Generations e On Demand, assegnati due riconoscimenti

miart 2019: il premio Fidenza Village è andato a Ronchini con Katsumi Nakai e MLF-Marie-Laure Fleisch con Alice Cattaneo, quello On Demand by Snaporazverein alla galleria Madragoa per l'opera di Luís Lázaro Matos

Ancora riconoscimenti nella terza giornata di miart 2019, la fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea organizzata da Fiera Milano aperta al pubblico fino domenica 7 aprile nel Padiglione 3 di fieramilanocity.

Premio Fidenza Village per Generations
Nato dalla collaborazione tra miart e Fidenza Village, parte di The Bicester Village Shopping Collection di Value Retail, il premio di 10.000 euro, che celebra la sua terza edizione è stato assegnato a Ronchini con Katsumi Nakai e MLF | Marie-Laure Fleisch con Alice Cattaneo.
La giuria - composta da Magnus af Petersens, direttore, Bonniers Konsthall, Stoccolma; Cristiano Raimondi, responsabile dei Progetti internazionali, Nouveau Musée National de Monaco; Reinhard Spieler, direttore, Sprengel Museum, Hannover - ha così motivato la sua scelta: "Katsumi Nakai era un artista giapponese con un approccio affascinante alla Pop Art italiana e al design radicale; Alice Cattaneo ha risposto al suo lavoro attraverso sculture delicate ed equilibrate, utilizzando materiali e composizioni con una sensibilità vicina all'approccio spaziale dell'artista. Insieme creano un ambiente poetico, spirituale ed equilibrato”.

Premio On Demand by Snaporazverein
Nato dalla collaborazione tra miart e l'associazione di produzioni sperimentali Snaporazverein e giunto alla sua terza edizione, il premio del valore di 10.000 euro è stato assegnato alla galleria Madragoa per l'opera di Luís Lázaro Matos.
La giuria - composta da Leevi Haapala, direttore, KIASMA – Museum of Contemporary Art, Helsinki; Vincent Honoré, direttore delle mostre, MoCo - Montpellier Contemporain; Alice Motard, capo Curatrice, CAPC - musée d'art contemporain de Bordeaux - ha così motivato la sua scelta:
"Il premio On Demand by Snaporazverein è stato assegnato a Luís Lázaro Matos, il cui lavoro, pur tra le molte eccezionali presentazioni, ha suscitato in noi particolare interesse. Con questo premio, desideriamo riconoscere la giocosità e l'apertura dell'installazione alle tematiche della politica e della storia che si intrecciano alle prospettive personali. Siamo felici di incoraggiare un artista nelle prime fasi della sua carriera che ha scelto una pratica che abbraccia pittura, performance, installazioni site specific e musica”.

(Foto: Andrea Pisapia)