Per i primi 150 anni l’Italia mette in mostra i suoi memorabilia

Non poteva essere che lei, la Capitale, a dare il via alle celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia. In realtà l’anniversario sarà nel 2011 ma al Vittoriano è stato inaugurato un centro espositivo - informativo con il duplice compito di far conoscere attraverso una mostra permanente al grande pubblico particolari testimonianze relative alla storia unitaria della penisola e di promuovere le attività in via di realizzazione per questo speciale compleanno.
Non causale è la scelta della location: il Vittoriano è infatti stato inaugurato nel 1911, proprio in occasione del primo giubileo dell’unità. E per questo uno spazio dell’esposizione è riservato al monumento a Vittorio Emanuele ricordato attraverso foto dell’inaugurazione e articoli di giornali che riportano il discorso del primo ministro Giolitti. La mostra, a ingresso gratuito, resta aperta fino al 31 dicembre 2011 ed è articolata in quattro sezioni. La prima celebra il 1861 e si possono ammirare i documenti con cui viene proclamato il regno d’Italia, il primo francobollo del nuovo stato, diverse litografie di quegli anni che ritraggono il primo parlamento nazionale, la carta del regno e i protagonisti politici, in primis Cavour. Non mancano alcune vignette satiriche e diversi articoli di giornali dell’epoca, dall’Armonia al Pungolo, alla Nazione e una dura requisitoria contro la politica di Cavour pubblicata il primo luglio dall’Osservatore Romano, pochi giorni dopo la morte dello statista.
Proseguendo lungo il percorso espositivo spazio alla sezione dedicata al cinquantenario dell’unità: il 1911 dove si possono ammirare filmati sulle celebrazioni, monete, francobolli e diverse foto su come Roma si trasforma dopo essere diventata la capitale.
La terza sezione della mostra è dedicata al centenario con in primo piano i diversi manifesti per le celebrazioni organizzate a Roma e a Torino, foto delle inaugurazioni con il presidente Gronchi e cartoline celebrative.
L’ultima tappa, «Verso il 2011» presenta, invece, i diversi progetti infrastrutturali da realizzare su tutto il territorio nazionale, uno fra tutti il nuovo auditorium per il maggio fiorentino.