Alfano: "In un anno 38mila denunce per stalking"

Il ministro dell'Interno durante la conferenza di Ferragosto: "In un anno arrestati 1697 mafiosi; tra di loro c'erano 78 latitanti, di cui 8 ritenuti di massima pericolosità"

Violenza sulle donne, immigrazione e arresti. Sono questi i temi trattati dal Ministro dell'Interno Angelino Alfano durante la rituale conferenza stampa di Ferragosto.

"Circa il 30% degli omicidi commessi in un anno in Italia (505) ha come vittima le donne - ha denunciato il Ministro-. Dall'entrata in vigore della legge sullo stalking sono state 38.142 le denunce presentate, di cui 9.116 dal primo agosto del 2012 al 31 luglio del 2013. A denunciare nel 77% dei casi sono le donne".

Poi Alfano, sul tema dell'immigrazione, ha lanciato un appello a Bruxelles: "Non si può considerare la questione dell'immigrazione a Lampedusa come una questione nazionale. La gestione di quella frontiera deve essere comune all'Europa". Lampedusa "e' la via d'accesso all'intera Europa", ha detto più volte il ministro, evidenziando che di questo l'Italia intende farne una "battaglia". Dal primo agosto 2012 al 10 agosto scorso sono sbarcati sulle nostre coste 24.277 immigrati. E un terzo di loro, cioè esattamente 8.932, è arrivato in Italia in 40 giorni, dal primo luglio al 10 agosto scorso. 

 

Il ministro ha poi tirato le somme degli interventi compiuti dalle forze del'ordine. Nell'ultimo anno tra il 1 agosto del 2012 e il 31 luglio del 2013 sono stati 1697 i mafiosi arrestati; tra di loro c'erano 78 latitanti, di cui 8 ritenuti di massima pericolosità. Nello stesso periodo sono stati sequestrati alla criminalità organizzata 9,569 beni, di cui 705 aziende, per un valore complessivo di 3,145 miliardi di euro.

Commenti

disalvod

Gio, 15/08/2013 - 14:35

ALMENO RISPETTATE,CON IL VOSTRO ASSOLUTO SILENZIO, COLORO CHE SONO STATE VITTIME DI UNA LEGGE DELLO STATO CHE NON HA SAPUTO DIFENDERE I PIU' DEBOLI.

laura

Gio, 15/08/2013 - 15:23

Scommetto che i 24.277 sono ancora tutti in Italia, insieme a quelli che erano arrivati prima, a spese nostre. Si puo' sapere quanti ne stiamo mantenendo di sana pianta? Si puo' sapere quanto costano all'anno, inclusa la spesa sanitaria? Si puo' sapere quanto ne hanno rimpatriati, nello stesso periodo di tempo? Chi paga ha il diritto di sapere. Invece si preferisce tacere. Chissa' perche' la spending review non viene applicata ai clandestini. Lampedusa sara' anche la porta per l'Europa, a me sembra che sia quella per iquei pirla degli Italiani che continuano a sopportare le invasioni. P.S. Non sarebbe il caso di chiedere cosa pensano i contribuenti di questa "meravigliosa, costosissima, accoglienza"?

Gianni Barbero

Gio, 15/08/2013 - 15:43

Le donne sono più della metà,ma sono vittime di omicidio solo per il 30%. Dovrebbe essere una buona notizia(in Germania le vittime sono divise al 50% tra i due sessi),ed in vece no. Il ministro vorrebbe che morissero ammazzati solo gli uomini!

pastello

Gio, 15/08/2013 - 15:47

Ne manca una. Quella di Silvio contro l'ingiustizia.

angelomaria

Gio, 15/08/2013 - 16:39

chissa perche il tutto maggiormrnte ha carico pdl!?

Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 15/08/2013 - 17:43

Strano quando sull'argomento ne parlava la Boldrini i commenti erano altri

paolonardi

Gio, 15/08/2013 - 17:57

La parola magica: "stalking". Mi ricordo un trasmissione televisiva durante la quale una trinariciuta si lamentava che le donne non denunciassero tale reato. Forse se lo avessere chiamato: "molestie con aggressione" sarebbe stato più evidente per tutti di cosa si trattava. Ma questo insieme al femminicidio e all'omofobia e all'omicidio stradale deve trovare un'adeguata collocazione nel C. P. alla barba di quell'icona intoccabile della Costituzione che sancisce l'uguaglianza di tutti i cittadini, escluso Berlusconi, di fronte alla legge

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Gio, 15/08/2013 - 20:10

***Così poche? Solo 38 mila. 1/1000. Credevo, data la pubblicità martellante, l'uso degli SMS superficiale, l'interpretazione leggera della faccenda in essere fossero almeno un paio di milioni su 30 milioni di donne che risiedono in Italia. Nei tempi passati erano molte di più le rappresaglie, forse non andava di "moda" denunciarle. O c'è ancora molta omertà oppure dopo questa campagna "promozionale" le denunce aumenteranno a dismisura.*

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Gio, 15/08/2013 - 22:07

Lol... Riempiremo le prigioni di rompipalle e poi li dovremo rilasciare con lo svuota carceri, causa sovraffollamento.

paolonardi

Gio, 15/08/2013 - 23:16

Stalking la parolina magica che non dice nulla. Nel Codice Penale esistono già fattispecie di reato che si possono applicare nel caso in esame: minacce (art 612C.P), molestie (art 660 C.P.) lesioni personali dolose (art 582, 583 C.P) che prevedono, simmandosi, pene severe. Che bisogno ci sarebbe di prevedere un altro reato se non accontentare dei trinariciuti che si trastullano con masturbazioni mentali come il femminicidio, l'omofobia e stroncate simili.

marcus57

Gio, 15/08/2013 - 23:56

Alfano, siamo un popolo di zimbelli. Come è possibile dire che 25.000 sono un numero accettabile? È se dovesse scoppiare la guerra civile in Egitto, con una popolazione di 85.000.000, che cosa potrebbe succedere lungo le coste siciliane? Lei sa per certo che gli italiani sono da una parte preoccupati e dell'altra iniziano ad irritarsi per il trattamento sempre più iniquo al quale sono sottoposti a fronte degli extracomunitari. Ci si chiede per quale ragione pagare le tasse se poi costoro, nullatenenti con figli precedono in ogni dove in Italia gli autoctoni disagiati nell'assegnazione degli alloggi. Perché verso gli extracomunitari che delinquono si tende in un modo o in un altro a chiudere un occhio? Come mai stanno arrivando molte donne gravide? Giustamente Sartori ha criticato l'atteggiamento della Cyenge per le sue idee bislacche che potrebbero portare ad una aumento eccessivo di african,i con basso livello di scolarizzazione, aggiungo, mentre i nostri giovani piu' preparati scappano da questo paese.Lei sicuramente sa che lungo le frontiere della Libia ci sono milioni di africani subshariani pronti ad assaltare le coste italiane, e lei è tranquillo e intende chiedere aiuto all'Europa. Lei sa che verrà preso a pernacchie, vero? Datevi una mossa. In una prossima campagna elettorale dimostrare di aver gli attributi su certi argomenti pagherà. Integrazione per quel che è possibile, va bene, ma invasione a discapito degli italiani e della nostra cultura, no.

Massimo

Ven, 16/08/2013 - 06:38

"Circa il 30% degli omicidi commessi in un anno in Italia (505) ha come vittima le donne". Ohibò il 30 % ? Allora il 70% degli omicidi colpiscono gli uomini. Allora perchè tutta questa cagnara sul "femminicidio" ? Semmai bisognerebbe fare una legge contro il "maschicidio". Di "femminicidio" se ne potrà riparlare quando il numero degli omicidi che colpiscono le donne sarà superiore a quello degli uomini.

Gianni Barbero

Ven, 16/08/2013 - 08:41

La constatazione che le vittime di omicidio sono il 30% è errata,perchè dalla Casa delle Donne di Bologna sono state conteggiate,nel 2012,124 vittime di sesso femminile in totale. Ma inoltre è totalmente inutile,se non per furbescamente ingrassare i numeri modesti del fenomeno per cui da qualche anno tutto il paese è in allarme,e si chiedono massicci interventi finanziari. Che differenza c'è,per esempio tra la donna uccisa a Lignano a scopo di rapina da una Colombiana,e il marito ucciso nello stesso contesto. Facciamo opera di convincimento affinchè i rapinatori risparmino le donne?

cast49

Ven, 16/08/2013 - 11:29

pipporm, che diceva la boldrini? bla, bla, bla... nel 2012 la boldrini non c'era

Gianni Barbero

Ven, 16/08/2013 - 12:11

Fa impressione un Ministro dell'Interno che spara numeri a casaccio. Infatti gli omicidi nel 2012 sono stati 526 di cui 124 in danno di femmine,cioè il 23,5 (In Germania il 50%). Ancora più paura fa la constatazione che il Ministro di tutti gli Italiani si interessa alla sorte di 124 donne,mentre gli altri 402 morti ammazzati non contano niente.

Zizzigo

Ven, 16/08/2013 - 12:20

Alfano ha anche detto: "lo Stato c'è!", il fatto grave è che "non si vede". Noi vediamo lo Stato solo per le tasse e le varie angherie alle quali ci sottomette, per il resto lo Stato non esiste! Ha parlato solo di violenze, di sequestri e piacevolezze analoghe, non ha detto: "abbiamo diminuito le spese, le tasse... abbiamo sistemato i diritti alla casa...". Be' se questo è lo Stato che intende offrirci questo Governo è meglio che tutti, da Napolitano all'ultimo e più inutile dei lavoratori parlamentari, si dimettano e tornino a casa!

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Ven, 16/08/2013 - 12:21

Caro Alfano, più che badare ai numeri, dovresti tener conto di quello che succede ogni giorno nella società. Crimini, crimini e crimini ancora. Giustizia zero. I criminali o assassini, se presi, a mala pena fanno qualche ora di carcere. E' un continuo pericolo invece per il cittadino onesto e quieto, che viene pure vessato dallo Stato, al contrario dei malfattori privilegiati. Tutto ciò è un'istigazione, da parte degli organi dello Stato, a farci giustizia da noi e a ribellarci. Come vedi, altro che essere soddisfatti dell'andamento della sicurezza e della giustizia! Questo è uno Stato che non ha mai rispettato e non rispetta i patti coi cittadini. E' uno Stato a delinquere.

marcus57

Ven, 16/08/2013 - 13:13

Alfano, siamo un popolo di zimbelli. Come è possibile dire che 25.000 sono un numero accettabile? È se dovesse scoppiare la guerra civile in Egitto, con una popolazione di 85.000.000, che cosa potrebbe succedere lungo le coste siciliane? Lei sa per certo che gli italiani sono da una parte preoccupati e dell'altra iniziano ad irritarsi per il trattamento sempre più iniquo al quale sono sottoposti a fronte degli extracomunitari. Ci si chiede per quale ragione pagare le tasse se poi costoro, nullatenenti con figli, precedono in ogni dove in Italia gli autoctoni disagiati nell'assegnazione degli alloggi. Perché verso gli extracomunitari che delinquono si tende in un modo o in un altro a chiudere un occhio? Come mai stanno arrivando molte donne gravide? Giustamente Sartori ha criticato l'atteggiamento della Cyenge per le sue idee bislacche che potrebbero portare ad una aumento eccessivo di africani con basso livello di scolarizzazione, aggiungo, mentre i nostri giovani piu' preparati scappano da questo paese.Lei sicuramente sa che lungo le frontiere della Libia ci sono milioni di africani subshariani pronti ad assaltare le coste italiane, e lei si limita a dire che e intende chiedere aiuto all'Europa. Lei sa che verrà preso a pernacchie, vero? Datevi una mossa. In una prossima campagna elettorale dimostrare di aver gli attributi su certi argomenti pagherà. Integrazione, per quel che è possibile, va bene, ma invasione a discapito degli italiani e della nostra cultura, no.

chichibio

Ven, 16/08/2013 - 13:53

Premesso (per chiarezza) che se le vittime degli omicidi in Italia sono state per il 30% donne, ciò significa che il restante 70 % sono uomini (e allora dove sta lo "scandalo"? Le donne appaiono più "protette" degli uomini!), circa lo "stalking", con il 77% dei casi di denuncia da parte delle donne, mi chiedo: se invito la mia ex-moglie a cena in un ristorante romantico e lei dice di no, può lei essere conteggiata tra le vittime di "stalking"? Quante delle denunce si riferiscono a vere "molestie" verbali/comportamentali? Non sempre i numeri sono rappresentativi della realtà. Chichibio

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 16/08/2013 - 14:20

Molto probabilmente 4/5 saranno già fuori a godersela.

Marzia Italiana

Ven, 16/08/2013 - 14:48

Quanto prima il numero degli africani in Italia supererà il numero degl'italiani; già un'africana al governo italiano è indice che l''Italia sta diventando una colonia dell'Africa, tutta quella terminologia che il governo italiano ama usare in parlamento (spending review, welfare, stalking ecc...)è indice che anche la lingua italiana sta scomparendo, tutti i cinesi ed extra-comunitari che si aggirano per il paese portando la loro religione, costumi e malattie, sono indice che anche la nostra cultura italiana sta scomparendo . La colpa è come sempre della politica incompetente e sorda alle esigenze della popolazione.

Ritratto di mario bonetti

mario bonetti

Ven, 16/08/2013 - 15:03

@Marcus 57: Ottimo commento, concordo pienamente con Lei. Per trovare risposte valide alle Sue domande, cerchi il diabolico “piano kalergi” sui motori di ricerca internet. Capirà chi, come è perchè…Come dice un vecchio detto: Sapere è potere! Informiamoci a vicenda, al fine di essere anche più uniti, nell’intento di salvare per I nostril figli il nostro popolo e la nostra bellissima Patria dalle grinfie malefiche di chi ci vuole annientare per motivi di lucro e potere. Con un vivo saluto patriottico, M. Bonetti

yulbrynner

Ven, 16/08/2013 - 15:18

i soliti commenti alla viva il parroco.. sparati a casaccio senza un briciolo di buon senso e a vanvera.. si parla di delitti passionali quanti sono gli uomini uccisi da donne e quante donen sono uccise da uomini?? sicuramente sono molti più gli uomini che uccidono donne che non viceversa qui non si parla di totalita' dei delitti, certo che vengono uccisi più uomini delitti mafiosi litigi eccecc ma dai usate un po' il cervello se l'avere.

yulbrynner

Ven, 16/08/2013 - 15:20

il confine dello stalking e ' invece labile... se chi fa battutine e apprezzamenti pesanti a uan donna o gli palpeggia il popo' piace fila tutto liscio... se tu non piaci allora sei finito e denunciato... il tutto a discrezione della donna

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 16/08/2013 - 16:00

Vede, signor Ministro. I numeri sono numeri, senza anima. Ma le vittime dei delitti, anche di quelli definiti, chissà perché, minori, l'anima ce l'hanno. Ed è un'anima ferita da un torto subito a causa di un "mariuolo" che ti ha rovinato le vacanze scippandoti la borsa, o di un "ladruncolo" che ti ha asportato dalla casa i ricordi di persone care. Le porte delle carceri andrebbero aperte solo in entrata e quelle delle frontiere solo in uscita. Fuor di metafora, meno delinquenti per le strade, men che meno quelli d'importazione. Agire di più, parlare di meno. Sekhmet.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 16/08/2013 - 16:19

"appello a Bruxelles"? Ma finiamola con le barzellette. Cominciamo con i rimpatri massicci di quanti, praticamente tutti, sono entrati in questo paese in maniera illegale. Il passa-parola farà il resto.