InterCharm, a Milano va in scena la bellezza

Dal 6 all'8 ottobre in fieramilanocity la manifestazione dedicata a acconciatura, unghie, make up, global look. Il meglio del settore fra competizioni, show e formazione. Il campionato mondiale Hairworld 2012 e l'Internationale School Championship. Esibizione di stilisti al Milano Hair Show. Le unghie? Di scena il design. E arriva il mondo delle spa e del wellness. In Italia la bellezza vale 8,7 miliardi all'anno, oltre 140.000 imprese quasi tutte artigiane. Il settore cresce ma manca il personale specializzato. <strong><strong><a title="Fiera Milano il mondo del business" href="http://www.ilgiornale.it/fiera_milano/speciale-id=141-tipo=111-rss=0" target="_blank"><strong><em>GUARDA LO SPECIALE</em>: FIERA MILANO il mondo del business</strong></a></strong></strong>

Milano celebra la bellezza e la bellezza dà spettacolo. Si preannuncia su questo doppio file rouge l’edizione 2012 di InterCHARM MILANO la fiera organizzata da Reed Exhibitions, leader mondiale di eventi fieristici, saloni specializzati e congressi, che mette in mostra il mondo della bellezza declinato nei suoi aspetti: acconciatura, unghie, trucco, global look. Terza edizione di una manifestazione, in programma dal 6 all’8 ottobre 2012 a fieramilanocity, che cresce, aumenta la superficie espositiva, riunisce i principali brand nazionali e internazionali e diventa evento con l’arrivo del campionato internazionale Hairworld 2012 e il nuovo International School Championship, proponendosi come contenitore di stile, kermesse di tendenza e palcoscenico dei look della prossima stagione a Milano, capitale della moda che, non a caso, diventa anche capitale della bellezza.

Dopo il lancio positivo del 2010, il 2011 InterCHARM ha registrato un boom di visitatori (28mila, con una crescita del 40% rispetto all’anno precedente), e di espositori (+30% rispetto all’edizione 2010). Solly Cohen, Advisor per l’Italia di Reed Exhibitions, ipotizza un ulteriore aumento per l’edizione 2012, che punta quest’anno a riunire i principali brand nazionali e internazionali, implementando gli eventi speciali e proponendosi come contenitore di stile e palcoscenico dei look della prossima stagione: "In base alle nostre ipotetiche previsioni – afferma Cohen – ci possiamo attendere oltre 35.000 visitatori, più di 300 aziende, oltre 400 brand espositori e un aumento del 20% della superficie espositiva rispetto all’anno scorso".

Aggiunge Enrico Pazzali, amministratore delegato di Fiera Milano: "Tra le manifestazioni fieristiche nate negli ultimi cinque anni, InterCHARM MILANO rappresenta un ottimo esempio di continua crescita e di pieno conseguimento dei risultati, con prospettive positive per il settore delle bellezza che in Fiera Milano ha trovato una grande piattaforma internazionale, aperte sui mercati, in grado di dare un forte sostegno alle aziende e al loro sviluppo".

Secondo i dati di Confartigianato Benessere, le aziende del settore in Italia sono oltre 140.000, quasi tutte artigiane, e nel 2011 sono aumentate del 10%. Il comparto(hair, perfumery e cosmetics, nail, beauty salon), vale in Italia 8,7 miliardi l’anno, con 268 mila addetti. "Con le aziende - sottolinea il presidente Lino Fabbian - che cercano addetti del settore specializzati, spesso difficili da reperire nonostante la domanda delle imprese aumenti".

LA MANIFESTAZIONE

In scena nei padiglioni di fieramilanocity le aziende dei settori Beauty Salon, Hair, Nail, Perfumery & Cosmetics e Packaging, che confermano l’importanza di InterCHARM MILANO che ha come obiettivo far incontrare, in un contesto qualificato, la domanda e l’offerta internazionale nel campo della bellezza. In questo senso svolge un ruolo importante Meet the Buyer, il programma di meeting one-to-one tra le aziende espositrici e i buyer internazionali, selezionati e invitati direttamente da Reed Exhibitions. E sono annunciate conferme e novità che interessano tutti settori della rassegna. Vediamo le più importanti.

HAIR

L’attenzione internazionale sarà puntata soprattutto sul mondo HAIR, a cui sono dedicati i padiglioni 2 e 4 di fieramilanocity. InterCHARM MILANO è l’appuntamento di riferimento a livello nazionale e internazionale per i professionisti di questo settore, grazie al programma di eventi che caratterizza la terza edizione. La fiera della bellezza ospita, infatti, nell’Arena OMC, HAIRWORLD 2012, il principale evento di acconciatura a livello mondiale, e il primo INTERNATIONAL SCHOOL CHAMPIONSHIP, che porteranno in fiera decine di migliaia di hairstylists che svilupperanno sinergie con tutti i settori della beauty industry e mostreranno tutti i fondamentali per creare un vero total look dando spazio anche ai giovani talenti.

E ancora spettacoli con hair stylist di fama internazionale durante il Milano Hair Show - che ospita grandi marchi quali ALFAPARF MILANO, BES Beauty & Science, KEMON, PAUL MITCHELL, Tagliati X il Successo SCREEN e WELLA con la finale italiana della competizione Hair Show & Trend Vision Award - per presentare le ultime novità in fatto di acconciatura di tendenza.

Completa il panorama delle "iniziative capelli" l’Hair SPOTLIGHT, esibizioni esclusive di alcuni dei brand presenti in fiera e dei loro hair stylist, che con dimostrazioni, tutorial e sessioni speciali presentano le loro novità di prodotto, colore e accessori.

Dice ancora Solly Cohen,: "Il Campionato del mondo di acconciatura HAIRWORLD ha scelto sceglie InterCHARM MILANO come palcoscenico per l’edizione 2012. Fieri della forte e consolidata partnership con OMC siamo onorati di ospitare questo evento, che conferma la sempre più forte immagine che la manifestazione sta acquisendo nel settore a livello internazionale, e siamo pronti ad avere gli occhi di tutto il mondo puntati sul nostro Paese e sulla nostra fiera".

PERFUMERY&COSMETICS

Trucco in primo piano nell’area dedicata alla profumeria e cosmesi - padiglione 3 - con CHARM MakeUp, evento fashion e trendy dell’autunno milanese che raccoglie i brand del settore in un’area espositiva estremamente curata, raffinata, moderna e alla moda. Il make-up è un elemento primario della bellezza di tutti i giorni, per questo sarà al centro dell’area uno stage dove personaggi di spicco e alcuni tra i make-up artist più famosi del settore daranno vita a una serie di eventi, demo make-up, sessioni speciali, presentazioni con focus su prodotti, colori, materiali, design, tendenze multi-settoriali, per delineare i trend del futuro e anticiparli.

NAIL

Altra novità è una più ampia offerta dedicata al mondo Nail (unghie, ndr) con eventi che prevedono non solo competizione, ma anche un’offerta formativa a tutti i professionisti del settore. Artisti e tecnici delle unghie si sfideranno a colpi di lima e pennello in occasione del 4th Italian NailArt Trophy e del 6° Campionato Italiano di Nail Design. Sessioni formative, incentrate su novità e trend in termini di colori, texture, tecniche, formulazioni più avanzate, arricchiranno l’InterCHARM MILANO Beauty Congress, a beneficio di tutti i professionisti del beauty, mentre una mini-sfilata Nail Style, con relativa preparazione di modelle, in cui il back-stage sarà il vero elemento di spettacolo, racconterà come nasce un total look e come viene interpretata l’evoluzione della bellezza della donna.

BEAUTY SALON

I protagonisti del mondo della bellezza, sempre nel padiglione 3, saranno accolti in un’area espositiva arricchita da eventi di grande impatto e pensati specificamente per la formazione degli operatori.

Dedicato ai protagonisti del settore, che richiedono un costante aggiornamento professionale per stare al passo con gli ultimi trend e per cogliere al volo cambiamenti e nuovi target, ecco dunque l’InterCHARM MILANO Beauty Congress: tre giorni con un format che abbina sessioni teoriche a sessioni pratiche con consigli degli esperti e focus sull’aggiornamento professionale.

IL MONDO DELLE SPA

E’ una nuova, interessante iniziativa dedicata al mondo delle spa e del wellness: CHARMeXperience, una vera e propria spa, con percorsi esperienziali e dimostrativi all’interno del padiglione 3 che darà al visitatore interessato a nuove opportunità di business, un’idea delle molteplici opportunità guidandolo nell’universo di ambientazioni, protocolli, prodotti e brand spa, in grado arricchire e sviluppare l’attività imprenditoriale.


LA BELLEZZA VALE 8,7 MILIARDI DI EURO ALL’ANNO
Tra barbieri, parrucchieri e istituti di bellezza, ogni famiglia nel 2011, ha speso in media 352 euro. In tutto gli italiani spendono circa 8,7 miliardi di euro all’anno per la cura del proprio aspetto.  Una cifra importante, questa, che emerge da una rilevazione di Confartigianato.  I più attenti al benessere fisico sono gli italiani delle regioni del Nord Est dove ogni famiglia spende 431 euro l’anno per servizi di acconciatura ed estetica, pari al 22,6% in più rispetto alla media nazionale. Seguono le regioni del Centro, con una spesa di 390, il Nord Ovest con 369 euro. Più contenuta la spesa nel Mezzogiorno dove ogni famiglia dedica alla bellezza 284 euro l’anno.

E  Lino Fabbian, presidente di Confartigianato Benessere (l’associazione che rappresenta le imprese artigiane di acconciatura ed estetica),  sottolinea  che nel settore del benessere (saloni di barbiere e parrucchiere, istituti di bellezza, servizi di manicure e pedicure, centri benessere) operano 140.028 imprese con 267.656 addetti. Il 90% di queste aziende (125.947), sono artigiane e nel 2011 sono aumentate di 1.249 unità.

 "La crisi – spiega Fabbian – si è fatta sentire anche in questo settore. Tuttavia, nonostante le difficoltà congiunturali, le imprese di acconciatura ed estetica continuano a manifestare necessità di manodopera. Secondo Confartigianato, nel 2011 gli imprenditori hanno indicato che, su 2.800 assunzioni, il 37,3% è di difficile reperimento. Il tempo necessario per trovare ed assumere un parrucchiere o un’estetista è di quasi 5,8 mesi, a fronte dei 4,2 mesi della media. I nostri imprenditori – prosegue Fabbian – si stanno impegnando per rimanere competitivi sul mercato e contenere i prezzi. Infatti, a maggio 2012 il tasso di crescita dei prezzi dei servizi di acconciatura e trattamenti di bellezza è stato del 2,1%, vale a dire 1,2 punti al di sotto del tasso di inflazione. Ma le nostre imprese vanno sostenute soprattutto sul fronte della riduzione della pressione fiscale e burocratica, della lotta all’abusivismo, di una maggiore attenzione alle politiche di formazione".