopale Italiana metterà dei paletti per non consentire questa nuova norma tedesca, oltretutto, per non perdere i benefici economici ricavati con la Sacra Rota.

angeloxxx

Mar, 08/10/2013 - 13:13

Totonno58 dice "Papa Francesco, cambia certe norme incomprensibili e senza senso!!". Totonno, parla per te! Queste norme saranno incompresibili per te. Allora fatti proterstante o musulmano! E papa Francesco non ha cambiato un bel niente, bugiardo. E' da disonesti far dire a qualcuno cose che non ha detto, per portare acqua al suo mulino. Che non è certo il mulino della Chiesa Cattolica. Però certa gente deve dettare legge e pontificare anche a casa degli altri. Come i Kompagni. Faccio notare che Chiesa con le sue regole "incomprensibili" è rimasto l' unico baluardo contro la devastazione della nostra società. Fra aborti (6 milioni di mabini uccisi e buttati nella spazzatura, pagati dai contribuenti), denatalità, sesso libero, eutanasia, dittatura LGBT, puttane per strada, figli allo sbando, ecc. ecc. non mi sembra che la società "Progressista" che voi sbandierate sia una gran bella cosa!!! Forse è il caso di tenerci (anzi di rivalutare) le "vecchie" e "arretrate" regole della Chiesa.

Totonno58

Mar, 08/10/2013 - 13:44

ANGELOXXX...credo che tu abbia letto a modo tuo il mio post...io ho scritto "Papa Francesco, (VIRGOLA) cambia certe norme...."non che il Papa cambia (indicativo) ecc.ecc...poi mi sembra che ti sei scaldato un po' troppo nel prosieguo...comunque, dato che al tuo attacco gratuito cerco di rispondere con le parole del Papa, ti ricordo che, prima Benedetto XVI ed ora Papa Francesco si sono posti l'impegno di riflettere sul tema della Comunione ai divorziati e,secondo me, questa norma cambierà...e quel giorno dirò "LASSA FA' ' A MARONNA!!"...e se non dovesse piacerti, ci vorremo bene lo stesso nelle nostre diversità!:)

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 08/10/2013 - 14:01

xPajoe -In Germania si paga non l 8 per mille , bensi il 9 x cento per i cattolici e 8 per cento evangelici luterani .Datosi la Moria di fedeli divorziati che autamaticamente si cancellano dalla chiesa , e una questione piu di soldi che mancano che un Dogma.Per questo anche la patria del luteranesimo ne fa sempre una questione di pecunia.

angeloxxx

Mar, 08/10/2013 - 14:03

Non raccontate balle, per favore. Non raccontatele. E' facile s-parlare solo perchè si ha la bocca. Ma s-parlare è come uccidere (lo dice Papa Francesco!). La Chiesa Cattolica è l' unico ente che fa una quantità infinita di opere sociali a costo zero, senza pesare sui contribuenti. A differenza dei "servizi sociali" dello Stato che fanno schifo e costano miliardi alle nostre tasse. Basti pensare ad asili, scuole, oratori, campi estivi per ragazzi, assistenza ai malati,agli anziani, alle missioni, ospedali nei paesi poveri, ecc. ecc. ecc. ecc..... E si pensi anche alla gestione delle Chiese, che sono il luogo di socializzazione più importante d' Italia, freqauentate da milioni di persone ogni domenica, e depositarie di un inestimabile patrimonio artistico... E scuate se è poco..... L' 8*1000 è del tutto volontario. Se uno non vuole non lo dia! Ma cercare di far passare la vittima come carnefice è una vergogna. La verità è che la Chiesa è stata nei secoli abbondamente DERUBATA dagli stati liberali e comunisti (risorgimento compreso). Altro che Chiesa parassita. E invitereri quel tizio che sputa veleno contro la Chiesa come se fosse l' aretefice di tutti i mali della storia, ad andare in un paese musulmano (magari uno dove ti fanno saltare in aria quando esci dalla messa).

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Mar, 08/10/2013 - 14:09

La penso esattamente come @gneo58. Cmq giusta decisione della Chiesa tedesca.

andrea24

Mar, 08/10/2013 - 14:28

Continua l'opera di demolizione da parte di cattoliberali e cattocomunisti.La Chesa diventa sempre più "piaciona".

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 08/10/2013 - 14:58

xangeloxxx-Appunto per questo , una volta negli ospedali cérano monache che bene o male aiutavano la gente malata sia fisicamente che moralmente. Hanno sbattuto fuori i religiosi , che bene o male ci sono sempre stati, per far assumere gente che bene o male ha portato voti al cattocomunismo.Con cio e arrivato lo sfacello del sistema sia sanitario e umanitario.Pero la colpa e della chiesa che ha permesso di arrivare a questo punto , divenendo molto lassiva con i catto comunisti e derivati.Cosi bene o male io come cattolico con la direzione attuale della chiesa e dai tempi del concilio vaticano II che non mi ci ritrovo.

Sicilia Shirley

Mar, 08/10/2013 - 15:35

La penso esattamente come angeloxxx. La Chiesa accoglie sempre i suoi fedeli che siano divorziati, risposati o no. Siamo noi peccatori che spesso rifiutiamo di essere abbraciati dalla Chiesa e andiamo per la nostra strada, non quella della Chiesa. Invito a tutti i fedeli della Chiesa Cattolica di rimanere uniti dentro la nostra cara Chiesa, perchè solo qui troviamo la Vera Salvezza. VIVA il Cristo, fondatore della nostra Chiesa!

rossini

Mar, 08/10/2013 - 17:03

Caro Papa Francesco, ti è piaciuto il relativismo etico che vai diffondendo? Ecco il risultato. Ricordati che vale anche per te il detto: chi semina vento, raccoglie tempesta!

Totonno58

Mar, 08/10/2013 - 18:23

"Caro Papa Francesco, ti è piaciuto il relativismo etico che vai diffondendo? Ecco il risultato. Ricordati che vale anche per te il detto: chi semina vento, raccoglie tempesta!"...certo che è vero anche per lui...ma,dato che sta seminando pace,amore, dialogo e quanto di più santo ci possa essere, CARO ROSSINI, raccoglierai anche tu tutto il bene possibile!