Gli Hornets di Belinelli vanno ko contro la Cenerentola dell'Nba

New Orleans cade a Los Angeles con i modesti Clippers, la squadra attualmente con il peggior record di tutta la Nba.

Inattesa battuta d'arresto per i New Orleans Hornets di Marco Belinelli, che sono scivolati a Los Angeles con i modesti Clippers, la squadra attualmente con il peggior record di tutta la Nba. La formazione californiana si impone 99-95 conquistando così la seconda vittoria in 15 partite. Per l'azzurro, in affanno come tutti gli Hornets, solo 14 punti e ha fallito l'ultima tripla del possibile sorpasso a 27 secondi dalla fine dell'incontro.
Non si ferma invece la corsa di San Antonio, nemmeno contro una eccellente Orlando. Per Ginobili e compagni è la dodicesima vittoria in 13 gare, il miglior inizio della storia della franchigia. Negli altri incontri Boston passeggia ad Atlanta malgrado l'assenza di Rondo, mentre si aggrava la crisi di Miami del trio delle meraviglie, che cede ancora in casa, e nettamente (77-93), contro Indiana. Irriconoscibile Wade (1/13 in 38' e 1/5 ai liberi), troppo poco i 25 punti di James e i 21 di Bosh per gli Heat, che perdono a lungo Haslem, che deve operarsi.
Intanto i giocatori sono tornati sul piede di guerra: l'esecutivo del loro sindacato ha annunciato che «sicuramente al 99 per cento» ci sarà una nuova serrata. Al centro del nuovo scontro l'avvio delle trattative per il rinnovo del contratto collettivo tra proprietari e giocatori, in scadenza il prossimo luglio, con i primi che intendono ridurre drasticamente gli stipendi di quasi il 40 per cento.
Risultati di ieri:
Atlanta - Boston 76 - 99
Miami - Indiana 77 - 93
Oklahoma City - Minnesota 117 - 107
Houston - Phoenix 116 - 123
San Antonio - Orlando 106 - 97
Utah - Sacramento 94 - 83
Golden State - Denver 89 - 106
LA Clippers - New Orleans 99 - 95.