Gelato, se artigianale è una scelta «light» e sicuramente salutare

Un po' per l'imminente prova costume, un po' per il caldo afoso che infastidisce le ultime giornate lavorative prima delle vacanze, in estate molto spesso si cerca di pranzare con qualcosa di fresco e non troppo pesante. La scelta migliore, allora, può essere un buon gelato, purché sia rigorosamente artigianale. Infatti, il gelato anche se è un «dolce», non è da evitare, in attesa della fatidica «prova costume», perchè in realtà un buon gelato artigianale può essere molto più dietetico e leggero di un pranzo «light». Addirittura l'Organizzazione mondiale della sanità sostiene che una volta al giorno una porzione di gelato possa essere usata tranquillamente al posto di una delle cinque porzioni di frutta suggerita per mantenersi in salute. Anche nella dieta mediterranea è considerato uno degli alimenti da consumare quotidianamente: questo perché il gelato ha un apporto calorico tutto sommato abbastanza basso, contenendo inoltre molti valori nutritivi, come gli Omega 3 e gli Omega 6. Con 450 calorie per una coppa di crema, cioccolato e panna, e solo 90 per un sorbetto alla frutta, introdurre il gelato nella dieta può portare a dimagrire senza troppe rinunce. I gusti alla frutta vanno molto d'accordo con la linea perché hanno un basso contenuto di calorie, ma anche il fior di latte può essere un'ottima scelta perché ricco di proteine, calcio e fosforo. Non dobbiamo, quindi, avere troppi rimorsi se ci concediamo qualche piccolo piacere: meglio un gelato, sano e nutriente, che pasticciare con patatine fritte.