I mondiali della Gialappa’s riconciliano Sky con la Rai

Per Germania 2006 il trio andrà in onda con «Raidiregol» e «Sky dire mondiali», in cui apparirà anche in video

Ferruccio Gattuso

da Milano

Un Paese spaccato a metà, lo chiamano. Se però si esce dalle ringhiose alchimie della politica, l'Italia marcia compatta verso l'orizzonte dei Mondiali. Di calcio, ovviamente: gli unici mondiali che non abbiano bisogno di desinenze o genitivi. Non solo: se in nome della sacra sfera qualche concorrenza si manifesta comunque - alludiamo alle partite da trasmettere in tv e per radio -, ecco spuntare la mitica Gialappa's Band a metter d'accordo tutti. Il terzetto comico-vocale formato da Carlo Taranto, Giorgio Gherarducci e Marco Santin riesce infatti nell'impresa di far andare a braccetto le rivali Sky e Rai. E proprio sulla piazza più contesa, quella della competizione mondiale di calcio, attesa dal 9 giugno: Sky Dire Mondiali e Raidiregol, sono questi i titoli dei programmi che andranno in onda contemporaneamente, per una memorabile sinergia tra tv e radio, e soprattutto - diciamo le cose come stanno - tra cane e gatto. Un'impresa: 46 partite in un mese, roba da restarci secchi, e difatti Marco Santin mette le mani avanti nell'unico modo che ci si aspetta da un Gialappo, con una battuta: «Solo nei primi 19 giorni commenteremo 38 partite: se perdiamo la voce, faremo i gesti». Vorrebbe dire, caso clamoroso, che la Gialappa's si farebbe vedere in tv. Eppure, al di là della battuta, il trio pensa anche a questo: ovvio, le apparizioni saranno centellinate, ma un canale Sky personalizzato - perché è questa la novità assoluta per i tre commentatori di culto, mai «evasi» da casa Mediaset - val bene un'eccezione. Il canale Calcio 4-254 sarà interamente dedicato alle telecronache dei match delle ore 18 e delle 21, con tanto di pre-partita (20 minuti prima del fischio d'inizio), intervallo con highlights delle giocate, post-partita e, ecco la chicca, veloci apparizioni video: «Per andare ad abbracciare gli ospiti che avremo in studio - rivela Carlo Taranto -, due secondi e via». A nascondersi dietro le tre celebri voci, le quali avranno la possibilità di andare a pescare, con una regia e telecamere proprie, alcuni siparietti tra il pubblico degli stadi e persino sugli altri canali Sky Mondiali: ad esempio, a casa di Ilaria D'Amico che, a sentire la Gialappa's, dovrebbe cominciare a preoccuparsi sin d'ora dei commenti in arrivo. «Andremo a scoprire se è vero, come si dice - spiega Giorgio Gherarducci -, che la bella Ilaria si butta qualche goccia d'acqua sul seno prima di andare in onda, perché i riflessi danno maggior volume». Incredibili detective del superfluo. Dalla Gialappa's c'è da attendersi una performance alla Ronaldinho, anche perché i tre commentatori sono al sesto mondiale radiofonico e i fondamentali eccome se ce li hanno. Faranno il tifo per l'Italia? «Non è detto - dicono in coro -; ci sono state Italie simpatiche e altre antipatiche. Lippi di per sé non è una simpatia, e se vi ricordate Sacchi... L'Italia più simpatica? Quella del '78, nessuno le dava due lire, e c'erano giovani promettenti. Certo, c'era molta Juve, ma malgrado ciò era una squadra simpatica. E poi ci sono le squadre africane. Peccato manchi la Nigeria, un Brasile tatticamente deficiente, sono fenomeni senza testa, incredibili».
Prima della sbornia dei Mondiali, la Gialappa's deve finire la cavalcata di Mai Dire Grande Fratello & Figli: «Il 9 maggio, puntata speciale - rivelano -: festeggeremo i vincitori morali di sempre: Ottusangolo, Medioman, Pasquale, Patrick, Jonathan e vogliamo rivalutare il toscano Guido, quello cancellato per bestemmia. A prescindere dal fattaccio sarebbe stato un grande. Quest'anno, invece, manca un vero idolo».