Le nozze gay suicidio dell'Europa

I matrimoni omosex scardinano i valori della famiglia naturale. Unico rimedio alla crisi demografica del continente

La legalizzazione del matrimonio omosessuale in Francia e in Gran Bretagna, una realtà già presente in Svezia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Belgio, Spagna, Portogallo, Islanda, che è stata accreditata dall'Unione Europa e dal Consiglio d'Europa, evidenzia che in questa Europa è prevalso il relativismo valoriale che scardina le fondamenta della costruzione sociale incentrata sulla famiglia naturale.

Non si tratta solo della violazione di un «valore non negoziabile», secondo l'espressione cara a Benedetto XVI, ma innanzitutto di un venir meno alla ragione e al legittimo amor proprio. L'Europa è in assoluto l'area del mondo che ha il più basso tasso di natalità e, purtroppo, l'Italia è tra i Paesi europei che ha il più basso tasso di natalità. Ebbene, se noi - al fine di porre un argine a questo suicidio-omicidio demografico - usassimo la ragione e facessimo prevalere il sano amor proprio, dovremmo sostenere la centralità della famiglia naturale perché, piaccia o meno, è solo dall'unione tra un uomo e una donna che può generarsi la vita. Concretamente per favorire la natalità dovremmo sostenere la maternità, ciò che oggi si traduce nell'attribuzione di congrui sussidi per le madri che scelgono di dedicarsi a tempo pieno o anche a tempo parziale alla famiglia, ai figli e alla casa, riconoscendo la valenza economica del lavoro domestico. Proprio recentemente in Francia da un'inchiesta pubblicata dal Figaro emerge che il lavoro domestico corrisponde a circa il 33% del Pil !
Invece questa Europa relativista non solo non sostiene la famiglia naturale, ma ha scelto di scardinarla dalle fondamenta sostenendo che la società non si basa più sul rapporto tra uomo e donna, ma che dobbiamo far riferimento a cinque parametri che corrispondono all'orientamento sessuale, dove l'essere eterosessuali, bisessuali, omosessuali, lesbiche e transessuali, deve essere considerato la piattaforma sociale a cui corrispondere assoluta parità sia per ciò che concerne il matrimonio sia per l'adozione dei figli.

Ed è così che in quest'Europa relativista che rischia di scomparire sul piano demografico per quanto attiene alla popolazione autoctona, il matrimonio omosessuale viene indicato come l'apice di una civiltà i cui capisaldi sono la negazione della cultura della vita, ovvero la legalizzazione dell'aborto, dell'eugenetica e dell'eutanasia. Gli ideologi del relativismo demografico ritengono che il problema sia facilmente risolvibile spalancando le frontiere agli immigrati provenienti da Paesi che hanno un più alto tasso di natalità, operando in un contesto puramente quantitativo, a prescindere dalla dimensione qualitativa che concerne la condivisione o meno dei diritti fondamentali della persona, del rispetto delle regole fondanti della civile convivenza, della disponibilità a integrarsi per cooperare alla costruzione di un futuro migliore. Ecco perché se questi immigrati sono, ad esempio, i cinesi dediti all'invasione economica o gli islamici dediti all'invasione religiosa, il risultato sarà inesorabilmente il tracollo della civiltà europea in parallelo al declino della popolazione autoctona.

Tutto ciò dovrebbe essere considerato ragionevole e di buon senso. Ebbene, se oggi non lo è, significa che abbiamo messo in soffitta la ragione e non ciò vogliamo più del bene, facendo prevalere un'imposizione ideologica ispirata al relativismo valoriale che nega la nozione stessa di verità e al buonismo che ci porta ad anteporre le istanze altrui anche a dispetto delle conseguenze negative per noi stessi. Ecco perché questo pregiudizio ideologico si configura come una dittatura relativista che, per un verso, è l'altro lato della dittatura finanziaria e, per l'altro, è supportato dalla dittatura mediatica. Anche la dittatura finanziaria fa venir meno la centralità della persona come depositaria di un valore intrinseco, della famiglia naturale e della comunità di uomini e donne liberi, sostituendoli con la centralità della moneta, delle banche e dei mercati. E né la dittatura relativista né la dittatura finanziaria potrebbero affermarsi senza il supporto della dittatura mediatica che, mistificando la realtà, ci propina una rappresentazione ideologica facendosi sembrare come l'apice della civiltà ciò che il fondo del baratro in cui siamo precipitati non avendo più la certezza di chi siamo, delle nostre radici, fede, valori, identità e regole.
L'epilogo di questa deriva è la dittatura in senso letterale, dove anche se siamo chiamati a partecipare al rito delle elezioni, ne sappiamo anticipatamente l'esito perché la triplice dittatura relativista, finanziaria e mediatica non consentono alcuna devianza rispetto al «nuovo ordine mondiale». Ciascuno di noi sarà libero di produrre e di consumare, di copulare con chi gli pare, di credere in Gesù o Allah a condizione di metterli sullo stesso piano, ma non potremo affermare la verità, credere nei valori non negoziabili e perseguire il bene comune.
twitter@magdicristiano

Commenti

angelomaria

Lun, 04/02/2013 - 08:50

il bello che dovrebbero essere di destra solo per voti la solita storia

toredo70

Lun, 04/02/2013 - 09:02

E la morale/valori da lei accreditati come non negoziabili da chi derivano? da queste religioni che nei secoli hanno ucciso torturato depredato usato distrutto l'essere umano inpoverendolo e rendendolo schiavo? la storia parla chiaro per chi la vuole vedere... e non per chi usa le religioni per profitto personale. In un mondo che non ha più risorse per sostenere tutti i suoi occupanti forse la bassa natalità è un dono... ma non per chi commercia sull'essere umano e ha bisogno di sempre più schiavi e si nutre della povertà e disperazione dei derelitti. Gli omosessuali non hanno niente a che fare con la bassa natalità. Ci sono sempre stati e sempre ci saranno perchè fanno parte dell'ordine naturale delle cose. Dio non li avrebbe creati altrimenti. Immaginate un mondo senza arte poesia amore... senza Leonardo da Vinci.. Oscar Wilde, Michelangelo Buonarroti, per non parlare dei papi : Leone X (Giovanni de' Medici, 1475-1521, Giulio II (Giuliano della Rovere, 1443-1513), Giulio III (Giovanni Maria Ciocchi Del Monte, 1487-1555), e potrei continuare all'infinito... tanti sono i gay che hanno contribuito allo sviluppo dell'umanità... finitela di demonizzarli per negare i diritti di chi contribuisce allo sviluppo armonico della società e sviarli dalle vostre responsabilità ... E che guardi tu il fuscello ch'è nell'occhio del tuo fratello? e non iscorgi la trave ch'è nell'occhio tuo?

BlackMen

Lun, 04/02/2013 - 09:47

Credo che si chiami "civiltà che avanza"...fatevene una ragione, oppure trasferitevi in Pakistan, Iran, Afghanistan dove la pensano esattamente come voi in materia di omosessualità.

barretta gennaro

Lun, 04/02/2013 - 10:15

Bravo Magdi Critiano. Siamo ormai giunti alla conclusione che bisogna far nascere un nuovo PIETRO L'EREMITA e con lui un popolo tuttuno per dare vita ed inizio ad una nuova CROCIATA per riconquistare la terra santa perduta.

kolton jones

Lun, 04/02/2013 - 10:20

Un articolo chiaro e molto coraggioso grazie Magdi.Consiglio ai commentatori di leggere " il PADRONE DEL MONDO"di Robert Hugh Benson (romanzo o profezia?).

barretta gennaro

Lun, 04/02/2013 - 10:26

Bravo Magdi Critiano. Una analisi storica ed antropologica perfetta , di certo non vestita di politically correct per egoistici fini elettorali . Sei un vero moderato ovvero persona di buon senso , anch'io Amo Italia di totu corde . Credo che siamo ormai giunti alla conclusione che bisogna far nascere un nuovo PIETRO L'EREMITA e con lui un popolo tuttuno per dare vita ad una nuova CROCIATA per riconquistare la terra santa perduta.

migrante

Lun, 04/02/2013 - 10:41

X Toredo70...Egregio, sinceramente non riesco ad individuare il punto in cui Allam demonizza i gay in quanto tali !...ogni qualvolta appaiono articoli e discussioni sul tema pare di assistere ad un dialogo tra un sordo ed un non vedente !...lei , come molti altri " pro ", sembra argomentare semplicemente per sostenere la propria opinione e senza aver capito un tubo di cio` che l'altro a detto !...anziche inveire contro chi la pensa diversamente ed iniziare a sciorinare la propria cantilena, forse darebbe un contributo maggiore cercando di confutare le tesi altrui !...il mio non e`un "attacco personale", traggo semplicemente spunto dal suo post per fare una critica di senso generale, pensi che addirittura condivido la sua affermazione riguardo la crescita demografica, anche se lei non entra nel merito riguardo a cio` che Allam dice

tulapadula

Lun, 04/02/2013 - 11:04

Mi rode ammetterlo, ma i maleddetti francesi in fatto di politiche sociali anche questa volta sono avanti a tutti. Se solo non fossero francesi...

paolodb

Lun, 04/02/2013 - 11:37

@toredo70: mi consenta una battuta, per alleggerire un po' il discorso: conosce qualche omosessuale che abbia contribuito allo sviluppo dell'umanità e che sia vissuto più recentemente di 500 anni fa? A parte gli scherzi, mi pare che @migrante abbia posto la questione nei termini giusti e, in ogni caso, deve riconoscere agli altri il diritto di non essere d'accordo con lei sull'argomento.

Ritratto di Tristano

Tristano

Lun, 04/02/2013 - 11:42

Per Migrante. Guardi che anch'io come altri "pro", non confutiamo il diritto della Chiesa e dei Cattolici di criticare queste cose. Ogni volta che critichiamo gli interventi a gamba tesa della Chiesa e dei Cattolici, cominciate ad urlare che vogliamo mettere il bavaglio agli altri, che ognuno non è libero di manifestare le proprie opinioni, ed altre scemenze del genere. Quello che io contesto è l'assoluta disparità di trattamento tra i vari cittadini Italiani, condizionata dall'ideologia Cattolica. Se lo Stato Italiano (che dovrebbe essere laico e autonomo dal potere della Chiesa) emana una legge che riconosce a "tutti" i suoi cittadini pari dignità e trattamento, NON COSTRINGE i credenti a sposarsi tra omosessuali. (è vero il contrario) Io contesto il fatto che i "precetti" della Chiesa diventino "leggi" per i cittadini Italiani e quelli che la Chiesa considera "peccati" diventino "reati" per tutti noi cittadini Italiani. Quando un Cardinale grida "i politici Italiani non debbono votare queste leggi, altrimenti saremo nel baratro" dovremmo solo considerarla un'opinione della Chiesa, invece no: i politici accolgono strumentalmente sempre i "suggerimenti" della Chiesa come "ordini", tant'é che qualsiasi partito al potere si guarda bene da votare leggi a favore di tutti se, così facendo, delude l'elettorato Cattolico.

MarcoAttilio

Lun, 04/02/2013 - 11:49

BuonGiorno a tutti, è la prima volta che mi registro e scrivo commento... è ora di finirla di trattare l'argomento in questo modo . Sono 40enne gay ed elettore da sempre della destra prima e Berlusconiano poi, sarebbe fin troppo facile votare a sinistra per una convenienza egoistica... preferisco portare avanti dei diritti all'interno di un pensiero a me consono. fatela finita di attaccare sempre cio' che "GAY" in certe situazione sarebbe meglio dare liberta' di coscienza, saluti

CALISESI MAURO

Lun, 04/02/2013 - 11:49

black men questa non e' civilta'futura, ma civilta' che muore. Tuttavia a volte i boomerang come con il grande fantozzi insegna ritornano indietro, potrebbero far male se ne faccia una ragione.

mazzarò

Lun, 04/02/2013 - 11:58

siamo vicino al baratro...per questo ti voto

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 04/02/2013 - 12:21

Ma perchè le nozze fra gay? Semplice, trattasi di mero problema economico per la pensione di reversibilità e per l'eredità. Per sti deviati l'importante è essere CONIUGE. Per la mentalità occidentale, correggetemi se sbaglio, frega nulla dei gusti sessuali del singolo individuo. Ognuno è libero di usare i propri orifizi come meglio gli aggrada. E' la fobia di volersi fregiare del termine MARITO E MOGLIE attraverso il MATRIMONIO che li rende detestabili perchè MAI E POI MAI potranno essere equiparati alla famiglia NATURALE PROCREATRICE. E' una IDIOZIA l' equazione AMORE=MATRIMONIO perchè quella giusta è AMORE=MATRIMONIO=FIGLI GENERATI. Questo i gay ( vorrei usare un termine più italiano) lo sanno, quindi si incaponiscono pure sulle adozioni. Non è la RELIGIONE (rispondo al Sig.toredo70) ma la NATURA ANCESTRALE che ha deciso così e due MASCHI ci possono provare fino alla fine dei secoli ma NON GENERERANNO MAI, mentre due FEMMINE hanno bisogno del SEME DEL MASCHIO per generare avendo, ovviamente, l'organo preposto creato dalla NATURA o, se volete, DA DIO. Con buona pace di tutti i Sig. toredo70 del pianeta.

brown2006

Lun, 04/02/2013 - 12:26

Allam, guardi che qui non si stratta affatto di “scardinare le fondamenta della costruzione sociale incentrata sulla famiglia naturale” ma, al contrario, di riconoscere pari dignità e pari diritti per tutti i cittadini. Per “perseguire il bene comune” bisogna governare nel rispetto e per conto di TUTTI i cittadini, senza fomentare marginalizzazioni, senza fare esclusione sociale e senza trattare settori della popolazione come cittadini di serie B.

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Lun, 04/02/2013 - 12:42

Magdi Cristiano Allam, lei è la conferma che quando ci si converte da una fede religiosa ad un'altra, si diventa i peggiori integralisti di questo mondo. Lei è - legittimamente - emigrato dalla fede musulmana a quella cristiana, ma continuando ad abbracciare quei concetti per cui ha cambiato fede.

BlackMen

Lun, 04/02/2013 - 12:43

Mario Galaverna: quindi una coppia etero che non può avere figli non può abbracciare la sua equazione????

alberto_his

Lun, 04/02/2013 - 12:55

Da una lettura sommaria dell'articolo posso dirmi, per una volta, fondamentalmente d'accordo con Magdi.

cornacchia46

Lun, 04/02/2013 - 12:56

Anch'io sono contrario al riconoscimento delle coppie omosessuali, ma questo non significa che ritengo legittimo discriminare gli omosessuali o reprimerne la libertà di espressioni come pretendono alcuni lettori di questa testata. Spiegatemi perché la famiglia non dovrebbe essere un protagonista attivo nella lotta contro l'omofobia e nell'accoglienza degli omosessuali.

Gianfyz

Lun, 04/02/2013 - 13:06

x Bleck man, Stefomega “Essendo un amante della libertà, quando avvenne la rivoluzione in Germania, guardai con fiducia alle università sapendo che queste si erano sempre vantate della loro devozione alla causa della verità. Ma le università vennero zittite. Allora guardai ai grandi editori dei quotidiani che in ardenti editoriali proclamavano il loro amore per la libertà. Ma anche loro, come le università vennero ridotti al silenzio, soffocati nell'arco di poche settimane. Solo la Chiesa rimase ferma in piedi a sbarrare la strada alle campagne di Hitler per sopprimere la verità.Io non ho mai provato nessun interesse particolare per la Chiesa prima, ma ora provo nei suoi confronti grande affetto e ammirazione, perché la Chiesa da sola ha avuto il coraggio e l'ostinazione per sostenere la verità intellettuale e la libertà morale. Devo confessare che ciò che io una volta disprezzavo, ora lodo incondizionatamente" (Dichiarazione di Albert Einstein pubblicata da Time magazine, 23 dicembre 1940, pag.40) Prima di dire c....te, informate e leggete qualche libro intelligente!!!!

Anna H.

Lun, 04/02/2013 - 13:07

@Mario Galaverna: ci sono anche molte donne e molti uomini eterosessuali (ecco, le ho suggerito il termine "più italiano") che, ahiloro, non possono avere figli in quanto i loro organi preposti creati dalla NATURA sono "difettosi". Che si fa? Si procede a visita ginecologica e/o andrologica prima di consentire al matrimonio tra codesti individui?

Epikuros

Lun, 04/02/2013 - 13:10

Caro Allam, la conversione al cristianesimo non ti ha portato neanche mezzo metro lontano dall'estremismo che critichi all'islam e tipico delle religioni in genere. Predichi principi morali radicati in favolette scritte millenni fa e mantenuti in vita da uomini assettati di potere (e dai molti gonzi che li seguono). Poco importa se non hai in mente di abbattere un grattacielo e far esplodere un treno: l'assolutismo morale di chiara matrice cristiana che espimi in queste righe ti rende non dissimile dai vari Bin Laden del pianeta, che tanto paventi. Oltretutto, il tuo ammonimento contro l'apertura agli stranieri come possible soluzione al declino demografico altro non é che un'istanza dell'eugenetica che additi come male moderno in questo stesso articolo. E come puoi scagliarti contro l'inarrestabile dittatura finanziaria e mediatica di un supposto "nuovo ordine" (seriamente? ce l'avete ancora con 'sta storia della massoneria a Roma?), quando sei membro di una confessione che, specialmente in Italia, gode di privilegi economici e di visibilitá impareggiati? Concludo minando il tuo presupposto principale con la migliore arma nelle mani del mondo moderno: la tolleranza. Se accettiamo non solo il matrimonio ma anche l'adozione da parte di omosessuali, non credi che molte piú persone (omosessuali) deciderebbero di avere un figlio? Certo, questo richiederebbe l'affitto di un utero o la donazione dello sperma. Ma queste sone le meraviglie del mondo moderno, per quelli che sono veramente pro-vita.

Gianfyz

Lun, 04/02/2013 - 13:10

x Bleck man, Stefomega “Essendo un amante della libertà, quando avvenne la rivoluzione in Germania, guardai con fiducia alle università sapendo che queste si erano sempre vantate della loro devozione alla causa della verità. Ma le università vennero zittite. Allora guardai ai grandi editori dei quotidiani che in ardenti editoriali proclamavano il loro amore per la libertà. Ma anche loro, come le università vennero ridotti al silenzio, soffocati nell'arco di poche settimane. Solo la Chiesa rimase ferma in piedi a sbarrare la strada alle campagne di Hitler per sopprimere la verità.Io non ho mai provato nessun interesse particolare per la Chiesa prima, ma ora provo nei suoi confronti grande affetto e ammirazione, perché la Chiesa da sola ha avuto il coraggio e l'ostinazione per sostenere la verità intellettuale e la libertà morale. Devo confessare che ciò che io una volta disprezzavo, ora lodo incondizionatamente" (Dichiarazione di Albert Einstein pubblicata da Time magazine, 23 dicembre 1940, pag.40) Prima di dire c....te, informate e leggete qualche libro intelligente!!!!

Pierofco

Lun, 04/02/2013 - 13:26

Democrazia significa anche tutela delle minoranze e non, come si sostiene a destra, rafforzamento della maggioranza (quello si chiama fascismo!!).Democrazia significa anche poter agire un diritto personale, quando questo non leda diritti altrui, a prescindere dall'etica, dalla morale, dalla religione comune. Il nostro Magdi, passato da una religione assolutista all'altra, non può quindi invocare i principi di un Papa o dei suoi giannizzeri, se non per convinzioni personalissime e private, e che quindi non possono e non devono incidere sulle decisioni civili di un Paese laico e sovrano. Che poi gli omosessuali incidano sullo sviluppo demografico è idea quanto meno singolare....

BabyBear

Lun, 04/02/2013 - 13:31

Il solito discorso....certo, è fondamentale valorizzare la famiglia, favorire la crescita della natalità, ecc.ecc....ma legalizzare i matrimoni omosessuali, in che modo incide su tutto questo? Davvero, dov'è il problema...?

jacopo82

Lun, 04/02/2013 - 13:43

La cosa divertente è che se avessimo dato retta a questo invasato, non sarebbe mai nemmeno potuto entrare in Italia. Che se ne torni in Egitto se non gli va bene la civiltà europea. Sciò, sciò!

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Lun, 04/02/2013 - 13:45

magdi sei ancora in tempo per tornartene al tuo paese...

Mat Zh

Lun, 04/02/2013 - 14:22

@Paolodb Facendo un nome a caso... Alan Turin le può ricordare qualcosa? Non capisco, come hanno già detto altri sopra, come la concessione dei diritti di famiglia alle coppie differenti dalla tradizionale in qualche modo danneggiarla. Qua si chiede una parità di diritti non la compressione della famiglia tradizionale. (Preferirei definirla tradizionale che naturale... In natura non esiste un tipico modello di famiglia come viene concepito dall'uomo. Io sono un 23enne della seconda generazione, figlio di immigrati (quelli che questo articolo definisce dediti all'invasione economica), ma nato e cresciuto qui in Italia (un oriundo). Il mio punto è questo: pensa sul serio che siamo noi una delle cause del declino dell'Europa intesa come civiltà e popolazione? (come se esistesse un modello tipico...) Ma chi pensa di prendere per i fondelli? Io direi che è un pensiero razzista basato sulla disinformazione e ciò non può essere negato. Concludo che in questo articolo si fa un po' un mix di tutto: le nozze gay, eutanasia, eugenetica, nuovi modelli di famiglia, immigrati, crisi d'identità, tracollo dell'Europa (finanziaria e demografica) e chi più ne vuole più ne metta. PS: Sottolineerei che c'è differenza tra semplice libertà di espressione e diffusione della disinformazione.

blues188

Lun, 04/02/2013 - 14:23

toredo70, le religioni hanno anche fatto quanto di meglio sia possibile. Non ci sono solo guerre! Scuole, ospedali, eliminazione della schiavitù da chi sono nate? E sul fatto che gli omosessuali avrebbero costruito una società 'migliore', trovo che la sua sia un'interpretazione fantasiosa. Che non spiega come mai Dio ha creato due sessi diversi, se ne fosse bastato uno solo. Lei è nato da una donna fecondata o da cosa, mi scusi?

Ritratto di Stefano251

Stefano251

Lun, 04/02/2013 - 14:32

L'inizio di Mario Galaverna è quello - secondo me - corretto ed obiettivo che tiene anche conto anche del diritto naturale (che troppo spesso ci fa comodo dimenticare...). Ci siamo troppo abituati a "culturalizzare" molte questioni per nascondere anche l'evidenza: una famiglia etero è uguale ad una omo? La risposta è semplice: no, perché non ne hanno le stesse "qualità". Possono avere gli stessi diritti, in quanto compatibili, ma non sono e non saranno mai uguali e proprio per questo possono non essere titolari degli stessi diritti: è poi obbligatorio sposarsi? E' poi indispensabile che un maschio debba essere considerato la madre e/o una femmina il padre? E gli animali quando li prendiamo in considerazione? Non hanno anche loro dei diritti??? La "diversità" va accettata e va disciplinata "diversamente": se si fa finta o, peggio, si crede che tale non sia, si fa solo del danno.

Mat Zh

Lun, 04/02/2013 - 14:44

@blues188 anche la sua spiegazione mi sembra alquanto lacunosa. Le scuole erano già nate prima della formazione delle prime religioni monoteiste che esistono ora e per motivi diversi dalla religione. E poi basta con sta differenziazione di omosessuale, eterosessuale, bisessuale o altro... La società è fatta di esseri umani. Ognuno ha sue particolarità e non è sicuramente che etichettandoci per una nostra caratteristica che si giudica una parte intera della popolazione. Ho scritto Alan Turin... Però intendevo Turing (mi scuso per l'errore).

petrus

Lun, 04/02/2013 - 14:48

Ma come è possibile un simile SCEMPIO DELLA FAMIGLIA ??!!

mbotawy'

Lun, 04/02/2013 - 14:54

Un atto contro natura, basta osservare il comportamento degli animali.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 04/02/2013 - 14:54

Tra il Magdi Musulmano moderato e il Magdi Cattolico fondamentalista preferivo il primo.....

Ritratto di Manieri

Manieri

Lun, 04/02/2013 - 15:01

Riconoscere le unioni omosessuali come uno status da tutelare giuridicamente è pura follia. A questo punto si dovrebbero per equità concedere vantaggi economici e fiscali a tutte le convivenze di ogni ordine e grado, quand'anche fossero con una capra, con conseguente discriminazione per i single e per chi ha legami affettivi con essi senza condividerne lo stesso tetto. Costoro diventerebbero i discriminati di turno ed avrebbero ragione a rivendicare gli stessi diritti dei conviventi, gay o non gay. La propaganda "pro" prevale sui principi fondamentali del diritto ed è imposizione strumentale e prevaricatrice di pura menzogna.

Emigrante75

Lun, 04/02/2013 - 15:05

Caro prof. Allam, ho letto con interesse il suo articolo. Personalmente lo trovo inutilmente allarmista e le spiego il perchè. Vivo in Francia che è il paese occidentale che ha il più alto tasso di natalità fisiologica (vale a dire non dipendente dall'immigrazione). Personalmente non sono favorevole alla legge detta "il metrimonio per tutti" ma semplicemente perchè, a mio avviso, apre la porta alla "procreazione per conto terzi" che giudico essere un'abominio. Ma se guardiamo bene alla sostanza del problema, permettere ad una coppia di persone dello stesso sesso di unirsi con un vincolo che garantisce gli stessi diritti e doveri del matrimoniotradizionale, di per se non avrà alcuna influenza sulla vlontà delle persone di sposarsi o di avere dei figli. Siamo chiari: mi sono sposato recentemente e le assicuro la ragione per cui mi sono sposato con una donna, non è il fatto che le nozze gay, come le definisce lei, non erano ancora state approvate..... Legge o non legge, dovessi sposarmi ancora, lo farei certamente con una donna.....

Francesconelio

Lun, 04/02/2013 - 15:11

Anche Lei cade nel tranello mediatico-culturale. Scrive di "maternità" e "madri" dimenticando la "paternità" e i "padri". E se provassimo a parlare di "genitorialità", "bigenitorialità"? Sennò è inutile parlare di "famaiglia" ed è inutile lamentarsi dei risultati.

Ritratto di Papapeppe

Papapeppe

Lun, 04/02/2013 - 15:11

Quello che uno fa, dei suoi attributi è cosa che solo a lui importa, per quanto riguarda la volontà di scimmiottare la famiglia canonica, io ritengo che sia una pretesa inaccettabile, in quanto si vuole l'approvazione della società per sentirsi legittimare, i propri vizi e le proprie devianze. Detto questo ogni civiltà ha il diritto, come organismo plurale, di scegliere quale forma assumere e semmai come autoestinguersi. Qui alcuni sostenitori della bontà della società quelchemiparsessuale, dice che noi siamo gretti ottusi ecc. e potremmo anche alzare i tacchi con le nostre vetuste usanze e andarcene in qualche regione remota del pianeta. Beh, sono quasi d'accordo, immagino questo paese, popolato da tutti quelli che voi amate e ritenete nel giusto, mentre noi anacronistici ottusi, fuori dai piedi....meglio da soli nel deserto che maleaccompagnati con voi nello stivale

Ritratto di copyleft

copyleft

Lun, 04/02/2013 - 15:12

L'avevo già scritto ma come spesso accade sono stato censurato...provo a riformulare: qualcuno mi spiega che connessione c'è tra aumento di nascite e matrimoni omosessuali...? grazie.

Kost

Lun, 04/02/2013 - 15:35

Sono favorevole alla massima apertura ai gay e alle varie attitudini sessuali che non devono limitare la libertà delle persone di vivere nella massima libertà e felicità la loro esistenza. Questo rende la mia posizione parzialmente diversa da quela di Magdi Allam. Quello su cui non concordo della politica di alcuni paesi sul matrimonio omosessuale è legato proprio alla famiglia naturale come prosecutrice della specie umana e, nel caso italiano ed europeo, della cultura europea. Gli stati europei (come già fa la Francia e non come l'Italia) devono spingere sulla famiglia naturale per motivi fondamentalmente economici e sociali (chi pagherà le nostre pensioni? chi ci supporterà quando saremo vecchi? A chi passeremo i nostri ideali ed i nostri sogni? per cosa hanno combattuto i nostri padri?). Non voglio dire che i gay e le lesbiche non possono essere sposati ma la famiglia naturale deve essere aiutata come progetto del mondo futuro, che andrà oltre la coppia per generazioni a venire. L'amore gay è di per sè sterile (a meno di innesti esterni o adozioni),mntre non lo è l'amore tra uomo e donna e pertanto deve essere incentivato, Per i gay massima libertà e diritti ma non incentivi, nè supporto economico. In Italia non nascono bambini per tanti motivi ma i principali sono economici. COme faccio a mettere al mondo un figlio se non ho una sicurezza economica o un futuro da dargli? E ammesso che abbia il lavoro, come faccio a metterlo al mondo se non posso gestire la gestione quotidiana perchè i servizi non ci sono o sono talmente costosi da non poterseli permettere? La famiglia naturale deve essere sostenuta ma questo non vuol dire che i GLBT non possano essere liberi di vivere la loro vita pienamente. Analogo dicorso vale anche per le coppie di fatto. Volete i diritti che hanno le coppie sposate? Bene allora contraete il matrimonio ed otterrete tutti i diritti insieme ai doveri che il matrimonio comporta. Quindi ritengo che se a parità di tutti i fattori, l'accesso agevolato alle case, ai servizi, alla cultura devono essere in primis per le famiglie poi per tutti gli altri (gay e non).

no b.

Lun, 04/02/2013 - 15:36

quindi secondo l'immigrato magdi, se vietiamo il matrimonio omosessuale, gli stessi omosex cambieranno di colpo e si sposeranno e figlieranno con persone dell'altro sesso? Quando si parla senza avere idea di cosa si sta dicendo..

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 04/02/2013 - 16:51

#Black Men. Cerchiamo di ripristinare un minimo di equilibrio di giudizio. Forse è un po'eccessivo classificare le conquiste dei gay in tema di diritti civili alla stregua della "civiltà che avanza". La storia spesso si è mossa per le strade e le pulsioni tracciate dall'eterosessualità. L'omosessualità non mi risulta aver condotto a risultati significativi e duraturi. Vedere, nel tardo impero romano, la deroga dai costumi tradizionali per abbracciare culture che l'omosessualità contemplavano. Fermo restando, comunque, che la civiltà non ammette identificazioni con le colonne del Morgagni nè con le columnae rugarum. Colonne sono e colonne restano.

maxaureli

Lun, 04/02/2013 - 19:20

Bagnasco: "L'Italia non deve prendere esempio da queste situazioni che hanno esiti estremamente pericolosi". -

eustachio79

Lun, 04/02/2013 - 19:35

Mamma mia quanto la fate Tragica.... suicidio demografico... ma non vi preoccupate adesso verranno gli islamici che faranno i figli con le nostre donne e uccideranno i gay cattivi.... e tutto tornerà alla normalità...con una religione monoteista che detterà legge , padre padrone, donna = cittadino di serie B ...La storia Umana ha sempre dimostrato di saper tornare indietro anche quando ha saputo costruire grandi civiltà...(vedi medioevo) basta pregare un nuovo dio-autoritario-geloso e antagonista, quello vecchio ha perso vigore!!! DON'T WORRY .... KEEP CALM .... AND PREY HALLAH :-) La storia umana ha

killkoms

Lun, 04/02/2013 - 21:15

che li finanzino i soliti cinesi?

sgriccio1001

Mar, 05/02/2013 - 10:53

iniziamo con il dire che l'omosessualità non è una devianza o una perversione, come ci insegna il manuale di diagnostica e statistica per la salute mentale che ha tolto l'omosessualità tra le patologie e la definisce dal 1973 come una normale variante dell'affettività. sarebbe come dire che avere gli occhi azzurri (caratteristica che in italia appartiene ad una minoranza) è un handicap. se, per assurdo, domani si trovasse un passo del vangelo dimenticato che certifica la natura demoniaca delle persone con gli occhi azzurri togliereste loro i diritti civili? sacrosanto è il diritto della chiesa di ricordarci che non tollera i gay. ancor più sacrosanto è il diritto dei gay a rivendicare i loro diritti e lo stato DEVE riconoscerli. Ricordo al Magdi "cristiano" allam che sono anche le tasse dei gay a pagare la sua scorta, che noi gli garantiamo affinchè lui possa esprimere le sue idee senza doversi preoccupare di eventuali rappresaglie dei suoi ex correligionari. qualcuno dice che la richiesta di vedere riconosciute le unioni omosessuali sia solo una questione economica: e se anche fosse? quanti etero si sposano per garantirsi una pensione di reversibilità o il lascito dei beni post mortem? i miei nonni si sposarono nel 43 perchè lui partiva per il fronte e, nel caso fosse morte, lei sarebbe stata nella "privilegiata" posizione di vedova di guerra. si amavano meno? non credo. anzi, lui l'amava talmente da volerle garantire un futuro anche senza di lui. il suicidio demografico non dipende dai gay, che ci sono sempre stati (ed esistono anche in altre specie animali, sia chiaro): nessun gay si sognerebbe di mettere i bastoni tra le ruote alle politiche sulla famiglia. fatele! legiferate! non mi pare che omosessuali eterofobi si siano incatenati davanti ai siti di costruzione di asili nido o di scuole materne. dagli all'untore...

Nadia Vouch

Mar, 05/02/2013 - 20:00

Nessuno può obbligare altri nei sentimenti. La forma (matrimonio, contratti, obblighi vari) servono solo a stabilire limiti economici tra le parti. Resta che ai sentimenti non si può, al fondo, comandare. Se lo si fa, si compie una violenza: su se stessi, o su altri, o su entrambi. Chi si sente minacciato dal rapporto altrui, dovrebbe prima di tutto chiarire dentro se stesso.

Ritratto di giubra63

giubra63

Mar, 05/02/2013 - 22:00

Democrazia-Occidente=tutela delle minoranze, e' giusto legalizzare il matrimonio per gli omosessuali,e' giusto anche esportare la democrazia nel resto del mondo e limitare le nascite in africa,asia e sud-america dove non capiscono che siamo troppo affollati. La civiltà "Occidentale" e' la suprema forma di civiltà e deve insegnare al mondo intero a comportarsi e non avere remore e ho paure di culture tipo quelle islamiche che sono retrograde e vergognose. Il cristianesimo dopo il 300d.c. ha proibito la completa sessualità che esisteva ai tempi dei Romani e Greci, ma anche negli Egizi: quindi stiamo ritornando indietro ma nel meglio, l'oscurantismo del cristianesimo e dell'islamismo devono essere abbattuti, ricordiamoci i milioni di omosessuali uccisi in nome di Cristo, in nome del nazionalsocialismo in nome del comunismo.

LeopoldoFr

Sab, 09/02/2013 - 09:51

Cari lettori italiani, Io sono francese con moglie italiana di Toscana. Grazie al prof. Per suo coraggioso articolo. Non so se vedete l'impatto di questa legge sulla famiglia, sui bambini... Non e una cosa cristiana e una cosa umana. E soprattutto una dittatura della menzogna : la realtà non è più realtà, il falso diventa vero...perchè non e vero che una coppia gay possa fare figli in modo naturale... Non lo è. "ma mamma come Fano per avere bimbi ? " voi la fate la risposta al bambino ? Voi spiegate che si prende del seme di uno delle due gay con poi si trova l'altra parte da qualque "banca " o volontario(a) per poi far crescere il bambino nella pancia di qui sà dove ? Poi come si fa .... La copie gay ne vuole del bambino biondo ? Se vuole uno diverso, come si fa ? Poi se non conviene, si aborta ? Ma dove siamo ? Ve lo dico : siamo davanti alle porte del "brave new world" il "migliori degli mondi" di Huxley. Dove producono nelle fabbriche bambini alpha++ e altri epsilon-- (condizionati con petrolio dalla concezzione per poter lavorare nelle fabricche..), un mondo dove sposarsi e avere figli in modo naturale e proibito, a parte una riserva d'indiani que lo fa ancora. Non avete sentito il discorso della ministra tobira ? Andate vedere : " dobbiamo educare i bambini in modo di straparli del ideologia religioso e famigliare per farne della gente libera " ...ma libera di cosa ? Libera di essere manipolata .... Ci vediamo nella Matrix !