Inghilterra e Olanda sugli scudi agli Internazionali di Villa d’Este

Annaluisa Conti

A Villa d’Este (maschili) e Monticello (femminili) si sono disputati i Campionati Internazionali d’Italia, complessivamente con oltre duecento partecipanti provenienti da 17 nazioni. Si sono laureati campioni il ventunenne inglese Jason Palmer che in finale ha prevalso 3/2 sul diciassettenne svedese Nils Floren, e l’olandese Marjet Van Der Graaff che pure per 3/2 ha superato la svedese Emilie Lundstrom. Migliore degli italiani è risultato Niccolò Quintarelli eliminato nei quarti di finale proprio da Palmer dopo essersi trovato in vantaggio 2 up alla 15.a buca. Fra le azzurre assai bene si è comportata Anna Rossi che ha ceduto solo 1 up alla Lundstrom in semifinale dopo avere superato brillantemente negli altri match play le compagne di nazionale Alessandra De Luigi e Marianna Causin e soprattutto la forte spagnola Belen Mozo.
All’Ambrosiano si è concluso il Torneo Lacoste valido per il macroregionale Lombardo, tutti i più forti ragazzi in gara. Hanno conquistato il titolo (maschile e femminile) Marco Bossi e Carola Massara fra gli under 18, Giulio Viganò e Chiara Citterio fra gli under 16, Matteo Manassero ed Emma Sticca fra gli under 14 e Federico Bugano e Giulia Minetto fra gli under 12.
Combattute gare su 36 buche medal si sono giocate al Milano, a Barlassina e ad Asolo. A Villa Carolina è stata festa per i fratelli Saccarello nella 12° edizione Rastour con Luca primo lordo e Silvia prima netto in terza categoria.