Iraq, soldato Usa spara a 4 marines e si suicida

Cinque soldati hanno perso la vita durante una sparatoria avvenuta all'interno della base militare Camp Liberty, nel reparto psichiatrico: il marine killer soffriva di depressione

Bagdad - Dramma in una base militare americana in Iraq: un soldato ha aperto il fuoco uccidendo cinque commilitoni nel centro medico di Camp Liberty, a Baghdad, dove sono ricoverati i militari che soffrono di disturbi pischici. Fonti del Pentagono hanno riferito che che altri tre soldati sono rimasti feriti nella struttura situata all’interno della base Usa, la più grande dell’Iraq.

Aperta un'inchiesta Il militare è stato arrestato, ma non è chiaro se abbia tentato di suicidarsi, come sostenuto in un primo momento dai network americani. Il portavoce del Pentagono, Bryan Whitman, ha parlato di un "evento molto tragico" affermando che è stata aperta un’inchiesta. Non è il primo evento di questo tipo in Iraq: il 14 settembre dell’anno scorso il sergente americano, Joseph Bozicevich, uccise due suoi superiori in una base militare a sud di Baghdad. Non sopportava di essere rimproverato. Dal marzo del 2003 sono 4.292 gli americani morti in Iraq.