Così Mussari guidava la Severino nell'inchiesta sullo scalo di Siena

Un'informativa tira in ballo il Guardasigilli, allora difensore di un altro indagato: "Spinta allo scontro con la Procura"

nostro inviato a Siena

Un guaio tira l'altro, come le ciliegie. Non a caso è giudiziariamente alla frutta l'ex presidente del Monte dei Paschi di Siena e poi dell'Abi, Giuseppe Mussari, protagonista dell'incredibile operazione a perdere di Antonveneta e in second'ordine sui «derivati», proprio oggi a rischio di rinvio a giudizio per un'altra brutta storia: quella dell'ampliamento dell'aeroporto senese di Ampugnano che lo vende indagato per concorso morale per i reati di falso e turbativa d'asta. In mattinata è prevista udienza davanti al gup e a meno di un nuovo rinvio presto sapremo se Mussari andrà alla sbarra insieme ad altre 14 persone per la vicenda Galaxy, dal nome del fondo di investimenti francese (nell'orbita della Cassa depositi e prestiti) che stando all'accusa avrebbe usufruito di una corsia preferenziale per vincere la gara d'appalto del settembre 2010, annus horribilis del crac per l'acquisizione da parte di Mps della banca del nord est.

REGISTA OCCULTO NELL'OPERAZIONE

Per i pm di Siena, Mussari avrebbe ricoperto un ruolo di primo piano nell'operazione anche se la questione «non avrebbe dovuto riguardarlo - scrivono i carabinieri - a meno che l'ipotesi investigativa, cioè che la privatizzazione dell'aeroporto di Siena sia avvenuta a seguito di accordi maturati in seno agli istituti bancari senesi e la Cassa deposito e prestiti, non sia corretta». Che Mussari possa essere stato una sorta di regista occulto, è la Gdf a sottolinearlo: «Alcune intercettazioni attestano la preoccupazione degli indagati e soprattutto il ruolo verticistico di Giuseppe Mussari che segue con attenzione la vicenda e cerca di rassicurare gli altri protagonisti dell'operazione». Si preoccupa per gli altri, e per se stesso anche se non poteva/doveva sapere delle indagini sul suo conto, e nemmeno immaginare che era intercettato con persone a lui riconducibili. Ma nell'ottica di rassicurare tutti, spulciando fra migliaia di atti dell'inchiesta del pm Nastasi, spunta questo passaggio sul suo sospetto iperattivismo che nelle carte finisce per incrociare il nome dell'attuale ministro della Giustizia, Paola Severino: «Particolarmente significativa è poi l'intercettazione tra Mussari e l'avvocato De Martino, difensore di fiducia dell'avvocato Rizzi Raffaele Giovanni; non si comprende davvero lo spirito del Mussari, che non sapendo di essere indagato dispone direttamente dei difensori degli altri indagati impartendo dei veri e propri ordini; si deve far presente per comprendere il senso della conversazione sottostante che il presidente della banca ha personalmente e direttamente incaricato l'avvocato Paola Severino di seguire la vicenda e di coordinarsi con gli altri difensori Fabio Pisillo e Enrico De Martino in una sorta di vero e proprio muro contro muro con la Procura della Repubblica, cercando di ingaggiare una vera e propria partita».

LA GUERRA AI PM E IL RUOLO DELLA SEVERINO

Voleva la guerra ai magistrati, Mussari. Al telefono sbotta: «Sono il braccio armato del comitato (l'associazione contro l'aeroporto, ndr) e questo merita una reazione (...). Possono fare quello che vogliono, intercettare, guardare nei conti correnti, quello che vogliono ma devono rispettare le regole e noi per difendere noi stessi dobbiamo chiedere il rispetto delle regole. Serve una reazione (...). Nel pomeriggio arriverà la collega da Roma (Paola Severino)» per fare il punto e coordinarsi. Per la sua strategia, a detta della Gdf, Mussari punta sull'avvocato Severino, formalmente incaricata di difendere (oggi non più) un coindagato di Mussari, Raffaele Rizzi, responsabile dell'ufficio legale di Mps nonché componente della Commissione di Valutazione della procedura di evidenza per la privatizzazione dell'aeroporto. L'attuale ministro viene intercettato mentre parla con un altro avvocato, Luisa Torchia (indagata anch'essa) persona di assoluta fiducia di Mussari, «consulente legale di Mps, della Fondazione Mps, di Aeroporto Spa nel procedimento di privatizzazione, consigliere Cassa deposito e prestiti», e soprattutto predestinata a occupare la poltrona di ministro della Funzione pubblica col governo Monti.

TORCHIA, LA PROF CHE MONTI VOLEVA FARE MINISTRO

L'incarico è andato poi a farsi benedire per l'insorgere e il deflgarare di questi strascichi giudiziari. La Torchia entra in fibrillazione subito dopo l'invito a presentarsi in caserma. È agitatissima. Telefona a tutti, freneticamente. A cominciare da Mussari («Volevo che tu lo sapessi...») e successivamente alla Severino («mi hanno chiamato i carabinieri...») che prova a calmarla: «Ricordati che come avvocato e consulente della società sei tenuta al segreto professionale». Le due colleghe entrano nel «tecnico» della vicenda di Ampugnano, discutono di pareri e memorie, di banche e società, dello svolgimento della gara. «Luisa Torchia - si legge in un'informativa - richiama l'avvocato Paola Severino che l'aveva cercata in precedenza perché è stata incaricata dal Mps di fare una istanza di riesame quindi le chiede se può farle una memoria e darle copia dei documenti relativi alla gara». Poi la Severino rassicura la spaventata collega per le domande fatte dai carabinieri sulla sua consulenza. «La Severino dice di essere sconvolta che il maresciallo non sappia che la Torchia è così conosciuta per la sua competenza di amministrativista (...). Commenta ironicamente di portare un proprio curriculum a questi signori che forse non sanno con chi hanno a che fare...».

gianmarco.chiocci@ilgiornale.it

Commenti

APG

Gio, 24/01/2013 - 08:25

Ma che belli gli intrallazzi di questa "banda Brancaleone di tecnici super partes" del governo monti! Chissà quante ancora ne verranno fuori.

Ritratto di TizianoDaMilano

TizianoDaMilano

Gio, 24/01/2013 - 08:53

Sì qualche miliardo e intrallazzi mafiosi però.. anche il trota e la sua paghetta dai.

angelomaria

Gio, 24/01/2013 - 08:58

la schifezzaitakica che come un moto perpetuo mostra ancora la parte immonda di persone e politici

gianni.g699

Gio, 24/01/2013 - 09:17

Troppo facile arrivare alla conclusione che sono tutti daccordo !!! e lo sono !!!

Ritratto di oliveto

oliveto

Gio, 24/01/2013 - 09:58

I tecnici di monti sono verginelli per princpio..., esattamente come monti stesso. "Che bella cosa è na' iurnata i soli..."

guidode.zolt

Gio, 24/01/2013 - 10:00

B.B.d.S. ... Banda Bassotti di Sinistra...

g-perri

Gio, 24/01/2013 - 10:04

Ma ricordate con quanta prosopopea l'attuale guardasigilli Avvocato Severino, si atteggiava nei momenti in cui parlava della legge anti-corruzione di cui si era fatta paladina? A qualcuno viene in mente che nelle pieghe della legge da lei predisposta per l'approvazione ci possano essere elementi che in altri ambiti tutti chiamano "conflitto di interessi"?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 24/01/2013 - 10:06

Gira e rigira il più pulito c'ha la rogna.Ma da questi superpupertecnici non me lo sarei mai aspettato.Ecco perchè mortis non vuole più uscire dalla politica,qui sei qualcuno anche se non sai fare niente.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 24/01/2013 - 10:06

.....Commenta ironicamente di portare un proprio curriculum a questi signori che forse non sanno con chi hanno a che fare»... Non si preoccupi signora ministro (per poco ancora, grazie a Dio) oggi lo sanno tutti gli italiani con chi hanno avuto a che fare!

bruna.amorosi

Gio, 24/01/2013 - 10:27

oh! io ho l'impressione che siamo caduti dalla padella alla brace .ecco perchè BERSANIcercava di andare d'accordo con MONTI a qualcosa doveva pur servire .intanto i professori domani se ne andranno ed i conti li PAGHEREMO NOI .come già fatto con l'imu .

atzori pietrino

Gio, 24/01/2013 - 10:44

Ma non si trovano in Italia due generali due che aprano un grande carcere x queste persone?

terzino

Gio, 24/01/2013 - 10:54

Questo legame politico-finanziario la dice lunga sui dissapori di facciata tra Monti e Bersani tanto che persino Pierfurby se ne è accorto che lo vogliono tagliare, vedasi la conferenza di ieri alla stampa estera. Troppi galli nel pollaio, e non fa mai giorno.

rosalba cioli

Gio, 24/01/2013 - 11:00

Ma, gli intellettuali, i banchieri, i politici, i tecnici, gli uomini e le donne di fede democrat non sono tutti immacolati e puri? persone che pensano ed agiscono sempre e comunque per il bene comune? ora alla luce di quanto sta accadento, posso dubitarne e vivere la mia estrazione non democrat con serenità.

Benado

Gio, 24/01/2013 - 11:09

In Italia non si troveranno mai due Generali Sig atzori ,hanno stipendi faraonici e privilegi, non rischieranno mai!

Giunone

Gio, 24/01/2013 - 11:12

E pensare che giorni fa nelle sfere del potere si commentava di voler spedire la Severino al Quirinale come Presidente della Repubblica Italiana... pur di intralciare il governo di Berlusconi,andava bene chiunque anche la banda tecnica.

Dario40

Gio, 24/01/2013 - 11:21

dove sono finiti tutti quelli che tacciavano Berlusconi di "conflitto d'interessi " ? Perchè adesso tacciono ?

Invisibleman

Gio, 24/01/2013 - 11:28

Come passano i giorni e si avvicina la data delle elezioni, più forte diventa il profumo di vittoria!!! :)))

hectorre

Gio, 24/01/2013 - 11:37

è ormai chiaro a tutti(tranne ai sinistrati),un governo nato per risanare il buco di MPS..formato da banchieri,ragionieri contabili e avvocati direttamente coinvolti nell'affaire..4 MILIARDI DI EURO dico 4.000.000.000 DI EURO,un giochetto che ha messo in ginocchio la nazione..con un direttore d'orchestra(sappiamo chi è) e un partito che aprirà le porte al professore per il gentile omaggio alla banca rossa...chi li vota è complice di questo scempio.

Ritratto di calgra

calgra

Gio, 24/01/2013 - 12:14

Consulente legale MPS,consulente fondaz MPS, consulen,AEROPORTO SPA, consigliere CASSA deposi e prest. soprattutto predestinata da MONTI a MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA!!!!MA LA SX NON FACEVA LA GUERRA AL CONFLITTO D'INTERESSI???? ecco perchè tanta polvere col BUNGABUNGA così mentre gl'ITALIANI si distraevano...hai capito che facevano????

Ritratto di pinox

pinox

Gio, 24/01/2013 - 13:06

E PER FORTUNA CHE QUESTI ERANO SOLO TECNICI......TECNICI DELLA PRESA PER IL CULO E DEL MALAFFARE.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 24/01/2013 - 14:12

Non voglio difendere la Severino, che a mio modesto avviso avrebbe fatto bene a continuare a fare solo l'avvocato. Comunque nella vicenda di cui all'articolo Severino faceva l'avvocato e non afferro alcuna sua compromissione. Forse non ho letto bene ....

canaletto

Gio, 24/01/2013 - 16:10

IL GOVERNO DEI CAGA MOLLA NON DEI TECNICI: MONTI PRENDE ISTRUZIONI DA MERKEL/HOLLANDE, SEVERINO DA MUSSARI, ECC. ECC. QUESTO NON E' IL GOVERNO DEI TECNICI, MA DELLA TECNICA (DEI CAGA MOLLA E POI SCARICA BARILI)

Ritratto di simpatizzante

simpatizzante

Gio, 24/01/2013 - 18:33

Un letamaio vomitevole da bruciare perche infetto . Il Cittadino dovrebbe ribellarsi ed in antitesi andando a votare scientemente per bruciare con il voto tutto il vecchio dando la preferenza di imput al Mov. 5 Stelle responsabilizzando Grillo ed in contemporanea il benservito a questi "avvoltoi" che da 40 anni dissanguano l'Italia.