Il giallo vince, il bacio stupisce, la politica cala

In vetta alla classifica c'è sempre Gianrico Carofiglio con La versione di Fenoglio (Einaudi) che si mantiene sopra le 10mila copie. Non sono numeri stratosferici ma bastano a staccare nettamente la seconda classificata ovvero, e anche qui nessuna novità, Chiara Gamberale. L'isola dell'abbandono (Feltrinelli) totalizza 6mila e quattrocentonovantasette copie.

Al terzo posto, invece, in rapida salita Maurizio De Giovanni con Le parole di Sara (Rizzoli) che ha raggiunto le 6mila e quattrocentocinquantadue copie. Questo thriller spionistico al femminile sta iniziando a macinare molto bene, vediamo come proseguirà. Però Sara Morozzi, già protagonista del precedente giallo Sara al tramonto, ha ormai uno zoccolo duro di fan e quindi è facile aspettarsi una permanenza di lunga durata ai piani alti della classifica.

Sprint velocissimo poi quello di Alessandro Robecchi che spunta da subito al quarto posto con I tempi nuovi (Sellerio), un giallo sempre incentrato sul suo storico detective dilettante Carlo Monterossi. Ferma l'asticella a 4mila e trecentoventisei copie. Non male per un libro arrivato in libreria proprio questa settimana. Riesce così a sorpassare il vero fenomeno della scuderia Sellerio (che è anche quella di Robecchi), ovvero Andrea Camilleri. Conversazioni su Tiresia arriva a 3mila settecentoquarantasei copie. Ma questo, l'abbiamo già detto, è un Camilleri omerico-riflessivo e quindi confrontarlo con dei gialli non si può. Non resta quindi che chiudere prendendo atto dell'ottima progressione di Massimo Recalcati con Mantieni il bacio. Lezioni sull'amore (Feltrinelli). Il noto psicanalista, in questo caso, riprende il filo rosso del suo programma televisivo, Lessico amoroso, e parlando di sentimenti convince all'acquisto 3mila e seicentotrentotto lettori, spingendosi sino alla sesta piazza della Top ten. È anche primo in saggistica, levandosi la soddisfazione di superare Matteo Renzi e le sue idee per l'Italia di domani. Meglio i baci che la politica, avranno pensato in molti.