La buona politica si impara a Chiasso

Non occorre andare in Finlandia per trovare un’amministrazione (e una popo­lazione) virtuosa, basta andare a Chiasso...

In questi ultimi tempi si e visto che esiste una differenza profonda fra il nord e il sud dell’Europa. Nel linguaggio di Monti e dei suoi ministri ci sono dei paesi virtuosi, Germa­nia, Danimarca, Finlandia (tutti del nord) e al­tri, Italia, Spagna, Grecia, Portogallo (tutti del sud) che, all’opposto, sono viziosi. Nei paesi virtuosi l’amministrazione pubblica è sempli­ce, razionale, fornisce dei buoni servizi, tutti pagano le tasse e la giustizia è rapida e impar­ziale. Negli altri avviene il contrario.

In realtà non occorre andare in Finlandia per trovare un’amministrazione (e una popo­lazione) virtuosa, basta andare a Chiasso, a Lugano e ci si accorge che, anziché astronomi­ci pedaggi autostradali, si paga una sola som­ma per tutto l’anno, che le tasse si concordano amichevolmente,che hanno risoltoil proble­ma delle immondizie e che c’è dovunque ordi­ne e disciplina. D’altronde una situazione si­mile nel secolo scorso c’era anche da noi, in Piemonte e nel Lombardo-Veneto governato dall’Austria.Con l’unificazione a poco a poco è prevalsa una concezione dello Stato, del di­ritto, della educazione, più arcaica, meno rigo­rosa e in seguito si è affermata una classe politi­ca che, negli ultimi tempi, era diventata così ir­razionale, ignorante e litigiosa che è stato ne­cessario fare un governo con personalità che non provengono dalla politica. Il governo Monti è stato presentato come economico, in realtà ha incominciato a fare quelle riforme istituzionali che avvicinano il nostro paese al­l’Europa e che i nostri politici non sarebbero mai riusciti a fare: riformare la struttura dello Stato e della pubblica amministrazione a par­tire dalle regioni e delle province, dare all’ese­cutivo una sua efficienza e una sua area istitu­zionale di competenza rispetto al Parlamen­to, alle parti sociali e alla magistratura.

Io personalmente mi auguro che, dopo Monti, anche gli altri politici comincino a pen­sare che è proprio questo il compito che li aspetta nei prossimi dieci anni: rendere mo­derno lo Stato italiano copiando quello che di buono fanno i nostri vicini più efficienti. Ma anche cercando di rendere più razionale la nostra mentalità e la nostra cultura politica combattendo prima di tutto in se stessi l’igno­ranza, il pressappochismo, la litigiosità e la de­magogia.

Commenti

prohalecites

Lun, 20/08/2012 - 15:18

già, ma anche in Ticino ci sono amministratori spreconi e fanfaroni...non è così diverso dall'Italia. chissà perchè poi svuotano il posacenere dell'auto dal finestrino appena passato il confine o ti sorpassano a 180 all'ora...provare per credere

ilfatto

Lun, 20/08/2012 - 15:19

Dott. Alberoni mi tolga una curiosità, ma lei scrive tanto per? no sa di cose banali ne ho lette in vita mia ma, lei supera sempre ogni possibile limite e, visto che per curiosità la seguo spesso, la cosa si ripete in maniera pressoche costante...cordialmente

pajoe

Lun, 20/08/2012 - 15:35

Da uomini politici tanto meschini,dalla Sua descrizione e nostra esperienza, cosa possiamo aspettarci di razionale e serio?Forse il centrino bianco, rosso e verde oppure altre ammucchiate technicolor, dove gli unici dibattiti saranno, quelli sui matrimoni gay o sul colore delle lenzuola di qualcuno-una.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 20/08/2012 - 15:43

Egregio Alberoni, concordo nella diagnosi. Temo peró di discordare fortemente sulla soluzione: a Chiaso, Lugano e Berna mai avrebbero affidato le chiave del governo ad un esposnente del mondo finanziario. Gravissimo errore che pagheremo a lungo in termini di mancanza di democrazia.

guidode.zolt

Lun, 20/08/2012 - 15:44

Qualche anno fa mi trovavo a Klagenfurt in Carinzia presso un cliente che usava una delle mie macchine e in quel giorno ricevette una visita dal fisco che fece i controlli di routine in poco piu' di 2 ore. Dopo la sua partenza il cliente mi chiari' la situazione: loro ricevono una visita programmata ogni anno e lui se la cavo' con una multina per errori formali, ma senza interrompere il lavoro, sequestro di documenti e immobilizzazione dell'azienda, il loro funzionario (uno solo) era una persona normale, lui me lo presento', e quello che traspariva da lui era una normale tranquillita' senza arroganza!

alvaro il romanista

Lun, 20/08/2012 - 16:28

Caro Francesco Alberoni, se tutto funziona cosi' bene in Finlandia perche' il numero dei suicidi e' molto alto? Se i finlandesi fossero cosi' bravi e virtuosi perche' alcuni anni orsono tutta la nazionale di sci nordico al completo fu squalificata per doping? E di se ce ne sarebbero un po' per tutti quindi meno demagogia e meno esaltazione degli altri perche' noi non abbiamo prorpio nulla da invidiare a nessuno. Certo dobbiamo modificare alcuni nostri comportamenti, dobbiamo capire che certi tempi sono finiti, ma gli altri non sono certo solo santi che non sbagliano mai. Viva l'Italia e gli italiani. Alvaro.

ferrante

Lun, 20/08/2012 - 17:10

Prof, Lei sta parlando dei vicini country di Chiasso, quelli che ci vogliono vendere per nuovo il decostruzionismo di Michel Foucalt che -Lei ci insegna- è stato da loro importato a Neuchatel da Michel Foucalt. A Como il Davide Van der Sfroos gli ha sbarrato la strada eroicamente -si è assunto la responsabilità di andare a San Remo a differenza degli sbusafrumac che fanno solo chiasso a Chiasso- e cosi' la cultura lombarda resta quella rigorosamente romantica della fine del Settecento e i primi anni dell'Ottocento.

km_fbi

Lun, 20/08/2012 - 19:14

Caro Alberoni, d'accordo sul giudizio riguardante i politici (...una classe politi­ca...diventata così ir­razionale, ignorante e litigiosa, che è stato ne­cessario fare un governo con personalità che non provengono dalla politica...)ma, forse, sul resto del discorso, mi sono perso qualche passaggio. In effetti sono stato un giorno o due in ferie, e probabilmente mi sono perso il meglio delle prestazioni del governo Monti. Lei infatti dice che "Il governo Monti...presentato come economico...ha incominciato a fare quelle riforme istituzionali che avvicinano il nostro paese al­l’Europa e che i nostri politici non sarebbero mai riusciti a fare: riformare la struttura dello Stato e della pubblica amministrazione a par­tire dalle regioni e delle province, dare all’ese­cutivo una sua efficienza e una sua area istitu­zionale di competenza rispetto al Parlamen­to, alle parti sociali e alla magistratura. Mi può accennare,per sommi capi, quando ha incominciato e quali sono gli effetti positivi che si spera percepiremo, di qui a q

km_fbi

Lun, 20/08/2012 - 19:34

Caro Alberoni, condivido il giudizio sui politici che ci siamo ritrovati (si è affermata una classe politi­ca ...diventata così ir­razionale, ignorante e litigiosa che è stato ne­cessario fare un governo con personalità che non provengono dalla politica) e anche sui politici svizzeri, ma poi mi devo essere perso qualche passaggio essenziale. In effetti sono stato un giorno o due in ferie, e probabilmente mi sono dormito il meglio della prestazione del governo Monti che, stando alle sue percezioni, benché presentato come economico, in realtà ha incominciato a fare quelle riforme istituzionali che avvicinano il nostro paese al­l’Europa e che i nostri politici non sarebbero mai riusciti a fare: riformare la struttura dello Stato e della pubblica amministrazione a par­tire dalle regioni e delle province, dare all’ese­cutivo una sua efficienza e una sua area istitu­zionale di competenza rispetto al Parlamen­to, alle parti sociali e alla magistratura. Ecco, può essere magari più specifico? Quand'è che ha incominciato esattamente? E quali positivi effetti sortiranno da tali azioni? Sembra infatti che questa notizia, che lei ci partecipa, sia in realtà per pochissimi intimi, e che il relativo commento generale al riguardo sia: "Non pervenuta!"

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Lun, 20/08/2012 - 19:35

Chiasso al confine italiano,dove ogni volta che vengo in Italia con auto incomincio alla frontiera a mettermi il portafoglio a portata di mano appena entro in Italia e pagare? E attraverso la Germania senza spendere soldi?Dopo avere fatto il pieno in Luxemburgo?(diesel eu 1,30/litro).Sappiamo che gli svizzeri sono dei banditi fuorilegge pero' nel caso della autostrada sono onesti.

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Lun, 20/08/2012 - 19:44

prohale perche sanno che la Italia e' un paese di me,,,,da mi riferisco ai politici le forze dell'ordine non fanno rispettare le leggi come in CH, tu stesso lo hai detto in CH non lo fanno in Italia si.Non ho mai visto a multare un italiano che in autostrada andava al doppio di velocita' del segnale indicato ,io una volta per avere sorpassato di 14km il max con una mercedes no panda dovetti pagare 500 franchi svizzeri o paghi o lasci li la auto.Tunnel Sissach.Erano 80 10 di tollerannza andavo a 104.Ora lo hanno portato quei maledetti a 100, andai alcuni anni fa ultimamente dalla Polizia mi dissero che era sufficiente un cambiamento per portarla a 100 una ventola strada allargata ecc.hanno sempre ragione loro quei maledetti.

ferrante

Lun, 20/08/2012 - 20:26

La differenza tra un lombardo e uno svizzero in Bergamasco stretto: il lombardo beve la birra perchè gli piace. Lo svizzero la beve come scusa per trasgredire.

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Lun, 20/08/2012 - 20:37

onesti come pagamento pedaggi, delinquenti nelle multe.

killkoms

Lun, 20/08/2012 - 21:42

@francotrier,gli svizzeri multano solo gli stranieri poiché con i loro concittadini non la spuntano!in compenso gli svizzeri sono i primi a fare casotto fuori dalla svizzera,vedasi il guidatore del suv che a milano speronò un tram!!

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Lun, 20/08/2012 - 23:55

lo so kill pero' ti assicuro che multano anche gli svizzeri i lampi dei radar non guardano la targa di che paese e'.Comunque ora ho un altro sistema mi metto 100 metri dietro alla macchina che va veloce e se lampeggia a lei io mi regolo rallentando e' gia' successo funziona.Non si puo' a tre corsie andare a 80km/ora.

guidode.zolt

Mar, 21/08/2012 - 00:35

ilfatto ..e' molto strano che lei segua con costanza gli scritti di una persona che continua a deluderla, per cui non posso crederle, ma mi dica, sinceramente, chi la manda? sia gentile...me lo dica e le assicuro che rimarra' tra di noi...e qual'e' il suo prezzo per un'operazione simile? visto che lei e' un blogger prezzolato...vero...?

guidode.zolt

Mar, 21/08/2012 - 00:49

Svizzera paese strano..., l'unico a non avere una lingua propria e ad usare le lingue dei Paesi confinanti, paese che produce orologi, cioccolato ed orologi a cucu' e pieno di banche... Lo svizzero viene anche definito "quadretun" dalla forma caratteristica della testa. Fra tutte le qualita' negative ha quella di ospitare la tessera n. 1 del pd de maledettis...io e' meglio che non ci passi dato che non ho pagato una multa per eccesso di velocita' presa a Neuchatel... Il carabiniere che me l'ha consegnata mi ha detto..."veda lei se vuole pagarla..." Svizzera paese strano!

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 21/08/2012 - 01:14

Il problema ha due nomi: coesione civica e controllo del territorio: pochi sono maleducati come i cittadini svizzeri, o almeno quelli che vengono in Italia con targa svizzera, che del vivere civile e delle regole cha a casa propria rispettano e e fanno rispettare scupolosamente, se ne fegano. Lo Stato Italiano è latitante in ogni aspetto del controllo del territorio, e infatti se un giudice assolve i calciatori del Bologna che usavano i pass degli handicappati (ooops: diversamente abili) perchè "immaturi", come ci si possono aspettare comportamente normalmente civili? Se la multa per eccesso di velocità è valida solo se c'è il cartello che avvisa prima dell'autovelox, cosa si puà pretendere? A quel punto la velocità, come dimostra il principio di indeterminazione di Eisenberg, diventa una cosa fittizia e indimostrabile. Quando la giustizia impiega mediamente 10 anni per arrivare ad una sentenza definitica a chi frega delle regole? Peraltro se va rileggere quanto scriveva sul quella schifezza di via Solferino cui ha collaborato tanto a lungo, forse troverà qualche spuntom per ritenersi corresponsabile di questa situazione di m....

ferrante

Mar, 21/08/2012 - 08:53

proporre ai Lombardi di imitare gli Svizzeri è esattamente come proporre agli Ebrei di imitare i Libanesi. Se non glielo si dice lo fanno da soli,molto probabilmente. Ma una volta che glielo si è detto, non resta che chiamare i soldati dell'ONU. Saluti

killkoms

Mar, 21/08/2012 - 10:01

@francotrier,killkoms,grazie!

churchill

Mar, 21/08/2012 - 10:56

x Franco Trier. Lei puo' dire quello che vuole. Chi rispetta le regole in Svizzera non prende multe. E' cosi' che funziona il sistema. Le segnalo che in Svizzera, a causa delle basse velocita', muoiono solo 80 persone all'anno in incidenti stradali il che é un grande indicatore di civilta'. Evidentemente lei é invidioso e indisciplinato. Le due qualita' che hanno portato l'Europa al collasso. La disciplina e la coscienza civile invece fanno della Svizzera il paese con la piu' grande qualita' di vita al mondo. Insulti pure e si diverta a 200km/h nel suo paese dove comanda Bruxelles e dove la tassano a una velocita' stratosferica senza limiti di velocita'.

ilfatto

Mar, 21/08/2012 - 11:28

risposta a guidode.zolt..capisco che per lei è quasi impossibile crederci, visto da che parte sta, ma......udite udite...IO ci vengo da solo, spinto dalla curiosità e dalla voglia di capire come si possa ragionare nel modo in cui lei e tanto altri come lei ragionano...strano no? e per quanto riguarda il sig. Alberoni, la curiosità è ancora doppia, e la domanda che mi pongo ogni volta è "come è possibile vendere libri o farsi pubblicare articoli scrivendo le più ovvie banalità?" e la risposta me la date ogni volta voi...vi ringrazio ps(più che prezzolato...direi che sono brizzolato....cordialmente)

guidode.zolt

Mar, 21/08/2012 - 19:09

ilfatto ...beh...! quella che Lei non capisce si chiama Democrazia ... uno scrive il cavolo che vuole e, se vende, vive, altrimenti fa dell'altro, ma non la costringe in alcun modo ne' a leggerlo ne'a vivere come dice lui. Lei puo' porsi tutte le domande che vuole, ma non puo' condannare nessuno soltanto perche' non la pensa come Lei... Ora faccio uno strappo alla regola ed impugno un diritto, ne' chiesto ne' avuto, ai frequentatori del Blog...quello di parlare, per una volta, da parte di tutti e, interpretando il silenzio quale assenso, le faccio la seguente domanda a nome di tutti...: Ha domande da porci...?

ferrante

Mar, 21/08/2012 - 19:09

Prof nulla va trascurato per ascoltarLa, quanto meno per il fatto che Lei è un professore. In definitiva, la Svizzera drives the change in Lombardy dai tempi di Asterix. A parte i bovari del ticino, credo che il cambiamento in Brianza non può che partire che da Ginevra, Berna e Neuchatel. Passo e chiudo