La Turchia abbatte jet siriano

Infuria lo scontro fra forze lealiste e ribelli jihadisti nella provincia di Latakia. L'armata turca abbatte un jet siriano che stava colpendo postazioni dei terroristi

Si infiammano i confini tra la Turchia e la Siria. La contraerea turca ha abbattuto oggi un aereo da caccia siriano proprio mentre stava colpendo postazioni dei terroristi. Se da una parte il ministero degli Esteri siriano ha accusato Ankara di una "aggressione militare ingiustificata e senza precedenti", il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha elogiato l’armata turca per l'azione militare: "La nostra risposta sarà forte se si viola il nostro spazio aereo".

Continua a infuriare la battaglia fra forze lealiste siriane e ribelli jihadisti nel nord della provincia di Latakia, vicino al confine con la Turchia, dove a contraerea di Ankara ha abbattuto il jet militare siriano. Secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), una ventina di miliziani anti-governativi sono rimasti uccisi mentre una trentina sono stati feriti negli scontri e nei bombardamenti delle forze del regime, appoggiate dai volontari delle milizie di autodifesa nazionale, intorno alla località di Nabaa al Mor e al valico di confine di Kasab. Molti dei feriti sono stati trasportati in territorio turco per essere curati. Anche una fonte militare citata dall’agenzia governativa Sana parla di "pesanti perdite" inflitte ai ribelli. "Da questa mattina - afferma la fonte - unità delle forze armate hanno inflitto colpi fatali ai gruppi terroristi che si erano infiltrati dal confine con la Turchia nell’area di Kasab". Da tre giorni gruppi di insorti sunniti jihadisti, tra i quali i qaedisti del Fronte al Nusra, hanno lanciato un’offensiva denominata "Al Anfal" nel nord della provincia di Latakia, bastione della famiglia del presidente Bashar al Assad a maggioranza alawita.

Il jet siriano è caduto in una zona cuscinetto non lontano dalla frontiera. Dall’inizio del conflitto in Siria, la Turchia ha stabilito che ogni aereo militare di Damasco che si avvicini al confine rientra nelle regole d’ingaggio ed è considerato obiettivo legittimo. È la seconda volta che la contraerea turca abbatte un velivolo siriano lungo il confine. Lo scorso settembre è stato abbattuto un elicottero militare che era entrato nello spazio aereo turco.

Commenti

maxaureli

Dom, 23/03/2014 - 16:20

Erdocan(e)... Desne ti e' vicina. Stai con lei che e' meglio. I confini territoriali non hanno una lunga durata nei libri di scuola. Prosit.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 23/03/2014 - 16:21

La conferma che Erdogan aiuta i ribelli .

maxaureli

Dom, 23/03/2014 - 16:34

marforio... una provocazione della Turchia per avere una risposta dalla Siria. In questo caso la NATO ha pieni diritti per entrare nel conflitto "umanitario". LOL LOL

ernestorebolledo

Dom, 23/03/2014 - 16:54

Erdogan e il suo governo ha perso il sostegno e prestigio nel loro paese d'origine e con el fine di continuare a controllare Turkia cerco guerra con Siria.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 23/03/2014 - 17:13

140.000 morti in Siria. Mano americana, sionista tramite i loro sgherri sauditi e qatarioti

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Dom, 23/03/2014 - 19:12

Jihadisti...brutta gente da fermare a tutti i costi!

maricap

Dom, 23/03/2014 - 21:19

Non datemi del comunista, altrimenti mi offendo. Infatti, io non sono un minus habens. Però per i fatti siriani, c'è da dire che, da da qualsiasi parte ti schieri, sei dalla parte sbagliata. Vero è che Bashar al Assad è una canaglia, ma gli altri sono pure peggio. Con lui i cristiani potevano professare la loro religione, e non venivano attaccati, mentre con i ribelli, per non essere sterminati, dopo le stragi, si sono dovuti armare.

achille57

Dom, 23/03/2014 - 22:47

Erdogan,novello dittatorello filoamericano,per distogliere l'opinione pubblica dalla sue vicende personali e dalla svolta antidemocratica impressa alla Turchia,ha avuto la geniale idea di abbattere un'aereo siriano in territorio siriano.Scatenando magari una guerra per coprire i propri misfatti,con la complicità dei soliti Americani e degli stolti e servili governi europei.

maricap

Lun, 24/03/2014 - 09:39

Ausonio & C - Cari fighetti rossi, ma è mai possibile che ogni volta che aprite bocca, lo fate per dire cazzate. Ma già, dagli orfani del " Glorioso" PCI cos'altro ci si può aspettare?A voi delle sorti della Siria, non ve ne può fregar di meno, ma tutte le occasioni sono buone per dare addosso ai Sionisti e agli Americani. Si scritto con le maiuscole, dato che meritano entrambi rispetto, al contrario di voi, che siete il peggio del peggio, di ciò che può esprimere il genere umano. Ma quale compassione, gente come voi, si può solo deridere ahahahah.