È in Franciacorta il migliore hotel con Spa dell'Europa e del Mediterraneo

Si chiama l'Albereta, è di proprietà di Terra Moretti (quello delle aziende vitivinicole Bellavista e Petra) e ha ricevuto a Londra il premio «Most Excellent Luxury Spa Hotel» assegnato dalla guida Condè Nast Johansens anche grazie all'Espace vitalité Henri Chenot

È italiano il migliore hotel con Spa in tutta l'area dell'Europa e del Mediterraneo. Si tratta del Relais&Chateaux L'Albereta a Erbusco, in Franciacorta. L'albergo, di proprietà della famiglia Moretti, ha ricevuto da parte della guida internazionale Condé Nast Johansens, che vanta 11,5 milioni di lettori nel mondo e che ha selezionato quest'anno 377 hotel che in tutto il mondo (48 nell'area euromediterranea) che rappresentano l'eccellenza dei resort di lusso, il premio «Most Excellent Luxury Spa Hotel», consegnato qualche giorno fa a Londra in occasione del World Travel Market. A ritirare il premio il direttore dell'Albereta Matteo Confalonieri, che lo ha ricevuto da Andrew Warren, direttore generale di Condé Nast Johansens, e Charlotte Evans, curatore della guida per l'area Europa e Mediterraneo.
Un premio che corona la missione quasi visionaria di Vittorio Moretti, industriale dell'edilizia applicata alle grandi costruzioni che da anni ha costruito un impero enoturistico: Terra Moretti, così si chiama questa holding della bellezza, della bontà e del lusso, vanta, oltre all'Albereta, l'altro relais l'Andana in Toscana e quattro aziende vitivinicole di alta qualità (Bellavista e Contadi Castaldi in Franciacorta, Petra e La Badiola in Toscana). Amministratore delegato dell'Albereta è Carmen Moretti de Rosa, che sei anni fa ha arricchito l'albergo, che già vantava al suo interno il ristorante di Gualtiero Marchesi, con l'Espace Vitalité Henri Chenot. «Con Marchesi - dichiara Carmen Moretti de Rosa - avevamo già ottenuto nel corso dieci anni grandi riconoscimenti e grandi soddisfazioni da parte di una clientela internazionale di alto livello. Avremmo potuto fermarci qui, appagati da tanto successo. Eppure questa stessa clientela affezionata ci ha segnalato con grande anticipo la complementarietà di uno spazio benessere rispetto al trend gourmand. Così abbiamo scelto l'eccellenza anche per le Spa, un nome che portasse nel suo settore lo stesso credito di Marchesi. Con Henri Chenot siamo riusciti a garantire ai nostri ospiti un livello elevatissimo sia nel metodo adottato sia nel servizio offerto. A questo si sono aggiunti una particolare cura degli spazi, pensati per infondere serenità oltre che per essere belli, ed un grandissimo lavoro, oggi ancora molto importante per noi, sulla formazione del personale e sulla sua motivazione a rendere unica l'esperienza Spa dell'Albereta».
Oggi l'Espace Vitalité dell'Albereta è una realtà imprenditoriale dinamica che, in tempi sicuramente difficili per il settore turistico (-10 per cento), ha garantito posti di lavoro a tutto il personale (30 collaboratori), introducendo anche nuove figure professionali, e ha anche incrementato il tasso di occupazione dell'hotel che, nel segmento Spa, ha registrato un aumento delle presenze del 15 per cento. L'incidenza della Spa sui fatturati complessivi dell'Albereta è di grande rilievo: nel 2009, l'Espace Vitalité ha fatturato 4,5 milioni di euro, incidendo per più del 55 per cento sui ricavi complessivi. Questo traguardo è stato raggiunto anche grazie a forti investimenti sul dipartimento di medicina estetica nel quale sono state introdotte le più evolute tecnologie mirate alla prevenzione e al miglioramento dell'aspetto cutaneo.