Vietato scrivere: meglio la donna della tradizione

Censura in Spagna: ora è vietato scrivere che è molto meglio la moglie tradizionale

In Spagna vogliono proibire la Bibbia. Non vogliono mettere al bando direttamente gli Evangelisti e i Profeti, non hanno ancora abbastanza coraggio, ma cercano di farlo indirettamente chiedendo la mordacchia per un'autrice vivente che agli autori biblici fa riferimento dal titolo fino all'ultima riga. Sto parlando di Costanza Miriano, la scrittrice il cui Sposati e sii sottomessa è stato in Italia un piccolo caso editoriale mentre in Spagna sta diventando qualcosa di molto più grosso visto che Pp, Psoe e Izquierda, destra e sinistra unite nella lotta contro la libertà di religione e di espressione, hanno chiesto in Parlamento il ritiro dalle librerie della traduzione spagnola. Se ciò avvenisse, se Cásate y sé sumisa venisse davvero dichiarato illegale, sarebbe il primo caso di libro proibito in Spagna dopo Francisco Franco. Quando Costanza, della cui amicizia mi onoro e che rappresenta per me un modello di fede e di vita, mi ha avvisato via sms dell'ignobile tentativo di censura le ho risposto che questo avrebbe giovato al libro e al suo messaggio, che ovviamente è un messaggio cristiano e, ancor più precisamente, paolino: il titolo è preso dalla Lettera agli Efesini e l'intero testo è niente di meno e niente di più che una catechesi sul matrimonio. Scritta con un linguaggio contemporaneo, colloquiale e molto femminile, ed è questa la chiave del suo successo. Ciò detto resta pur sempre una catechesi sul matrimonio, e non a caso il libro che i partiti spagnoli giudicano pericoloso e diseducativo è stato presentato in un'infinità di parrocchie e la sua autrice invitata a convegni organizzati da vescovi e cardinali, anche in Vaticano.
Attraverso Sposati e sii sottomessa si sono realizzati dei piccoli miracoli. Niente a che vedere con Lourdes, chiaro, ma comunque eventi imprevisti e decisivi per chi ne ha beneficiato: in un contesto sociale così sfavorevole al matrimonio io grido al miracolo di fronte a una coppia convivente che decide di sposarsi in chiesa, o a una coppia in lite che rinuncia all'avvocato e si riconcilia. Al tempo di internet, ho detto a Costanza, una messa all'indice non può impedire a nessuno di leggere un libro, anzi, scatena la curiosità. Tutto bene, quindi, per la casa editrice italiana, la Sonzogno, forse un po' meno bene per la casa editrice spagnola, appartenente all'arcivescovado di Granada, che la Izquierda vuole portare addirittura in tribunale. Perché un passaggio del libro, nient'altro che una traduzione in linguaggio moderno della lettera di Paolo («L'uomo deve incarnare la guida, la regola, l'autorevolezza. La donna deve uscire dalla logica dell'emancipazione e abbracciare con gioia il ruolo dell'accoglienza e del servizio»), viene considerato istigazione alla violenza sulle donne. Io sono fiero di essere amico della destinataria della prima fatwa ateista della storia, e non mi preoccupo per lei perché è una donna forte: mi preoccupo per noi, italiani, spagnoli, europei, di nuovo alle prese con il rogo dei libri.

Annunci

Altri articoli
Commenti

woofer65

Gio, 14/11/2013 - 15:17

Però, quante lodi a questa ultrà cattolica! Peccato che un paio di articoli più in là si sbeffeggi il Papa in carica. Ma si sa, la Destra si fonda su Tradizione e Religione. Ma, ovviamente, solo quando conviene.

Libertà75

Gio, 14/11/2013 - 15:20

Oggi se parli a favore dei gay diventi ricco e famoso, se parli a favore della famiglia classica sei da mandare al rogo.

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 14/11/2013 - 15:30

INVECE QUI IN germania si tolgono nudi femminili a mostre di pittori , per non urtare i sentimenti dei mussulmani, non si festeggia san martino per non urtare sempre sui sentimenti di costoro .La pasqua non si chiamera piu cosi , bensi festa delle uova,il natale senza presepio , questi piccoli esempi di come ci stanno schiavizzando , tutto perche certa feccia politica sta vendendo la cultura sia cattolica , che laica, ci stanno mussulmanizzando preti compresi , tutto in nome di buonismi fasulli . Maledetto il giorno che e´crollato il muro.

giuliana

Gio, 14/11/2013 - 15:34

Il corano l'hanno messo all'indice o solo i seguaci del falso profeta possono permettersi di fare e dire ciò che vogliono?

Ritratto di Ivano Colzani

Ivano Colzani

Gio, 14/11/2013 - 16:00

Sarà che Lo si sbeffeggia (o meglio ci si stupisce) proprio perchè per Lui Tradizione è una parola senza significato? Quando veniva invece messo sotto tiro l'altro (un pò più serio e conservatore dell'attuale) non si parlava di scherno ma di legittima critica ed invito a modernizzarsi e a seguire gli interessi delle varie categorie emarginate dalla Chiesa. Non si capisce perchè se la critica viene da destra per comportamenti di sx (e questo Papa lo è) allora non si è veri Cattolici ma atei devoti, mentre se la critica viene da sx nei confronti di prassi e costumi in uso da millenni, allora si è nel giusto e guai a permettersi di dire il contrario.. Ma siamo sempre alle solite, il doppiopesismo dei compagni roditori non smetterà mai di stupirci.

BlackMen

Gio, 14/11/2013 - 16:03

marforio: non so in quale parte della germania stia lei ma nella tollerantissima berlino io non ho notato nulla di tutto ciò che ha raccontato

Beaufou

Gio, 14/11/2013 - 16:03

@woofer65: La Destra si fonda su una cosa sola:la libertà, di dire e di non dire, di lodare o sbeffeggiare, di essere credenti, fanatici o atei senza che nessuno si permetta di censurare le idee. Per quel che mi riguarda, quel libro lo comprerò e lo leggerò, e magari troverò qualcosa da ridire. Ma che qualcuno imponga il ritiro di un libro dalle librerie solo per le idee che espone, lo trovo degno solo di passati secoli bui, che a quanto pare stanno ritornando. La libertà, si sa, fa paura a chi vuole "comandare".

DoUtDes

Gio, 14/11/2013 - 16:14

La censura esiste, è inutile far finta che non sia così. Ricordo di aver cercato in italiano, senza trovarlo, e di poi aver scoperto che ne era stata boicottata la distribuzione, una edizione di un libro indiano il cui titolo tradotto sarebbe qualcosa come "Il faló nel matrimonio", in cui una donna indiana spiegava il costume tradizionale di molte donne di bruciarsi vive insieme alla salma del marito nel caso questi venisse a mancare quando la moglie è ancora in vita, cosa che in tali ambienti tradizionali spesso succede perché le donne si sposano molto giovani. E il boicottaggio era dovuto appunto al fatto che la scrittrice era una fautrice di questa tradizione, ritenuta evidentemente indegna dagli editori italiani.

giuliana

Gio, 14/11/2013 - 17:03

Le giovani mogli indiane non sceglievano di essere bruciate vive insieme alla salma del marito, ma erano obbligate a farlo, perchè, essendo giovani, avrebbero potuto godere del patrimonio del marito per molti anni. Questa barbara tradizione era tramandata per ragioni economiche: il vecchio pedofilo sposava la ragazzina, ma, alla sua morte, il patrimonio non passava nè alla giovane moglie nè alla sua famiglia; restava ai parenti del vegliardo. L'amore c'entrava come i cavoli a merenda.

giuliana

Gio, 14/11/2013 - 17:03

Le giovani mogli indiane non sceglievano di essere bruciate vive insieme alla salma del marito, ma erano obbligate a farlo, perchè, essendo giovani, avrebbero potuto godere del patrimonio del marito per molti anni. Questa barbara tradizione era tramandata per ragioni economiche: il vecchio pedofilo sposava la ragazzina, ma, alla sua morte, il patrimonio non passava nè alla giovane moglie nè alla sua famiglia; restava ai parenti del vegliardo. L'amore c'entrava come i cavoli a merenda.

ro.di.mento

Gio, 14/11/2013 - 17:59

evviva l'indù, evviva l'islam !!!!! ahahahah chi vivrà vedrà .

ro.di.mento

Gio, 14/11/2013 - 17:59

evviva l'indù, evviva l'islam !!!!! ahahahah chi vivrà vedrà .

Ritratto di Renzo Riva

Renzo Riva

Gio, 14/11/2013 - 23:23

Strano non abbiano proposto di mettere al rogo tutte le copie esistenti. Che questo sia il secolo dei deficienti? Dite a Napolitano chi è che avvelena il clima dell'intolleranza! La Boldrini da qualche giorno è afona; sarà mica influenzata da...