In Italia più che gli euro mancano le palle

Il saluto di Sallusti ai lettori: "Non voglio concedere nessuna via d'uscita a chi ha partecipato a questa porcata"

Fa un certo effetto sapere di dover andare in carcere. Ma non è questo il problema, non il mio. In un Paese dove più che gli euro mancano le palle, non voglio concedere nessuna via d'uscita a chi ha partecipato a questa porcata. Non ho accettato trattative private con un magistrato (il querelante) che era disponibile a lasciarmi libero in cambio di un pugno di euro, prassi squallida e umiliante più per lui, custode di giustizia, che per me. Non accetto ora di evitare la cella chiedendo la pena alternativa dell'affidamento ai servizi sociali per sottopormi a un piano di rieducazione. Perché sono certo che mio padre e mia madre, gli unici titolati a educarmi, abbiano fatto un lavoro più che discreto e oggi, che purtroppo non ci sono più, sarebbero orgogliosi di me e di loro.

E ancora. Non chiederò la grazia a Napolitano perché, detto con rispetto, nel suo settennato nulla ha fatto di serio e concreto per arginare quella magistratura politicizzata che con odio e bava alla bocca si è scagliata contro chiunque passasse dalle parti del centrodestra e che ora, dopo avere ripassato i politici, vuole fare pulizia anche nei giornali non allineati alle loro tesi. Non voglio poi risolvere io il problema di Mario Monti, accademico di quella Bocconi che dovrebbe essere tempio e fucina delle libertà, che si trova al collo, complice il suo sostanziale silenzio e il suo immobilismo sul caso, la medaglia della sentenza più illiberale dell'Occidente. Così come il ministro della giustizia Paola Severino, definita da tutti come la più illuminata tra gli avvocati illuminati, dovrà ora chiedersi se per caso non è colma la misura della giustizia spettacolo degli Ingroia e dei suoi piccoli imitatori in cerca di fama.

Stamane scriverò al Prefetto di Milano, per annunciargli che rinuncio alla scorta (ragazzi meravigliosi e sottopagati che non finirò mai di ammirare) che da due anni mi protegge notte e giorno da concrete e reiterate minacce. Non posso accettare che una parte dello Stato, il ministero degli Interni, spenda soldi pubblici per tutelare una persona che un'altra parte dello Stato, la magistratura, considera in sentenza definitiva soggetto socialmente pericoloso.

E ultimo, ma primo in ordine di importanza, oggi mi dimetto, questo sì con enorme sofferenza, da direttore responsabile del Giornale, per rispetto ai lettori e ai colleghi. Il foglio delle libertà non può essere guidato da una persona non più libera di esprimere ogni giorno e fino in fondo il proprio pensiero perché fisicamente in carcere o sotto schiaffo da parte di persone intellettualmente disoneste che possono in ogni momento fare scattare le manette a loro piacimento.

Ringrazio tutti voi per la pazienza e l'affetto che mi avete dimostrato e vi chiedo scusa per i non pochi errori commessi. Ma non mi arrendo, questo mai. La battaglia per cambiare in meglio il Paese continua, e questo sopruso, sono convinto, può essere trasformato in una opportunità in più per tutti noi.

Commenti
Ritratto di lettore57

lettore57

Gio, 27/09/2012 - 08:48

complimenti DIRETTORE

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Gio, 27/09/2012 - 08:51

BEN DETTO!!!

eugenio bonacorsi

Gio, 27/09/2012 - 08:51

Non accetto ora di evitare la cella. Benissimo, vediamo se mantieni la parola.

bruna.amorosi

Gio, 27/09/2012 - 08:56

CARO SALLUSTIse ti aspetti che la sinistra farà scendere in piazza i loro leccaculi x difendere tè stai tranquillo non accadrà hanno troppo paura di quelli che fin ora gli hanno retto il gioco della loro politica basta pensare quanti dei giornalisti di sinistra sono stati accusati di qualcosa .SE avessero le PALLE come dici tù a quest'ora ci sarebbe già la rivoluzione dato che i sinistri si aggrappano alle parole LIBERTA' si ma solo x loro .gli altri in galera beh!!una rogna di meno .

epesce098

Gio, 27/09/2012 - 08:57

BRAVO SALLUSTI, MA QUELLO CHE MI DISPIACE SONO LE TUE DIMISSIONI DA DIRETTORE DE "IL GIORNALE"

giovi bl

Gio, 27/09/2012 - 08:59

Come e' possibile questo nel 2012 in Italia??????bisogna avere paura di viverci????

Ritratto di semiscopremiamoglie

semiscopremiamoglie

Gio, 27/09/2012 - 09:08

una bruttissima giornata per tutto il paese. Ciao direttore!!

Ritratto di Senior

Senior

Gio, 27/09/2012 - 09:13

Il suo dolore nel lasciare la direzione del giornale, si accomuna a quello dei lettori ed estimatori della sua persona e della sua conduzione de "IL GIORNALE". Spero di risaperlo presto sulla "breccia". senior

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Gio, 27/09/2012 - 09:17

Grande Sallusti, di una coerenza rarissima. Onore e tanto di cappello. Al proposito, assordante l'assoluto silenzio della stampa estera in questione, sempre puntuale a segnalare esclusivamente le grane del Pdl.

onofri

Gio, 27/09/2012 - 09:17

pazzesco: continua a dire balle, ancora bugie. Persone intellettualmente disoneste ??? ma se è lui il principe dei bugiardi, dei malfattori e dei mentitori di professione. Mente sapendo di mentire. da manuale il passaggio "non ho accettato trattative private con un magistrato (il querelante) che era disponibile a lasciarmi libero in cambio di un pugno di euro, prassi squallida e umiliante più per lui, custode di giustizia, che per me". Invece risulta sia stato lui ad OFFRIRE una paccata di soldi al querelante per ritirare la denuncia. però il querelante, custode di giustizia, ha rifiutato. con simili figuri, prodotto della più bassa e meschina società italiana, vediamo realizzarsi la profezia di montanelli: la melma che esce dal pozzo.

antiom

Gio, 27/09/2012 - 09:18

Caro Sallusti, lei sta riflettendo, con elevata dignità e comportamento di vero signore dei tempi andati, il Giornale che è, e spero rimanga, una voce fuori del coro dell'appiattimento reverenziale alla disastroso egemonia sinistra: per il quale mi batto in tutte le occasione di chi lo dileggia stupidamente.

Ritratto di angela piscitelli

angela piscitelli

Gio, 27/09/2012 - 09:20

Siamo noi, Direttore a ringraziarla per questa grande lezione di libertà che ci ha regalato ;gli Italiani per bene ne hanno tratto le conseguenze:il nostro Cav, altra vittima esemplare di questo stato canaglia disse che "l'amore vince sempre sull'odio" e noi sorridemmo, scettici. Ma la libertà è come l'aria: non se ne puo' fare a meno. Finchè non ci manderanno tutti in galera, combatteremo.

Dario40

Gio, 27/09/2012 - 09:23

condivido pienamente il discorso d'addio di Sallusti, sperando che possa ritornare quanto prima un "uomo libero" sotto tutti gli aspetti. Quanto ai nostri politici che oggi strillano per la libertà di stampa violata e calpestata,chiedo loro soltanto di tacere e di vergognarsi nel profondo dell'anima per la loro inettitudine e ignavia. Hanno avuto anni e anni di tempo per modificare questa legge assurda e non l'hanno fatto. Mi fanno schifo !!!!!!!!!!!!

cafo

Gio, 27/09/2012 - 09:24

Morty perchè non hai ripubblicato quell'articolo pieno di falsità e dietrologie costruite ad arte per compiacere il tuo padrone, che con in giudici ha un conto aperto? dai che la galera te la sei evitata. Incomprensibile come l'ordine dei giornalisti non ti abbia ancora mandato via, con le boiate che scrivi tutti i giorni...

Ritratto di mark 61

mark 61

Gio, 27/09/2012 - 09:29

per SALLUSTI che si è sempre battuto perche tutti pachino i propri errori , se vi è una legge che punisce la diffamazione a mezzo stampa è giusto che pachi .infatti non si oppone alla sentenza ( anche perche sa che non ci andra mai )

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Gio, 27/09/2012 - 09:32

Siete tutti Sallusti

Giacinto49

Gio, 27/09/2012 - 09:35

Intellettualmente disonesti è la definizione che più di ogni altra condivido nei confronti di questa magistratura che fà spudoratamente il paio con la gestione vergognosa dei fondi pubblici. Il motivo? L'impunità. Solidarietà assoluta al Direttore Sallusti, come sempre schierato a difesa dei principi che più contano per la guida di una società prima ancora che di un Paese. Per i giudici interessati al caso: Vergogna!!! Giacinto Lombardi

Silvano Tognacci

Gio, 27/09/2012 - 09:35

Le dedico la canzone di un grande liberale come Bruno Lauzi, RITORNERAI.

devecar

Gio, 27/09/2012 - 09:39

Leggo, a margine dell'articolo, "Commenti: 0". Effettivamente una simile notizia non può che suscitare profondo sgomento e ammutolire chiunque abbia ancora un fioco barlume di speranza che esista ancora, in questa nostra Italia, una Magistratura degna di essere ancora citata con la M maiuscola. Ma, ahinoi!, credo proprio che, come ha giustamente detto il dottor Sallusti, stiamo parlando di una classe sostanzialmente composta da persone "intellettualmente (ed io aggiungerei "e moralmente") disoneste". Angoscia ancor più la consapevolezza di non avere alcun riferimento a cui rivolgersi per invocare giustizia e allora...Iddio ci aiuti!

Clara Pedrelli

Gio, 27/09/2012 - 09:44

Caro Direttore, se è obbligato dalla legge a dimettersi faccia..se è una questione di onestà intellettuale no! E' questo il modo per rispettare i suoi lettori!

zipala'

Gio, 27/09/2012 - 09:45

Chiacchiere e tabacchiere di legno.......il giorno che entrera' in carcere mi faro' frate.

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 27/09/2012 - 09:49

Carissimo Direttore, anche se spesso in disaccordo con le sue Opinioni e quelle de "il Giornale", le do atto della Coerenza e della Onestà Intellettuale: Due cose sempre più rare in questa "Nuova Babilonia" chiamata ancora Italia. - L'Italia, dove gli Ipocriti, i Sepolcri-Imbiancati, insieme agli intrallazzatori presenti in massa fin nelle più Alte Istituzioni, stanno facendo strame di questo Paese e del suo Popolo. Un Paese ed un Popolo resi ormai schiavi dalla inettitudine, dalla corruzione e dal disfacimento della Dignità di quel Dovere Costituzionale di "essere servito". -- In bocca al lupo, tantissimi auguri. Grazie. - G.Piero -

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 27/09/2012 - 09:50

Direttore, è la prima volta dopo tanti anni che vedo una personalità, comunque in vista tirare fuori gli Attributi come ha fatto lei, non si è fatto intimorire..da quella lobby che crede di essere la personificazione della "giustizia" ma sono puri "sgherri" che usano la giustizia..per proprio comodo, ho capito cosa intende per "non posso essere un direttore sotto schiaffo" ha ragione hanno fatto pure questo..riservandosi una vergognosa "spada di damocle" tanto loro la "giustizia" se la suonano e se la cantano, un'augurio ritorni più FORTE di prima.

qualunquista?

Gio, 27/09/2012 - 09:52

Ancora una volta la magistratura fa di tutto per allonatanarsi dal senso comune, i cittadini la comprendono sempre di meno. La sospensione della pena? storie! significa che alla prossima marachella viene messa in conto anche quella sospesa.... con che spirito si può lavorare? Ma non si preoccupi, Direttore, pensi che a Cuba o in Cina le sarebbe potuto anche andare peggio (forse).

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Gio, 27/09/2012 - 09:52

Sallusti vai a fare compagnia a Bossi, il trota, la Polveririni, Berlusconi, Fede, Mora, non ti scoraggiare in tempi di rinnovamento, potete sempre organizzare un'altra crociera...

angelo

Gio, 27/09/2012 - 09:53

Dio la benedica, Direttore. Gli avvoltoi che hanno combinato tutto questo, residui effemminati dell'orgasmo imbecille che, quaranta anni fa, sfibró il corpo sociale di questa galera di paese, lasciando dietro di sè un panorama di macerie maleodoranti, rimarranno permanentemente a rubrica nell'animo e nella mente del popolo del centrodestra. La mediocrità e l'ignoranza, oramai elevate a regola e vigliaccamente barricate dietro l'impunità medioevale di una casta senza vergogna, hanno superato il segno. O noi o loro: non può esserci via di mezzo per chi ama la libertà. Noi amiamo la vita e la rispettiamo fiduciosi. Loro vivono nel tormento di un livore accumulato nella consapevolezza della loro mediocrità e solo in branco e ben protetti dal seno che sgorga veleno di regole fuori del mondo possono esistere. Come può esserci compromesso? Che il centrdestra stavolta tiri fuori i coglioni e ci mobiliti contro il sopruso. A lei, egregio Direttore, la mia vicinanza. Tutti in piedi e giù i cappelli: sta passando Alessandro Sallusti.

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Gio, 27/09/2012 - 09:55

Siete tutti sallusti cosa sarebbe un'anatema o una minaccia? luigipiso è inutile che scherzi, anche tu sei un gran sallusti, tutti quanti lo siamo...ah!

Ritratto di Geppa

Geppa

Gio, 27/09/2012 - 09:55

avevi a pensarci prima forse...caro Sallusti

honhil

Gio, 27/09/2012 - 09:56

Ed il magistrato disse: io ti mando in galera.La legge (o forse sarebbe meglio chiamarla vendetta) dei magistrati fondamentalisti ha trionfato. E non siamo in una repubblica talebana, ma nella culla del diritto: l’Italia.

Ritratto di apasque

apasque

Gio, 27/09/2012 - 09:58

SALLUSTI, lei é un grande. Per un motivo principalmente. Lei ha combattuto e non si trova dalla parte "giusta": con ciò intendo dire che non é nè nella galassia di De Benedetti, né nel protettorato delle sinistre. Lei non ha nessuna mafia politica che la sostiene. Per questo é un grande. Io la voglio sostenere. Perché un Ingroia, magistrato, per fare un esempio, né ha dette e fatte di ogni colore ed é sempre stato accettato. E così dicasi per centinaia di altri magistrati (Di Pietro? De Magistris?....). E poi la ringrazio per il coraggio con cui ha detto pubblicamente una grave verità: Napolitano, uno dei peggiori presidenti che abbiamo mai avuto, non è mai intervenuto a moderare la Magistratura per cui é presidente del CSM. In un'Italia condizionata ancora dai veterocomunisti non poteva aspettarsi altro.

emulmen

Gio, 27/09/2012 - 10:01

Siamo tutti Sallusti, tutti gli altri che non ci credono sono sinistrati imbevuti di delirazioni...perchè non si rendono conto che questa sentenza può provocare un epricolosissimo rpecedente...chiunque può sentirsi diffamato e ricorrere al reato d'opinione per far tacere chi non la pensa come lui...vuol dire che ricorremo ai segnali di fumo o al telegrafo per far sapere quel che pensiamo di questo ormai chiarissimo regime giudiziario in cui siamo finiti...anche alle prossime elezioni scommettiamo che diverse procure son già pronte a zittire il centro-destra per far vincere i rossi? E' QUESTA LA DEMOCRAZIA CHE VOLEVATE, SINISTRATI?

Ritratto di lettore57

lettore57

Gio, 27/09/2012 - 10:01

non credo che solo alla magistratura si applica la definizione di ... intellettualmente disonesti... ma anche ai politici che non hanno fatto nulla ma, anche, a tanti che postano il loro pensiero qui. che schifo

ABU NAWAS

Gio, 27/09/2012 - 10:02

RIMANGA........PER FAVORE!! L'Italia ha bisogno di Lei

Gianni.Zanata

Gio, 27/09/2012 - 10:02

non ci mancherai neanche un po

vacabundo

Gio, 27/09/2012 - 10:09

Mi dispiace per quello che succede in italia ed il caso particolare è successo ad uno che difendeva e difende tuttora a denti stretti un politico che per molti anni è stato premier di questo paese.Mi domando, cosa ha fatto questo politico quando era al potere essendo anche il suo editore?Niente come tutti gli altri,però adesso si condannano gli altri.Dovevate ricordaglielo voi, giornalisti molto vicini a lui al posto di condannare gli altri,Non l'avete fatto:quando uno vuole il male degli altri anche se non condivide le sue idee il suo è molto vicino.Ripeto mi dispiace moltissimo per quello successo,ero e sono sempre contro il vostro editore e di conseguenza non mi piaceva la tesi di questo giornale, ma ad un certo punto è successo qualcosa che mi ha fatto cambiare idea.Adesso, l'apprezzo moltissimo,. vi seguo,vi leggo con interesse,partecipo ai vostri bloggers ma dovete essere voi giornalisti e noi cittadini però noi cittadini non abbiamo più il potere a ricordare tutte le leggi sbagliate alla classe politica,questa se ne sta nel suo guscio dorato fottendosi anche delle persone a loro vicine ed al momento come questi, insorgono gridando in piazza come se la colpa è solamente degli altri e non anche di loro.

pgbassan

Gio, 27/09/2012 - 10:12

Grandissimo messaggio di civiltà, rettitudine, saldezza nei principi democratici. Speranza nel trionfo della verità e giustizia (a dispetto del presidente parteggiatore – partigiano è troppo poco, oltretutto dovendo essere il rappresentante di tutti gli italiani!!! - della Repubblica e tanta parte di gente indegna a rappresentare e gestire la parte pubblica). Tante persone nel tempo hanno pagato per la giustizia: il bene costa sempre sacrificio. Direttore, l'aspettiamo sempre e auguriamoci che sia presto. Grande!

romanodolce

Gio, 27/09/2012 - 10:14

UOMO LIBERO. Uomo libero Adamo, fresco di creato, voltasti le spalle al Paradiso per unirti ad Eva. Nella vita terrena, in millenni di storia, la LIBERTA’ ha acceso una stella, limpida e fulgida, ammirata e desiata dalla donna , amata dall’uomo, a costo di patire, di morire, di gioire di dolore, per gustare il sapore della magia di un valore, creato lassù portato quaggiù dal figlio di DIO: Cristo, sanguinante in croce. Romano Dolce.

Flowers

Gio, 27/09/2012 - 10:15

Ma che non faccia il martire, per favore... Ha sbattuto in prima pagina una notizia falsa e invocato la pena di morte per 4 persone innocenti in un discorso delirante, e ora paga.

Ritratto di jagomar

jagomar

Gio, 27/09/2012 - 10:16

I magistrati applicano le leggi, prendetevela con i politici che hanno fatto leggi ad personam da vent'anni ma quelle relative al carcere per diffamazione non le hanno toccate. Questa di apparire un martire mi sembra l'ennesima diffamazione del signor Sallusti.

berve

Gio, 27/09/2012 - 10:25

Vada a spiegare ai carcerati che Ruby è la nipote di Mubarak. Auguri.

dondonatino

Gio, 27/09/2012 - 10:27

Sono convinto che se questa storia fosse capitata ad un giornalista di sinistra a quest'ora la gente sarebbe gia' in piazza e ci sarebbe stata la rivolta dei parlamentari della sinistra. E questa in Italia la chiamano democrazia.

Wake me up when...

Gio, 27/09/2012 - 10:28

Egregio Direttore Dott. Sallusti, mi permetta di esprimere alcune considerazioni che mi appaiono importanti, viste da fuori, in quanto persona che ha seguito la sua vicenda solo sui giornali. La prego di correggermi se ho capito male, ma, da quello che ho letto, lei, in quanto direttore del giornale Libero ha pubblicato una notizia palesemente falsa e diffamatoria. Va detto che, il giornalista autore dell'articolo non ha neanche avuto il coraggio di esporsi in prima persona ma ha utilizzato uno pseudonimo. Le fa onore l'essersi preso tutta la responsabilità in quanto direttore del giornale, invece di scaricarla sul suo collega, ma ciò non toglie che un errore sia stato commesso, pertanto, chi ne ha l'oggettiva responsabilità, deve pagare. Certo, è lecito pensare che questa sentenza sia dura. Nessuno, per quanto male possa pensare di lei, può accomunarla a qualche criminale pericoloso da tenere rinchiuso in una cella. Ma, se qualcosa nella legge va rivisto, va fatto per proteggere tutti i cittadini, e non solo il Dott. Sallusti. Mi sembra di aver capito in ogni caso che "la galera", come dice lei, le verrà risparmiata. E' una buona notizia. C'è un'altra cosa che però mi impressiona. E' il fatto che tutti i suoi colleghi, inclusa la sua associazione professionale, la difendano. Anche se la legge non prevedesse alcuna detenzione, o se quello da lei commesso non fosse considerato un reato, sarebbe comunque una grave responsabilità professionale, un errore che un direttore di una grande testata non deve commettere. Un fatto che un'associazione di categoria dovrebbe punire. Spero di aver scritto delle cose condivisibili, e che questo spiacevole evento non le impedisca di continuare la sua attività di giornalista. Cordiali saluti.

Ritratto di KNight

KNight

Gio, 27/09/2012 - 10:29

siamo tutti sallusti? ma anche NO!

magilla967

Gio, 27/09/2012 - 10:31

Eddai... sii uomo. Quando andavi in tv facevi il duro e puro inflessibile. Adesso anche la Cassazione ha detto che devi esser carcerato, quindi sii coerente, non mi farai la parte del quaquaraquaqua proprio adesso? Ti dirò la verità: non sono contento se finisci al gabbio, ma ben ti sta, perchè il tuo "piccolo" amico si è fatto le Leggi per evitare problemi, ma si è dimenticato degli amici.... Vabbè dai, poi scrivi anche tu come Silvio Pellico. Prometto che lo compro. Per farne che non lo so, però lo compro. Coerenza ok? Mi raccomando

lamwolf

Gio, 27/09/2012 - 10:31

Nel nostro paese vagano indisturbati centinaia di delinquenti, criminali e assassini con precedenti penali e alias interminabili. Vengono denunciati, arrestati e segnalati spesso anche più volte alla settimana e rimessi in libertà, oppure dopo pochi giorni di galera o meglio arresti domiciliari si dedicando al mestiere di sempre: DELINQUERE. Abbiamo centinaia di persone che commettono costantemente violenza nei confronti delle donne, persecuzioni assurde e le cronache danno notizie ogni giorno di donne brutalmente ferite e a volte uccise. Per non parlare di mafiosi che per cavilli vengono liberate dopo che le forze dell'ordine gli hanno dato la caccia per anni, oppure perchè qualche giudice non è stato capace di preparare un processo. Siamo oggi ostaggi della crimnalità, il terrore delle famiglie anche dentro le mura domestiche. Detto ciò avrei voluto vedere se la diffamazione fosse stata compiuta nei confronti di un qualunque cittadino come sarebbe andata a finire!!! La magistratura è il potere forte dello stato, ingiudicabili e possibili di qualsiasi genere di comportamento. Siamo un paese dove la giustizia, malata, è amministrata anche politicamente mentre dovrebbe essere apolitica come qualsiasi appartenente alle forze dell'ordine. In galera per una diffamazione!!!!!! assurdo pensando che migliaia di criminali nonostante vengono denunciati e arrestati riescono grazie alla collaborazione della giustizia, clemente e GARANTISTA a continuare l'opera di terrorizzare il paese con furti, rapine, estorsioni, violenze ecc... con un incremento preoccupante. Parlare a volte con i tutori della legge lascia l'amaro in bocca, noi li assicuriamo alla giustizia e poi li ritroviamo poco dopo a compiere gli stessi reati. Credo che il sistema Italia sia entrato nella fase terminale e quindi spero e auspico un azzeramento della politica affarista e ladra e delle istituzioni che oggi non sono più garantiste per il cittadino onesto e lavoratore ma per che oggi in Italia migliaia sono soprattutto gli stranieri che vengono a delinquere sapendo che tanto è facile farla franca. VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

MEFEL68

Gio, 27/09/2012 - 10:33

A luigipiso vorrei dire che è meglio essere Sallusti che qualche altra cosa. Al Dr. Sallusti, invece, vorrei dire di non lasciare perchè così facendo realizzerebbe lo scopo di chi vuole emarginarlo. Ai sinistri vorrei dire di non gioire, perhè sono questi i fatti che ci fanno perere la credibilità nel mondo,non la nipote di Mubarak

honhil

Gio, 27/09/2012 - 10:34

Ed il magistrato disse: io ti mando in galera. La legge (o forse sarebbe meglio chiamarla vendetta) dei magistrati fondamentalisti ha trionfato. E non siamo in una repubblica talebana, ma nella culla del diritto: l’Italia.

Rossana Rossi

Gio, 27/09/2012 - 10:34

Bravo Sallusti come sempre,articolo perfetto. Questo è un paese da medio evo, di regime, e in mano a quella casta potente e incriticabile dei magistrati. Quello che sconcerta è che non si sa come venirne fuori,ammesso di riuscirci.......

antiquark

Gio, 27/09/2012 - 10:37

Egr. sig. Sallustri, LEI è un grande uomo prima di un grande giornalista. Il nostro paese dovrebbe essere grato ad un uomo come Lei che difende il diritto di informazione e la libertà di stampa contro le lobby della politica Non posso che augurarle buona fortuna e sollecitare il paese a cambiare le innumerevoli leggi ingiuste che hanno dilagato nel nostro paese. Noi siamo afflitti dall'impossibilità di curarci, quindi capiamo il suo disagio. Cerchiamo di lottare insieme contro l'impossibilità da parte del Popolo Italiano di gestire la propria libertà che in passato è cosatata vite e sacrifici. Dai moti carbonari ai partigiani, a Falcone e Borsellino, tutti hanno lottato per i diritti che oggi stanno schiacciando

Valerio64

Gio, 27/09/2012 - 10:38

Stamo attenti a quello che diciamo..c'è in giro pure un astice2009 che ci denuncia...Lo scimmiotto.

Valerio64

Gio, 27/09/2012 - 10:39

luigipiso..capisco che sei in malafede ,ma almeno togli quella foto...

cwo11

Gio, 27/09/2012 - 10:50

Caro Sallusti, io non sentirò la tua mancanza. Sei un giornalista fazioso, che ha sempre attuto senza scrupoli la politica della diffamazione e del sistematico infangamento degli avversari politici del tuo datore di lavoro. Non credo affatto che sconterai 14 mesi di galera, quindi smettila di piagnucolare e di rastrellare in giro una solidarietà che non meriti, come giornalista e soprattutto come uomo.

killkoms

Gio, 27/09/2012 - 10:50

@mark61,il solito!a prescindere che sallusti paga colpe non sue,se non oggettive,e la sproporzione sta nel fatto che mentre per analoghi provvedimenti i processi si concludevano con sole condanne a rifondere i danni alla parte lesa,qui,siccome la parte lesa è un collega,è scattata la lesa maestà,e il giornalista và in galera!quante volte i nerovestiti disattendono leggi quando non le condividono,come quella sui rimpatri coatti dei clandestini?

fahreneit451

Gio, 27/09/2012 - 10:52

Sfasciare una vetrina si paga con 12 anni di carcere; in possesso di pochi grammi di hascisc si paga fino a 9 anni di carcere; massacrare un innocente o ammazzare un ragazzo di botte se sei in divisa lo paghi con la prescrizione o al massimo 3 anni; forse le leggi da cambiare sono altre non questa. Quanto vale la vita distrutta di Boffo? la sua professionalità? il suo onore? Dite quanto vale e poi parliamo del resto. La vostra macchina del fango vi si è rivolta contro, ora pagatene le conseguenze.

briegel70

Gio, 27/09/2012 - 10:54

Ammetto che andare in carcere per parole dette o scritte E' ASSURDO e INGIUSTO (se paragonato ad altri comportamenti che vengono puniti di meno o per nulla). Però condivido quello che dice Mentana. Io dico: "Ma dovevamo arrivare all'Arresto di Sallusti per accorgerci che c'è una legge sbagliata?" Accorgersene prima? No? Quando si discute nei media delle tante leggine (molte delle quali ridicole o "ad personam") perchè nessuno ha indicato questa legge ingiusta e da cambiare? I Magistrati NON SONO DA CONDANNARE. I MAGISTRATI SONO DEI SEMPLICI ESECUTORI CHE - IN QUESTO CASO - APPLICANO UNA LEGGE SBAGLIATA. Ma non è colpa loro se la legge è sbagliata. Il Magistrato è come il poliziotto. Cosi come il Poliziotto comincia a "menare" quando parte l'ordine "mena", allo stesso modo il Magistrato applica la legge quando è chiamato a farlo... Nel primo caso io non condanno il poliziotto ma - semmai - colui che ha impartito l'ordine "mena". Nel secondo caso io non condanno il magistrato ma - semmai - coloro che hanno "consegnato" al magistrato una legge ingiusta DA APPLICARE VOLENTI O NOLENTI.

Wolf

Gio, 27/09/2012 - 10:56

Caro Direttore, comunque vada, la tua sarà una vittoria, per ora morale. Tutto intorno assistiamo ai silenzi assordanti di coloro che si stracciavano le vesti per via dell'informazione imbavagliata (secondo loro da Berlusconi)..ora un Giornalista va in galera per un opinione (manco sua per la verità) e nulla.....

Flowers

Gio, 27/09/2012 - 10:57

Te lo meriti! Ti sei sentito al di sopra della legge e non hai smentito una notizia falsa, adesso paga!

Ritratto di trebisonda

trebisonda

Gio, 27/09/2012 - 10:58

sono troppo indignata per una sentenza che considero assurda ,indegna di un paese civile,mi vergogno di essere italiana ,non so dire altro ho un nodo in gola.Forza Direttore siamo con te.

Flowers

Gio, 27/09/2012 - 10:59

e non mi pubblicano nemmeno i commenti dalle 4 di stamattina che scrivo! Questi sono quelli che si battono per la libertà di stampa capito? che pagliacci.

baio1969@libero.it

Gio, 27/09/2012 - 11:02

Se Sallusti va in galera, io mangio un gatto vivo.

berve

Gio, 27/09/2012 - 11:03

Si è dimenticato di ringraziare il Governo Berlusconi che non ha modificato la legge. Forse erano troppo impegnati a giurare che Ruby fosse la nipote di Mubarak.

CALISESI MAURO

Gio, 27/09/2012 - 11:04

Si luigipiso e consimili siamo tutti sallusti... e tu e i tuoi consimili chi siete? Guardatevi ATTENTAMENTE allo specchio vi dira' tutto!

puffin

Gio, 27/09/2012 - 11:06

Caro direttore sappiamo benissimo che lei non farà nemmeno un giorno di galera. Sappiamo benissimo che sta usando questo fatto per fare pubblicità contro i giudici comunisti sbrana bambini. Io credo che un pò di galera le farebbe proprio bene dopo tutte le minchiate che ha sparato in questi anni per entrare nelle glorie del buon silvio, noto anche come il nonno porco d'italia. Detto questo le ricordo inoltre che proprio il suo padrone avrebbe desiderato pene molto più severe per i giornalisti ma non ricordo nessun suo intervento per salvaguardare la categoria. Quindi chi la fa l'aspetti, attendo di vederla dietro le sbarre anche se resterà solo un bellissimo sogno. E poi si ricordi LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI ma sono convinto che sia lei che i poliziotti assassini rimarrete impuniti e con un lavoro alle spalle. Saluti

Ritratto di scriba

scriba

Gio, 27/09/2012 - 11:06

MORIRE D' INNOCENZA. Il morbo, non più strisciante e silenzioso, del giustizialismo, del metodo stalinista di eliminare gli avversari politici e le voci eroiche del dissenso, ha contagiato l' Italia intera che, a causa di questa cancrena, è caduta nel baratro di una gigantesca foiba (e a sinistra di foibe se ne intendono eccome). Egregio e colto Dott. Sallusti, che lei lasci il giornale è comunque una vittoria del morbo che così priva il corpo della libertà di un arto magistrale per chiarezza e coraggio di idee. Con le armi improprie, ma micidiali, delle dimissioni indotte per via giudiziaria e della delegittimazione, tutte le voci del centrodestra vengono via via eliminate (Minzolini fra gli altri). Milioni di italiani come me La pregano di non privarli del Suo sostegno quotidiano, del Suo lavoro a favore della libertà di pensiero che questo squallido morbo divora ogni giorno, anche grazie ad una platea ignorante e sensibile meno di un sasso che vota e sostiene, per un tozzo di pane e per odio politico, questa ciurmaglia. Resti e scriva! Scriva, scriva, scriva!

paolo gippo

Gio, 27/09/2012 - 11:08

I pennivendoli del circonciso de maledetti hanno insultato, diffamato e calunniato per anni il cattivone di Arcore e non hanno mai subito alcuna conseguenza, sara' mica perche i loro amichetti magistrati democratici usano due pesi e due misure..... ma no, certo che no! ONORE A SALLUSTI.

marinaio

Gio, 27/09/2012 - 11:09

Oggi sul Corriere della Sera c'è la seguente notizia: " In Vietnam andranno in carcere per 12, 10 e 4 anni tre giovani blogger, giudicati colpevoli di propaganda contro il sistema." Non è proprio la stessa cosa, ma ci stiamo andando vicini. Del resto se siamo l'unico Paese occidentale al mondo che ha un presidente della Repubblica comunista e solo due anni fa avevamo un Ministro di Grazia e Giustizia comunista (Diliberto) , allora un motivo ci sarà.

Ritratto di benito1966

benito1966

Gio, 27/09/2012 - 11:09

Caro "signor" jagomar l'imbecillità del suo commento la dice lunga sulla sua intelligenza.Sono le personcine come lei che umiliano la nostra Italia. Faccia un favore a tutti torni a scrivere sui muri dei cessi, cosa sicuramente più confacente alla sua caratura intellettuale. Caro direttore la sentenza è una vergogna per il nostro Paese e per la Democrazia, Le auguro ogni bene!

MEFEL68

Gio, 27/09/2012 - 11:09

##jagomar- Ma possibile che, qualunque cosa accada, gira gira, si allude a Berlusconi che in questo caso non c'entra nulla? Se la stessa cosa fosse successa, Tanto per fare un esempio, a Santoro o simili, lei avrebbe scritto lo stesso intervento? Avrebbe stigmatizzato l'atteggiamento a vittima (che peraltro ha fatto) del conduttore di Anno Zero? Non credo!

21v3

Gio, 27/09/2012 - 11:09

Evidentemente ai berlusconiani la LEGGE non piace... vale solo per gli altri, e vi pensate di destra pure! CHI SBAGLIA PAGA! LEGGE E ORDINE! Siete ridicoli. Il paese è allo sbando e qui di difende un servo del potere che ha commesso un REATO previsto dalla LEGGE ITALIANA che i vostri padroni non hanno mai toccato!

21v3

Gio, 27/09/2012 - 11:10

siamotuttisallusti!!! ahahaha per fortuna non lo siamoooo!!!!

pgbassan

Gio, 27/09/2012 - 11:10

Grandissimo messaggio di civiltà, rettitudine, saldezza nei principi democratici. Speranza nel trionfo della verità e giustizia (a dispetto del presidente parteggiatore – partigiano è troppo poco, oltretutto dovendo essere il rappresentante di tutti gli italiani!!! - della Repubblica e tanta parte di gente indegna a rappresentare e gestire la parte pubblica). Tante persone nel tempo hanno pagato per la giustizia: il bene costa sempre sacrificio. Direttore, l'aspettiamo sempre e auguriamoci che sia presto. Grande!

Verità_e_Giustizia

Gio, 27/09/2012 - 11:11

Caro Direttore, Le rinnovo la vicinanza morale. Sono in situazione analoga alla Sua, forse peggiore (ma non è un vanto), e sono stata costretta ad abbandonare la mia professione perché candidamente ho sempre ritenuto che i valori di Verità e Giustizia fossero superiori a qualunque altro, compresa la sicumera di certi storici traditori della patria. Forse di me sarà il regno dei cieli, ma in questo regno temo per la mia incolumità. Penso ai Marcello Lonzi e agli altri 2049 di questi ultimi anni. Non penso che la scelta di affrontare il carcere sia così serena. Come non hanno scherzato una volta, questi non scherzano. Fanno sul serio. Non credo che lei sia così incosciente da non sapere che non avrà nessuna cella d'oro come qualcuno sostiene. Se è vero (come è vero) che siamo in guerra, tutto è consentito e chi ha colpo in canna, spara. http://www.ristretti.it/areestudio/disagio/ricerca/index.htm Sono convinta che il suo "martirio", o "esilio" o "atto eroico" porterà qualcosa di buono. Qualche buon libro, o inchiesta o memoriale. Magari l'abolizione delle carceri. Sognare si può (con discrezione). Ho letto il commento di qualcuno del tipo "chi sbaglia paghi", "se un giudice ti condanna vuol dire che sei colpevole" e veramente gli auguro di non dover mai avere motivo di ricredersi su queste false illusioni, di queste regole che sono solo umane e non naturali. Sbagliare? Punire? Pagare? La Verità è sempre splendida, ma la realtà è schifosa. Questa gente è davvero estremamente pericolosa. Buona Fortuna Direttore. Coraggio, confido in Lei.

21v3

Gio, 27/09/2012 - 11:11

Ignoranti, prendetevela con la legge non con chi la applica! Oddio... ma chi è che fa le leggi? Il Parlamento? Un attimo ma chi c'è stato per più di 9 anni negli ultimi 18? Mmh... qualcosa non torna...

ggt

Gio, 27/09/2012 - 11:11

Caro Direttore, la Sua vicenda getta una luce sinistra(...) su una norma degna dei più feroci regimi totalitari di tipo staliniano, cui i suoi giudici sembrerebbero essersi ispirati nell'applicarla nei Suoi confronti. Un tale massacro della libertà mi lascia disgustato. Condivido totalmente la Sua analisi della vicenda, nonché le considerazioni del Suo collega Vittorio Feltri, circa le responsabilità de tutti i politici dell'era repubblicana per non aver sanato una grave stortura e clamorosa violazione dei diritti, che la vigente norma dulla diffamazione a mezzo stampa produce. Le esprimo tutta la mia solidarietà e Le esprimo la mia rinnovata, massima stima!

Ritratto di pacioccone

pacioccone

Gio, 27/09/2012 - 11:13

Caro Sallusti, quello che vuole la "cazzazione" con questa sentenza "politica" é che tu ti umili e ti prostri ai loro piedi chiedendo un percorso "rieducativo" presso "centri sociali" in alternativa al carcere ..o che tu chieda la grazia.. lo so che é molto facile far l'eroe col "culo degli altri"..ma tieni duro e non accettare né la prima né la seconda opzione..Se hanno avuto il "coraggio eversivo" di mandarti in carcere non levare loro le castagne dal fuoco, che se ne assumano diretta responsabilità e ci facciano la figuraccia che si meritano..una magistratura eversiva.. a proposito come utente di questo forum sono a rischio di carcere anche io, solo per esprimere miei opinioni?

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Gio, 27/09/2012 - 11:17

luigi piso ...e tu rimani luigi piso, speriamo unico esemplare.

eloi

Gio, 27/09/2012 - 11:17

Il Ponzio Pilato targato 2012, dal colle tace.

AndreaT50

Gio, 27/09/2012 - 11:26

Sallusti PRESIDENTE!!!

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Gio, 27/09/2012 - 11:29

Solidarietà a Sallusti in quanto la libertà di stampa è sacra. Tuttavia va anche sottolineato il fatto che l'articolo in questione era completamente infondato, che non è stata mai fatta una smentita per informare dell'infondatezza i lettori (si è fatta quindi falsa informazioni) e ciliegina sulla torta, l'articolo in questione è stato scritto da Farina, giornalista radiato dall'ordine per i motivi risaputi. CENSURATE ANCHE QUESTO, GRAZIE.

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Gio, 27/09/2012 - 11:29

e lo stipendio.. ahahaha.. a casaaaaaaaaaaaa

GioMarco

Gio, 27/09/2012 - 11:32

Diciamo che non andrà in prigione perchè non vogliono creare il martire: La procura, attraverso un comunicato del capo Bruti Liberati, ha fatto sapere che l'esecuzione della pena è sospesa. Quindi non è libero "neanche" di andare in prigione !!!

21v3

Gio, 27/09/2012 - 11:32

«Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1032. Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro 2065. Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore ad euro 516. Se l'offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate.»

michele lascaro

Gio, 27/09/2012 - 11:37

Caro Direttore, ripeto quello che in questa rubrica ho scritto ieri. Ho vissuto le vicissitudini di Giovannino Guareschi, leggendo, nei mesi della sua prigionia, sul suo Candido: Lettere dal carcere. Faccia altrettanto lei. Noi la leggeremo e saremo il suo conforto morale, visto che non possiamo reagire, contro chi va a caccia del vile denaro, in altro modo. La sua dignità di giornalista resterà immacolata, mentre i vili sprofonderanno nel buio del dimenticatoio. E non si dimetta!

Ritratto di pacioccone

pacioccone

Gio, 27/09/2012 - 11:41

ma possibile che in questa Repubblica delle banane nessuno riesca a mettere mano ad una riforma della giustizia e relegare la magistratura al semplice dovere di applicare la legge promulgata dall'esecutivo democraticamente eletto ?..ma in quale paese democratico é consentito alla Magistratura di fare politica e decidere chi debba governare il popolo?... in alternativa come gia avviene negli states, propongo che i pm vengano eletti nelle urnelettorali..

Willy Mz

Gio, 27/09/2012 - 11:46

lo ripeto anche qui: se fosse stato il direttore di repubblica o dell'unità questo non sarebbe mai successo. ma sallusti scrive e dirige un giornale che posso e voglio leggere. sempre a testa alta!

silverio.cerroni

Gio, 27/09/2012 - 11:47

@- Stim.mo Sallusti! Condivido tutto fuorché le Sue dimissioni. Lei è, un uomo libero.

silvano45

Gio, 27/09/2012 - 11:47

vergognosa sentenza di magistrati ormai da tempo fuori dalla costituzione perchè tropppo politicizzati partigiani:Sentenza che condanna moramente chi la emessa.Se sfasci deturpi picchi durante una manifestazione vai a casa se scrivi un articolo e sei travaglio ok se sei sallusti a morte

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 27/09/2012 - 11:53

Lo sa, vero Direttore, che con questa sentenza non hanno voluto colpire Lei, ma, attraverso Lei, il solito bersaglio Berlusconi? Inutile nascondersi dietro al dito. La verità è fin troppo evidente, e sa di messaggio con uno strano odore, come di...mafia?

xgerico

Gio, 27/09/2012 - 11:53

Son riuscito ha leggere l'articolo incriminato! Beh "augurare" la morte dei genitori della ragazza, del ginecologo, e del giudice, 14 mesi mi sembrano un po pochino.

bruna.amorosi

Gio, 27/09/2012 - 11:54

Jagomar mi sembra strano ....i magistrati applicano leggi che fà la politica . io rispondo ( secondo quale e a chi ).,comunque mai contro i vari TRAVAGLI O MAURO . non è un pò strano? ..e si che di quesrele ne hanno avute ...

Rodolfodetrent

Gio, 27/09/2012 - 11:58

ono sbalordito e schifato! In punta di diritto, anche se l'on. (?) Farina ha scritto l'articolo, chi l'ha pubblicato è responsabile perché, visto che Farina era stato radiato quale giornalista, non avrebbe potuto farlo in prima persona. Sarebbe come non incolpare il padre che fa guidare ad un dodicenne l'auto provocando un incidente! Sallusti, se è una macchinazione: sei un grande! Se sei una vittima: ****omissis! Comunque sia, questo Stato è uno Stato totalitario! Farina è in linea con lo spessore della politica italiana! Questo Stato è da rifondare!

macemax

Gio, 27/09/2012 - 12:00

Attenzione, non bisogna giudicare il fatto in se, ma se il reato non sia stato per caso giudicato in modo errato e/o esagerato. Vedete non è la legge che andrebbe modificata, perchè se si fa la prova, con tre Tribunali diversi, avremmo sicuramente tre sentenze diverse, quindi la differenza chi la fà??? I GIUDICI!!!! Io vedo nella sentenza una casta, quella dei Giudici, che si è auto-difesa. Certamente la legge ha le sue pecche, per il fatto che da la possibilità ai Giudici di punire in modo blando chi sotto effetto di stupefacenti o alcool, uccide una persona al contrario manda in carcere una persona per una diffamazione.

makeng

Gio, 27/09/2012 - 12:00

certo che dai nazi-comunisti del tipo "Flowers" e "KNight" non ci si può aspettare altro. Se si parla male di loro si và in galera dritti dritti. Lorooo sono "puri" "intoccabili" , tutti gli altri feccia. Basta che un togato sia "rosso" perchè chiuda un occhio quando nella gogna c'era il berlusca tacciato da pedofilo o da "buffone". Tutte le palle inventate dai togati rossi contro di lui solo per metterlo alla gogna e ....quando SI SONO RIVELATE TUTTE PALLE cosa cambia? Mica loro vanno in galera! EEE no! E adesso ( MA GUARDA UN PO!!) ti scrivono " ha scritto falsità e DEVE andare in galera".....Il giorno in cui in italia questo energumeni pseudo-angioletti spariranno, finalmente saremo un paese normale. Siamo tutti sallusti perchè tutti siamo per la democrazia vera e per la verità e la libertà di opinione. Voi siete solo LA VERA feccia prepotente e liberticida. Andate a cuba o in corea del nord per favore....

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 27/09/2012 - 12:05

"Tu quoque, brute-liberati, fili mi"? No è un figlio di... quegli altri, quelli che lanciano pietre e poi ipocritamente e vilmente, nascondono le mani, ma vogliono essere poi chiamati tutti: "Brute il Magnanimo".

Ritratto di apasque

apasque

Gio, 27/09/2012 - 12:05

@jagomar: lei ragiona come un burocrate sovietico quando dice "i magistrati applicano le leggi". Ha dimenticato di dire "interpretandole come gli pare e piace". Io non ho mai avuto dubbi che la struttura (costituzione e compagnia bella) italiana sia di tipo sovietico. Lo si vede anche da episodi come quello di Sallusti. Addirittura la galera! Ma mi faccia il piacere. In che cavolo di mondo vuole vivere? Di qui un direttore in prigione, di là un ambasciatore viene bruciato, sempre per questioni di opinione. Ma lei, con le sue affermazioni, sa che in Iran (ad esempio) si lapidano le donne, perché i magistrati applicano le leggi di quel paese?

Ritratto di pacioccone

pacioccone

Gio, 27/09/2012 - 12:06

ma anziché tergiversare sulla cazzazione, vogliamo parlare della storia giuridica di questa sentenza capzuta?..non sarei forse libero di esprimere la mia opinione ovvero che chi autorizza un aborto su una minorenne, che giuridicamente é per l'appunto minorenne quindi non in grado giuridicamente di decidere per se stessa? é una figura istituzionale quantomeno discutibile ed opinabile? posso dirlo da libero cittadino e debbo venire tradotto in carcere con Sallusti..? e portateci le arance..

Wrong

Gio, 27/09/2012 - 12:07

E' assurdo che nel 2012 in Europa si rischi il carcere per un reato di opinione. Ancora più assurdo che l'onore di queste persone che si sentono "diffamate" sia allegramente oggetto di mercimonio. Come per dire, ok meriti il carcere per quel che hai fatto pero' se sganci un po' di grana mi passa tutto e sei libero di andartene. Ci sono passata anni fa per avere descritto su un forum il mio esame di economia. Prof offesa che in cambio di una manciata di euro ha ritirato la denuncia. Avessi almeno scritto il falso.

uprincipa

Gio, 27/09/2012 - 12:11

Ma quanti buonisti. Ma che c'entra la libertà di stampa con un reato di diffamazione a mezzo stampa? Sallusti è un cittadino come tutti gli altri e visto che ha violato l'articolo 595 del codice penale (ha diffamato una persona a mezzo stampa dicendo falsità sulla sua attività di magistrato...e su questo non ci sono DUBBIIII !!) deve subirne le relative conseguenze. Oppure faccia il nome di chi si nasconde dietro Dreyfus. Una sentenza illiberale? Ma per cortesia!! La legge è stata applicata così com'è

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Gio, 27/09/2012 - 12:11

Domanda facile facile ai vari c.....i Quel PM che mandò l'avviso di garanzia a Berlusconi, per concorso in associazione mafiosa durante un convegno internazionale sulla criminalità, quel direttore di giornale che lo pubblicòin anteprima hanno diffamato o no? Il tutto è risultato una minchiata. Voi cari c.....i, non avete la più pallida idea del diritto. Conoscete solamente il diritto ideologico, quello nato con il comunismo. Vergognatevi molto intensamente.

Ritratto di Ovidio Gentiloni

Ovidio Gentiloni

Gio, 27/09/2012 - 12:15

Grazie Direttore

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 27/09/2012 - 12:15

Esatto questo è un "messaggio trasversale", una specie di "pizzino" del "M.R.I", ovvero, "mafia rossa italiana", nata idealmente in un mese d'Ottobre del Novecento.

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Gio, 27/09/2012 - 12:17

Lei Antonio Vivaldi è un top cazzone, ha dimenticato di citare Vendola, Penati, Errani, Tedesco, Frisullo, no..forse non è un cazzone... è uno con la memoria dotata di opportuni filtri. Saluti

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Gio, 27/09/2012 - 12:18

Continuate a definirlo un reato di opinione, sono balle è un reato di ffamatorio punto. Poi potete dire ed inventare quello che volete, ma sallusti ha commesso un reato e và punito

franky6464

Gio, 27/09/2012 - 12:21

sto blues188 dovrebbe essere condannato per razzismo. Ho notato che ad ogni suo commento si scaglia contro i terroni tutti. Ebbene sappi caro militante della freganord, che non tutti siamo ladri e mafiosi in terronia. Mi sorge il dubbio che tu sia salito nell'olimpo dei cervi per "mano" meridionale e posso ben capire la tua frustrazione anche se non l'ho vissuta in prima persona. Sei come i bambini che si divertono a fare e dire marachelle nascosto dietro un pc. Bada che pc significa computer e non piacenza.....fatti curare, troppa nebbia nelle meningi

Ritratto di r.peddis

r.peddis

Gio, 27/09/2012 - 12:21

Ci siamo ricoperti di ridicolo al cospetto del mondo intero e il più che mi sconvolge è il silenzio assordante della politica VERGOGNA…..direttore sono con Lei

gq

Gio, 27/09/2012 - 12:22

Vergogna a Lei, dott. Sallusti!! La diffamazione a mezzo stampa è utilizzare in modo distorto ed immorale di un potere di cui i giornalisti ed il loro direttore dispongono al fine di informare i lettori e proporre eventualmente il proprio punto di vista, anche in modo duro, ma sempre umanamente e professionalmente corretto, trasparente ed educato, rimanendo all'interno del quadro legale. Penso che Lei meriti quanto sta soffrendo e che Lei sbagli ancora a lamentare una cattiva legge e magistrati eccessivamente rigorosi. Spero abbia modo di riflettere. Un cordiale saluto. Giacomo Quagliotti

Valerio64

Gio, 27/09/2012 - 12:23

x 21v3: la smetta di scrivere scemenze.Oppure che le stesse valgano per tutti...Berlusconi avrebbe avuto la possibilità di diffammare migliaia di persone...e sarebbero ancora in carfcere...Smettetela và...

Sapere Aude

Gio, 27/09/2012 - 12:25

In Italia un'altissima percentuale di querele per diffamazione la fanno i giudici e i magistrati, casta dalla querela facile. Un cittadino lo fa solo non in casi estremi. Ho letto l'articolo di Farina, la sua è una opinione legittima e non c'è traccia né del nome del giudice né dei genitori della ragazza. Come lo sono le opinioni che compaiono su questo blog, a volte molo violente contro il Presidente della Repubblica. La querela al direttore del Giornale è stata voluta SOLO per odio politico. Amen

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Gio, 27/09/2012 - 12:27

sopratuto io vorrei una legge che manda loro in galera quando sbagliano, invece di pagare coi soldi delle nostre tasse i risarcimenti!

Ritratto di lectiones

lectiones

Gio, 27/09/2012 - 12:28

"Quae quousque tandem patiemini, o fortissimi viri? Nonne emori per virtutem praestat quam vitam miseram atque inhonestam, ubi alienae superbiae ludibrio fueris,per dedecus amittere? (Fino a quando, o miei prodi, siete disposti a sopportare? non è preferibile morire da forti che consumare ignominiosamente un'esistenza misera, oscura, fatti zimbello dell'altrui superbia?) Sallustio - La Congiura di Catilina - . Celestino Ferraro

Valerio64

Gio, 27/09/2012 - 12:28

Sono propri fessi questi sinistri.Ragionano proprio come i Giudei di antica memoria:"..conviene che un uomo solo muoia per tutto il popolo.." (Gv.11,45-56) Poi s'è visto coem è andata.Falsi e inutili

Valerio64

Gio, 27/09/2012 - 12:37

Rodolfodetrent:lei e tanti come lei del blog siete talemte ottusi nel guardare la pagliuzza negli occhi degli altri (di quelli ch non la pensanoi come voi) che non vi accorgete della trave che vi sbarra il giudizio.E avete zero memoria.Ottenebrati.Andatevi a vedere le tante querele beccate dai vari Santoro,Mauro,Travaglio(con Confalonieri che gli ha "piluccato 50mila eurini) etc.per casi come questo...e che fine hanno fatto? Hanno pagato.Quindi siete zero nelle vs.opinioni in quanto di parte ,e siete il male della democrazia e della libertà ,quelle vere pero'.Avete perso la coscienza.Questo è peccato grande...

antares4646

Gio, 27/09/2012 - 12:40

di quale libertá di opinione va cianciando questo giornale? Perché non riferite ai lettori che siete proprio voi a censurare tantissimi commenti, compresi i miei, quando essi sono contrari alla linea del vostro giornale. Che vada in galera questo Sallusti,perché é il primo responsabile di questa lurida ipocrisia. Pagliacci!

antoniosta

Gio, 27/09/2012 - 12:46

La pena e' esagerata. Ma questo non discolpa Sallusti dal reato commesso. Inviterei tutti a rileggersi l'articolo incriminato (Libero, 18/02/2007 a firma DREYFUS "Il giudice ordina l'aborto. La legge piu' forte della vita") dove si spacciano per verita' evidenti e provate falsita' e si sparge fango, oltre che sulla magistratura (il vero "target" dell'articolo) sulla famiglia in causa. Quindi, no al carcere per Sallusti, ma basta con il giornalismo superficiale e che distorce i fatti per sostenere una causa. Da ogni parte.

Roberto.Cagliari

Gio, 27/09/2012 - 12:47

CARO DIRETTORE SALLUSTI, HA TUTTA LA MIA SOLIDARIETA'. LA SINISTRA ACCUSAVA BERLUSCONI DI VOLER FARE LE LEGGI BAVAGLIO CONTRO LA LIBERTA' DI STAMPA, MA I VERI CENSORI SONO I MAGISTRATI DI SINISTRA CHE HANNO L'INTENTO DI PORTARE AL POTERE I BECERI COMUNISTI E PORTARE L'ITALIA IN UNA DITTATURA ROSSA DOVE LA LIBERTA' DEI CITTADINI SARA' RIDOTTA, TRANNE CHE PER GLI EXTRACOMUNITARI, I GAY E GLI ISLAMICI. E' ORA DI CAMBIARE LE COSE E CHE GLI ITALIANI ONESTI SI RIPRENDANO L'ITALIA E LA FACIANO CRESCERE.

vera

Gio, 27/09/2012 - 12:59

sono sconcertata per questa sentenza. Con tutte le diffamazioni e fango gettato sul Berlusca quotidianamente da parte dei giornalisti di Repubblica e non solo, non mi risulta che UNO sia stato condannato. Libertà di stampa a senso unico, strano paese quest'Italia ancora troppo sinistrosa e livorosa.

peroperi

Gio, 27/09/2012 - 13:04

Beato Lei che puo' permettersi di lasciare il lavoro.

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Gio, 27/09/2012 - 13:38

Prima di tutto solidarietà ad Alessandro Sallusti dal profondo del cuore. E mi dispiace di avere solo parole da dire .... quelle non costano. Vorrei essere o fare qualche cosa di più. In ogni caso questa è la dimostrazione di due tesi che la destra porta avanti da quando s'è fatto avanti Berlusconi. PRIMO: la vera causa dello sfacelo finanziario, economico e civile è questa magistratura ormai completamente impazzita e che vive su un'altro pianeta fatto di prepotenze e di assurdi privilegi. Basti pensare che non ha mai consentito a B. fi governare sul serio. SECONDO: conseguenza di quanto sopra è che nessuna ripresa, nessun rilancio, nessuna luce in fondo al tunnel potrà mai esserci in questo paese, pur grande e civile, se non si intraprende come prima opera una riforma radicale della magistratura. E qui mi fermo perchè la prima cosa che voglio è che il messaggio arrivi forte e chiaro a Sandro e a tutti. Forza DIRETTORE!

Filippo1111

Gio, 27/09/2012 - 13:41

Non capisco veramente: qui non si tratta di diritto di opinione, ma di diritto di Sallusti di scrivere/pubblicare notizie false. facciamo un'ipotesi: io domani scrivo su un quotidiano nazionale "il Sig. Mario è uno stupratore, ha ucciso dieci bambini..". Tutto ciò si rivela poi falso e durante il processo mi rifiuto di scusarmi, correggere la notizia e risarcire Mario. Non dovrei subire alcuna pena? Secondo me: galera mai x questi reati, ma vi vorrei vedere nei panni di Mario...

minestrone

Gio, 27/09/2012 - 13:48

Sallusti Alessandro chi ha scritto quell'articolo ha diffamato o no?E se ha diffamato non è giusto che paghi?E se non fosse stato lei a scrivere perchè non ha controllato la pubblicazione specie se avveniva da un soggetto non autorizzato a pubblicare direttamente perchè cacciato dall'ordine?

antoniosta

Gio, 27/09/2012 - 13:50

Nota: la corte ha applicato la legge. Se c'e' una legge che prevede 14 mesi di carcere per diffamazione probabilmente va cambiata. La punizione deve restare. Mi sorprendo pero' quando questo stesso giornale non si e' opposto alla legge che prevede il carcere per i giornalisti che pubblicano le intercettazioni...

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Gio, 27/09/2012 - 13:52

caro mio, vedrai che la cosa che ti addolorera' di piu' sara' stare in carcere, altro che lasciare il Giornale...... e' una spacconata comprensibile stando tu ancora fuori, ma ne riparliamo tra qualche mese...

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 27/09/2012 - 13:54

Evidentemente non appartengo alla categoria , pisopiso jagomar, vivldi antonio,etct.Non posso esserlo perche e inutile fare commenti ne di solidarieta ne di critiche .Evidentemente tocca stare molto attenti .SIAMO SPIATI !

MODICA GIORGIO

Gio, 27/09/2012 - 14:03

Ieri sera Vittorio Feltri a PORTA A PORTA ha detto come metafora, si poteva usare il temperino o il mitra, il giudizio oggettivo sui giudici che sono molto faziosi lo stanno dimostrando, hanno usato il mitra.

sandro c

Gio, 27/09/2012 - 14:11

Sei un grande Direttore A.Sallusti sandro c

Pinozzo

Gio, 27/09/2012 - 14:26

E' un caso montato ad arte per far apparire Sallusti come un martire e i giudici come l'Inquisizione. Invece i giudici applicano banalmente la legge e Sallusti e' stato giudicato colpevole di diffamazione e dovrebbe scontare la pena (sono convinto che in un modo o nell'altro invece se la cavera' senza mezz'ora di carcere). Che poi la legge sia troppo dura e' un altro discorso, ma perche' non se la prende con il suo signore e padrone che avrebbe potuto cambiarla?

LudovicoDedominicis

Gio, 27/09/2012 - 14:43

L'articolo incriminato fa schifo, è volgare ed è menzognero! non c'è nessuna libertà di opinione che viene lesa in questa condanna... si condanna un articolo che dice - volutamente - balle! L'articolante accusa non dà opinioni. Cercate almeno di essere onesti, accusa qualcuno di aver costretto una ragazzina ad abortire, accusa qualcuno di aver negato ad una persona il sacrosanto diritto di essere madre, commettendo una violenza inaudita! è per questa ragione che il magistrato ha sporto querela. Finitela con le sciocchezze

giottin

Gio, 27/09/2012 - 14:46

Caro direttore non cedere sulle pene alternative: bisognerebbe mandare tali personaggi a lavorare nei servizi sociali altro che fare i sudici (dovevo scrivere giudici ma non ce l'ho fatta),

Ritratto di borntorun

borntorun

Gio, 27/09/2012 - 14:49

Per il DDL chiamato "ammazzablog" si mobilitarono in massa perché reputavano illiberale il fatto che i blogger dovessero rettificare notizie false pubblicate sul proprio sito. Adesso quegli stessi ipocriti fanno odiosi distinguo, e sotto sotto godono per un provvedimento assurdo e illiberale, che colpisce chi ha solo eventualmente una responsabilità oggettiva. Che schifo.

Elena2375

Gio, 27/09/2012 - 14:52

Direttore, vorrei esprimerLe tutta la mia solidarietà e il mio rispetto.

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 27/09/2012 - 14:55

Il 27 Settembre diventera' nel calendario SAN SALLUSTI MARTIRE (o DECOLLATO, a scelta). In questi tempi moderni non c'e' neanche bisogno delle reliquie. Quello che non abbiamo capito, e' se il SANTO difenda a oltranza quell'articolo orribile, o se e' sinceramente contrito. Ci illumini Direttore.

Damiano Guerra

Gio, 27/09/2012 - 14:55

Io non voglio essere un Sallusti....

uprincipa

Gio, 27/09/2012 - 15:08

borntorun : il problema è che Sallusti non ha mai rettificato o chiesto scusa nonostante fosse evidente la falsità di ciò che aveva pubblicato il suo giornale sotto pseudonimo. Quindi poichè non ha rettificato, secondo la legge ammazzablog, alla quale si desume lei non era affatto contrario, Sallusti avrebbe dovuto subire un procedimento giudiziario...non le sembra di essere in contraddizione?

fra317

Gio, 27/09/2012 - 15:11

credo che il Suo comportamento sia da insegnamento per chiarire in quale paese viviamo, sia per le motivazioni della sentenza che per la condanna...

andrea.bortolaso

Gio, 27/09/2012 - 15:14

la legge è uguale per tutti... ma solo per tutti quelli che non fanno parte di una casta come per esempio quella dei giornalisti... e non appena un giornalista viene toccato duro dalla legge si grida allo scandalo. Ma nessuno grida allo scandalo per quei poveracci a cui viene pignorata la casa da equitalia perchè magari non hanno pagato una cartella esattoriale. Caro Sallusti, se la legge dice che per chi diffama ci vuole il carcere... se lei ha diffamato deve andare in carcere. Qui non centra la libertà di stampa. La libertà di stampa deve esistere... ma non la libertà di diffamazione.

fra317

Gio, 27/09/2012 - 15:15

Siamo tutti dei Sallustri

lust

Gio, 27/09/2012 - 15:20

Gent.le Direttore Uomo di Principi, la mia solidarietà e la convinzione che i politici faranno ben presto una "Legge Sallusti", perché in Italia i recinti si chiudono sempre dopo cheil bestiame è scappato. Che la sua malaugurata esperienza sia utile, almeno per maggiore civiltà in uno stato di diritto che stato di diritto non è.

andrea.bortolaso

Gio, 27/09/2012 - 15:28

@fra317 parla per te... io non ho mai diffamato nessuno pur essendo sempre stato libero di esprimere la mia opinione... viva la libertà di espressione ed in carcere chi si sente libero di diffamare!

Howl

Gio, 27/09/2012 - 15:30

makeng : lei è la dimostrazione più lampante che il vero messaggio che si voleva dare era altro rispetto alla difesa di un diritto; era l'ennesimo tentativo di colpevolizzare pretestuosamente la magistratura e una certa parte della società civile. Lei è l'esempio del plagio andato a buon fine, l'esempio della superficialità con cui affrontate alcune tematiche perchè non siete in grado di capirle, l'esempio dell'arroganza dell'ignoranza............"siiiiii le toghe rossce, i sinistritraaaaaati". Makeng, io la conosco e le posso dire che domani verrà diffusa, dal suo giornale locale, la notizia che lei è stato visto molestare minorenni e ha tentato violenza su una bambina !........è falso ? tanto io sono un giornalista e il massimo che potrà ottenere è un piccolo risarcimento di 30mila euro in cambio della sua reputazione ( vale così la sua reputazione ? ). L'ignoranza ( e la dolosa falsa informazione che l'ha plagiata ) le fa credere che sia stato leso il diritto d'opinione, non è così : LEI NON E' LIBERO ( libertà che non c'è mai stata nè qui nè in altri stati ) DI DIVULGARE NOTIZIE FALSE E LESIVE DELLA REPUTAZIONE DI ALCUNO........che poi la pena del carcere sia eccessiva allora dobbiamo dire che anche il risarcimento previsto è eccessivamente ridicolo. Vogliamo riformare il reato ? bene allora togliamo la pena detentiva e lasciamo alla discrezionalità del giudice il quantum di pena pecuniaria e del risarcimento ( non miseri 30mila euro ) e lasciamo fuori le strumentalizzazioni che sono solo l’arma di chi ha la caxxa fino alla gola e non ha idee

ego

Gio, 27/09/2012 - 15:34

VERGOGNA! Vergognoso è il magistrato querelante che, approfittando di una legge da paese dittatoriale, voleva estorcere a Sallusti altri soldi in cambio di una mitigazione della querela. Vergognoso il verdetto dei parrucconi della Cassazione che ben rappresentano lo sfascio e il degrado di questa sfortunata nazione. Onore a Sallusti che con il suo fiero comportamento fa sembrare ancora più piccoli e meschini questi omuncoli-magistratuncoli.

Ritratto di lorenzo74

lorenzo74

Gio, 27/09/2012 - 15:39

Purtroppo Sallusti non è uno che ispira simpatia: ma non è possibile che si mandi in galera uno solo perché sta antipatico. La legge va cambiata, va cambiata, va cambiata subito e con effetto retroattivo - decreto Sallusti subito!!!

killkoms

Gio, 27/09/2012 - 15:43

@andrea.bortolaso,perchè i magistrati non hanno condannato chi all'interno di un tribunale diede del buffone al presidente del consiglio?la verità è che un magistrato davanti alla legge è più uguale degli altri!altro scandalo,se fosse vero quanto sentivo alla radio in macchina ieri mattina andando al lavoro!pare che gli avvocati delle parti si siano visti nei giorni precedenti e sembrerebbe che quello della"vittima"abbia detto che se oltre ai 30.000 € già decretati,ne cacci altrettanti ritiriamo la querela! perchè non và in carcere travaglio che apostrofa come"nano"berlusconi?in Italia,la legge non si applica,si interpreta,e per lo stesso reato uno può prensersi l'ergastolo e l'altro l'assoluzione perchè il fatto non costituisce reato!

marcocala100

Gio, 27/09/2012 - 15:47

Complimenti Direttore, Lei è un esempio per tutti.

ernestowilly

Gio, 27/09/2012 - 15:48

Caro Sallusti, l'unica cosa sensata del tuo addio è scritta nelle ultime righe quando chiedi scusa per i non pochi errori commessi: finalmente un barlume di luce! Peccato che la pena è sospesa e quindi è inutile che ti affanni a far finta di voler andare in galera, peccato veramente, ti vedevo benissimo a fare il martire, mentre un comune mortale per un reato come il tuo non poteva fare nemmeno quello, dato che non facendo parte della casta giornalistica e politica non conta nulla...

Triatec

Gio, 27/09/2012 - 15:50

Se hai una brutta opinione su qualcuno non puoi scriverlo. Rischi grosso. Se la tua opinione, anziché scriverla, la manifesti direttamente con lancio di cavalletti o statuette del Duomo di Milano non esiste rischio carcere, anzi sei un quasi eroe. Pericoloso esprimere un'opinione, quindi.....

alberto83

Gio, 27/09/2012 - 15:51

Siamo tutti con te Direttore. Sei un esempio di moralità ed etica. Qualità ormai scomparse da tempo in questo Paese che non merita più di definirsi democratico. Oggi diventi il simbolo della libertà di pensiero e d'opinione in un Paese ormai trasformato in una dittatura.

Ritratto di Daniel95

Daniel95

Gio, 27/09/2012 - 16:05

La prego direttore tenga duro!!!!!Questi magistrati komunisti che stanno tormentando lei e il centro-destra verranno portati in piazza a pagare per tutto il male che vi hanno fatto!!Questo OVVIAMENTE non vuol dire lasciare inpuniti criminali come Batman...nel caso del PDL,in alcuni casi, bisogna fare pulizia come la LEGA NORD!!

Ciro Magnacca

Gio, 27/09/2012 - 16:16

Ti prego Alessandro vai in galera cosi' finalmente si capira' che viviamo in un Paese antidemocratico rappresentato da personaggi che nel loro dna sono ANTIDEMOCRATICI E CHE SOLO OGGI SI RICORDANO DI RISPETTO, TOLLERANZA E DEMOCRAZIA ( UNGHERIA DOCET)

diwa130

Gio, 27/09/2012 - 16:30

Gent.mo Direttore, non ho mai apprezzato il suo Giornale ed il suo stile giornalistico, quasi mai mi sono trovato daccordo con quello che lei ha detto, certo non sono di centro destra e non ho mai apprezzato questo centro destra italiano ne' i suoi difensori. Ma la sua voce chiusa in una cella mi ricorda tanto il fascismo ed i metodi usati per tappare la bocca a Gramsci e tanti altri. Mi ricordano i metodi Staliniani, e i piu' moderni metodi di Putin (caro amico di quel Berlusconi che lei ha sempre difeso). Non e' un bel giorno per la nostra liberta' e questa volta si, apprezzo le sue parole di commiato dai lettori, e ammetto che mi mettono molta tristezza. Sono certo che lei ritornera' presto o tardi non lo sappiamo e le confesso che non vedo l'ora che torni, magari per criticare tutto quello che a me piace e lei no. Ma la liberta' non ha ma e forse. Tutto l'Italia dovrebbe essere con lei in questo momento e purtroppo noto che molti non lo sono. molti sono compiaciuti e questo non e' un bel capitolo per la nostra storia. Le faccio i miei piu' sinceri auguri da avversario politico ma da amico sincero della liberta' che lei ha diritto di avere come tutti noi. Spero di riavere presto la mia liberta' di arrabbiarmi per i suoi corsivi o per i suoi graffianti commenti in tv.

Howl

Gio, 27/09/2012 - 16:33

killkoms : perchè dare del buffone a qualcuno non è diffamazione ( = riportare FATTI falsi che ledono la reputazione )ma un giudizio, un'opinione.........che può dare ( e ha dato più di una volta ) anche il direttore Sallusti su tante persone e non è mai stato, giustamente, perseguito. Lei come altri qui non sapete il significato di quello che scrivete = ignoranza

Pierofco

Gio, 27/09/2012 - 16:43

Egregio Sallusti, chi di penna ferisce, di penna perisce...Del resto, un Direttore di giornale che dà voce a personaggi come Farina sa di correre alti rischi, e non parlo solo di risvolti penali, bensì intellettivi, morali e di buon gusto. Evidentemente, Lei non riesce più, o non è mai riuscito, ad individuare la via dell'equilibrio, della verità, del buonsenso, sempre così impegnato a difendere l'indifendibile... Le auguro comunque di non finire in galera ma, in ogni caso, in bocca al lupo e...si ravveda. Non è mai troppo tardi.

duball

Gio, 27/09/2012 - 16:47

E'inutile stupirsi di questa sentenza,basta guardare la quantita' di riprovevoli imbecili che la applaude su questo forum..!

enigmista

Gio, 27/09/2012 - 16:50

SALLUSTI..non dimetterti, per noi sei il portavoce della libertà, spero che l'editore non accetti le dimissioni e tu in piena libertà, oggi più di prima possa essere la nostra voce_____SIAMO TUTTI CON TE!!!

futuro libero

Gio, 27/09/2012 - 16:51

luigipiso magari fossimo tutti Sallusti, non avremmo questa orribile Italia dittatoriale. Grazie Sallusti per la lezione che hai dato ai tuoi rivali e a tutti coloro che hanno una coscienza.

Ritratto di marco_68

marco_68

Gio, 27/09/2012 - 17:07

Quindi la colpa è dei magistrati, se lei ha permesso la pubblicazione, in qualità di direttore responsabile, di un articolo diffamatorio ed anonimo del sig. Renato "Betulla" Farina, giornalista espulso perfino dall'ordine e ovviamente parlamentare PDL? Faccia il piacere, sembra solo l'ennesima trovata per dare addosso alle toghe, categoria assai invisa a lei ed al suo padrone, ed argomento succulento da dare in pasto agli elettori di centro-destra in vista delle elezioni.

Ritratto di Luponero

Luponero

Gio, 27/09/2012 - 17:08

Non Mollare!

Ritratto di nestore55

nestore55

Gio, 27/09/2012 - 17:17

antonio vivaldi...Vede che in Italia esiste il diritto di dire tutte le sciocchezze che passano per la testa(!?!)...Anche stoltezze come le sue, ricevono asilo in un luogo democratrico...Sarà così anche su repubblichella3515?? Nemmeno per idea....E.A.

Ritratto di Luponero

Luponero

Gio, 27/09/2012 - 17:18

Sallusti, se lei fosse mio fratello, sarei fiero di avere un fratello come lei.

robytopy

Gio, 27/09/2012 - 17:29

speriamo almeno che lo spazio dei suoi editoriali sia occupato da penne meno infantili.

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 27/09/2012 - 17:48

Ultima cosa: Solo i farabutti, i vili e i codardi possono applaudire a questa sentenza indegna. E di costoro la Sinistra ne è quasi colma: Mascalzoni e codardi che calunniano e diffamano continuamente, pubblicamente, fuori e dentro le Reti, ma vigliaccamente, da dietro la facciata ipocrita della "Satira". Un'intoccabile moloch della Libertà di Pensiero e di Espressione. Nevvero? E vero è Libertà di Pensiero... Anche di Diffamare e Calunniare. Tanto è vero che ci hanno impunemente costruito carriere, sguazzando come maiali nel truogolo, sbeffeggiando e calunniando e diffamando spudoratamente, senza vergogna: Non c'era mai un "Cocilovo" ? Mai! Nessuno di costoro infatti è mai finito nelle patrie galere per questo reato: "Diffamazione" a mezzo Scritto, o Parola. -- Non sono codardi? Altro che se lo sono codardi, gli Intoccabili della Sinistra. ---

eglanthyne

Gio, 27/09/2012 - 17:48

Ebbene SI ,luigipiso siamo tutti Sallusti ! nestore55 - Egregio E.A.,chapeau e un cordiale saluto.Eglanthyne

ego

Gio, 27/09/2012 - 18:02

Vergognoso è il magistrato querelante che, approfittando di una legge da paese dittatoriale, voleva estorcere a Sallusti altri soldi in cambio di una mitigazione della querela. Vergognoso il verdetto dei parrucconi della Cassazione che ben rappresentano lo sfascio e il degrado di questa sfortunata nazione. Onore a Sallusti che con il suo fiero comportamento fa sembrare ancora più piccoli e meschini questi omuncoli-magistratuncoli.

glendale

Gio, 27/09/2012 - 18:04

E' chiaro,anche per il piu' idiota degli Italiani, che questa e' stata una sentenza PURAMENTE POLITICA! E' una legge infame che i giudici hanno applicato, ma e' anche vero che i giudici devono sapere giudicare se quella legge che stanno applicando e' una legge democratica e CIVILE. Se questi giudici non lo hanno fatto e' perche hanno voluto dimostrare che che ESSI sono divinita'intoccabili anche a costo di essere palesemente antidemocratici e censori della liberta' di pensiero....TUTTO ASSURDO E VERGOGNOSO!!

petercreative

Gio, 27/09/2012 - 18:05

X ONOFRI: Senti un pò ma da dove l'hai tirata fuori questa cosa di Sallusti che ha offerto "un pacco di soldi" per lasciar cadere le accuse contro di lui? No perchè in questi giorni da radio, tv e giornali di ogni tipo non leggo altro che la cronaca ripercorsa dallo stesso direttore nel suo editoriale qui sopra. Non capisco inoltre come non puoi schierarti dalla sua parte in una vicenda che vede un magistrato far processare e condannare in tempi da record dall'amico giudice un direttore di giornale nazionale, per una PRESUNTA diffamazione (spiegami dove sta la diffamazione). Occhio caro Onofri che quello che capita oggi al "cattivo" Sallusti può capitare domani al "buon" Onofri. E adesso rispondi, grazie!

killkoms

Gio, 27/09/2012 - 18:16

@howl,prova tu a dare del buffone,non dico al 1°presidente della corte di cassazione ma all'ultimo goiudice di pace,e poi mi dirai in quale penitenziario potrò venirti a portare le arance! se vai a cercare tra le tante discutibili sentenze emesse dalla nostra premiata magistratura,scopriresti che c'è gente che è stata condannata per insulti"risibili";tipo,tra avvocati,apostrofarne uno come"azzeccagarbugli"!il premiato marco travaglio,lodato e coccolato dalla giustizia italica per ovvii motivi,ha apostrofato molte volte berlusconi come"nano",termine che fà rierimento a soggetti gravati da disabilità!il che la dice tutta sull'offensività di tale termnine,mai perseguito dalla legge nella persona di marcotravaglio,che tra parentesi non è una quercia d'uomo!qui se c'è un ignorante,quello sei tu,che hai aderito al comunismo,ovvero ad una ideologia sconfessata dalla storia,nonchè ideologia che obbliga gli aderenti a portare il cervello all'ammasso!

killkoms

Gio, 27/09/2012 - 18:21

@pinazzo,i giudici la legge non la applicano,la interpretano!e vada a vedere i commenti di molti giudici alla legge sull'immigrazione!gente che addirittura invita ai colleghi a boicottarla,e non viene nemmeno sanzionata dal csm!

SERGIO.COSTIERA

Gio, 27/09/2012 - 18:30

Caro Direttore, Le sono vicino con rispetto,in questo momento oscurantista.

ernestowilly

Gio, 27/09/2012 - 18:37

x duball 16.47 e Baliano 17.48 Fieri di essere insultati da gente come voi, più insultate e più ci inorgoglite, certe cose dette da persone così felicemente e masochisticamente devote a colui che ci ha rovinati e ha fatto ridere il mondo intero degli italiani, non può che darci soddisfazione allo stato puro... Ed è più che comprensibile la vostra rabbia verso coloro che sono contro il vostro capo: avete certamente ben chiaro che sia lui che voi devoti siete finiti ed i comunisti torneranno e mangeranno i vostri bambini!!! Sallusti, spero non andrai in carcere, ci risparmieremmo un martire...

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Gio, 27/09/2012 - 18:41

@antonio.vivaldi Non è ne un anatema, nè una minaccia. Solo una vergogna

Bohemian

Gio, 27/09/2012 - 18:44

Ciao Sallusti, ci mancherai tanto. Ci mancheranno soprattutto gli articoli da te avvallati in cui si accusava un giudice di aver COSTRETTO una bambina di 13 anni ad abortire. Sallusti, dimmi una cosa, alle soglie del carcere (anche se sappiamo entrambi che in una maniera o nell'altra non farai nemmeno un giorno di carcere), almeno ti sei pentito di aver permesso che un tuo giornale pubblicasse articoli del genere? Un giudice che COSTRINGE una bambina ad abortire?!? Dai, Sallusti, dimmi che almeno un pò ti vergogni di aver permesso che un tuo giornale pubblicasse roba simile. E sai anche tu in fondo, che questa è ben lontana dall'essere libertà di opinione come qualche cieco lettore si ostina a dire.... no, perchè sai, la libertà di opinione è piuttosto tutelata... la libertà di diffamazione invece (per fortuna!) ancora no. Quindi, augurandomi che tu in una maniera o nell'altra paghi per i danni che hai apportato alle persone diffamate dal tuo giornale, ti dico di stare sereno... e se proprio il carcere ti spaventa (ma non ti spaventa perchè sai benissimo che in carcere non ci finisci) allora fai la cosa più saggia... paga i danni!!! Ti sei accanito a non voler nemmeno risarcire chi dal tuo giornale è stato diffamato... questo è un comportamento deprorevole. Paga che tanto ce li hai i soldi... e smettiamola con questa patetica sceneggiata. Alex

Maurizio Fiorelli

Gio, 27/09/2012 - 18:48

Vedendo la percentuale di identità che si firmano con nome e cognome, in tutti i messaggi inviati ai giornali e su tutti gli argomenti,mi sorge il dubbio che ci siano poche palle in giro!

baio57

Gio, 27/09/2012 - 18:54

Oggi il "sinistrume" del forum approva ed inneggia ad una legge dell'epoca "fascista". L'approva perchè è applicata ad un avversario politico naturalmente, dimostrando ancora una volta ,se ce ne fosse bisogno, la propria povertà intellettuale obnubilata dalla dottrina liturgica del pensiero unico. Che triste esistenza !

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Gio, 27/09/2012 - 18:56

Caro Dottor Salusti: non lasci, non abbandoni ILGIORNALE...sarebbe come dare soddisfazione, a tutti i suoi detrattori,i quali meritano solo disprezzo...in fondo, questo quotidiano che personalmente amo è anche una sua creatura, che per crescere sana, robusta e sicura di se, ha bisogno di cure, e sono gli uomini come Lei, Feltri e non da ultimo..il meraviglioso Veneziani,che potete compiere questo "miracolo" stia con noi! da noi si suol dire...pa ra boccia! con stima e comprensione, Marina.GRAZIE!!

enzo1944

Gio, 27/09/2012 - 19:03

Vedrà Sallusti come corre adesso il napoletano che sta al Colle!! Ora,che tutto il mondo ride della Giustizia Italiana,il napoletano,Capo della Giustizia insieme al suo baciapile vietti(uomo di casini),"chiamerà tutti in suo soccorso per farla liberare e risolvere così il caso Sallusti"!!.....fino ad ieri ha dormito su tutti i problemi della Giustizia,tanto non erano problemi suoi,nè del suo PD,ma semmai dell'Italia e degli Italiani!.....abbiamo,spero per poco,ancora un PDR che NON E'MAI STATO SUPERPARTES,ma che ha sempre e solo lavorato per la sua Casta,i suoi interessi,per quelli del suo PD,..........contro gli Avversari Politici e mai lavorato per l'Italia,che ha lasciato sputt........nare,se in ballo c'erano politici della parte avversa! Auguri Sallusti,........vedrà che riusciremo a cambiare l'Italia,nonstante questi geni del male!!!Suerte

Ritratto di marystip

marystip

Gio, 27/09/2012 - 19:12

Bravo

Arturo Contestabile

Gio, 27/09/2012 - 19:12

Noto con piacere che nel luogo dove è tanta declamata la libertà si applica la censura per i commenti non graditi. Grandi, siete davvero grandi!!!

Ritratto di wtrading

wtrading

Gio, 27/09/2012 - 19:29

Onofri, dai retta a me. Tu sei malato. Il mio consiglio spassionato è quello di spararti. cosi' liberi il mondo dalla tua presenza. Se vuoi una pistola, te la faccio recapitare. Però penso che tu non abbia il porto d'armi. Povero malato mentale.

atzori pietrino

Gio, 27/09/2012 - 20:20

Sei uno dei grandi italiani!

killkoms

Gio, 27/09/2012 - 20:32

@howl,3°invio!lo dici tu!se fi vai ascrtabellare òe varie sentemze in merito,scoprirai che della gente è stata condannata per motivi risibili,tipo tra avvocati,dare dello"azzeccagarbugli" alla controparte!provaci tu a dare del buffone,non dico al 1°presidente della cassazione ma all'ultimo giudice di pace,e poi dovrai solo comunicarmi l'indirizzo del penitenziario dove portarti le arance!e sì che di buffoni nel pubblico impoiego della giustizia ce ne sono tanti!per òa cronaca,l'iper coccolato dalla legge travaglio,abusa contro iol cav. del termine"nano", termine volontariemante offensivo poichà si riferisce a soggetti disabili,e non è stato mai punito!non accetto do essere apostrofato ignorante in primis perchè faccio un tipo di lavoro in cui non c'è posto per l'ignoranza,in secundis perchè detto ciò da chi ha aderito ad un sistema politico che prevede l'obbligo,per i suoi sostenitori,di portare il cervello all'ammasso,come diceva il compianto guareschi!

disalvod

Gio, 27/09/2012 - 20:44

LA INVITO A RITIRARE LE DIMISSIONI E RIMANERE AL SUO POSTO PERCHE' GIORNALISTI COME LEI NON E' FACILE TROVARLI.NON GETTI LA SPUGNA MA FACCIA VALERE,SPECIALMENTE IN QUESTO VERGOGNOSO MOMENTO ITALIANO, ANCORA TUTTO IL SUO CORAGGIO,LA SUA PROFESSIONALITA' ED ONESTA' GIORNALISTICA NONCHE' LA SUA DIGNITA'.

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Gio, 27/09/2012 - 21:07

geppa "avevi a pensarci prima forse". Ma chi era il tuo prof d'italiano? Tonino Di Pietro?

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Gio, 27/09/2012 - 21:09

baio fino ad ora hai mangiato gatti morti?

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Gio, 27/09/2012 - 21:12

Caro Dottor Sallusti, non abbandoni IL GIORNALE...è anche una sua creatura, siamo tutti con Lei! con affetto Marina. Buonanotte!!

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Gio, 27/09/2012 - 21:17

luigi piso tu in un tuo precedente commento mi hai definito imbecille e feccia umana augurandomi di star male. Non è diffamazione questa? Non meriteresti anche te qualche mese di galera? Fai una deroga alla tua promessa rispondendomi e poi togliti definitivamente dai coglioni.

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Gio, 27/09/2012 - 21:29

nestore55 definire un quotidiano come questo democratico è come definire cicciolina ''vergine'' Le sue sciocchezze invece può solo scriverle qui, altrove le riderebbero tutti i 150 commentatori. Le cartelle cliniche vanno conservate altrimenti non si accorgerà mai dei miglioramenti dovuti alla TAC, non le butti mai.

senzaimpegno

Gio, 27/09/2012 - 21:39

Direttore, sono con Lei nel voler cambiare il Paese e credo nella Sua coerenza e nelle Sue capacità! Quando si inizia?

killkoms

Gio, 27/09/2012 - 21:51

@howl,4°invio!vai a dare un'occhiata alle varie sentenze emesse dai giudicenti,e vedrai quanta gente è stata condannata per motivi risibili,come l'avvocato che ha dato dello"azzeccagarbugli" ad un collega!o che avuto sconti di pena,come un assassino la cui pena è stata scontata in appello da 20 ad 11 anni,perchè i giudici hanno detto che siccome la vittima gli aveva mostrato il segno delle"corna",tale"grave offesa"costituiva una"attenuante"(per un delitto)!provaci tu a dare del buffone non dico al 1°presidente della cassazione ma all'ultimo giudice di pace,e poi devi solo mandarmi l'indirizzo del carcere in cui mandarti le arance!dai dell'ignoramte alla gente tu che aderendo ad un movimento totalitarista hai dovuto obbligatoriamente portare il cervello all'ammasso!

Nadia Vouch

Gio, 27/09/2012 - 22:00

Comprendo il Suo disagio, la Sua sofferenza. Il richiamo che Ella fa ai valori della educazione familiare ricevuta non è eventuale, ma necessario ed è parte integrante del dolore profondo che sta provando. Quando ci si trova dentro situazioni di essere penalmente accusati, emerge tutto il proprio vissuto. Anche le cose più intime, tenute da sempre dentro, celate per pudore e per affetto, "devono" essere nominate e spiegate, perché il reo pare non debba avere più diritto alla sua intimità. Questo distrugge a volte più dell'accusa patita. Tra i magistrati e tutti i diversi operatori del campo del diritto, non tutti sono così da criticare. In quanto alla richiesta ulteriore di risarcimento per ritirare la querela, anche quella è una prassi che la legge concede, ma che è assai criticabile. E' questione tecnica, ma assai ingiusta. Basta infatti che una persona accusata da un querelante non abbia i mezzi per dimostrare la propria innocenza, se non persino la propria estraneità ai fatti che le vengono attribuiti, per trovarsi a pagare il proprio accusatore pur di uscirne. Questo accade nella vita di tutti i giorni. Ma è cosa che apre un fronte terribile: permette ad alcuni di accusare altri per vendetta. Permette ad alcuni di usare lo strumento querela come atto intimidatorio verso un "nemico". Ora, non sarà questo il caso. Perché qui mi pare invece questione giocata più che altro su aspetti di legge in base ai quali un querelante (in questo caso un magistrato) ha agito davvero per la tutela di un interesse collettivo (offese pubbliche tramite stampa) e non strettamente personale. Per fare ciò ha agito in prima persona. Sbagliata e macchinosa è in alcuni punti proprio la legge di procedura penale. E' la legge che va cambiata e talune norme di diritto penale vanno abolite, come quella della responsabilità oggettiva di una persona su altra persona capace di intendere e di volere. Sbagliato è che una faccenda divenga da qualcosa di natura di tutela pubblica (offese pubbliche a mezzo stampa), qualcosa di personale (querela sporta personalmente e richiesta personale di risarcimento). Allora, in questo caso, la faccenda è di interesse pubblico e di tutela pubblica, oppure è di interesse pubblico (come lo è il diritto penale) e di tutela privata? Il reo, dichiarato tale, è dunque pericoloso per la società nel suo insieme, oppure è solo qualcuno che nel particolare ha offeso altri? E questo altri, con la querela, rappresenta solo se stesso, oppure agisce in nome della collettività?

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Gio, 27/09/2012 - 22:00

Se si considerassero diffamazioni le minchiate dette dai commentatori,solo per questo articolo, andrebbero in galera 10 o 20 persone.E' questo che volete? riflettete e ringraziate di vivere in questo paese, con questi giornalisti di cui Sallusti è un esempio di libertà. Onore a Sallusti e a tutti i giornalisti ed i commentatori liberi come lui. Saluti

emanuela.bo3

Gio, 27/09/2012 - 22:46

Direttore, Lei è veramente da ammirare. Continui così!!! Lei è un esempio di correttezza, serietà e grande coerenza. Grazie!

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Gio, 27/09/2012 - 23:49

Dopo avere letto le dichiarazioni di Farina alla Camera faccio queste considerazioni. Farina è un Cattolico integralista e si esprime contro l'aborto in tutti i casi; che sia imposto o che sia consentito. Sallusti si è posto in prima persona per consentire a Farina di dire le cose che pensa. Onore ad entrambi, bravi, altri non ne sarebbero capaci.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 28/09/2012 - 00:55

Quanti ipocriti ora fingono di sostenere Sallusti. Mi ricordo una sera a Ballarò quando il trinariciuto D'Alema lo insultò pesantemente. Sallusti si era permesso di ricordargli le sue malefatte riguardo alla furbata di vivere in un appartamento a basso costo che doveva essere invece destinato ai meno abbienti.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 28/09/2012 - 01:12

Sallusti NON DEVE lasciare il Giornale.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 28/09/2012 - 01:14

Sallusti NON DEVE lasciare il Giornale.

Alberto67

Ven, 28/09/2012 - 04:01

A Sallusti va la mia totale solidarietà e comprensione,ma noi di Destra o di Centro Destra siamo tutti vittima di un pallaro, di un cazzaro, che è stato tanto al Governo e ha sempre solo minacciato di riformare la giustizia il Cav. Silvio Bugiardoni...Forse ha riformato il culo della Minetti mentre il centro destra affondava...W SALLUSTI!!!

nlevis

Ven, 28/09/2012 - 06:15

Egregio direttore, e pregiatissimo dottor Sallusti. Ho sempre pensato lei fosse uno dei pochi, sul territorio nazionale, degno di esser chiamato Uomo. Questa vicenda me lo conferma. Le auguro con tutto il cuore di passare questo tempo buio dell'oscuramento dell'intelletto e dell'anima nel modo più sereno che le sarà concesso. Sappia comunque che lei è un esempio di professionalità, coerenza e valori morali anche per coloro che non hanno ancora compreso, ma che saranno obbligati a farlo. Con tutto il rispetto la prego di accettare il mio sentito abbraccio. A presto ... noi l'attenderemo

rgabrieli

Ven, 28/09/2012 - 07:03

Ti esorto a non dimetterti......non possiamo perdere una persona come te .......

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 28/09/2012 - 08:06

Xernestowilly-Effettivamente lei legge solo i suoi giornalacci per analfabeti proletari.Sa forse lei della propaganda antiberlusconiana, fomentata dal 1994 dal pci, di pietro,accompagnata da stampa e tv,dal gruppo socialista del parlamento europeo ,con uno schulz servo di schröder, stampa spagnola , inglese, tedesca francese ogni giorno con vignette earticoli diffamatori chiaramente stampa di sinistra.Il Berlusca evidentemente troppo impegnato in casa e sicuramente mal consigliato avrebbe dovuto querelare mezzo mondo. Mi domando che ci stanno a fare i consoli all estero se non vedono queste cose, io da italiano ne ho visto di fango pubblicato ,e nel mio piccolo ho anche reagito.Ma le mie lettere sono rimaste nel cestino , o nei miei archivi del pc, troppo vigliacchi per pubblicarmele.Quindi chi ha riso sara stato solo quel bel capmionario che ha aiutato i nostri scagnozzi di parte contraria , per questo non ho bisogno di spiegarle a quale feccia di natura appartengono.

Marzia Italiana

Ven, 28/09/2012 - 08:22

A tutti i faziosi malpensanti, voglio dire: lo vedete, questo e' un uomo d'onore! Lo sapete riconoscere quando ne vedete uno o siete sempre accecati dalla vostra grettezza mentale?

Ritratto di Ezechiele lupo

Ezechiele lupo

Ven, 28/09/2012 - 08:32

Caro Direttore, Lei ridà onore al genere maschile col suo comportamento da vero uomo. Non ha accusato quel mezzo prete squalificato ed ha subito una condanna ingiusta. Quanto a quell'altro : vergognati e sparisci, sei pure un bubbone per Desio che non aveva bisogno di essere sputtanata ulteriolmente.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 28/09/2012 - 08:46

Vede, Direttore, anche a leggere i commenti che mi precedono si capisce come l'Italia sia sotto scacco. Anche su un tema come la libertà si può avere idee totalmente diverse a seconda di quante fette di salame abbiamo davanti agli occhi. Nel momento di gridare all'unanimità allo scandalo per una sentenza che passerà alla soria per la stoltezza e la miopia che la contraddistingue, ci sono tanti che gridano e strepitano, con i forconi in mano e la bava alla bocca, perché Lei sia messo al rogo o almeno alla forca. L'Italia è un paese strano, culla del diritto, ma anche del rovescio... Possiamo però concordare sul fatto che grande responsabilità di tutto ciò è del centro-destra che, quello sì senza palle, ha abdicato, favorendo il golpe in atto, cedendo così il paese prima, ancora una volta, all'ingovernabilità e dopo, purtroppo non si sa per quanto tempo, alla sinistra che ne farà strame... Con fiducia di poterLe ancora scrivere come Direttore.

nino47

Ven, 28/09/2012 - 08:48

Egregio Sallusti, la carenza di "palle" in Italia è un disturbo congenito. Altrimenti non saremmo a questo punto!....poi, un magistrato che si accorda per scambiare una condanna con del denaro,penso sia il conto che si presenta dopo il dessert.Altro che frutta!!!

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 28/09/2012 - 08:55

Ci fa davvero piacere - ernestowilly - riscontrare che la verità vi (ti) inorgoglisce. Sei totalmente d'accordo con noi, lo ammetti esplicitamente: Grazie. Per cui non abbiamo altro da aggiungere se non che le innumerabili "code di paglia" di questo sfortunato Paese, hanno sempre bisogno di ri-confermarsi codardi ed infami che si nascondono tutt'ora dietro le gonne invereconde di troppi magistrati "buonisti", con voi sempre compiacenti. - Auguri dunque a tutti quei calunniatori, pubblici diffamatori di professione e il loro codazzo plaudente che fino all'altro ieri sputavano persino sul Tricolore. Per questo, soltanto per questo, VERGOGNATEVI! -- E' il minimo che ci dovete! - Regards -

robytopy

Ven, 28/09/2012 - 09:07

killkoms: -perchè i magistrati non hanno condannato chi all'interno di un tribunale diede del buffone al presidente del consiglio? -Semplicemente perchè era ed è vero -

baio57

Ven, 28/09/2012 - 09:08

@ lorenzo Mazzi - Per cortesia specifica, non confondermi col "sinistro" baio1969 . Io sono baio57 ,grazie!

melamarzia

Ven, 28/09/2012 - 09:32

Mi dispiace solo che tra le tante calunnie, diffamazioni, delegittimazioni di magistrati (che per carità pure sbagliano) il nostro venga condannato (in carcere non ci andra' mai e lo sa bene, altro che martire coraggioso) per una (tutto sommato) sciocchezza scritta da uno dei suoi piu geniali collaboratori (che non era nemmeno piu autorizzato a scrivere). Lunga vita e lunga libertà a Sallusti! Mi mancherebbero troppo i suoi spericolati editoriali, il suo immaginario tra il circense ed il grottesco.

mario de rossi

Ven, 28/09/2012 - 09:43

caro sig. sallusti lei è una persona come tanti in italia che si è permesso attraverso un giornale sovvenzionato con soldi pubblici di dire tante e tante di quelle porcate su qualsiasi cosa che dire che è un'opinione fa ridere i polli . si vergogni in italia abbiamo ben altri problemi che le sue personali vicende giudiziarie (...berlusconiano?..ma noo di centrodestra!) se avessi i soldi da spendere l'avrei già querelata da tempo ...come semplice cittadino... adesso se ha le palle vada in carcere e smetta di frignare. quando cambieranno le leggi e le faranno pagare qualche milione di euro anzichè la gattabuia allora aprirà anche lei il portafoglio (spero il suo e non quello del giornale) x continuare a divertirsi sulle spalle della gente. e le chiamano opinioni? mi domando sempre come fa certa gente ad arrivare a prendere posti di responsabilità... in politica...nei giornali... merito di mamma e papà evidentemente... ! no io non le concedo via d'uscita non dovrebbe più fare il giornalista è un'altra disgrazia x questa italia.

Marzia Italiana

Ven, 28/09/2012 - 10:06

Ai faziosi malpensanti voglio dire: "questo e' un uomo d'onore!" Lo sapete riconoscere quando ne vedete uno, o siete sempre accecati dalla vostra grettezza mentale? il guaio e' che ogni uomo d'onore e' destinato ad avere un "Bruto"! e a giudicare dai molti commenti, di bruto ce ne sono tanti e questi sono la rovina dell'Italia!

pietrom

Ven, 28/09/2012 - 10:07

Caro Sallusti, le consiglio di rimanere direttore de il Giornale. La cosa costituirebbe un altro caso unico al mondo. Un quotidiano il cui direttore ha l'ufficio in galera. E se da li non avra' il diritto di esprimersi liberamente, sara' un'altra macchia indelebile sulla Magistratura.

Criticonebis

Ven, 28/09/2012 - 10:39

Onestamente: qual é il reato per cui é stato condannato? Le risulta che Cocilovo sia politicamente schierato? Le notizie su cui si basava l'articolo erano corrette? Se no, sono state adeguatamente corrette? L'autore dell'articolo é stato indebitamente coperto? Un direttore di giornale é responsabile o no? O gode di impunità? Non sta facendo disinformazione? Grato per un commento.

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 28/09/2012 - 10:44

Un classico, un qualsiasi "sig. Mario Rossi", o un giuseppe verdi, utili solo per le statistiche, o fungere da "icona" alla mediocrità. Quella di Pensiero. Ovvero, il pensiero, quello omologato, rodato a bassi regimi, ma regimi. Si vergogni lei ------- Mario de Rossi 9.43-------------- Quereli prima i suoi giornalai, pennivendoli arroganti, patetici che mai hanno pagato dazio, per gli stessi identici "reati": In quest'ottica (la sua), dovremmo affermare, di gran lunga peggiori. E a seguire il suo livoroso, patetico "pensiero", dovremmo costruire milioni di metri cubi di galere per ospitare tutti quegli scribacchini, ominicchi pubblici, ciarlieri e ciarlatani. Quacquaraquà, gentaglia: La sua. ---

sulin

Ven, 28/09/2012 - 10:58

Con questa sentenza la classe dei giudici ha confermato che siamo in una dittatura, perchè solo in una dittatura vengono arrestati i giornalisti, sopratutto se vengono dichiarati pericolosi perchè potrebbero scrivere ancora articoli sui giornali. Tutto questo segue all'imposizione di un governo alieno non votato, perchè ormai votare è "populismo". E' iniziata la terza Repubblica: la Repubblica Popolare Italiana. Direttore Sallusti siamo tutti con Lei.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 28/09/2012 - 11:13

Caro Direttore, sono preoccupato. Sì, perché utilitaristicamente dovrei invece essere contento, per Lei e per noi, che il p.d.r. (la minuscola è voluta) e la Severino trovino una soluzione a questo "'nquacchio", ma Lei sa benissimo, come lo so io e tanti altri, che quando si mettono le mani in queste cose o si è veramente super partes (figuriamoci, ha presente...?) o si rischia di utilizzare il Suo caso per portare ancora più acqua al proprio mulino. Per cui Lei sarà non il soggetto ma l'oggetto per una strumentalizzazione tutta da capire... Ecco perché sono preoccupato, conoscendo i miei polli.

Marzia Italiana

Ven, 28/09/2012 - 11:18

puffin - ce ne sono di nonni porci in Italia! come siete bravi a mettere etichette a chi e' preso di mira e sbranato dai media e dai magistrati politicizzati, tipo quelli che hanno torturato Tortora, x fare un esempio. Il governo Berlusconi era troppo impegnato a parare i colpi di scure di tutti coloro che avevano troppo da perdere se Berlusconi avesse potuto realizzare il programma che aveva promesso ai suoi elettori. Per non parlare dell'accanimento di quei tali magistrati che invece di mandare in galera i veri criminali, si limitano a perseguitare i personaggi scomodi, a spese del contribuente. Tanto in Italia non paga mai nessuno, tranne gli onesti, che ormai sono cosi' pochi che non si riconoscono piu'. I giornalisti da punire, caro Puffin, sono quelli che insidiano, perseguitano ed invadono la privacy dei cittadini per scavare e scovare del marcio ad ogni costo, non quelli che esprimono un'opinione. Possibile che non sappia cogliere la differenza fra le due categorie? Mentre giornalisti e magistrati erano impegnati a perseguitare Berlusconi, i veri ladri e porci facevano man bassa indisturbati ai loro posti di comando! Complimenti!

melamarzia

Ven, 28/09/2012 - 11:25

@Marzia Italiana: ha ha ha... anche Riina si definice un "uomo d'onore"

Marcello.Oltolina

Ven, 28/09/2012 - 11:32

Direttore Sallustri sono molto dispiaciuto delle Sue dimissioni, spero ci ripensi.

baio57

Ven, 28/09/2012 - 11:35

@ ErnestoWilly (giovedì 18,37) E dài con i"mangiatori di bambini". Risparmiati almeno di ironizzare su una cosa realmente accaduta durante gli anni bui del regime Komunista di quel gentiluomo di Stalin. Rileggiti qualche libro di storia ,visto che a scuola questi fatti non sono mai stati menzionati. Specificamente puoi fare riferimento agli anni 1932-1935 dove si parla delle carestie pianificate a tavolino ,e tanto per restare in tema scopri per esempio cosa successe tra gli altri sull'isola di Nazino .Vedrai che la smetterai di ironizzare sui " comunisti che mangiano i bambini ". Per finire , mi spieghi cosa c@xxo c'entra Berlusconi con l'articolo ? Au revoir Kompagno della steppa !

Ritratto di esciotti6256

esciotti6256

Ven, 28/09/2012 - 13:18

NON TUTTI I MALI sono COMPLETAMENTE TALI ! Mi dispiace per tutti i disagi e le limitazioni che da questo vicenda Sallusti dovrà subire di positivo resta il clamoroso ennesimo episodio che dimostra ancor più e clamorosamente quanto di MALVERSO, (attiva faziosità politica,venalità,disinvolte erogazioni di pene e penalità ecc,..), c'è nei comportamenti di certi magistrati che come una nefasta "casta" abusano senza alcuna censura del loro ruolo. Questi comportamenti sono stati e sono possibili grazie all'imbecibilità dei nostri politici (modifica art.68),comoda distrazione di Napolitano, voluta disattenzione del C.S.M. e complicità dei Partiti beneficiari. Con quest'ultima vergognoso episodio la politica torni a ristabilire il corretto e giusto ordinamento: Potere Legislativo ai rappresentanti del Popolo; la Magistratura applica le Leggi fatte dal Popolo. e.s.

killkoms

Ven, 28/09/2012 - 13:46

@robytobi,più di un giudice ha fatto uscire dal gabbio qualche mafioso già condannato,perchè ha depositato dopo anni le motivazioni della condanna,che andrebbero depositate dopo 90 giorni!questi nerovestiti direttamente o indirettamente hanno favorito la criminalità,ma chi si azzardasse a dirlo,verrebbe condannato!ora,prova te a dare della pxxxxxa ad una delle tante lucciole che pullulano per certe strade,e vedi come te la becchi una condanna per diffamazione!

Marzia Italiana

Ven, 28/09/2012 - 14:26

@ MELAMARZIA - si, ma loro hanno un altro codice. Ormai si sente parlare solo di mafiosi, conniventi con la mafia, di ladri al governo e non solo, di corruttori, concussori, evasori, ecc... e non ce lo ricordiamo piu' il codice d'onore dell'uomo rispettabile e integerrimo. ehi, penso che nemmeno i nostri figli conoscano piu' queste parole obsolete.

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 28/09/2012 - 14:27

Ma cosa avranno poi da plaudire a siffatta "sentenza", i patetici sinistri? Boh. - Ma cosa avranno da rivendicare in fatto di "giustizia è fatta", loro, solo loro, proprio loro che se sono accampati, armi e vettovaglie, nella sala d'attesa della "stanza dei bottoni", è proprio grazie alla Calunnia, alla Diffamazione sistematica, scientificamente pianificata, quasi piani quinquennali da industria pesante, che daje e ri-daje, fin lì, proprio lì, sono arrivati? Boh! - Mentitori di professione e affabulatori e diffamatori Storici che ancora non hanno pagato dazio. Complice, anzi locomotrice, tanta, tantissima Magistratura: Perfino nei sobborghi di Calcutta e Pechino, ormai lo sanno. - Però il vento, anche questo si sa, può sempre cambiare.

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Ven, 28/09/2012 - 14:36

nestore55 Qui l'unica sciocchezza sei tu. Una sciocchezza della natura. Vai su repubblica, vai sul Fattoquotidiano, vai su il mattino, ecc. Vedrai che li pubblicano tutto di tutti, non filtrano destra sinistra, però attento che gli stupidi hanno un canale a parte.

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 28/09/2012 - 14:51

E' vero -- sulin - h10,58------------------------------------- Ormai è Repubblica Popolare Italiana. --- Ma almeno in Cina durante la "rivoluzione culturale", i primi che fucilavano erano proprio i "Diffamatori di Sinistra". Gli stessi, identici forcaioli, a senso unico, di questa di questa finta Repubblica Democratica.

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 28/09/2012 - 15:08

Ah ecco, adesso abbiamo capito - antonio vivaldi - Non ti piaceva quel "canale a parte"... è per questo che c'hai chiesto "asilo politico". Non te la prendere, tranquillo, non mica discriminiamo sul Q.I. : Solo i tromboni e i quacquaraquà.

precisino54

Ven, 28/09/2012 - 15:29

Come sono solito ho letto tutti i commenti all’articolo. C’è da far cadere le braccia per le imbecillità pronunciate da qualcuno, mi chiedo proprio come possiamo pensare di andare avanti con simili personaggi in giro. Una per tutti i giudici notoriamente applicano le leggi dopo averle interpretate, delle volte disapplicano le norme anche su fatti specifici e certi, e non come in questo caso che sarebbero da valutare più pacatamente. Quello che fa maggiormente inorridire è l’aver riesumato una norma risalente al codice Rocco di infausta memoria. C’è qualcuno che sa spiegarmi ciò? E poi ancora questi miseri travet di stato, sanno veramente cosa stia scritto in quel libretto che spesso portano a simulacro nelle loro manifestazioni? art 21 Cost. 1° comma: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. Ogni altra parola è decisamente troppo!

Ritratto di limick

limick

Ven, 28/09/2012 - 15:44

"Geppa Gio, 27/09/2012 - 09:55 avevi a pensarci prima forse...caro Sallusti" Questo lo avevamo gia' pensato prima tutti, solo che noi liberali abbiamo le palle di farlo anche avendoci pensato, cari comunisti non ci fate paura, fate ridere, chiusi nella vostra mafia... "ci dovevi pensare prima" e' degno di un avvertimento mafioso di questo stato che voi avvallate con la'ideologia della denigrazione e della soppressione di chi la pensa diversamente. Allora oggi l'italia e' a vostra rossa fottutissima misura.

ETSAN

Ven, 28/09/2012 - 16:10

Domanda: qual'è il deterrente contro la pubblicazione di notizie false o ingiuriose? Le scuse a mezza voce dopo un anno come Feltri sul caso Boffo? Sanzioni pecuniarie? (Quindi se ho soldi sono praticamente immune da sanzioni). Oppure in nome della libertà di stampa pubblico quello che mi pare? Farina, tardivamente, ha ammesso la falsità del suo articolo pubblicato a caratteri cubitali sul giornale all'epoca diretto da Sallusti: "Chiedo umilmente scusa al magistrato Cocilovo: le notizie su cui si basa quel mio commento sono sbagliate. Egli non aveva invitato nessuna ragazza ad abortire: la ha autorizzata, ma non è la stessa cosa". Quindi domani un qualsiasi direttore pubblica sul proprio giornale che tizio è un pedofilo e dopo sei mesi si scusa senza conseguenze?

killkoms

Ven, 28/09/2012 - 16:13

@etsan,quelli cje insutano berlusconi,se la cavno sempre,chissà perchè!

ETSAN

Ven, 28/09/2012 - 17:15

@killkoms: per esempio?

Ritratto di giusburzagli

giusburzagli

Ven, 28/09/2012 - 17:32

Bravo Direttore. Finalmente uno che non si fa intimidire da una categoria che troppo spesso e da troppo tempo gode di un potere senza limiti, senza controlli degni di queso nome e senza adeguate sanzioni come toccano a qualunque altro cittadino in caso di errore e dolo. Finalmente uno con la schiena dritta ed i co****ni tosti al punto giusto. Piena e completa solidarietà a lei, Direttore ed alle battaglie che combatte.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Ven, 28/09/2012 - 17:38

antonio vivaldi, come vede lei a "Il Giornale" non ha avuto un canale privilegiato che certamente ha avuto a La Repubblica, al Fatto, il Mattino e simili giornali. Si accetta tutto, anche lei, luigipiso e gente simile!

Ritratto di romy

romy

Ven, 28/09/2012 - 17:40

Devo ammettere di aver sbagliato,per difetto,le mie previsioni per l'Italia,mai avrei potuto pensare a quanto stà accadendo oggi a 360°in Italia,che poi è ancora nulla,in confronto a quello che dovrà accadere?,questo se 2+2=4.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Ven, 28/09/2012 - 17:44

Viviamo in un paese dove si può impunemente insultare il Predidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio ed altre cariche dello Stato senza che succeda nulla (iniziativa del giudice?), ma non si può dire nulla (non insultare) su un magistrato. Denaro e galera, altrimenti!

chiara2012

Ven, 28/09/2012 - 18:12

intanto il bambino è stato massacrato con il permesso di tutti quelli che si sentono diffamati.non una parola per il piccolo macellato.potevano darlo in adozione.e non sarebbe successo tutto questo.uccidere è comunque satanico.e di tutto il resto che diranno i sinistri scomunicati,io me ne frego.e non state a censurarmi,che pubblicate solo i vostri e nostri peggiori avversari.

aitanhouse

Ven, 28/09/2012 - 18:18

parole precise, taglienti ed appropriate, forse crediamo che qualcuno si vergogni per aver gettato un paese nel letamaio? convinciamoci che qui non sono mancati e non mancano personaggi all'altezza ; sono stati respinti come la moneta buona viene distrutta da quella cattiva. Impegnarsi nella lotta politica con i mezzi democratici è divenuto solo un esercizio ai limiti del disprezzo: chi dovrebbe ascoltare è sordo, è troppo preso dagli affaracci personali e se ne frega di qualsiasi apprezzamento gli possa cadere addosso. Egregio direttore, noi pensiamo che alla luce degli avvenimenti , non puoi e non devi porgere la testa al boia, bensì devi adeguare la lotta ai tempi disgraziati che il paese vive;le tue convinzioni liberali e democratiche, la tua dialettica, le tue qualità morali sono perle che getti dinanzi ai porci. Basta siano questi episodi che segnino una svolta che il paese attende con ansia.

Giorgio Mandozzi

Ven, 28/09/2012 - 18:54

Direttore, ancora dippiù continui ad avere la mia stima. Allo stesso tempo abbiamo tutti la conferma dell'infamia del nostro sistema giudiziario, arrogante, settario, lobbistico ed illiberale. Per quello che conta sono con te.

giottin

Ven, 28/09/2012 - 19:20

@ etsan. Perché, ha anche bisogno di esempi????????????? Vada a nascondersi, possibilmente 3 metri sotto terra!!!!!

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Ven, 28/09/2012 - 19:30

baio57 scusa, mi offenderei anch'io se mi confondessero con un sinistro.

honhil

Ven, 28/09/2012 - 19:37

Ammirevole.

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Ven, 28/09/2012 - 19:41

antonio vivaldi in merito alla risposta data a nestore 55 ti faccio presente che questo giornale antidemocratico pubblica anche le tue sciocchezze. Non posso esimermi dal farti i complimenti per la tua sottile ironia su malati di mente e gente che rischia la galera. Che satira pungente!

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Ven, 28/09/2012 - 19:45

antonio vivaldi ...e questo canale si chiama VIVALDISAT

ciaciaron

Ven, 28/09/2012 - 20:49

Ma di che porcata sta parlando? Della balla pubblicata su Libero sul caso di quella ragazza? Cioè si pubblica un pezzo inventato, si offende una persona che chiede una smentita, per sei anni nessuno provvede a farla e adesso Sallusti vuole passare per un perseguitato? In galera deve andare, in galera...

Bohemian

Ven, 28/09/2012 - 23:29

L'atteggiamento di Sallusti é semplicemente DELIRANTE. Fa pubblicare un articolo folle nel quale si vaneggia di una bambina COSTRETTA ad abortire da un giudice. Si rifiuta di dire il nome (si é scoperto ieri che l'autore dell'articolo non avrebbe potuto scriverlo in quanto radiato dall'albo...). Vienegiustamente condannato ma gli si offre la possibilità di risarcire chi ha diffamato oppure di convertire il carcere con lavoro socialmente irriti. E lui che fa? Rifiuta tutto in nome della libertà (?). Di opinione? No, di diffamare! Sallusti, vergognati. Ps- ah, e naturalmente dopo tutta questa sceneggiata pensate che finita davvero in galera? Ma non fatemi ridere! :-)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 29/09/2012 - 00:28

Forse il sig robytopy non sa che quello che lui chiama buffone è un imprenditore che dà da mangiare a più di 25.000 persone. Perciò sarebbe il caso di valutare bene chi è il buffone. Tra Berlusconi e lui che scrive ca..ate dietro l'anonimato di un computer.

Accademico

Sab, 29/09/2012 - 08:24

Quando ho sentito di questa cosa ho sentito prorompente il bisogno di vomitare. Conati che ho dedicato agli autori di questa ignobile porcata.

soldellavvenire

Sab, 29/09/2012 - 09:00

caro sallusti, tutta questa sceneggiata per nulla: ho una buona notizia, la pena è SOSPESA! e quello che lei quotidianamente vilipende la grazia glie la fará (ridendo, sotto i baffi che non ha). intanto si goda il (non raro) privilegio di essere solo virtualmente in galera, cosa che le permetterà di vomitare tutto il suo odio verso la legge e chi la applica standosene nel suo ufficio, solo coperta (momentaneamente, s'intende) la targhetta! di riscuotere migliaia e migliaia messaggi di vera solidarietá pelosa (tra i quali questo), autentiche odi, "pianti greci" e proclami di rivoluzioni a suo nome. comunque, visto che nel suo caso, la presunzione di innocenza è cessata, mi permetto di commentare la sentenza: io, le avrei inflitto la condanna di scrivere editoriali QUOTIDIANAMENTE su avvenire, e settimanalmente su famiglia cristiana; sono certo che i suoi fans de il giornale (me compreso, assicuro) l'avrebbero seguita in massa.

Ritratto di esco

esco

Sab, 29/09/2012 - 11:07

L'articolo di Salllusti-Farina non è diffamatorio. Non sono pochi in questo paese coloro che ritengono necessaria l'introduzione della pena di morte presente nell'ordinamento giudiziario di moti paesi democratici nel mondo. Sallusti-Farina nell'articolo del 2007 fanno riflettere tutti noi sulla necessità di introdurre la condanna della pena capitale per coloro che possono aver commesso l' "errore" di autorizzare la soppressione di un feto nel grembo di una tredicenne. Il ruolo del Giudice, in questa vicende non è stato facile, nel 2007 ha dovuto scegliere tra "ordinare l'aborto" oppure "ordinare la vita", per molti cittadini italiani, questo giudice ha dovuto proprio scegliere se applicare o meno la pena di morte per un feto. La decisione del 2007 può essere stata sbagliata. Molti Giudici in passato hanno sbagliato rovinando la vita a illustri (e mano illustri) innocenti: il caso Tortora, uno su tanti, è un monito per tutti noi e per tutti i Giudici. Secondo mio modesto parere quel Giudice ha commesso un errore irreparabile autorizzando l'aborto, e secondo me avrebbe commesso un errore irreparabile anche autorizzando la vita. Ma tra i due errori qual era il meno grave? Questo anno il bimbo/a abortito per sentenza avrebbe oggi 5 anni e la sua mamma avrebbe aggiunto i 18, finalmente in forza della sua maggiore età, senza obblighi legali nei confronti dei suoi genitori, dottori e giudici, avrebbe trovato il coraggio per andarselo a riprendere quel bimdo/a nel frattempo protetto in una casa di affidamento. Sulla base dell'esame degli atti processuali era possibile un altro giudizio in quel procedimento nel 2007? Come può un Giudice, che nel nome del popolo italiano ha giudicato la pena di morte di un feto, sentirsi diffamato dall'articolo di Sallusti-Farina? Spero nel supporto di qualche esperto di diritto, ma rilevo il paradosso, non solo giornalistico, del contenuto nell'articolo: "la pena di morte per chi ordina la morte", gli autori hanno ritenuto efficace questo paradosso per dar voce alla indignazione di molti cittadini italiani e molti lettori del Giornale gravemente turbati dalla scelta di questo Giudice. Chiedo infine supporto per comprendere: Per la sicurezza di tutti i cittadini italiani, i Giudici che sbagliano sono ridimensionati a lavori socialmente utili ? i Giudici che hanno rovinato la vita di Enzo Tortora sono stati puniti? Secondo lo Stato italiano il Senatore Lusi che ha rubato 25 milioni di euro è socialmente meno pericoloso (al punto di scarcerarlo dopo meno di 3 mesi di reclusione) di Sallusti per il quale si prevedono 14 mesi di reclusione? il numero delle sentenze sbagliate dei Giudici che certificano l'inaffidabilità del sistema giudiziario italiano, sono bilanciate dal numero sentenze corrette?

KAKTUS_MIMMO

Sab, 29/09/2012 - 11:09

Leggete pure e capirete di cosa è capace la Burocrazia di questo Paese! "Mi hanno licenziato dall’Agenzia delle Entrate e vi spiego perché” Buongiorno, sono Domenico Tortora, di anni 63, nato a Bari ed ex funzionario del Ministero delle Finanze e successivamemente dell’Agenzia delle Entrate, a far data dal 1978. Sono stato incastrato, mi hanno fatto perdere il lavoro per un motivo che non esisteva. Hanno sostenuto che fossi socio di una società che non è mai esistita per dimostrare l'incompatibilità con il mio ruolo di incarico dirigenziale. E questo solo perché mia moglie ha un piccolo centro di “elaborazione dati”, circostanza questa già nota all’A.F. da moltissimi anni in quanto da me personalmente informata e per la quale aveva già subito due indagini ispettive negli anni tra il 1999 ed il 2002, entrambe regolarmente archiviate per insussistenza. Ho sofferto davvero molto. E' solo per pura fortuna che adesso io non viva sotto un ponte, anche se mi hanno rovinato irrimediabilmente la vita. Mi auguro solo che la Giustizia Divina arrivi lì dove l’essere umano non può. IL MIO RACCONTO "Sono stato assunto dal Ministero delle Finanze nel 1978 in qualità di funzionario. Ho svolto per 31 anni il mio dovere con dedizione totale e la cosa mi è sempre stata riconosciuta fino a quello che è purtroppo successo la sera del 25 novembre 2008. Quel giorno la Guardia di Finanza è arrivata nel centro contabile intestato a mia moglie, in attività fin dal lontano l novembre 1991, per una verifica. Dopo quasi cinque ore di ispezioni non hanno trovato nulla. A maggio del 2009, però, mi contestano di fare parte di una “società di fatto” composta da cinque persone, che esisterebbe al posto della Sas di cui mia moglie è socia". Geniale invenzione studiata a tavolino solo per farmi del male, le carte parlano chiaro e lo stesso CTU nominato dalla Commissione Tributaria palesa notevolissimi dubbi sia sulla mia partecipazione che sulla logicità dei conteggi astronomici proposti dalla G. di F. e condivisi acriticamente (sic!) dall’Ufficio. "Come ricavi societari vengono considerate le note trovate su un brogliaccio della Sas, usato per condurre i conti. Mi coprono di avvisi di accertamento per decine di migliaia di euro, non mi concedono alcuna sospensione della riscossione pur ricorrendone i presupposti.. la malvagità non conosce limiti. A quel punto divento incompatibile con il mio lavoro all'Agenzia delle Entrate. Infatti, essendo anche iscritto al registro dei revisori contabili (ma in posizione da statale) potevo lavorare solo per enti pubblici o per società con compito di sindaco o di revisore, ma tutto ciò non è mai successo ed è rimasto assolutamente indimostrato. Peccato che quella “presunta società di fatto” non è mai esistita. Si badi bene che ho sempre e più volte segnalato, in forma scritta, che mia moglie era socio accomandatario del predetto centro di “elaborazione dati” in un ufficio di appena 48 mq!. Senza contare che per me sarebbe stato impossibile svolgere un altro lavoro, dato che dal 10 maggio 2004 fino al 24 giugno 2009 ho lavorato per 61 mesi e mezzo presso l’Ufficio di Brindisi. Abitando a Bari, uscivo di casa alle sei e mezza del mattino e tornavo a casa alle sette e mezzo di sera. Sì, passavo spesso e volentieri a prendere mia moglie dal suo ufficio ma è impossibile che possa aver svolto una qualche attività. Si noti ancora che dal gennaio 1994 al 24 giugno 2009, giorno in cui ho ricevuto una lettera di contestazione, per circa 16 anni non ho mai usufruito di un giorno di assenza diverso dalle ferie, come attestato dalla stessa Direzione Regionale della Puglia". Per quale motivo qualcuno avrebbe dovuto avercela con me? Cosa avrò mai fatto di male? Avrò dato fastidio a qualcuno, visto che spesso ho contestato, ma sempre costruttivamente, tutto ciò che non funzionava o avrebbe potuto funzionare meglio". Risultato: "A settembre 2009 vengo licenziato per non aver rimosso la causa di incompatibilità. Ma come facevo a rimuoverla se non esisteva? Come avrei mai potuto cessare una Partita IVA mai attivata e come sarei potuto recedere da una società se questa società è una fantasia, un costrutto artificioso? E da una fantasia non si può recedere, nessun Notaio ha potuto o voluto redigere l’atto di recesso”. Ho preferito, sia pure con enorme sacrificio, chiudere il contenzioso fiscale nato dalla vicenda "per non lasciare questo fastidio agli eredi". Ora sono in attesa del giudizio di un giudice del lavoro. Nel frattempo, non sono riuscito a creare una nuova attività. Dopo due anni avrei potuto cominciare l'esercizio di una nuova attività ma mi hanno dato parere sfavorevole basandosi su un parere firmato da un fantomatico Comitato Ministeriale istituito nel 1958 che esclude da questa opportunità chi ha ricevuto un procedimento disciplinare, ponendo a base un Regio Decreto di stampo fascista. Si badi bene, un Comitato che avrebbe lavorato senza lasciare traccia alcuna! Infatti non è rintracciabile presso alcuna Biblioteca una straccio di scritto...però a me si applica, così sostiene un alto dirigente (incaricato) dell’Agenzia delle Entrate, a cui ho chiesto su quale Gazzetta Ufficiale o Circolare fosse stato mai pubblicato. Solo una firma a stampatello F.to TREMELLONI. E ci meravigliamo che si applichi ancora il Codice ROCCO dopo 82 anni per il resto: SILENZIO ASSOLUTO.. spero di VERGOGNA. Concludo: "Alla fine di tutta questa storia io sono sempre senza lavoro. L'unica cosa che mi ha salvato è stata che il 14 settembre 2009, il giorno in cui sono stato licenziato, avevo i requisiti per la pensione. Altrimenti a quest'ora sarei finito sotto un ponte grazie alle tante buone persone". Ecco come si distrugge una persona semplicemente onesta, violando con spregio ogni regola pur di emergere e far carriera. E poi, se avessi avuto la coscienza sporca, di certo nel corso delle indagini che sono durate del 25/11/2008 al 29/5/2009, mi sarei dimesso per non correre rischi. Ed ancora: come mai l’Agenzia delle Entrate, pur informata fin dall’inizio delle indagini in corso ha legittimamente accettato che io continuassi a ricoprire per oltre 6 (sei) mesi il delicato incarico di Capo Area Controllo? Però subito dopo, il 3 ottobre 2009, a distanza di appena 19 giorni dall’ingiusto, arbitrario e delittuoso licenziamento, sono stato colto da “infarto al miocardio”.. troppo il dolore. Ma di me non si è interessato e non si interessa nessuno! E lo stesso dott. Befera mi ha revocato l’incarico fiduciario di Dirigente presso l’Ufficio Locale di Brindisi solo sulla base di ipotesi e di presunzioni indimostrate, rabberciate nelle poche pagine di uno stralcio di verbale anche male articolato che la dott. Silvia GUARINO (Direttore Regionale della Puglia) gli fece pervenire a fronte di un P.V.C. di oltre 50 pagine e circa 200 allegati. MA NESSUNO LI HA MAI LETTI COMPLETAMENTE! In conclusione e solo per notizia mi preme sottolineare che non sono stato mai indagato per alcun reato contro la Pubblica Amministrazione quali, ad esempio, CORRUZIONE, CONCUSSIONE, PECULATO, MILLANTATO CREDITO, INTERESSE PRIVATO IN ATTI DI UFFICIO, ABUSO DI UFFICIO, ecc., eppure ho sempre ricevuto lodi e stima per il lavoro svolto con abnegazione ed onestà! Ecco il vero volto dell’Agenzia delle Entrate! Lei cosa mi consiglia? Contatti: TORTORA DOMENICO – mail: domenico.tortora1949@libero.it

paolo_soglia

Sab, 29/09/2012 - 11:13

Come giornalista iscritto all’Ordine mi dissocio, a titolo personale, dalla squallida campagna vittimistica portata avanti dal direttore del Giornale Sallusti e appoggiata acriticamente da gran parte del gotha della stampa italiana, ed esprimo tutta la mia solidarietà al Giudice Cocilovo carognescamente infamato su "Libero" dal duo Sallusti/Farina. Analoga solidarietà va alla giovane vittima di quella triste vicenda e alla sua famiglia, usati all’epoca da questi squallidi individui per portare avanti la loro bieca e strumentale campagna antiabortista. Ciò posto: non è certo la carcerazione, in sè, lo strumento adatto a risolvere i casi di diffamazione, neanche quelli gravi come questo. Anzi, la campagna vittimistica di Sallusti - a tre giorni dalla sentenza definitiva - e la “confessione” di Farina a giochi fatti sfruttano proprio l’impatto evocativo e lugubre del carcere per portare avanti il proprio sporco gioco: garantirsi l’impunità da usare per la prossima porcata. Sallusti in un paese civile (quale il nostro non è) non andrebbe mai in carcere. Perchè Sallusti in un paese civile avrebbe smesso da tempo di dirigere un giornale e per un bel pezzo non avrebbe più fatto nemmeno il giornalista, perchè sarebbe stato radiato dall’Ordine avendo fatto pubblicare cose false - sotto pseudonimo – a un personaggio (Farina) già radiato per essersi rivelato al soldo dei servizi segreti per i quali scriveva sotto dettatura. Perchè Sallusti in un paese civile avrebbe come minimo dovuto porgere le scuse pubbliche per i falsi che ha pubblicato, mettendo le scuse (con la replica dell’interessato) nella stessa evidenza che ha usato per le sue accuse infamanti. Perchè in un paese civile si sarebbe proposta una cifra di risarcimento così elevata che Sallusti e il suo editore sarebbero rimasti in mutande (altro che 30.000 euro...) In un paese civile, infine, tutti sanno perfettamente che il carcere non insegna nulla e quindi - ben prima di una sentenza definitiva - per tutelare le persone e i lettori serve il rispetto dell’etica professionale da parte dei giornalisti e degli editori, cosa che Sallusti, Farina e i loro padroni non hanno, ma che viste le reazioni acritiche e pietisticamente assolutorie della casta giornalistica sembra scarsa anche tra tanti altri suoi colleghi (amici e avversari).

Ritratto di esco

esco

Sab, 29/09/2012 - 12:14

1/2

Ritratto di esco

esco

Sab, 29/09/2012 - 12:14

2/2 Come può un Giudice, che nel nome del popolo italiano ha giudicato la pena di morte di un feto, sentirsi diffamato dall'articolo di Sallusti-Farina? Spero nel supporto di qualche esperto di diritto, ma rilevo il paradosso, non solo giornalistico, del contenuto nell'articolo: "la pena di morte per chi ordina la morte", gli autori hanno ritenuto efficace questo paradosso per dar voce alla indignazione di molti cittadini italiani e molti lettori del Giornale gravemente turbati dalla scelta di questo Giudice. Chiedo infine supporto per comprendere: • Per la sicurezza di tutti i cittadini italiani, i Giudici che sbagliano sono ridimensionati a lavori socialmente utili ? i Giudici che hanno rovinato la vita di Enzo Tortora sono stati puniti? • Secondo lo Stato italiano il Senatore Lusi che ha rubato 25 milioni di euro è socialmente meno pericoloso (al punto di scarcerarlo dopo meno di 3 mesi di reclusione) di Sallusti per il quale si prevedono 14 mesi di reclusione? • il numero delle sentenze sbagliate dei Giudici che certificano l'inaffidabilità del sistema giudiziario italiano, sono bilanciate dal numero sentenze corrette?

chiara2012

Sab, 29/09/2012 - 12:20

la cosa ABOMINEVOLE è che in definitiva si tratta di un esserino CONDANNATO A MORTE:provate a mettervi voi in quell'utero ,e a sentirvi strappare via-e si sentono diffamati.non è un buongiorno '

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 29/09/2012 - 13:01

SI, mancano le palle di cacciare qualsiasi leader e creare una forza politica sociale ampia. mancano l epalle di cambiare mentalità, dal nord al sud

ciaciaron

Sab, 29/09/2012 - 13:26

Ricapitolando, un giornalista (si fa per dire), radiato dall'albo, scrive un pezzo per un giornale (si fa per dire) e il pezzo arriva dritto dritto alle rotative, senza nessun controllo. Avrebbe potuto scrivere che la moglie di Obama va a letto con George Bush e la notizia sarebbe stata pubblicata? Ma per piacere! La verità è che zio Tibia sapeva benissimo ma non ha fatto nulla per impedire la carica al giudice, il vero bersaglio del pezzo. Tutto perchè l'ordine del capo era: dagli ai giudici! E lui da buon barboncino ha ubbidito. Adesso fa il vergine violato, in galera deve andare, in galera.

ARKA43

Sab, 29/09/2012 - 14:33

Certo che a leggere i commenti dei sig.ri (si fà x dire) eugenio bonnaccorsi, di cafo, di mark 61, di antonio vivaldi, ed ancora di geppa, etc. etc...... una persona resta sgomenta, come si fà ad essere così "sinistramente" violenti, con quella bile che porta la bava alla bocca, con quella ottusa e indottrinata meschinità che vuole che, chi non la pensa come loro siano tutti nemici mortali da abbattere.e veramente penoso leggere tutto ciò, .....povera Italia !!!!

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 29/09/2012 - 16:24

xpaolosoglia- RIDICOLO E PENOSO . Xkactus-mimmo-SICURAMENTE il suo posto era una questione di invidia, per qualcuno.In piu da aggiungere spero che si arrivera a far pagare anche i cosidetti giudici.Ci dovra essere pure una giustizia di nome sulla terra , per aspettare quella del cielo non ne abbiamo ne il tempo ne la possibilita di vedere certi ceffi condannati a chissa quale pena.

Ritratto di esco

esco

Sab, 29/09/2012 - 16:26

Segue l’estratto dell'art.12 da cui si comprende quanto giuridicamente è delicato il ruolo del Giudice Tutelare: che “può autorizzare” l’aborto, e che potrebbe anche NON autorizzare. Pertanto in sostanza proprio il Giudice ha l'ultima parola e decide "con atto non soggetto a reclamo" appunto sul destino del feto: ovvero decide sulla vita e sulla morte. “[…] Il giudice tutelare, entro 5 giorni, sentita la donna e tenuto conto della sua volontà, delle ragioni che adduce e della relazione trasmessagli, può autorizzare la donna, con atto non soggetto a reclamo, a decidere la interruzione della gravidanza. […]” La tragedia è rilevante, sebbene la mamma-minore non avesse subito alcuna violenza carnale, il feto non risultava malformato e la mamma-minore non era in pericolo di vita. Se “l’atto non soggetto a reclamo” del Giudice fosse sbagliato? Se il Giudice non ha eseguito gli approfondimenti necessari? Quali sono gli approfondimenti compiuti nel 2007 per convincersi che la 13enne aveva consapevolezza dell’aborto? Un altro giudice avrebbe potuto NON “autorizzare la donna” ad abortire sulla base di altre soluzioni? L’articolo di Sallusti-Farina a me pare rappresentare un forte grido d’indignazione, non credo isolato e molto condiviso nel nostro paese, nonostante il paradosso della "pena di morte per chi condanna a morte”. Il Giudice che ha scelto di “autorizzare” l’aborto, avrebbe fatto bene a restare in silenzio, la tragedia avvenuta con la sua partecipazione, ed è stata molto più grande della sua presunta onorabilità ritenuta compromessa dall’articolo così criticato

nino47

Sab, 29/09/2012 - 17:34

X luigipisio: purtroppo no! non siamo tutti Sallusti! Ancora troppi sono.. Luigipisio!!!

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 29/09/2012 - 17:38

Il settennato dell'immobile sopramobile sta per concludersi e sarà un settennato che resterà a memoria d'uomo per le porcherie che sono state effettuate e permesse in nome di una vetusta costituzione bolscevica,e questo è uno dei risultati:"colpirne uno per educarne cento.Bravo presidente ron ron,questo è il paese che lascia,e solo al pensiero che possa ricandidarsi viene la rogna.Onore al Direttore.Boia chi molla,siamo con Lei.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 29/09/2012 - 17:38

La dignita' è un bene prezioso che non deve mai mancare.I politici,che le leggi le devono produrre, sono un caso a parte.

nino47

Sab, 29/09/2012 - 17:40

X antonio Vivaldi: il semplice fatto che su questo Giornale vengano pubblicati post come i suoi ed altri suoi pari egregio signore, la dice tutta sul fatto che sia democratico o no. Certo è che quelli come Lei la democrazia la intendono in altro modo,perchè una cosa è essere democratici ,un'altra è essere "sinceramente democratici" (questi, per chiarire, sareste voi....!)

Ritratto di mazzini63

mazzini63

Sab, 29/09/2012 - 19:18

verrebbe da dire : " Mala tempora currunt"... ma qui siamo al tragi_comico, Napolitano che bisognerebbe vedere pure lui i suoi rimborsi tace, tutti gli altri pure, ma perchè gli frega nulla, di lei. di me e del "popolino" in genere. G.Gaber diceva che la democrazia è partecipazione, e su questo l' Italia è avanti a tutti i paesi del mondo, come hanno partecipato a rubare solo da noi. i Magistrati sono parte della tavolata strapagati e lavorare poco e male, spero di non doverle portare gli arancini a San Vittore, ma almeno si consolerà di almeno qualche "galantuomo " c'è, Io penso di cedere le armi, ho dato un anno di vita al paese in grigioverde, con onore e piacere; ho fatto l'onesto fesso contribuente per 35 anni, ora alla soglia del mezzo secolo, sono stanco. Pernso che me ne andrò, dirò ai miei figli ( già adulti ) di fare lo stesso... Tanto di cappello a Lei, se avrò il piacere di incontrarla sarà una delle poche persone a cui stringerò la mano togliendomi il cappello. Con rispetto e ammirazione Lucio

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Sab, 29/09/2012 - 19:34

nino47 Il fatto che su questo Giornale vengano pubblicati i nostri post, la dice tutta sul fatto che noi dobbiamo scriverne5 per vederne pubblicato 1, lei ed altri come lei è sufficiente che ne scrivano 1 per vederne pubblicato 1. Quando avrà 5 min di tempo mi spiegherebbe la giusta differenza tra essere ''sinceramente democratici'' e ''democratici''? Mica essere democratici per lei significa diffamare il prossimo?

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Sab, 29/09/2012 - 19:37

Lorenzo Mazzi, no questo canale si chiama, MòsonMAZZIamari....

soldellavvenire

Dom, 30/09/2012 - 08:30

@esco - le sue argomentazioni avrebbe dovuto esporle al giudice, non ai lettori di un foglio satirico . per il resto é come vuol farci capire: un giudice "ideologizzato" (e.g. cattolico) avrebbe proibito l'aborto; un laico ha (solo) applicato la legge, dura lex sed lex.. allora, come li volete questi giudici? e questa legge, come la volete? avete la presunzione di criticare, ma dove eravate quando ci fu il referendum sull'aborto? raccogliete le 500.000 firme e proponete: sono sicuro che avrete almeno 100.000 voti (sí le altre 400.000 erano firme false)

soldellavvenire

Dom, 30/09/2012 - 08:33

ah certo, sallusti in cella ci andrá: volontario!

Capax

Dom, 30/09/2012 - 08:49

Qualcuno sa dirmi dove posso trovare l'articolo di Farina che ha originato tutta la vicenda?

dbeilis

Dom, 30/09/2012 - 10:28

Caro Direttore , La ringrazio per le magnifiche parole con cui illustra la Sua situazione a noi , suoi affezionati lettori . Le ho lette con piacere e commozione perche' in questa nostra povera Italia e' ormai raro trovare persone che abbiano sangue che scorre nelle vene . La ringrazio per aver voluto mostrare a tutti noi che la Liberta' e ' il nostro bene piu' prezioso che nessuno puo' sottrarci se noi siamo disposti a difenderlo a qualsiasi costo , come Lei sta facendo . Grazie ancora , caro Direttore !!

GUGLIELMO.DONATONE

Dom, 30/09/2012 - 10:49

Nella prima pagina del più aggiornato turpiloquario da me consultato appare questo laconico comunicato: Inutile cercare, perché non ancora inventati, aggettivi o sostantivi atti a qualificare personaggi (?) quali antonio vivaldi, eugenio bonaccorsi, geppa et similia. Aspettiamo la prossima edizione.

neta942

Dom, 30/09/2012 - 12:43

Caro Sallusti rimanga dove e'. Apprezzo la sua determinazione. Un messaggio ai miei compatrioti. mostriamo a tutti che le palle le abbiamo e che non ne possiamo piu di soprusi piccoli o grandi che siano, se veramenente amiamo questo paese e se vogliamo cambiarlo diamoci da fare in maniera pacifica, civile , ma determinata.

Capax

Dom, 30/09/2012 - 15:17

Per chi vuole leggere gli articoli pubblicati a febbraio 2007: La Stampa, 17 febbraio http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/getPDFarticolo.asp?currentArticle=DHGYL La stampa, 18 febbraio http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/getPDFarticolo.asp?currentArticle=DHRMZ Libero, il 18, l'articolo di Farina/Dreyfus http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/getPDFarticolo.asp?currentArticle=DHQW1

Capax

Dom, 30/09/2012 - 15:27

Per chi vuole leggere gli articoli pubblicati a febbraio 2007: La Stampa, 17 febbraio http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/getPDFarticolo.asp?currentArticle=DHGYL La stampa, 18 febbraio http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/getPDFarticolo.asp?currentArticle=DHRMZ Libero, il 18, l'articolo di Farina/Dreyfus http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/getPDFarticolo.asp?currentArticle=DHQW1 Riepilogando: La Stampa pubblica notizie che si rivelano false ("il giudice tutelare contro la sua volontà", nell'occhiello) Il giorno dopo, La Stampa rettifica con un articolo in cui è evidenziato "Il magistrato non l'ha costretta". Non esattamente delle scuse, ma comunque sufficienti per ristabilire la realtà dei fatti. Lo stesso giorno Farina, basandosi sulla notizia falsa ("costretta dal giudice"), inserisce il giudice tra le persone che, se ci fosse la pena di morte, la meriterebbe per un caso come questo. Il titolo dell'articolo è "il giudice ordina l'aborto", l'immagine che ne esce del giudice è quella dell'aguzzino che ordina un aborto conto la volontà della tredicenne (prima vittima di tutta questa faccenda...). Peccato che sia falso. La Stampa ne esce male, con la pubblicazione di una notizia falsa, con la sola attenuante di non aver basato sulla notizia falsa giudizi tanto offensivi. Altri ne escono molto peggio: Farina, che commenta notizie senza verificarne la veridicità, e da cuor di leone ammette di essere l'autore dell'articolo dopo la condanna di Sallusti. Sallusti, che deve prendersi la responsibilità di quello che scrive Farina, (e lo fa, cosa meritevole), mentre poco meritevole è pubblicare in prima pagina articoli di una persona, Farina, che con il caso Sismi ha dimostrato una deontologia professionale nulla. Libero, o almeno la sua direzione di allora, che pubblica in prima pagina commenti pesantissimi senza verificare l'origine delle notizie, e che ammette candidamente di prelevare le notizie da altri giornali, non sul campo: una garanzia di autorevolezza... ( http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1086630/Ecco-la-vera-storia-del--caso-Dreyfus----Puniti-per-un-articolo-scritto-da-altri.html ) E per fare chiarezza: la condanna di Sallusti non è un caso di libertà di opinione, è un caso di diffamazione. L'unica cosa su cui concordo è che il carcere, in un caso come questo, è un'esagerazione. Un'esagerazione, se non sbaglio, figlia di una legge introdotta di recente dalla maggioranza di centrodestra con la benedizione di Salluti...

macchiapam

Dom, 30/09/2012 - 18:23

Caro Sallusti, onore a Lei. Chissà se un giorno o l'altro non ci ritroveremo sul lago di Como, che io giudico il luogo più bello del mondo. Nel frattempo, segua l'esempio di Giovannino Guareschi: vada in carcere a testa alta e, durante la detenzione, mi scriva, se crede: gli scambi di idee tra affini sono sempre confortanti. Vivissima stima.

edo1969

Dom, 30/09/2012 - 22:39

su Monti: "complice il suo sostanziale silenzio e il suo immobilismo".. ma Sallusti chi ti credi di essere? Monti ha altri più grossi problemi, che fra l'altro interessano molto di più a noi italiani, che il tuo caso di giornalistucolo. Ma per chi vi prendete voi giornalisti? Ci sono ogni anno migliaia di condannati più o meno ingiustamente, che non hanno eco sui giornali solo perchè ...non sono giornalisti. Quando la stampa difende se stessa a oltranza fa pena. Lascia lavorare Monti che si occupa del "quotidiano" degli italiani: il caro vita, la disoccupazione, l'economia etc. e non dei "quotidiani". Di quelli poi schierati come il tuo facciamo pure a meno. Vai a scrivere articoli a S. Vittore.. ma tanto neppure ci andrai.

Capax

Lun, 01/10/2012 - 00:22

Riepilogando: La Stampa pubblica notizie che si rivelano false ("il giudice tutelare contro la sua volontà", nell'occhiello) Il giorno dopo, La Stampa rettifica con un articolo in cui è evidenziato "Il magistrato non l'ha costretta". Non esattamente delle scuse, ma comunque sufficienti per ristabilire la realtà dei fatti. Lo stesso giorno Farina, basandosi sulla notizia falsa ("costretta dal giudice"), inserisce il giudice tra le persone che, se ci fosse la pena di morte, la meriterebbe per un caso come questo. Il titolo dell'articolo è "il giudice ordina l'aborto", l'immagine che ne esce del giudice è quella dell'aguzzino che ordina un aborto conto la volontà della tredicenne (prima vittima di tutta questa faccenda...). Peccato che sia falso. La Stampa ne esce male, con la pubblicazione di una notizia falsa, con la sola attenuante di non aver basato sulla notizia falsa giudizi tanto offensivi. Altri ne escono molto peggio: Farina, che commenta notizie senza verificarne la veridicità, e da cuor di leone ammette di essere l'autore dell'articolo dopo la condanna di Sallusti. Sallusti, che deve prendersi la responsibilità di quello che scrive Farina, (e lo fa, cosa meritevole), mentre poco meritevole è pubblicare in prima pagina articoli di una persona, Farina, che con il caso Sismi ha dimostrato una deontologia professionale nulla. Libero, o almeno la sua direzione di allora, che pubblica in prima pagina commenti pesantissimi senza verificare l'origine delle notizie, e che ammette candidamente di prelevare le notizie da altri giornali, non sul campo: una garanzia di autorevolezza... http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1086630/Ecco-la-vera-storia-del--caso-Dreyfus----Puniti-per-un-articolo-scritto-da-altri.html E per fare chiarezza: la condanna di Sallusti non è un caso di libertà di opinione, è un caso di diffamazione. L'unica cosa su cui concordo è che il carcere, in un caso come questo, è un'esagerazione. Un'esagerazione, se non sbaglio, figlia di una legge introdotta di recente dalla maggioranza di centrodestra con la benedizione di Sallusti...

Carlo_Olmi

Lun, 01/10/2012 - 07:19

Direttore, La ringrazio per la Sua correttezza professionale e la Sua specchiata Onesta' ( con la Maiuscola ! ). Oggi siamo tutti più poveri perché' abbiamo perso un bravo Direttore: ci mancherà' molto. Carlo Olmi

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Lun, 01/10/2012 - 09:30

"prassi squallida e umiliantte" - certo è così, la giustizia è di chi paga, più vale in euro il tuo processo più lo seguono e ci mangiano, più paghi l'avvocato (anche quello della controparte eventuale) e più sono alte le probabilità di vedere ragione (non giustizia) in fretta. chi non paga può essere nel giusto e venir tritato o aver ragione mai. così è la giustizia pure per come la insegnano, così è prassi. secondo me però ci ha rimesso troppo con questa presa di posizione onorevole, non sputtanerà certo il giudice che voleva i soldi, quelli hanno più pelo dei giornalisti.

ihaveavision

Lun, 01/10/2012 - 09:32

caro direttore...ti invito a riscoprire il piacere della vergogna.Capisco che la famiglia Berlusconi ti paghi profumatamente per calunniare chi si oppone,tu hai i tuoi interessi....bene,ma paga le conseguenze del tuo scellerato modo di fare giornalismo,basato sul gettare sistematicamente FANGO su chi dissente dal LEADER!che schifo!! Ma perchè "il giornale" non mette in prima pagina Fiorito(che ha rubato l'impossibile) e la Polverini(che non ha fatto nulla per impedirlo)??ah...SONO DEL PDL......SCUSAMI!

Ritratto di enzo33

enzo33

Lun, 01/10/2012 - 09:45

Bravo Alex, non mollare,si son dati la poroga di trenta giorni per cercare un guado per potere uscire da queto pantano, non li mollare.Ciao, nonno enzo33

Ritratto di enzo33

enzo33

Lun, 01/10/2012 - 09:51

Ciao Alex, se ti sei dimesso per difenderti meglio O:K, altrimenti mi dimetto anch'io da lettore, vuol dire che la mattina ce lo andiamo a leggere di nascosto nei giardini il "GIORNALE" un caro saluto: enzo33

nino47

Lun, 01/10/2012 - 10:13

X antonio Vivaldi: ma non dica sciocchezze! capita anche a me spesso di non vedere pubblicati i miei post! Non si arrampichi sugli specchi! La differenza tra democratici e "sinceramente democratici" deve chiederla al sig. Bersani che ha sentito la necessità di fare la distinzione a suo tempo. Io la interpreto nell'unico modo possibile: i sinceramente democratici, sono, siete, decisamente "diversi" dai democratici "normali".Come la dice lunga il fatto che Repubblica giornale "sinceramente democratico" circa bagni di fango e diffamazioni è sempre stato maestro intoccabile (appunto perchè "sinceramente democratico") e non ha mai avuto problemi di genere alcuno anche quando oltre a diffamare ha dato notizie dichiaratamente false e supponenti!Altro esempio,:Il "sinceramente democratico " può essere il sig. Penati denunciato per un comprovato danno erariale di DUECENTOTRENTAMILIONIDIEURO, il cui processo non è mai iniziato. Semplice democratico è invece la vostra spina nel fianco, certo Berlusconi, il cui processo per le ragazzine, va invece avanti spedito con benedizione di magistrati e Repubblica....per fatti più recenti di ben 5 anni a quelli dell'altro "sinceramente democratico"!Cordialmente.

ETSAN

Lun, 01/10/2012 - 10:27

@ giottin. Frustrazione da desolante mancanza di argomenti? Ci sono talmente tanti esempi di direttori di giornali che hanno insultato Berlusconi che non riesce a citarne uno? Non sono certo io a dovermi nascondere.

Ritratto di alessandro.pironti

alessandro.pironti

Lun, 01/10/2012 - 11:20

Buon Giorno a tutti,ed in Particolare al Direttore !!, La cosa che ho imparato a Detestare maggiormente sono i Preconcetti,e purtroppo in questo paese ne abbondano di teste Calde,e chissà perchè sono in maggioranza a sinistra,non lo riesco ancora a capire,ma forse voglio ancora credere che l'intelligenza sia prima di tutto ,mentre invece vedo l'opposto. Che strano chi con la destra ti aiuta e con la sinistra ti accoltella alla schiena, forse è arrivato il punto di svolta?. Il Merito non paga in questo paese Marcio,troppi sono collusi e traggono Vantaggi,e naturalmente non si vergognano minimamente,i loro stipendi o pensioni da favola li Assolvono!!Comunque Direttore Mai dire Mai,Vedremo come va a finire questo paese Insulso!! ********** Veneto Stato ************

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Lun, 01/10/2012 - 18:08

Direttore non si preoccupi. Tra 3 mesi vedrà una sbarra ed una palla, una sbarra ed una palla e così via. Tranquillo vuol dire che saremo a Natale e solo ad allora potrà dire: Siamo un paese con le palle....

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 01/10/2012 - 21:47

Grazie Direttore (con la D maiuscola perché lo merita) per tutto quello che ci ha dato fino ad oggi e per tutto quello che ci darà un domani: la libertà di espressione e di parola. Noi tutti lettori siamo con Lei anche se non fisicamente ma moralmente. Con stima.

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 01/10/2012 - 21:58

edo 1969: vada a scrivere i suoi commenti sui suoi amati giornali "non schierati", quali poi non si sa. E impari che la legge, quella che conosco io, dovrebbe e ripeto dovrebbe essere uguale per tutti e non solo per i "suoi" direttori di quotidiani, ma certo, solo il Giornale è schierato, gli altri invece... ma mi faccia un piacere, stia zitto.

Ritratto di limick

limick

Lun, 01/10/2012 - 23:35

Certo che parlare di LIBERTA' di OPINIONE con un comunista e' veramente tempo PERSO! Per il comunista non e' importante il fatto in se' ma tanto che venga punita l'opinione diversa dalla sua, questa e' la condizione unica del monocellula di sistra: la diffamazione contro Berlusconi e' sacrosanta, la diffamazione (qualora anche lo fosse) verso magistratura PDemocratica e' da punire con il carcere. Loro signori giustizialisti di sinistra sanno che grazie alla magistratura che li protegge non si troveranno mai dall'altra parte della sponda, sono sporchi come loro. Invidiosi e codardi.

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Mar, 02/10/2012 - 00:08

nino47 lei è diventato come le mutande di lana: fuori moda! con sincerità democratica parlando.

onofri

Mar, 02/10/2012 - 08:13

Sallusti e la sua cricca sono quanto di peggio un essere umano possa offrire. Semplicemente miserabili. Eppure sono la perfetta rappresentazione di una parte d'italia, quella peggiore, retrograda, inutile al progresso e al benessere sociale, colpevolemnte ignorante ed analfabeta. sallusti e la sua cricca sono i loro campioni, il loro prodotto più alto. se ne guardano bene dal dirlo e quando comprano questo giornale lo nascondono subito. e fanno bene. sono pornografi intellettuali. coprono la professione del giornalismo di infamia e fango solo perchè hanno venduto la loro dignità al miglior offerente. piccoli vermetti sacrificabili o usabili a seconda della necessità. piccoli ometti che negherebbero l'esistenza dei peggiori abomini appena fuori dalle loro finestre se questo gli convenisse a comprare un telefonino in più o le nigeriane sui viali. sono come i tedeschi che permisero il nazismo.

martinjose

Mar, 02/10/2012 - 09:10

Bravi direttore, siamo con te. Non mi sta il fatto della dimissione.

francesco.priolo

Mar, 02/10/2012 - 09:38

Caro Direttore, ti scrivo questo commento per manifestare tutta la mia nausea verso un sistema che è un vero e proprio regime di polizia. Ormai sono anni che siamo sotto una specie di colpo di Stato da parte della magistratura che utilizza la custodia cautelare a proprio uso e consumo per screditare la reputazione della gente per bene. Una volta eravamo innocenti fino a prova contraria; oggi siamo colpevoli fino a prova contraria. Non ne facciamo un uso politico di destra o sinistra. Il problema è generale ed è necessaria una riforma, con il piccolo particolare, che i riformatori pensano ad ingrassarsi le tasche, concedendo al loro alterego il lusso governare. Io Le auguro che i 14 mesi siano equivalenti a 0 giorni, perchè per un reato che non esiste non venga punito, ma soprattutto perchè reati, come lo spaccio di droga, vengano puniti seriamente senza che chi è colto in flagranza di reato venga messo fuori per decadenza dei termini. Per il Premier Monti: se deve fare la riorganizzazione delle spese, tagli prima di tutto i budget delle intercettazioni per reati non a scopo di mafia o terrorismo. Le auguro ogni bene sapendo che una persona dalla sua parte, con me, ce l'ha certamente.

Kenwood

Mar, 02/10/2012 - 10:09

Caro Sallusti, mi dispiace davvero molto per quello che le é successo in qualita di "cittadino" ma non in qualitá di giornalista. Perché? Una piccola riflessione: perché si grida tanto allo scandalo ADESSO quando il suo "capo" solo un anno fa voleva ufficiare il carcere per giornali e giornalisti per quello che scrivevano? All´epoca pero da voi, come testata giornalistica, non ho notato un cosí grande FERVORE nel rivendicare la libertá di parola e stampa. Diciamola cosí, se un tal signore avesse raggiunto il suo obbiettivo, prima di Lei molti altri avrebbero avuto lo stesso problema o quasi... Le faccio i miei migliori auguri che la cosa si sistemi per il verso migliore e che possa continuare a scrivere da uomo libero.

Mario Lama

Mar, 02/10/2012 - 10:15

comunque caro direttore lei rimane un calunniatore ed è giusto che sconti la pena prevista!

Ritratto di Artek

Artek

Mar, 02/10/2012 - 13:27

Hai ragione Sallusti. E se avrai le palle di conoscermi, vedrai altri aspetti ancora più profondi di questa INGIUSTIZIA chiamata GIUSTIZIA, e di questa ITALIA che altro non è che una PATTUMIERA ANTIDEMOCRATICA dove i porci comandano, e le persone pulite vengono buttate fuori dal lavoro e da tutto, come hanno fatto con me prima, e con te dopo. Anche se non ho fatto il giornalista poco cambia, i meccanismi del marcio che butta fuori il buono sono sempre gli stessi.

soldellavvenire

Mer, 03/10/2012 - 09:01

si accettano ipotesi sulla scomparsa dell'editoriale quotidiano del sallustri sulla home page, oggi, mercoledì 3 ottobre prima ipotesi: sallustri finge di essersi dimesso e si prende una "vacanza"; seconda ipotesi: all'estero; terza ipotesi: è in convento e si è autoinflitto il "cilicio-stampa", di leggere i commenti ai suoi articoli. inizia oggi un trepidante conteggio dei giorni della sua assenza

nino47

Mer, 03/10/2012 - 20:41

X antonio Vivaldi: la battuta sicuramente l'avrà presa in prestito da qualcuno, ma sinceramente non vedo il nesso. Ciao