Franziska Schervier

Nacque nel 1819 ad Aachen, nella Ruhr. Suo padre era un ricco industriale che poteva permettersi di avere l’imperatore austriaco come padrino della figlia. Franziska aveva tredici anni quando morì sua madre. L’anno seguente morirono anche le due sue sorelle maggiori. Così, toccò a lei far da madre ai fratellini più piccoli. Si scoprì con una vocazione al servizio ai meno fortunati che non sospettava di avere. Franziska donava ai poveri tutto quel che poteva, anche i regali che il suo padrino imperatore le mandava. Ma i poveri si moltiplicavano per via dell’industrializzazione incipiente e lei, quando ebbe ventun anni, si aggregò alle pie dame che assistevano i bisognosi, gli orfani e i malati poveri. Si narra che una volta, vestita da uomo, non esitò a entrare in un postribolo per andare a riscattare una ragazzina che la miseria aveva fatto finire là. Si fece terziaria francescana e, quando nel 1845 morì suo padre, con quattro compagne decise di consacrarsi. Nel 1851 erano già in ventiquattro e l’arcivescovo di Colonia concesse loro di fondare la congregazione delle Suore dei Poveri di San Francesco, divise in due «famiglie»: una dedita alla preghiera, l’altra all’assistenza. Nel 1858 alcune suore partirono per Cincinnati, per assistere gli emigrati di lingua tedesca. Poi, scoppiata la Guerra di secessione, andò anche la fondatrice e le suore si prodigarono per i feriti. Ne 1870 la guerra franco-prussiana le vide impegnate al fronte sulle ambulanze militari. A guerra finita, madre Franziska ottenne dall’imperatrice sua madrina una onorificenza. Morì nel 1876.
www.rinocammilleri.it